Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet
martedi 13 marzo

Con la vendemmia tardiva Pacènzia si riscopre l’antica origine del dessert excelsior

Lo Zibibbo strizza l'occhio alla pasticceria


Con la vendemmia tardiva Pacènzia si riscopre l’antica origine del dessert excelsior
Non poteva che essere il Pacènzia, lo zibibbo di Tenute Orestiadi, direttamente dalla Sicilia occidentale della Valle del Belìce, a strizzare l’occhio alla pasticceria dai sapori tradizionali e caratteristici. E di fatto per scoprire l’origine dei singolari biscotti “excelsior dessert”, un’esplosione di colori e dolcezza, di pazienza ce n’è voluta tanta.

“L’abbinamento per eccellenza non può che essere quello con il vino Pacènzia di Tenute Orestiadi, non solo per il sapore ma anche specificatamente per la denominazione. - spiega l’enologo Giuseppe Clementi - Per riscoprire il valore autentico delle tradizioni, infatti, ci vuole tanta pazienza, una qualità che contraddistingue l’essere siciliani. La scelta del nome di questo zibibbo, una vendemmia tardiva, deriva dal voler metter in risalto l’importanza del ‘sapere attendere’. Aspettare che il sole e il tempo rendano migliori gli acini, regalando un vino dal sentore di agrumi canditi, dal sapore mielato, con spiccate note di frutti maturi. I dolci excelsior - aggiunge - sono per alcuni aspetti simili al Pacènzia: eleganti, unici e, per usare un ossimoro, semplici e allo stesso tempo complessi. L’abbinamento è perfetto”.

Al gusto dei friabili e delicati biscotti al burro, ripieni di pasta di mandorle e marmellata, glassati per metà con cioccolato, è impossibile resistere. Assai apprezzati e ben in vista in molte pasticcerie, bar e forni della Sicilia, gli excelsior dessert, una delizia per il palato, hanno una derivazione svizzera.

A svelare l’origine, nonché la denominazione, nel tempo non esente a deformazioni linguistiche (a Cinisi e a Bagheria, comuni siciliani in provincia di Palermo, li chiamano, per esempio, rispettivamente “excelsius” o “decorati”) è il professore Gaetano Basile.
“Tra la fine dell’800 e l’inizio del 900, arrivano in Sicilia gli svizzeri portando burro, panna e cioccolato. Questo - illustra lo storico siciliano - ha chiaramente determinato una contaminazione della pasticceria siciliana con quella svizzera e dunque l’utilizzo di nuovi ingredienti. L’evento che segna la nascita dei biscotti ‘Excelsior dessert’ risale al gennaio del 1881, quando per festeggiare la bella epoque, al Teatro alla Scala di Milano, debutta il ballo Excelsior, balletto mimico di Luigi Manzotti, su musica di Romualdo Marenco. A questo ‘gran ballo italiano’ l’omaggio di un dolce, che conquista con il suo sapore tutte le sale da the”.

Assaporando il “Pacènzia” un vino dolce, fresco ed equilibrato, si riscopre la genuinità degli ingredienti semplici - burro, farina, delicatissima cioccolata e mandorle - di un’antica ricetta.

“La realizzazione dell’excelsior dessert - spiega il maestro pasticciere palermitano Salvo Firicano - è molto semplice. Per il biscotto occorrono farina, burro, zucchero a velo e latte. Per il ripieno, invece, farina di mandorla, marmellata, zucchero a velo, qualche goccia di essenza di mandorla e il verde alimentare. La decorazione esterna è di cioccolata fondente. Sia per l’aspetto che per il sapore, l’excelsior dessert non può che trovare spazio nella tradizionale pasticceria siciliana. Bello agli occhi, buono al palato, il biscotto, cotto al forno, ricorda la doratura del sole, mentre il verde intenso e cremoso dell’interno, unito alla lucentezza del cioccolato con cui è ricoperto, richiamano l’estrosità, seppure equilibrata, della Sicilia. Il sapore è unico e inconfondibile, da esaltare con la freschezza e la dolcezza di uno zibibbo come il ‘Pacènzia’ ”.

VIDEO NELLA SEZIONE VIDEO
Lisa Sanfilippo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo