Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese


Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa
Noi amiamo l’approccio laico che hanno i consumatori americani nei confronti del vino. Lo dichiariamo senza timori perché lo riteniamo quello ideale per sviluppare il consumo del vino in maniera “intelligente”, “aperta” in un determinato mercato.
Le “ideologie”, infatti, a nostro parere sono pericolose se si vuole sviluppare un consumo di vino non settario ma aperto alla straordinaria eterogeneità dell’offerta enologica mondiale, a partire, ovviamente, dalla nostra.
Abbiamo, pertanto, molto apprezzato l’introduzione dell’editoriale di Marvin R. Shanken e Thomas Matthews, rispettivamente editor ed executive editor di Wine Spectator, che nel numero di luglio del noto magazine americano hanno scritto: “Gli americani amano lo Chardonnay. È il più popolare vino bianco nel Paese, e per buone ragioni: è delizioso e affidabile e sono disponibili versioni eccellenti in tutte le fasce di prezzo”.
Così ci piacerebbe l’approccio al vino, al giudizio del vino anche da noi.
Non significa, infatti, a nostro parere, essere ipocriti e far credere che “tutto è buono”, che “tutto è uguale” ma far capire che si possono trovare versioni interessanti in ogni tipologia di vino e non bisogna essere per forza “originali” per essere “interessanti”.
Non è facile chiamarsi Chardonnay. È un po’ come essere l’attore popolare, la modella straconosciuta, l’anchormen sempre sotto i riflettori, sono molto più le invidie che attiri rispetto ai complimenti che ti verranno fatti.
A questo proposito ci viene in mente la frase famosa di Enzo Ferrari: “In Italia ti perdonano tutto tranne il successo”.
Probabilmente questa non è una caratteristica solo del nostro Paese ma è certo che nella nostra penisola il gioco “critica il vincitore” è abbastanza diffuso.
In fin dei conti è il “gioco” che ha fortemente indebolito cavalli vincenti come nel passato i nostri Lambrusco, Moscato d’Asti, Asti, Garganega, Nero d’Avola, Montepulciano d’Abruzzo e più recentemente le aggressioni vedono coinvolto il Prosecco, ma anche persino dei re come il Chianti e l’Amarone.
Un gioco che non solo ha coinvolto e che coinvolge tipologie di vino vincenti ma anche brand aziendali di successo che vengono dichiarati “falliti” un giorno si e un giorno no.
Non è facile dare una spiegazione a tutto questo. Spesso ricorriamo alla cosiddetta “malattia culturale” quella che avrebbe determinato, nel nostro Paese, una sindrome moralistica che vede nel successo un male pericoloso. Senza dimenticare il tutt’oggi tanto citato “cattocomunismo” anche questo portatore di anticorpi al successo.
Probabilmente tutto è più semplice ed è da ascrivere a quel mix tra individualismo esasperato e l’invidia atavica che si annida in gran parte dell’umanità.
Ma alla fine, tornando al vino, questo genera un gran danno perché costringe anche la nostra filiera produttiva ad inventarsi ogni giorno qualcosa di nuovo perché quello vincente il giorno prima è stato distrutto.
Da qui una rincorsa esasperata, e a volte disperata, a nuove etichette, nuove tipologie di vino, nuove metodologie di produzione, nuovi modelli di comunicazione. Recupero di vecchi vitigni, recupero di reliquie ampelografiche, affinamenti sott’acqua, in altitudine, in anfore e in tombe etrusche, meglio se in aree vocate per i vitigni autoctoni.
E poi ci risvegliamo, rivolgiamo il nostro sguardo al primo mercato del vino al mondo, gli Usa. E loro con tutta quella che noi definiamo, a nostro parere sbagliando, “ingenuità” ci dicono che amano lo Chardonnay, e pure tantissimo.
Prosit.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm