Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 18 ottobre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine WINE2WINE La Torraccia Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese


Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa
Noi amiamo l’approccio laico che hanno i consumatori americani nei confronti del vino. Lo dichiariamo senza timori perché lo riteniamo quello ideale per sviluppare il consumo del vino in maniera “intelligente”, “aperta” in un determinato mercato.
Le “ideologie”, infatti, a nostro parere sono pericolose se si vuole sviluppare un consumo di vino non settario ma aperto alla straordinaria eterogeneità dell’offerta enologica mondiale, a partire, ovviamente, dalla nostra.
Abbiamo, pertanto, molto apprezzato l’introduzione dell’editoriale di Marvin R. Shanken e Thomas Matthews, rispettivamente editor ed executive editor di Wine Spectator, che nel numero di luglio del noto magazine americano hanno scritto: “Gli americani amano lo Chardonnay. È il più popolare vino bianco nel Paese, e per buone ragioni: è delizioso e affidabile e sono disponibili versioni eccellenti in tutte le fasce di prezzo”.
Così ci piacerebbe l’approccio al vino, al giudizio del vino anche da noi.
Non significa, infatti, a nostro parere, essere ipocriti e far credere che “tutto è buono”, che “tutto è uguale” ma far capire che si possono trovare versioni interessanti in ogni tipologia di vino e non bisogna essere per forza “originali” per essere “interessanti”.
Non è facile chiamarsi Chardonnay. È un po’ come essere l’attore popolare, la modella straconosciuta, l’anchormen sempre sotto i riflettori, sono molto più le invidie che attiri rispetto ai complimenti che ti verranno fatti.
A questo proposito ci viene in mente la frase famosa di Enzo Ferrari: “In Italia ti perdonano tutto tranne il successo”.
Probabilmente questa non è una caratteristica solo del nostro Paese ma è certo che nella nostra penisola il gioco “critica il vincitore” è abbastanza diffuso.
In fin dei conti è il “gioco” che ha fortemente indebolito cavalli vincenti come nel passato i nostri Lambrusco, Moscato d’Asti, Asti, Garganega, Nero d’Avola, Montepulciano d’Abruzzo e più recentemente le aggressioni vedono coinvolto il Prosecco, ma anche persino dei re come il Chianti e l’Amarone.
Un gioco che non solo ha coinvolto e che coinvolge tipologie di vino vincenti ma anche brand aziendali di successo che vengono dichiarati “falliti” un giorno si e un giorno no.
Non è facile dare una spiegazione a tutto questo. Spesso ricorriamo alla cosiddetta “malattia culturale” quella che avrebbe determinato, nel nostro Paese, una sindrome moralistica che vede nel successo un male pericoloso. Senza dimenticare il tutt’oggi tanto citato “cattocomunismo” anche questo portatore di anticorpi al successo.
Probabilmente tutto è più semplice ed è da ascrivere a quel mix tra individualismo esasperato e l’invidia atavica che si annida in gran parte dell’umanità.
Ma alla fine, tornando al vino, questo genera un gran danno perché costringe anche la nostra filiera produttiva ad inventarsi ogni giorno qualcosa di nuovo perché quello vincente il giorno prima è stato distrutto.
Da qui una rincorsa esasperata, e a volte disperata, a nuove etichette, nuove tipologie di vino, nuove metodologie di produzione, nuovi modelli di comunicazione. Recupero di vecchi vitigni, recupero di reliquie ampelografiche, affinamenti sott’acqua, in altitudine, in anfore e in tombe etrusche, meglio se in aree vocate per i vitigni autoctoni.
E poi ci risvegliamo, rivolgiamo il nostro sguardo al primo mercato del vino al mondo, gli Usa. E loro con tutta quella che noi definiamo, a nostro parere sbagliando, “ingenuità” ci dicono che amano lo Chardonnay, e pure tantissimo.
Prosit.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona
venerdi 18 ottobre 2019

L’epoca delle contaminazioni

L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona

Noemi Mengo
La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese venerdi 18 ottobre 2019

Ora il Pinot Grigio deve parlare anche italiano

La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese

Fabio Piccoli
Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto. 
giovedi 17 ottobre 2019

Lo Champagne e i suoi trend: facciamo il punto

Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto.

Giovanna Romeo
Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week giovedi 17 ottobre 2019

Milano Wine Week: nuove generazioni del vino italiano protagoniste al Wine Generation Forum

Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5. 
giovedi 17 ottobre 2019

5 punti per osservare il mondo del vino che cambia

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5.

Noemi Mengo
Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono mercoledi 16 ottobre 2019

La meraviglia del vino, nasce la "Guida alle Cantine" Made in Piedmont

Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale mercoledi 16 ottobre 2019

Cresce la domanda di Prosecco biologico

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi
mercoledi 16 ottobre 2019

Italian wines in the world: Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.  
mercoledi 16 ottobre 2019

10 anni dalla crisi: come è cambiata l’Europa del vino?

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.

Noemi Mengo
Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager? martedi 15 ottobre 2019

Chi più spende più guadagna

Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager?

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry tuesday 15 october 2019

Italian wines in the world: Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

Giovanna Romeo
Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietà caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale. lunedi 14 ottobre 2019

Sognando di fare vino. Noroc!

Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietà caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale.

Giovanna Romeo
All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo? lunedi 14 ottobre 2019

Il vino italiano sarà il meno colpito dai dazi USA

All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo?

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere sabato 12 ottobre 2019

Italian wines in the world: Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Giovanna Romeo
Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo. sabato 12 ottobre 2019

Neuromarketing: anche l'occhio vuole la sua parte

Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo.

Noemi Mengo
La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti
venerdi 11 ottobre 2019

Le sfide difficili dei mercati emergenti

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti

Fabio Piccoli


sfondo_wm