Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 28 febbraio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


mossi 1558 Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it cantina settesoli
mercoledi 09 ottobre 2019

Consumatori premium USA: non lasciamoli invecchiare!

Il report di Wine Intelligence sul comportamento dei consumatori premium negli USA evidenzia alcune novità. Bisogna trovare la chiave per legare i consumatori più giovani ai prodotti di qualità.


Consumatori premium USA: non lasciamoli invecchiare!
Si parla spesso, ultimamente, degli Stati Uniti d’America e di tutto ciò che li vede protagonisti, complici gli ultimi sali e scendi dei dazi proposti dal presidente Donald Trump che hanno, per ora, risparmiato il settore vitivinicolo da un’impennata che avremmo ricordato come epocale. Meglio comunque non cantar vittoria troppo presto e, nel frattempo, concentrarci sul promuovere il Made in Italy nella maniera corretta, e ai consumatori che al momento sembrano essere i più discussi, i cosiddetti “Premium Wine Drinkers”.

Grazie ad un recente report di Wine Intelligence (Premium Wine Drinkers in the US Market 2019), che indaga sui cambiamenti avvenuti tra i consumatori statunitensi, abbiamo avuto modo di scoprire che, oltre ai cambiamenti riscontrati a livello globale su, bene o male tutti i consumatori, sono stati riscontrati dei comportamenti degni di segnalazione su una fascia molto interessante per l’export italiano: i consumatori Premium.
Le tendenze a livello globale di cui stiamo parlando sono due, peraltro facilmente intuibili:
  • 1. diminuzione del consumo procapite, quindi a discapito della quantità consumata ma a favore della qualità del vino acquistato;
  • 2. tendenza alla scelta di vini bio o più “leggeri”, in linea con uno stile di vita più healthy.
Rispetto all’ultima edizione del 2014 dello stesso report, alcune caratteristiche dei bevitori non sono cambiate troppo. I consumatori di vino premium di fascia alta sono principalmente uomini, benestanti e propensi ad assaggiare regolarmente nuovi vini che prima non conoscevano. Questa fascia di consumo rappresenta un quarto di tutti i bevitori che Wine Intelligence definisce “mensili” (ovvero coloro che bevono almeno una volta al mese) e poco più di un terzo dei volumi totali di vino consumato negli USA.

Cosa è cambiato dal 2014 al 2019?
Sicuramente, i principali cambiamenti riguardano l’età: i consumatori più giovani (quelli con meno di 35 anni) sono diminuiti, dal 48% della fascia di consumo premium nel 2014, al 40% nel 2019, mentre la percentuale di persone con più di 55 anni è quasi raddoppiata, arrivando al 23% della categoria premium.
L'altro cambiamento importante riguarda la spesa totale per il vino, che ha subito un colpo, passando dal 56% nel 2014 al 49% nel 2019. Nel complesso, il quadro che osserviamo sembra presentare, oltre a una crescente consapevolezza rispetto ai rischi per la salute e una conseguente moderazione, anche un aumento della concorrenza di altre categorie di bevande alcoliche come birra artigianale e superalcolici.

Per capire quali segmenti della popolazione premium sono più o meno coinvolti in questi cambiamenti, il puntuale report di Wine Intelligence si è concentrato su tre diversi segmenti di consumo premium statunitensi, che andiamo ad osservare di seguito.

Il primo segmento è quello dei
“Popular Premiums”, il più grande e quello con i consumatori più anziani, i grandi bevitori che in genere si godono un buon bicchiere di vino (o anche due) da 1 a 3 volte a settimana e hanno un buon repertorio di vini che conoscono e apprezzano. Subito dopo troviamo i “Super Premiums”, più giovani, circa di mezz’età, che tendono a spendere di più rispetto ai “Popular”, e sono propensi a scoprire nuovi vini con regolarità. Il più interessante però è sicuramente il segmento degli “Ultra Premiums”, il segmento più giovane e con la più alta disponibilità di spesa rispetto alle altre categorie, una fascia che è aumentata dal 2014 di circa un milione di persone. Poiché gli “Ultra Premiums” sono i consumatori più coinvolti nella categoria, è evidente che l’aumento sia legato alla tendenza di preferire la qualità alla quantità, in accordo con il trend globale degli ultimi anni.
Sebbene il segmento “Ultra Premiums” stia radunando sempre più giovani, la popolazione di vini premium negli USA sta lentamente invecchiando, perciò è evidente che ci sia un problema nell’attrazione e nel mantenimento di un legame con i consumatori giovani.

Eppure attrarli non dovrebbe essere così impossibile: i sondaggi svolti da Wine Intelligence per la stesura di questo report parlano chiaro, segnalando che i Millennials si ritengono attratti dall’aspetto autentico e narrativo del vino, vanno alla ricerca di connessione, conoscenza del prodotto, originalità, e sono disposti a pagare di più per un vino alternativo, personalizzato e collezionabile. 


Che dire, potere allo storytelling e al packaging alternativo dunque!


A proposito di USA, seguiteci durante la nostra tappa statunitense in partnership con IEM: dal 21 al 24 ottobre 2019 saremo a Chicago, Los Angeles e Seattle, per conoscere da vicino le richieste del mercato USA assieme ai produttori italiani di oggi. Per maggiori info sul tour clicca qui.
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nel Customer Comunication Report, realizzato da Twilio, emerge come 7 aziende su 10 pensano di comunicare efficacemente con i propri clienti, ma solo 2 su 10 consumatori sono d’accordo
venerdi 28 febbraio 2020

Ma i consumatori sono soddisfatti della comunicazione delle aziende?

Nel Customer Comunication Report, realizzato da Twilio, emerge come 7 aziende su 10 pensano di comunicare efficacemente con i propri clienti, ma solo 2 su 10 consumatori sono d’accordo

Fabio Piccoli
Oltre 5 miliardi di perdite, turismo già in difficoltà, PIL 2020 stimato a -0,1%: a rischio 15mila aziende e 60mila posti di lavoro. giovedi 27 febbraio 2020

Coronavirus e stime PIL Italia, tutti concordi sarà recessione

Oltre 5 miliardi di perdite, turismo già in difficoltà, PIL 2020 stimato a -0,1%: a rischio 15mila aziende e 60mila posti di lavoro.

Emanuele Fiorio
I nemici da affrontare nel 2020? A parte le guerre commerciali e la situazione politica, il vino dovrà fare i conti con un surplus di prodotto, con la fine della premiumizzazione e nuove generazioni che non interagiscono come sperato. giovedi 27 febbraio 2020

Le previsioni 2020 nel mercato americano

I nemici da affrontare nel 2020? A parte le guerre commerciali e la situazione politica, il vino dovrà fare i conti con un surplus di prodotto, con la fine della premiumizzazione e nuove generazioni che non interagiscono come sperato.

Agnese Ceschi
I produttori che verranno a Vilnius il 22 e 23 maggio troveranno una porta aperta verso i Paesi Baltici e la Bielorussia giovedi 27 febbraio 2020

Un viaggio alla scoperta del promettente mercato lituano

I produttori che verranno a Vilnius il 22 e 23 maggio troveranno una porta aperta verso i Paesi Baltici e la Bielorussia

Traduzione di un articolo di Michele Shah
Un approfondimento di due giornate per affrontare al meglio il “nuovo” mercato italiano del vino giovedi 27 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian 2020: 18 e 19 giugno focus Vendita Italia

Un approfondimento di due giornate per affrontare al meglio il “nuovo” mercato italiano del vino

Cristian Fanzolato
Dal 22 al  23 maggio in Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande. giovedi 27 febbraio 2020

Vyno Dienos 2020: partecipa con Wine Meridian ad uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Dal 22 al 23 maggio in Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Decisione concertata con le principali associazioni di settore, il presidente della Regione del Veneto ed il sindaco di Verona. Il dg Mantovani: «Il settore vino sia svolta positiva per il Paese». mercoledi 26 febbraio 2020

Veronafiere: Vinitaly conferma la data nella terza decade di Aprile 2020 (19/22)

Decisione concertata con le principali associazioni di settore, il presidente della Regione del Veneto ed il sindaco di Verona. Il dg Mantovani: «Il settore vino sia svolta positiva per il Paese».

In controtendenza, aumentano consumi, categorie, produzione, superfici, export, il biologico appare inarrestabile. mercoledi 26 febbraio 2020

Mercato vino in flessione? il bio crescerà a 3 cifre

In controtendenza, aumentano consumi, categorie, produzione, superfici, export, il biologico appare inarrestabile.

Emanuele Fiorio
Realtà storica, leader nella distribuzione con un occhio di riguardo per piccole realtà dal grande potenziale. mercoledi 26 febbraio 2020

Gruppo Meregalli, inossidabile certezza

Realtà storica, leader nella distribuzione con un occhio di riguardo per piccole realtà dal grande potenziale.

Emanuele Fiorio
Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud
mercoledi 26 febbraio 2020

B2B a Toronto: ultimi giorni per aderire

Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud

Strumenti pratici ed efficaci per espandere il vostro business all’estero, una singolare combinazione di conoscenze linguistiche, commerciali e di marketing relazionale martedi 25 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian 2020: 16 e 17 giugno due giornate di “English for wineries”

Strumenti pratici ed efficaci per espandere il vostro business all’estero, una singolare combinazione di conoscenze linguistiche, commerciali e di marketing relazionale

Cristian Fanzolato
We have tasted for you Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore tuesday 25 february 2020

Italian wines in the world: Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore

We have tasted for you Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore

Come imparare a gestire le situazioni “critiche” di vendita, analizzando il proprio stile di comunicazione.

Come si conduce una trattativa di vendita?

Come imparare a gestire le situazioni “critiche” di vendita, analizzando il proprio stile di comunicazione.

Circa 4mila visitatori per il debuttto dell'annata 2015. lunedi 24 febbraio 2020

Vino: chiusura a 5 stelle per Benvenuto Brunello 2020

Circa 4mila visitatori per il debuttto dell'annata 2015.

Due giornate dedicate ad una figura sempre più strategica per l’export del vino, in dettaglio programma e modulo di iscrizione lunedi 24 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian: Multibrand Export Manager il 6 e 7 maggio

Due giornate dedicate ad una figura sempre più strategica per l’export del vino, in dettaglio programma e modulo di iscrizione

Cristian Fanzolato
Dazi americani e coronavirus cinese sono una combo micidiale per il mercato 2020, previsioni al ribasso e allarme diffuso. lunedi 24 febbraio 2020

Il coronavirus contagia l’industria degli alcolici

Dazi americani e coronavirus cinese sono una combo micidiale per il mercato 2020, previsioni al ribasso e allarme diffuso.

Emanuele Fiorio


WineMeridian