Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
lunedi 18 dicembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura Tommasi Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ mackenzie
lunedi 25 settembre

Dalla gestione dell'appassimento alla gestione del vigneto, il futuro della viticoltura di qualità in Valpolicella va in questa direzione

Sempre più necessario un approccio scientifico alla vigna, come dichiara il dg ed enologo di Cantina Valpolicella Negrar, Daniele Accordini


Dalla gestione dell'appassimento alla gestione del vigneto, il futuro della viticoltura di qualità in Valpolicella va in questa direzione
"Un calo consistente del 20, forse anche del 25 per cento, in ogni caso più di quanto avevamo previsto all'inizio, quando si prefigurava del 10/15 per cento". A metà vendemmia negli oltre 700 ettari di vigneto coltivati da 230 soci, Daniele Accordini, dg ed enologo di Cantina Valpolicella Negrar, stima un calo importante delle rese. Calo che sarà probabilmente mitigato dalla pioggia di questi ultimi giorni, che ha fatto sospendere la raccolta delle uve per l'Amarone, per cui sono necessarie condizioni meteo ottimali, ma che stanno portando refrigerio in alcune aree della Valpolicella, facendo sì che i grappoli recuperino in parte la perdita di peso estiva. A differenza dall'andamento negativo nazionale, Accordini si dichiara comunque moderatamente positivo e pronostica qualitativamente un'annata buona per la Valpolicella Classica. L'aspettativa è di avere vini Amarone di grande longevità. Oramai il 70/80 per cento delle uve della Valpolicella sono già state messe in appassimento con buoni valori in fatto di zuccheri e di sostanze polifenoliche. La vendemmia migliore sarà senza dubbio quella collinare, in cui nei mesi passati c'è stata maggiore piovosità e le temperature diurne e notturne sono state più basse, garantendo così un’ottima attività fotosintetica e maggiori escursioni termiche.

La gestione dell'appassimento ha determinato il successo della Valpolicella, ma ora è tempo di guardare alla gestione del vigneto. Aggiunge Accordini: "Sono tra coloro che ritengono i fenomeni di elevata temperatura ricorrenti nel tempo, basti pensare a quanto scriveva Michelangelo Mariani, autore de “Trento con il Sacro Concilio et altri notabili” (1673), che raccontava come nel '500 nella provincia trentina si raccogliessero le uve a fine luglio. Inoltre, paradossalmente, il maggior gradiente termico occorso in questi ultimi anni, consente alle nostre uve rosse tardive Corvina, Corvinone e Rondinella una maturazione più corretta. Ciò detto, dobbiamo prepararci ad affrontare stagioni sempre più calde. In Valpolicella abbiamo lavorato molto sullo studio delle tecniche di appassimento, garantendo ogni anno un’ottima conservazione delle uve sino a gennaio, ma ora dobbiamo spostare la nostra attenzione sulla gestione del vigneto. Perché, compatibilmente con le condizioni meteo, che la fanno sempre da padrone, la viticoltura di qualità del futuro verrà fatta da chi adotterà le tecniche fornite dalla scienza. Ad esempio, occorrerà impiegare le selezioni di portainnesti resistenti alla siccità (Generazione M dell’Università di Milano), nonché i cloni più resistenti all'aridità e i sistemi di allevamento più protettivi, bisognerà ripensare agli inerbimenti e adottare le giuste pratiche di sfogliatura, ma soprattutto, sarà necessario dotare i fondi agricoli di acqua, elemento oggi imprescindibile per ottenere la qualità".

A proposito di appassimento."Qualità che, ancora una volta, non può che essere frutto di ciò che noi intendiamo per terroir: territorio, vite e lavoro dell’uomo", aggiunge Renzo Bighignoli, presidente di Cantina Valpolicella Negrar, che ha da poco inaugurato con i soci lo spazio di 2.700 metri quadrati destinato in futuro a magazzino, oggi usato per l'appassimento, in attesa di un nuovo fruttaio che sarà creato nell'ambito della riqualificazione della cantina. Ricordiamo che la cantina gestisce in media ogni anno l'appassimento naturale assistito di 3 milioni di chili di uve, raccolte e selezionate a mano, di varietà destinate alla produzione di Amarone e Recioto. 


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L'opinione dell'esperta Felicity Carter su enoturismo ed esempi eccellenti nel mondo lunedi 18 dicembre

L'Enoturismo oggi: tra esperienza e collaborazione

L'opinione dell'esperta Felicity Carter su enoturismo ed esempi eccellenti nel mondo

We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015 saturday 16 december

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra sabato 16 dicembre

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer. venerdi 15 dicembre

Igers Veneto, la comunità veneta di instagram, brinda al Natale al caffè Dante di Verona

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer.

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

venerdi 15 dicembre

In Giappone, dove le potenzialità di sviluppo sono ancora tante

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

Fabio Piccoli
Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator giovedi 14 dicembre

A Miami il vino italiano risveglia i ricordi dei turisti

Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo
mercoledi 13 dicembre

The Wine Net sbarca in Giappone

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

Il Venditore di vino tradizionale è in via di estinzione

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero. mercoledi 13 dicembre

Consorzio Vini Venezia - una storia con radici profonde, 5 denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio!

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero.

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Monte Zovo, dove qualità fa rima con modernità

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta martedi 12 dicembre

Cina, dove l’Italia del vino sbaglia tutto

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta

Fabio Piccoli
Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano lunedi 11 dicembre

Nasce a Castiglione del Lago 'Il Coordinamento Nazionale delle Strade del Vino, dell'Olio e dei Sapori italiani'

Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra lunedi 11 dicembre

L’International Bulk Wine and Spirits Show sbarca a Londra

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi lunedi 11 dicembre

Impasse italiano negli Usa, Francia allunga

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi



WineMeridian