Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 23 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto

Consumi sempre più “local” nel Regno Unito

Negli ultimi a 5 anni il settore vitivinicolo del Regno Unito ha visto triplicare il suo fatturato sfiorando oggi i 150 milioni di euro. Una crescita che si inserisce in un preoccupante aumento del “localismo” tra i consumatori inglesi


Consumi sempre più “local” nel Regno Unito
Secondo dati forniti da Funding Option e pubblicati da The Drink Business, il fatturato dell’industria del vino del Regno Unito è triplicato in quest’ultimo quinquennio, passando dai circa 63 milioni di euro del 2011 ai quasi 150 milioni attuali.
Sono le bollicine inglesi a trainare in particolare questa crescita grazie ad un successo non solo nel mercato interno ma anche “abroad”.
Ma aldilà degli aspetti economici il dato più interessante è la crescita di popolarità del vino inglese tra i consumatori locali che vedono sempre di più il “loro” vino come un’interessante alternativa nell’ampio panorama di drinks. E a proposito di drinks, oltre al vino inglese, in crescita anche il gin e la birra locale.
Un “localismo” che sta coinvolgendo anche il food con l’aumento in generale della ristorazione che offre prodotti locali.
Il vino inglese è il capofila di questo nuova “autarchia inglese” testimoniata anche dalla nascita lo scorso anno di ben 64 nuove aziende del vino nel Regno Unito.
Un segnale che per certi aspetti impensierisce se abbinato ai possibili effetti della Brexit che appaiono, a seconda delle fonti che vengono scelte, da preoccupanti a molto preoccupanti.
Sempre The Drink Business evidenzia, riguardo le possibili conseguenze della Brexit, come gli stessi produttori di vino inglesi sono preoccupati dalla perdita di competitività della loro sterlina e per questo stanno cercando di aumentare in questa fase i loro investimenti e la loro capacità produttiva al fine di garantirsi questa forte crescita.
Per garantirsi ulteriore forza, intanto, le due principali organizzazioni di produttori di vino inglesi, la The United Kingdom Vineyards Association (UKVA) l’English Wine Producers (EWP) hanno deciso la scorsa settimana di unirsi in un’unica associazione.
La nuova organizzazione, denominata UK Wine Producers, avrà il compito di promuovere e rappresentare il vino del Regno Unito, i suoi produttori e i suoi territori, a prescindere da tipologia e dimensioni aziendali negli organismi istituzionali sia nazionali che esteri.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Ma le Anteprime a cosa dovrebbero servire?

Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Fabio Piccoli
Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani

Noemi Mengo
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo


WineMeridian