Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 22 agosto 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com Tebaldi

Da Planeta a scuola di “Vino e Cultura”

Alla nota azienda siciliana il Premio Gavi “La Buona Italia”, un riconoscimento importante per la straordinaria attività di promozione dei vini attraverso diversi strumenti “culturali”


Da Planeta a scuola di “Vino e Cultura”
Si fa presto ad evidenziare l’importanza del binomio “vino e cultura”, ma poi, se si va a guardare, spesso si tratta di enunciazioni teoriche o che si concentrano esclusivamente in qualche sporadica iniziativa senza nessuna specifica professionalità e relativa efficace comunicazione.
Da questo presupposto è nato tre anni fa il Premio Gavi “La Buona Italia” " fortemente voluto e organizzato dal Consorzio di tutela del Gavi - al quale abbiamo la fortuna di poter partecipare nella veste di giurati, che vuole non solo premiare le migliori iniziative che mettono a valore il rapporto tra vino, cibo, arti e cultura, ma anche analizzare questo “complesso universo”.
Per decenni, infatti, si è teorizzato sul legame tra vino e cultura (in tutte le sue più importanti espressioni) ma raramente si è approfondito questo tema.
E il modo migliore per farlo è quello di andare a vedere “sul campo” quello che le aziende, i consorzi, i diversi enti territoriali coinvolti a vario livello nella filiera vitivinicola, realizzano sfruttando il binomio vino e cultura.
Quest’anno sono arrivati al Laboratorio Gavi ben 276 progetti che sono stati mappati con accuratezza e professionalità prima di essere inviati alla valutazione dei 21 giurati.
Vincitore è risultata l’azienda siciliana Planeta con il suo progetto Planeta Vis 7 " Viaggio in Sicilia " The Ambassador Experience.
Si tratta di un progetto veramente straordinario durante il quale i partecipanti sono accompagnati attraverso sei tappe nel “continente” del vino siciliano non solo a conoscere i grandi vitigni autoctoni dell’Isola ma anche a vivere le incredibili atmosfere di questa terra unica. L’obiettivo è quello di creare ambasciatori nel mondo di questa terra capace come poche altre di esaltare sia valori produttivi (eccellenze enologiche) sia valori culturali (dallo straordinario patrimonio gastronomico, agli innumerevoli siti storico/archeologici, ecc.).
In questo progetto Planeta è riuscita a racchiudere anni di esperienze e di importanti investimenti frutto, a nostro parere, di due presupposti fondamentali: la straordinaria professionalità; il mettersi in gioco continuo da parte dei titolari dell’azienda.
Abbiamo avuto la fortuna di conoscere prima il grande Diego Planeta che si può considerare uno dei padri più autorevoli della vitivinicoltura di qualità siciliana; tra coloro che è riuscito a portare l’enologia siciliana ai vertici della reputazione mondiale. Uno sforzo non solo sul fronte “viticolo”, ma anche e, ci verrebbe da scrivere soprattutto, su quello culturale.
Grazie a uomini come Diego Planeta abbiamo imparato a capire l’importanza del binomio inscindibile tra vino e cultura in questa incredibile terra.
Un binomio che viene oggi portato avanti con coraggio e competenza anche da Francesca e Alessio Planeta.
Solo da ciò possono nascere progetti del valore di Planeta Vis.
Non è un caso, quindi, che la menzione speciale del Premio sia andata alla Fondazione Lungarotti, un’altra grande famiglia del vino italiana che è stata capace, prima di altre, ad investire sul legame storico tra il vino e tutte le diverse espressioni culturali.
La Fondazione Lungarotti, in particolare, con i suoi Musei Muvit e Moo, rispettivamente del vino e dell’olio, dimostra da decenni l’impegno quotidiano alla divulgazione, al recupero e alla promozione della viticoltura e dell’olivicoltura, fulcro dell’economia rurale, locale e nazionale italiana, con visite guidate, percorsi didattici, ristorazione e pernottamento.
La seconda menzione speciale è andata, invece, al Consorzio di tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore docg per l’azione intrapresa a favore della produzione del territorio, tra cui la candidatura Unesco e i restauri di quattro opere, ora accessibili al pubblico, in occasione della mostra “Bellini e i belliniani”.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Lunedì 18 settembre a Verona si terrà il Wine Export Manager Day, il primo appuntamento dedicato esclusivamente agli export manager del vino italiano. Un evento dove confrontarsi sul tema dell’export e soprattutto sul ruolo strategico di questa figura professionale fondamentale per il settore vitivinicolo italiano

Wine Export Manager Day: partecipa il 18 settembre alla prima giornata dell’Export Manager del vino

Lunedì 18 settembre a Verona si terrà il Wine Export Manager Day, il primo appuntamento dedicato esclusivamente agli export manager del vino italiano. Un evento dove confrontarsi sul tema dell’export e soprattutto sul ruolo strategico di questa figura professionale fondamentale per il settore vitivinicolo italiano

Una ricerca sull'enoturismo condotta da MIB Trieste School of Management e Wine Intelligence mercoledi 16 agosto

I vini friulani tra export ed ospitalità

Una ricerca sull'enoturismo condotta da MIB Trieste School of Management e Wine Intelligence

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder

Sulle Comete di Alois Lageder per guardare più lontano

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder

Fabio Piccoli
Per tutti gli interessati ad accrescere il proprio know-how sul business del vino, la MIB Trieste School of Management apre le iscrizioni al programma Wine Business Management (WBM) che inizierà il prossimo 30 novembre 2017. giovedi 10 agosto

Un Master per il Business del Vino

Per tutti gli interessati ad accrescere il proprio know-how sul business del vino, la MIB Trieste School of Management apre le iscrizioni al programma Wine Business Management (WBM) che inizierà il prossimo 30 novembre 2017.

Lo dice il rapporto sul primo semestre 2017 dell'Italian Wine and Food Institute mercoledi 09 agosto

L'Italia mantiene le posizioni nel mercato USA

Lo dice il rapporto sul primo semestre 2017 dell'Italian Wine and Food Institute

Lo dice il giovane talento Oliver Zhou, tra i fondatori della piattaforma cinese Vinehoo.com martedi 08 agosto

Il vino italiano? Ha bisogno di una voce unificata che si rivolga ai giovani consumatori cinesi

Lo dice il giovane talento Oliver Zhou, tra i fondatori della piattaforma cinese Vinehoo.com

Agnese Ceschi
We tasted for you Paternoster winery’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016 sabato 05 agosto

Italian Wines in the World: Paternoster’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016

We tasted for you Paternoster winery’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016

Lorena Lancia (best sommelier FISAR 2016)
Intervista a tutto campo a Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e tra i principali protagonisti della vitienologia moderna

Umile e competente sul mercato: l’identikit dell’enologo del futuro

Intervista a tutto campo a Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e tra i principali protagonisti della vitienologia moderna

Fabio Piccoli
Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini giovedi 03 agosto

Mario Primo, quando il Chianti diventa trasgressivo

Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici mercoledi 02 agosto

Veloce o lento?

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici

Agnese Ceschi
Tra le straordinarie peculiarità del cibo, delle produzioni tipiche della terra vi è quella della naturale tolleranza ed integrazione culturale. Lo straordinario esempio della prima esperienza dello Scirocco Wine Fest, dove culture enogastronomiche del Mediterraneo si incontrano

Nel cibo le “diversità” uniscono

Tra le straordinarie peculiarità del cibo, delle produzioni tipiche della terra vi è quella della naturale tolleranza ed integrazione culturale. Lo straordinario esempio della prima esperienza dello Scirocco Wine Fest, dove culture enogastronomiche del Mediterraneo si incontrano

Lavinia Furlani
Intervista al General Manager, Roberto Sanso, del ristorante italiano Quattro Gastronomia Italiana a South Beach lunedi 31 luglio

Ristorazione a Miami: il rapporto vino-piatto è fondamentale nella scelta del consumatore

Intervista al General Manager, Roberto Sanso, del ristorante italiano Quattro Gastronomia Italiana a South Beach

Agnese Ceschi
Si è aperta a Gibellina la prima edizione dello Scirocco Wine Fest, un evento innovativo che vuole fare della Sicilia il punto di riferimento della vitienologia del Mediterraneo

Scirocco Wine Fest, quando il vino unisce il Mediterraneo

Si è aperta a Gibellina la prima edizione dello Scirocco Wine Fest, un evento innovativo che vuole fare della Sicilia il punto di riferimento della vitienologia del Mediterraneo

Fabio Piccoli
We tasted for you Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013 sabato 29 luglio

Italian Wines in the World: Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013

We tasted for you Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013

Lorena Lancia (miglior sommelier FISAR 2016)


WineMeridian