Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
giovedi 23 gennaio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


 www.cantinatollo.it pradellaluna.com Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/
giovedi 28 novembre 2019

Consumatori più fedeli ma meno informati

In un mondo di continui impulsi visivi, è di un forte impulso visivo che abbiamo bisogno. Secondo Wine Intelligence la chiave per superare la disinformazione dei clienti è il packaging.


Consumatori più fedeli ma meno informati
Il modo in cui i consumatori si relazionano al vino sta cambiando, a livello globale. Ce lo dice Wine Intelligence che, in una recente indagine, ha osservato che dal 2012 l’indice di fiducia del vino, calcolato in base alla misura in cui i consumatori si sentono sicuri delle proprie conoscenze sul vino che scelgono, ha mostrato un aumento di +4,3% in Canada e +3,6% negli Stati Uniti. Allo stesso modo, in Europa, gli ultimi due anni hanno visto un indice cambiare di +1,7% in Germania e +4% in Spagna. È probabile che i fattori ad influenzare questo cambiamento siano molti, fra cui la promozione di gamme più piccole e curate nei supermercati, una maggiore facilità di vendita e informazioni più puntuali nei negozi, con indicazioni più immediate e friendly. Questa abbondanza di informazioni in generale ha portato molti consumatori a prestare meno attenzione alle informazioni in proprio possesso, consapevoli del fatto che, se necessario, le avrebbero trovate disponibili al supermercato o tramite un app sul proprio smartphone. Questo meccanismo crea sicuramente più fiducia nei brand e, allo stesso tempo, evita di sovraccaricare la mente del consumatore impegnato in un processo decisionale, già di per sé complesso.

Sui vini italiani ci permettiamo di aggiungere una considerazione: le nostre etichette sono ancora tendenzialmente molto povere di informazioni, fattore che contribuisce ad alimentare una scelta fatta senza conoscere approfonditamente un prodotto. In parole povere, se ci aspettiamo che i consumatori abbiano profonda conoscenza dei nostri vini, tanto da non indicarne le caratteristiche principali in etichetta, e li scelgano per via di queste pregresse conoscenze, stiamo sbagliando. Se la ricerca avverrà, avverrà forse troppo tardi, o non sarà costruttiva all’acquisto. Viviamo in un mondo spietatamente rapido, ce ne siamo accorti?

Tornando a quanto osservato da Wine Intelligence, risulta quindi chiaro che, mentre cresce la fiducia, la conoscenza generale del vino diminuisce. Ad esempio, negli Stati Uniti, l’indice di conoscenza del vino ha registrato un calo significativo di -5,5% dal 2015. Questa tendenza è stata notata anche in mercati come Cina e Australia, con diminuzioni rispettivamente di -6,1% e -3,7%. Ciò significa che i consumatori di vino segnalano meno consapevolezza dei Paesi produttori di vino, delle regioni viticole e dei marchi di vino.

Ma perché sta accadendo tutto ciò? Un'ipotesi che sta guadagnando terreno riguarda il fatto che tanta fiducia derivi proprio dalla possibilità di avere un così potente motore di ricerca nella tasca dei nostri jeans, oltre ad alcune indicazioni astute e semplici nel punto vendita. Il procedimento avviene all’incirca così. Una volta determinata la fascia di prezzo accettabile (nella maggior parte dei casi viene decisa prima ancora di entrare nel negozio) i consumatori si trovano di fronte a una gamma intimidatoria di scelte, a cui devono applicare alcune scorciatoie di base per giungere rapidamente a una decisione di acquisto. Ci sono molte sfumature (e differenze segmentali), ma a livello base le maggiori preoccupazioni dei consumatori al momento dell'acquisto si riducono a due fattori: 1: mi piacerà il gusto? 2: piacerà ai miei amici / penseranno che io abbia scelto bene, farò bella figura?

L'importanza di ciascuno di questi fattori varia a seconda delle occasioni. Nelle occasioni informali a casa entra in gioco il fattore 1, nelle occasioni che coinvolgono la socialità entrerà in gioco il fattore 2. Entrambi i fattori possono essere soddisfatti attraverso la degustazione di un campione in negozio, tecnica spesso dai costi proibitivi, oppure attraverso la menzione in un programma tv da parte di un esperto. Ma in assenza di un banco d’assaggio o di uno chef in tv che raccomanda il prodotto, l’unica fonte di informazioni a disposizione del cliente diventa il telefono. Cosa occorre fare? Potenziare il dialogo tra esperienza in negozio ed app user friendly, per creare un ambiente di acquisto più favorevole, senza necessità per l’utente di accumulare informazioni in memoria, ma evitando di acquistare senza consapevolezza. Tutto ciò sta già accadendo e per i consumatori è positivo, ma cosa significa per i produttori e l’industria del vino in genere?

Una fra le ipotesi esplorate da Wine Intelligence è l'idea che i segnali visivi stiano diventando più importanti. I dati esaminati mostrano un rilevamento crescente di importanza data dai consumatori al packaging di un prodotto, in particolare tra gli acquirenti di vino di età inferiore ai 35 anni. Una forte identità visiva è un concetto già insediato in altre categorie di beni di consumo, ma
il packaging del vino ha ora l’obbligo di camminare su una linea molto sottile tra l'essere riconoscibile e l'essere rassicurante. I marchi del vino che offrono colori sgargianti e immagini non tradizionali sono facili da vedere, ma rischiano di alienare i consumatori, mentre le etichette tradizionali, seppur profondamente rassicuranti, possono diventare anonime in uno scaffale pieno di sosia.

Come sempre, le conseguenze del cambiamento dei percorsi di acquisto dei consumatori offrono opportunità ma anche aspetti negativi. Una diminuzione della conoscenza dei consumatori concorre con una maggiore fiducia e apertura mentale, che danno una chance ai marchi di nicchia e alternativi, con marchi, packaging e storytelling innovativi e memorabili. In attesa di tentare di modificare questa tendenza e riportare i consumatori ad uno stato di preparazione in materia, bisogna trarre ogni vantaggio possibile: se gli acquirenti hanno meno conoscenze e aspettative su Paesi, regioni e uva, potrebbero essere più facilmente persuasi a provare qualcosa di nuovo, sempre che si sia in grado di soddisfare i sopracitati fattore 1 e fattore 2.


Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Parole molto forti: proposta economica - definita giovedi 23 gennaio 2020

Il Consorzio Tutela Vini Valpolicella risponde alla proposta de Le Famiglie Storiche

Parole molto forti: proposta economica - definita "semplice lascito di una somma di denaro" a fronte di una condanna grave - bocciata dal consiglio di amministrazione del Consorzio, e augurio di una riconciliazione gestita da professionisti e non a mezzo stampa.

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Le Famiglie Storiche offrono al Consorzio Vini Valpolicella una soluzione per chiudere il contenzioso pendente

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”.

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”.

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Vyno Dienos a Vilnius in Lituania: uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte giovedi 23 gennaio 2020

Cocktail trends in the U.S.? benessere, qualità, sostenibilità ed un tocco di stravaganza

Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte

Emanuele Fiorio
2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston wednesday 22 january 2020

2020 Slow Wine Us Tour celebrates the 10th anniversary of its annual English language guide and a decade of success

2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical. mercoledi 22 gennaio 2020

Quando l’abito fa (davvero) il monaco…

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical.

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata mercoledi 22 gennaio 2020

DOCG, la vera sfida del Prosecco negli USA

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata

Emanuele Fiorio
Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato. mercoledi 22 gennaio 2020

I concetti chiave per affrontare il mercato canadese

Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato.

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale martedi 21 gennaio 2020

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative nelle fiere internazionali

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea. martedi 21 gennaio 2020

Mission Asia 2020

Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea.

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Campus Export Manager: diventa export manager del vino

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali. lunedi 20 gennaio 2020

Anteprima Amarone: l'annata 2016 a battesimo l'1 e 2 febbraio a Verona

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali.

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie lunedi 20 gennaio 2020

Il futuro appare radioso per il vino biologico, +34% entro il 2023

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie

Emanuele Fiorio
Abbiamo degustato per voi la Dama Perduta di Bricco dei Roncotti sabato 18 gennaio 2020

Italian wines in the world: Dama Perduta di Bricco dei Roncotti

Abbiamo degustato per voi la Dama Perduta di Bricco dei Roncotti

Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud
sabato 18 gennaio 2020

Cerchi un importatore a Toronto?

Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud



WineMeridian