Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 23 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs
lunedi 29 gennaio

Da Gibellina i vini siciliani di Cantine Ermes conquistano 23 Paesi

Il gruppo Cantine Ermes - Tenute Orestiadi conferma la crescita chiudendo in positivo il 2017


Da Gibellina i vini siciliani di Cantine Ermes conquistano 23 Paesi
Con 62 milioni di euro di fatturato, il gruppo "Cantine Ermes - Tenute Orestiadi" chiude il 2017, registrando un trend di crescita e dunque un importante risultato commerciale. Nel corso degli ultimi anni, la cooperativa sociale Cantine Ermes è stata protagonista di una ponderata e consapevole crescita, che la porta ad essere una grande realtà siciliana.
I dati che emergono dal bilancio confermano di fatto l’incremento del tutto positivo per l'azienda, la cui sede si trova nel cuore della valle del Belice, tra i comuni di Gibellina e Santa Ninfa.

“A vent’anni dalla costituzione di Cantine Ermes abbiamo raggiunto con il bilancio appena approvato obiettivi molto importanti. - illustra il presidente Cantine Ermes/Tenute Orestiadi Rosario Di Maria - Oggi i nostri soci sono 2008 per un totale di 9141 ettari di vigneto, tra cui oltre 2500 in biologico, 8 i siti produttivi, 62 milioni il fatturato totale raggiunto e 23 i Paesi dove esportiamo. Il totale delle bottiglie prodotte è di 9 milioni”.

Una delle realtà vitivinicole più produttive dell’Isola, che si prepara con grinta e determinazione ad affrontare il nuovo anno e che ad oggi con serenità afferma di avere composto “un insieme di identità”.
Alla base infatti un unico progetto, rappresentato da oltre 2000 vignaioli, estremamente diversi tra di loro, che pur operando in aree con terroir differenti, cooperano completando il mosaico di sapori della produzione enologica firmata Ermes-Tenute Orestiadi. Una storia che inizia da lontano e che si arricchisce, nel corso del tempo, di tasselli e passi, piccoli e grandi, fatti in sinergia.
“Adesso, forti di questo risultato, -
aggiunge Di Maria - ci proiettiamo al 2018 con lo stesso impegno ed entusiasmo, puntando a consolidare, ma anche incrementare la produzione e il fatturato. I punti distintivi di Cantine Ermes saranno sempre gli stessi: qualità, attenzione ai nostri
soci e al mondo del bio e
, in particolare, alla sostenibilità dell’azienda. Vogliamo, in questo modo, preservare il nostro territorio, salvaguardando la sua identità e attraverso questa, conquistare nuovi mercati e opportunità”.

Il successo dell’azienda sul piano commerciale deriva in particolare dalla passione per il territorio e dall'apprezzamento, sia in Italia che all’Estero, della qualità dei prodotti. Nel mercato della grande distribuzione l’azienda ha raggiunto ottimi risultati con i marchi “Marchese Montefusco”, “Vento di Mare” e diverse private label, nel canale HO.RE.CA invece con “Tenute Orestiadi” e “Molino a Vento”. I vini hanno varcato le frontiere di numerosi Paesi europei, oltre al Canada, Usa, Brasile, Australia, Russia, Giappone e Cina.

“Il fatturato conseguito nell’anno 2017 riscontra un incremento rispetto all’anno precedente pari a +28%, con un +21% ottenuto nel mercato italiano e +41% nell’export in crescita - spiega il
direttore commerciale Pietro Parisi - con un interesse del consumatore verso alcuni specifici vitigni nativi siciliani ‘Perricone’ e ‘Catarratto’. Ottimo risultato sul mercato per la vendemmia tardiva di Zibibbo ‘Pacenzia’.
Lisa Sanfilippo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Ma le Anteprime a cosa dovrebbero servire?

Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Fabio Piccoli
Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani

Noemi Mengo
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo


WineMeridian