Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 18 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor Fondazione Edmund Mach
martedi 03 luglio

Costruire una nuova azienda in Sardegna: una sfida che si può vincere

L'esperienza di Siddùra, azienda nel cuore della Gallura


Costruire una nuova azienda in Sardegna: una sfida che si può vincere
Ci piace la storia di Siddura perché racconta dell’Italia che vorremmo, quella capace di costruire il suo futuro con le radici ben salde nella tradizione, con la forza della competenza e la capacità di esprimere un’identità unica ed inconfondibile, lontana mille miglia dalla tentazione di adagiarsi sulle tendenze dominanti ma sufficientemente preparata ed accorta per cogliere ogni opportunità.
Siddura è la storia di una tenuta abbandonata nel cuore della Gallura, sulle alture granitiche che sovrastano la scintillante Costa Smeralda, un territorio meravigliosamente aspro ed orgogliosamente appartato dove i vigneti devono lottare per sopravvivere.

Tutto iniziò quando una
tenuta abbandonata in località Siddùra di Luogosanto venne scoperta da due imprenditori impegnati in altri business: una sorta di richiamo ancestrale proveniente da un lembo di terra che era rimasto in silenzio per anni, in attesa di trovare gli uomini giusti da cui farsi ascoltare. Un evento non così raro nel nostro magnifico Paese ma qui la differenza la fecero due imprenditori che affrontarono la sfida di far rinascere quel luogo dopo essere riusciti ad elaborare linee guida strategiche chiare e condivise: risorse umane dotate di elevate competenze e tensione verso l’innovazione, vini capaci di esprimere l’identità della Sardegna, volontà di affermare un nuovo brand, esperienza e capacità per creare una struttura commerciale solida e preparata.
Quattro pilastri saldi su cui fondare una costruzione complessa e coerente che ci piace raccontare.

Partiamo dalle risorse umane che rappresentano sempre la chiave del successo aziendale. Per il progetto di rivisitazione e rinascita agronomica ed enologica in chiave moderna si decise di puntare su professionisti giovani e motivati: ex ragazzi cresciuti velocemente all’ombra di grandi maestri e brand di primaria importanza ma ormai autonomi e desiderosi di affermare la propria capacità all’interno di una squadra costruita per realizzare un progetto innovativo.

Poi, la questione dell’identità dei vini: prerogativa che, a parole, è facile da affermare ed appare molto abusata ma che è davvero molto difficile da conquistare nella realtà. Con una strategia chiara ed obiettivi ben definiti, la ricerca dell’identità divenne un valore della produzione prima ancora che della comunicazione aziendale. Dunque, poche chiacchiere e tanti fatti seguendo un semplice principio guida, quello di lavorare con vitigni autoctoni per creare vini capaci di catturare ed esprimere i profumi, il gusto ed il cromatismo luminoso di una terra dura e pura, sospesa tra cielo e mare. La scelta principale fu quella di sfruttare le opportunità offerte dall’innovazione in campagna ed in cantina senza trascurare di riconsiderare ancestrali pratiche agronomiche ed enologiche che meritavano di essere studiate e riconsiderate per valorizzare al meglio i vitigni autoctoni.
Un lavoro davvero sfidante e difficile che è stato capace di creare vini che sanno essere essenza credibile del territorio. Tanto che, oggi, un sorso di vino Siddura, rappresenta un assaggio di cultura e valori che accende una sorta di esperienza emotiva della terra sarda tra sapidi profumi di macchia mediterranea e odorose chiome di ginestra.

Veniamo ora al tema del nuovo brand: sappiamo bene che la qualità del prodotto è un fattore imprescindibile ma insufficiente per garantire la notorietà ed il successo aziendale che impongono lo sviluppo di un progetto meticoloso e costante di costruzione della notorietà. 
Anche in questo ambito, Siddùra ha sviluppato una strategia completa e coerente che ha portato a creare un packaging assai riconoscibile e ricorrente per tutti i vini che sono caratterizzati da una grande S che campeggia in etichetta e ricorda Siddùra ma anche Sardegna: un’immagine immediata, facile da riconoscere e ricordare in enoteca ed al ristorante, anche dal turista che ritorna in Sardegna dopo un anno oppure che vuole bersi, a casa, il ricordo della sua Sardegna.
Un progetto importante che ha visto il marchio affermarsi e consolidarsi attraverso iniziative di comunicazione, creazione di eventi notiziabili, coinvolgimento dei media, utilizzo dei social, accoglienza in azienda, coinvolgimento di giornalisti ed opinion leader e tanto altro ancora.

Il progetto di vendita rappresenta l’ultimo pilastro di una costruzione strategica coerente che ha privilegiato la distribuzione in ristoranti ed enoteche della Sardegna programmando una progressiva diffusione nelle aree che rappresentano al meglio i paesi di provenienza dei turisti che visitano la Sardegna. In questo contesto, la scelta che abbiamo apprezzato maggiormente è racchiusa nella precisa volontà di selezionare e formare gli addetti commerciali ed importatori in modo che siano i primi narratori della storia e filosofia aziendale nella consapevolezza che lo “storytelling”  più efficace, diretto e diffuso sia proprio quello creato dagli uomini di vendita: i primi e più importanti comunicatori dell’azienda.
Costruire una nuova azienda in Sardegna: una sfida che si può vincere

La S di Siddùra che caratterizza il progetto grafico


Fabio Tavazzani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero
Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. mercoledi 12 settembre

Ultimi 10 posti per iscriversi al Wine Export Manager Day

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People.

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare? mercoledi 12 settembre

Guida alla buona riuscita della fiera

Chi è la persona adatta all’accoglienza allo stand e come fare?

Agnese Ceschi
Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile
martedi 11 settembre

L’Italia fra i maggiori esportatori in Canada: è il Prosecco a scalare le classifiche

Ottimi riscontri per le bollicine italiane nel mercato canadese, si prevede una crescita inarrestabile

Noemi Mengo
Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente lunedi 10 settembre

Un angolo di Italia (biologica e biodinamica) nel cuore di Notting Hill

Il wine bar di proprietà dell'azienda italiana Avignonesi offre 100 referenze rigorosamente rispettose dell'ambiente

Agnese Ceschi
Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione. venerdi 07 settembre

Sull’Etna si festeggiano le 10 candeline del progetto Volcanic Wines

Il progetto Volcanic Wines racconta a ViniMilo i suoi primi 10 anni e presenta le nuove iniziative dell’associazione.

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Il futuro del vino visto dai “tappi”

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori

Fabio Piccoli
Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione 
venerdi 07 settembre

La vendemmia dei ricordi di Dal Maso

Il periodo più importante dell’anno in cui si decide il futuro dell’intera produzione

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018 venerdi 07 settembre

Merano WineFestival 2018: ecco tutti gli appuntamenti da non perdere

Inizia la corsa ai biglietti per partecipare alla 27^ edizione di Merano WineFestival dal 9 al 13 novembre 2018

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018 giovedi 06 settembre

Vendemmia 2018: l'Italia si conferma primo produttore al mondo

L’Osservatorio del Vino ha presentato le previsioni vendemmiali 2018

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Caro export manager ti scrivo….

Lettera invito al Wine Export Manager Day del direttore di Wine Meridian a tutti coloro che sono impegnati a conseguire il successo del vino italiano nel mondo: produttori, export manager, imprenditori

Fabio Piccoli
Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Soave Versus: un successo annunciato per i 50 anni della DOC

Con l’incoronazione di Carlo Pagano dal Molise come miglior sommelier del Soave, si chiude la kermesse veronese con ampia partecipazione di pubblico e ristoratori.

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

C’era una volta il brand ambassador

Come si è evoluta in questi ultimi anni la figura del wine ambassador nato per spingere la notorietà di un brand a vantaggio dell’azione commerciale ed oggi spesso messa in discussione

Fabio Piccoli
I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale mercoledi 05 settembre

Medaglia d’oro e d’argento per Aragosta Vermentino di Sardegna DOC e Cannonau Riserva all’Asia Wine Trophy

I vini della Cantina Santa Maria La Palma hanno ricevuto due prestigiosi riconoscimenti durante l’importante fiera internazionale