Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/
giovedi 13 dicembre 2018

Credere nel valore delle proprie idee: il successo del caso Enosocial®

Intervista ad Andrea Bianchi, CEO e co-fondatore dell’app Enosocial®


Credere nel valore delle proprie idee: il successo del caso Enosocial®

Andrea Bianchi


Non è la prima volta che parliamo dell’app Enosocial® e dei vantaggi che il suo avvento ha portato alle aziende vitivinicole italiane e agli utenti che l’hanno scaricata. Ciò che molti non sanno però è che questa wine app innovativa nasce da un progetto nel quale il suo creatore, Andrea Bianchi, ha creduto molto fin dal principio. Non siamo i primi però ad aver notato la grandezza del prodotto che ha sapientemente creato. Andrea, infatti, grazie al suo spirito visionario, è stato recentemente premiato con il Premio Speciale VINOVISIONI dalla Guida Vini Buoni D’Italia al Merano Wine Festival, proprio relativamente alle funzioni della sua app. Enosocial® era il suo sogno, l’idea alla quale ha dato valore e non ha rinunciato, nemmeno di fronte alle difficoltà.
Da dove è nata l’idea di Enosocial®? Ci racconti la storia di questo progetto?

L’idea nasce dalla semplice osservazione di una esigenza, quella di poter acquistare un vino nel preciso istante in cui lo si degusta e direttamente da chi lo ha prodotto e riceverlo a casa senza l’incombenza di doverselo trasportare. Appassionato di vino e lavorando nel settore mi capitava spesso di andare per cantine o a fiere del vino e di apprezzare vini che mi emozionavano durante la loro degustazione non solo per la loro bontà ma anche perché raccontati dalla voce del loro produttore in un momento per me di serenità o di vacanza. Ma dopo essermi fatto dare il biglietto da visita dal produttore con l’intento di acquistarli una volta rientrato a casa, mi ritrovavo a non richiamarli quasi mai. Semplicemente perché nel frattempo svaniva l’effetto emotivo ed esperienziale che porta invece ad acquistare un vino nel momento in cui lo degustiamo, proprio là dove lo assaggiamo e, aggiungo, perché raccontato con passione dalla viva voce di chi lo ha prodotto.
Volevo una app che fosse totalmente dedicata al turista del vino, che gli desse la possibilità di ricercare le cantine, le fiere, gli eventi del vino intorno a sé ma anche di acquistarne i vini con facilità senza doverli caricare in macchina. Volevo che fosse “social” ovvero che i contenuti relativi alle cantine, agli eventi, alle fiere, ai wine tasting fossero inseriti direttamente dalle cantine stesse e dagli enoturisti in modo facile e diretto rendendoli così fruibili e visibili tramite l’app gratuita. Non volevo creare un’altra delle tante applicazioni dove la descrizione delle cantine era il risultato del lavoro di una redazione o la sintesi di una guida. Ce ne sono già molte e anche ben fatte che io stesso utilizzo.

A tuo parere, come si sta evolvendo il mondo del vino, in quale direzione pensi stia andando?


Osservo con piacere, partecipando alle fiere, molti giovani che si stanno riavvicinando con passione al mondo del vino, dopo anni in cui forse l’approccio troppo tecnico con cui venivano descritti i vini li aveva allontanati a vantaggio di altri settori più “easy” come ad esempio quello delle birre artigianali. Oggi i giovani sono curiosi, si appassionano e vogliono apprendere le cose essenziali da sapere su di un vino. Non amano affatto i tecnicismi e si iscrivono ai wine tasting, ai corsi di degustazione, vanno per cantine a conoscere direttamente i produttori e soprattutto lì fanno i loro acquisti.

Che tipo di rapporto c’è oggi fra applicazioni smartphone e settore enologico?


È indubbio che si stiano aprendo scenari nuovi dove la tecnologia è e sarà determinante per il successo delle vendite online di vino. E questo è dimostrato dal moltiplicarsi dei siti di e-commerce online e di App. Ma c’è un aspetto che molti hanno trascurato ed è quello dell’acquisto “esperienziale” che spinge una persona ad acquistare un vino nel momento stesso in cui lo degusta ad una fiera o in una cantina. La tecnica georeferenziata ad esempio (che sfrutta anche la sezione Clicknbuy™ dell’app Enosocial®) è una forma di vendita innovativa, che sta esplodendo nel resto del mondo e che permette alle cantine di vedere i propri volumi di vendita online aumentare significativamente. Tecnicamente è il cosiddetto D.T.C. ovvero “Direct To Consumer” sistema di vendita online che bypassa tutte le intermediazioni e consente ai clienti di acquistare direttamente il vino da chi lo produce al prezzo di cantina.

Credi che il modo di vendere il vino possa cambiare ancora e migliorarsi?

Come in tutti i settori è sempre possibile migliorare e così sarà anche per il mondo del vino. Sono stato di recente ad un convegno dove esperti della GDO evidenziavano un calo continuo di vendite di vino dagli scaffali al quale le catene di supermercati cercano di far fronte attraverso piccoli “tasting-table” in cui far degustare i vini in vendita tentando così di ricreare l’esperienza di degustazione che è la leva amplificatrice delle vendite di vino in cantina o nelle fiere. Si tratta di un calo avvenuto con tutta probabilità a seguito dell’avvento di app come Enosocial®, in grado di velocizzare i passaggi, rendendo la vendita un concetto più “intimo”.

Quali sono le caratteristiche che rendono vincente un imprenditore oggi?


Una su tutte la velocità di adattare i propri processi di vendita alle continue evoluzioni della domanda. Faccio un esempio: se apro un’enoteca che offre anche la possibilità di degustare piatti veloci e vedo che molti clienti entrano principalmente per mangiare sarà proprio attraverso i piatti scelti che cercherò di condurre gli avventori anche all’acquisto del vino, proponendo loro abbinamenti con offerte e promozioni vantaggiose e certamente mirate. È ciò che è successo anche con la nostra app, sviluppata inizialmente per l’enoturista che va per cantine, ed evolutasi velocemente per il turista che va nelle fiere di settore.

Che messaggio vuoi dare ai giovani che, come te, sognano di realizzare la propria start-up?

Di credere fermamente nelle loro idee. Di non farsi influenzare da chi, non capendole, le sottovaluta, magari semplicemente perché troppo futuristiche. Di non abbandonarle mai e di non rinunciare a svilupparle con determinazione e sacrificio perché, come capitato a me, prima o poi le idee possono incontrare i favori di un imprenditore lungimirante che ne coglie l’essenza e le potenzialità e che decide di investirvi. Chi entra in ufficio da me trova affisso sulla porta un cartello con la scritta “ATTENZIONE: stai entrando in una stanza dove le idee hanno ancora valore”. Ecco, il messaggio che suggerisco ai giovani è proprio questo: ricordatevi che le vostre idee hanno sempre un valore e che non dovete mai rinunciare a svilupparle.

Per scoprire di più sul funzionamento di Enosocial® guarda il video.


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm