Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 28 febbraio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it cantina settesoli mossi 1558 Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/

Cresce l’enoturismo in Italia, ma ancora troppo poco

Secondo il 15° Rapporto del Turismo del vino in Italia, il valore sarebbe salito a 2,5 miliardi di euro grazie a circa 14 milioni di accessi. Possiamo considerarli numeri adeguati che rispecchiano le potenzialità di questa importante leva economica per le imprese del vino italiane?


Cresce l’enoturismo in Italia, ma ancora troppo poco
Noi di Wine Meridian ci occupiamo spesso di enoturismo in Italia, pur essendo nati per raccontare soprattutto l’export, i mercati mondiali del vino.
Potrebbe apparire quindi, una sorta di contraddizione ma non è così perché riteniamo che il turismo del vino sia portatore di due fattori fondamentali per il successo del vino italiano.
In primo luogo l’impatto economico positivo che può avere l’enoturismo sulle nostre imprese del vino. Inutile negare che oggi il contributo che il turismo del vino può e potrebbe dare alla redditività delle nostre imprese vitivinicole è enorme e, lo anticipiamo, decisamente superiore rispetto a quanto lo sia attualmente.
Altro aspetto molto importante è che l’enoturismo rappresenta uno strumento di comunicazione straordinario, forse il migliore, il più diretto, per veicolare, promuovere l’identità più autentica delle nostre imprese.
Ci ha fatto quindi piacere leggere il 15° Rapporto del Turismo del vino in Italia, realizzato dall’Osservatorio Città del Vino/Università di Salerno e presentato alla Borsa del turismo internazionale di Milano il 27 febbraio scorso.
A questo riguardo va fatto un plauso all’associazione Città del Vino che da molti anni si occupa di enoturismo e cerca con il suo rapporto di darci alcuni indicazioni su come questo modello di turismo si stia evolvendo in Italia.
Purtroppo, infatti, sono pochi i dati certi sull’enoturismo italiano ed è pertanto prezioso il contributo di Città del Vino .
Se dovessimo, infatti, limitarci a quanto emerge dal report annuale di Mediobanca, che analizza però solo le evoluzioni delle prime 150 imprese del vino italiano (in termini di fatturato), potremmo quasi affermare che il turismo del vino è ancora in grave ritardo nel nostro Paese. Secondo il report di Mediobanca, infatti, se ci limitiamo ad analizzare il tema della vendita diretta (che comunque ha una forte connessione anche all’enoturismo), pur essendo crescita in questi ultimi anni è ancora ben sotto la quota del 20%.
Una quota che colloca l’Italia in una graduatoria molto bassa rispetto ad altri importanti territori del vino come Napa Valley in California, Barossa Valley in Australia, Stellenbosh in Sud Africa, ma anche aree viticole europee come lo Champagne, la Borgogna, l’Alsazia, la zona di Wachau in Austria. Tutte zone che registrano numeri decisamente elevati sia in termini di presenze che di vendita diretta (che mediamente oscilla tra il 30 e il 60%).
Ma torniamo al Rapporto delle Città del Vino che ci racconta di almeno 14 milioni annuali di accessi enoturistici tra escursioni e pernottamenti e circa 2,5 miliardi di euro annuali di giro d’affari considerando l’intera filiera enoturistica.
Se questi sono dati incoraggianti dai Comuni, associati a Città del Vino, emergono segnali di disagio a livello “infrastrutturale”: valutazioni insufficienti riguardano sia la qualità dei collegamenti (anche e soprattutto strade) sia la funzionalità degli organismi territoriali come Strade dei Vini e/o dei Sapori.
Quest’ultima possiamo considerarla una “vecchia storia” che testimonia chiaramente come probabilmente debba essere superato il modello “istituzionale” di promozione e organizzazione enoturistica dei nostri territori che per un paio di decenni si è basata sulle Strade del vino.
Non si tratta, ovviamente, di colpevolizzare le Strade del vino che hanno svolto un ruolo strategico fondamentale soprattutto nella prima fase di sviluppo dell’enoturismo in Italia, ma oggi i fabbisogni sono cambiati, le problematiche si sono fatte più complesse e serve un salto di qualità della nostra offerta enoturistica ma anche dei nostri modelli promozionali.
L’aggregazione territoriale, secondo il Rapporto, sembra ancora poco perseguita, se non in pochissimi casi eccellenti. Dobbiamo oggi però chiedersi se questa difficoltà a fare sistema sia da ascrivere al solito cronico spirito individualistico del nostro Paese o ad una oggettiva difficoltà a riconoscersi all’interno di un modello unico.
A nostro parere è essenziale che le aziende inizino un percorso di aggregazione diversificato a seconda dei livelli di offerta enoturistica che si vuole promuovere e proporre.
Serve una maggiore facilità di identificazione dei diversi format enoturistici per evitare un complessivo abbassamento, livellamento dell’immagine enoturistica dei nostri territori del vino.
Ci rendiamo conto come questa sia una tematica complessa ma apriamo ancora una volta lo spazio di Wine Meridian per un confronto tra coloro che oggi hanno sia responsabilità aziendali o istituzionali sul tema enoturistico.
In tal senso, si è sempre più convinti del ruolo strategico che può svolgere l’Associazione Nazionale Città del Vino sui territori, a partire dal rafforzamento dell’Osservatorio del Turismo del Vino tramite la collaborazione con enti istituzionali (in primo luogo, il MIPAAFT) e con enti associativi (costituiti da operatori pubblici e/o privati).
Sempre il Rapporto evidenzia come oggi la spesa media enoturistica sia di 85 euro e sale a circa 150 euro per enoturista se è compreso anche il pernottamento. Seguono Piemonte, Trentino-Alto Adige e Campania. Al di là dell’offerta enoica di questi territori, è da notare anche che sono di per sé territori molto attrattivi da un punto di vista turistico in generale, con il turismo del vino che potrebbe essere ulteriore motivo di piacevole esperienza turistica.
Molto interessanti i dati che sono emersi dall’indagine fatta sia sui Comuni che sulle aziende e gli enoturisti.
Secondo i “Comuni” intervistati gli aspetti sui quali le aziende dovrebbero maggiormente investire per migliorare l’offerta enoturistica sono la formazione del personale e la pubblicità.
Ci sembrano due suggerimenti ragionevoli che testimoniano come oggi lo sviluppo dell’enoturismo in Italia è fortemente condizionato da un numero limitato di risorse umane competenti sul fronte dell’accoglienza in azienda. Come pure è necessaria una comunicazione dell’offerta enoturistica più coerente alle aspettative e fabbisogni dei turisti del vino. Spesso ci capita di leggere siti aziendali o di Strade del vino che descrivono le possibili opzioni enoturistiche con modalità molto generiche e superficiali che difficilmente possono essere utilizzate dai potenziali enoturisti.
Nel sondaggio rivolto, invece, alle cantine, emerge come esse si concentrino sostanzialmente in tre attività enoturistiche: vendita diretta, degustazioni e visita della cantina. Dal sondaggio, sempre sul fronte aziende, emerge ancora un notevole limite all’accessibilità a cantina e vigneti per i disabili e non si tratta di una lacuna di poco conto.
Infine le aspettative degli enoturisti intervistati: circa il 65% si è dichiarato “escursionista” e questo la dice lunga su questa tipologia di turismo che implica molte più informazioni, dettagli, servizi rispetto ad altri format turistici più “standardizzabili”.
L’escursionista, infatti, richiede un’offerta fatta su misura e questo complica ulteriormente l’organizzazione delle aziende ma anche dei territori del vino sul fronte del turismo del vino.
Turisti del vino “escursionisti” che in gran parte esauriscono la loro visita enoturistica nell’arco della giornata. Un altro elemento che obbliga le aziende e i territori del vino ad una organizzazione molto serrata, capace di offrire in tempi brevi il miglior servizio possibile.
Insomma c’è ancora molto da fare ma riteniamo che il Turismo del vino in Italia abbia non solo molti margini di miglioramento ma sia una via che non può più essere assolutamente sottovalutata, anche da quelle aziende che hanno la fortuna di essere in denominazioni vincenti sui mercati e che troppo spesso non considerano “strategico” lo sviluppo della loro attività enoturistica.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nel Customer Comunication Report, realizzato da Twilio, emerge come 7 aziende su 10 pensano di comunicare efficacemente con i propri clienti, ma solo 2 su 10 consumatori sono d’accordo
venerdi 28 febbraio 2020

Ma i consumatori sono soddisfatti della comunicazione delle aziende?

Nel Customer Comunication Report, realizzato da Twilio, emerge come 7 aziende su 10 pensano di comunicare efficacemente con i propri clienti, ma solo 2 su 10 consumatori sono d’accordo

Fabio Piccoli
Oltre 5 miliardi di perdite, turismo già in difficoltà, PIL 2020 stimato a -0,1%: a rischio 15mila aziende e 60mila posti di lavoro. giovedi 27 febbraio 2020

Coronavirus e stime PIL Italia, tutti concordi sarà recessione

Oltre 5 miliardi di perdite, turismo già in difficoltà, PIL 2020 stimato a -0,1%: a rischio 15mila aziende e 60mila posti di lavoro.

Emanuele Fiorio
I nemici da affrontare nel 2020? A parte le guerre commerciali e la situazione politica, il vino dovrà fare i conti con un surplus di prodotto, con la fine della premiumizzazione e nuove generazioni che non interagiscono come sperato. giovedi 27 febbraio 2020

Le previsioni 2020 nel mercato americano

I nemici da affrontare nel 2020? A parte le guerre commerciali e la situazione politica, il vino dovrà fare i conti con un surplus di prodotto, con la fine della premiumizzazione e nuove generazioni che non interagiscono come sperato.

Agnese Ceschi
I produttori che verranno a Vilnius il 22 e 23 maggio troveranno una porta aperta verso i Paesi Baltici e la Bielorussia giovedi 27 febbraio 2020

Un viaggio alla scoperta del promettente mercato lituano

I produttori che verranno a Vilnius il 22 e 23 maggio troveranno una porta aperta verso i Paesi Baltici e la Bielorussia

Traduzione di un articolo di Michele Shah
Un approfondimento di due giornate per affrontare al meglio il “nuovo” mercato italiano del vino giovedi 27 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian 2020: 18 e 19 giugno focus Vendita Italia

Un approfondimento di due giornate per affrontare al meglio il “nuovo” mercato italiano del vino

Cristian Fanzolato
Dal 22 al  23 maggio in Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande. giovedi 27 febbraio 2020

Vyno Dienos 2020: partecipa con Wine Meridian ad uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Dal 22 al 23 maggio in Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Decisione concertata con le principali associazioni di settore, il presidente della Regione del Veneto ed il sindaco di Verona. Il dg Mantovani: «Il settore vino sia svolta positiva per il Paese». mercoledi 26 febbraio 2020

Veronafiere: Vinitaly conferma la data nella terza decade di Aprile 2020 (19/22)

Decisione concertata con le principali associazioni di settore, il presidente della Regione del Veneto ed il sindaco di Verona. Il dg Mantovani: «Il settore vino sia svolta positiva per il Paese».

In controtendenza, aumentano consumi, categorie, produzione, superfici, export, il biologico appare inarrestabile. mercoledi 26 febbraio 2020

Mercato vino in flessione? il bio crescerà a 3 cifre

In controtendenza, aumentano consumi, categorie, produzione, superfici, export, il biologico appare inarrestabile.

Emanuele Fiorio
Realtà storica, leader nella distribuzione con un occhio di riguardo per piccole realtà dal grande potenziale. mercoledi 26 febbraio 2020

Gruppo Meregalli, inossidabile certezza

Realtà storica, leader nella distribuzione con un occhio di riguardo per piccole realtà dal grande potenziale.

Emanuele Fiorio
Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud
mercoledi 26 febbraio 2020

B2B a Toronto: ultimi giorni per aderire

Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud

Strumenti pratici ed efficaci per espandere il vostro business all’estero, una singolare combinazione di conoscenze linguistiche, commerciali e di marketing relazionale martedi 25 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian 2020: 16 e 17 giugno due giornate di “English for wineries”

Strumenti pratici ed efficaci per espandere il vostro business all’estero, una singolare combinazione di conoscenze linguistiche, commerciali e di marketing relazionale

Cristian Fanzolato
We have tasted for you Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore tuesday 25 february 2020

Italian wines in the world: Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore

We have tasted for you Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore

Come imparare a gestire le situazioni “critiche” di vendita, analizzando il proprio stile di comunicazione.

Come si conduce una trattativa di vendita?

Come imparare a gestire le situazioni “critiche” di vendita, analizzando il proprio stile di comunicazione.

Circa 4mila visitatori per il debuttto dell'annata 2015. lunedi 24 febbraio 2020

Vino: chiusura a 5 stelle per Benvenuto Brunello 2020

Circa 4mila visitatori per il debuttto dell'annata 2015.

Due giornate dedicate ad una figura sempre più strategica per l’export del vino, in dettaglio programma e modulo di iscrizione lunedi 24 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian: Multibrand Export Manager il 6 e 7 maggio

Due giornate dedicate ad una figura sempre più strategica per l’export del vino, in dettaglio programma e modulo di iscrizione

Cristian Fanzolato
Dazi americani e coronavirus cinese sono una combo micidiale per il mercato 2020, previsioni al ribasso e allarme diffuso. lunedi 24 febbraio 2020

Il coronavirus contagia l’industria degli alcolici

Dazi americani e coronavirus cinese sono una combo micidiale per il mercato 2020, previsioni al ribasso e allarme diffuso.

Emanuele Fiorio


WineMeridian