Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 23 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3

Cosa ci insegnano le pmi del vino americane

Negli Usa le prime 11 più grandi aziende del vino rappresentano l’80% delle vendite su questo grande importante mercato. Le altre 9.000 aziende statunitensi devono competere l’una con l’altra per il rimanente 20%, come stanno reagendo?


Cosa ci insegnano le pmi del vino americane
E’ molto utile osservare cosa succede negli altri Paesi vitivinicoli perché, pur con le peculiarità che caratterizzano ogni realtà, vi sono possibili “insegnamenti” che potrebbero essere utili anche per il nostro sistema produttivo.
Su questo fronte ci è apparso interessante osservare quanto sta succedendo nello strategico mercato statunitense che, come è noto, con i suoi oltre 30 milioni di hl di vino consumato detiene la leadership a livello mondiale.
Ma gli Usa non è “solo” un grande Paese consumatore ma è anche un rilevante produttore ed è da questo punto di osservazione che, questa volta, parte il nostro articolo.
Negli Usa, infatti, oggi sono presenti oltre 9.000 imprese vitivinicole, la maggioranza delle quali, circa l’80% è rappresentato dalle cosiddette piccole medie imprese e cioè realtà con una media produttiva al di sotto delle 500.000 bottiglie.
Ebbene oggi questa grande maggioranza di aziende americane detiene una quota di mercato non superiore al 20%.
L’80% del mercato, infatti, come evidenziato dai dati di Impact Databank, ripresi da Wine Business Monthly, è nelle mani delle 11 più grandi aziende del vino statunitensi (per la cronaca sono le seguenti in ordine di dimensioni di fatturati di vendita: E&J Gallo, The Wine Group, Constellation Brands, Trinchero Family Estates, Treasury Wine Estates, Bronco Wine Company, Delicato Family Vineyards, Ste. Michelle Wine Estates, Jackson Family Wines, Fetzer Vineyards e Bogle Vineyards).
A questa forte radicalizzazione del mercato del vino Usa va aggiunto come oggi la maggioranza dei distributori (soprattutto in quanto non incentivati sul piano finanziario) sia decisamente poco interessata a prendersi carico di una “massa di piccoli clienti”. Se a questo aggiungiamo un declino abbastanza costante delle vendite della ristorazione statunitense, storicamente il canale privilegiato di gran parte delle pmi del vino americane, risulta molto interessante capire come queste stanno reagendo a questa difficile condizione.
Da un quadro di questo genere, pertanto, che poi non differisce in maniera tanto eclatante rispetto anche al nostro panorama di mercato (ovviamente se ci riferiamo in particolare al mondo della grande distribuzione), inevitabilmente nascono considerazioni.
In particolare, sorgono due domande: come fanno a gestire le rimanenti 9.000 imprese americane quel 20% di mercato così affollato? Ma se è dura per le aziende del vino americane, come possono essere competitive le nostre pmi su questo mercato?
Partendo dalla prima domanda tutte le analisi attuali del mercato statunitense sembrano concordare sul dato che la principale risposta delle pmi del vino Usa ad una siffatta situazione sia quella della vendita diretta ai consumatori finali.
Ormai, la cosiddetta strategia del “Direct to Consumer sales” appare come una via di sopravvivenza inevitabile per le piccole aziende del vino americane.
Non è un caso, quindi, che il canale di vendita DTC sia cresciuto in questi ultimi anni in maniera realmente impressionante e lo scorso anno ha raggiunto ben il 59% sul totale delle vendite (era il 49% nel 2012).
Ma vi sono aree degli Stati Uniti dove questo canale di vendita ha raggiunto percentuali anche ben superiore alla media come, per esempio, l’Anderson Valley e Mendocino County in California dove siamo al 76%, o in Virginia (74%), nel Paso Robles, California (70%), ma anche negli stessi Stati di New York e Washington siamo sopra al 60%, come praticamente tutte le aree più importanti della California.
E’ indubbio che questa strategia non può non essere vista anche dal nostro sistema vitivinicolo con grande interesse perché non solo consente di rispondere al “prepotente” impatto competitivo delle grandi imprese, ma permette anche di ridurre tutti quei processi di intermediazione commerciale che rappresentano sempre di più costi insostenibili per anche per le nostre pmi del vino.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione lunedi 23 aprile

Corea del Sud: gusti e preferenze di un mercato in espansione

Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione

Noemi Mengo
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile. mercoledi 11 aprile

Convegni: turisti tra le vigne toccano 13 milioni di arrivi

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile.

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti mercoledi 11 aprile

Villa Favorita 2018: Vinnatur guarda al futuro

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli
mercoledi 11 aprile

Borgo La Caccia si rinnova: un restyling creativo e tante altre novità

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.
mercoledi 11 aprile

Bertani ad OperaWine 2018 con l'Amarone Classico 2008

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.