Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
lunedi 29 maggio 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura Tommasi winethics Wine2Digital WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC Apollonio www.farinatransparency.com HKIWSC IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah
martedi 21 marzo

Danimarca: aumenta sempre di più il consumo off-trade e salgono i prezzi

In base al rapporto recentemente pubblicato da Wine Intelligence dal titolo Denmark Landscapes 2017, condividiamo alcune indicazioni sul mercato scandinavo e i suoi consumatori


Danimarca: aumenta sempre di più il consumo off-trade e salgono i prezzi
L'ultima ricerca di Wine Intelligence con focus sulla Danimarca risale al 2013. Dopo quattro anni, l'agenzia inglese che si occupa di ricerche di mercato torna a rivolgere la sua attenzione al piccolo Paese nordeuropeo, per trovare un mercato sempre molto attivo ed interessante, ma con alcune significative differenze rispetto al recente passato.
Partiamo, come nostro solito, da alcuni numeri che ben inquadrano questo mercato. Secondo lo studio Compass 2016-2017, sempre pubblicato da Wine Intelligence, la Danimarca si posiziona al 14° posto tra i mercati del vino più attrattivi al mondo. Per essere una nazione così piccola, ha una popolazione di consumatori regolari (che bevono vino almeno una volta la mese) di 3 milioni di persone, ma soprattutto un consumo medio pro capite di 35 litri, significativamente di più dei vicini tedeschi, svedesi, norvegesi e olandesi. Infatti, secondo i dati dell'IWSR, la Danimarca occupa le nona posizione mondiale per consumo di vino, mentre Svezia e Norvegia, ad esempio, si posizionano rispettivamente solo al 21esimo e 37esimo posto.

Altra condizione favorevole del mercato danese è data dal fatto che, in mancanza di una produzione interna, per ovvie ragioni climatiche, la totalità del mercato del vino sia affidata alle importazioni da altri Paesi. La posizione geografica e la comune appartenenza al mercato unico europeo fanno sì che Italia, Francia e Spagna siano privilegiati e non a caso si posizionano nella top five dei Paesi d'importazione. Tuttavia i danesi si dimostrano molto aperti e desiderosi di sperimentare vini da tutto il mondo. Cile, Sudafrica, Australia, California e Argentina si trovano nella top ten dei consumi, ma soprattutto, dato che dovrebbe far riflettere, appartengono a produzioni del Nuovo Mondo ben quattro dei cinque brand più venduti in Danimarca. Tra i vini più bevuti negli ultimi sei mesi, spiccano le varietà internazionali più classiche: Merlot e Cabernet Sauvignon tra i rossi e Chardonnay e Sauvignon Blanc tra i bianchi.

Le differenze maggiori rispetto al report del 2013 si registrano nei comportamenti di consumo. I supermercati restano il principale canale di vendita, anche se canali off-trade alternativi hanno avuto una crescita sostanziale negli ultimi quattro anni. Oggi anche il consumatore danese tende a bere più spesso, ma in occasioni informali a casa ed è dunque disposto a spendere di più per una bottiglia di vino off-trade. Questa tendenza ha avuto naturali conseguenza sugli acquisti on-trade. A ciò si aggiunge che del 2013 c'è stato un aumento delle tasse sul vino, che ha comportato un relativo aumento dei prezzi, tanto più evidente proprio nell'on-trade. Tuttavia gli analisti ritengono che i consumatori si adatteranno presto al cambiamento, riportandoli ai precedenti comportamenti d'acquisto anche nell'on-trade. Questo anche perché i danesi danno molta importanza all'abbinamento cibo-vino, rilevata come principale motivazione per la scelta di un vino da parte di tutti i segmenti d'età analizzati. 

Per concludere, il 90% del campione analizzato afferma che bere vino è una fonte di piacere. E su questo non potremmo essere più d'accordo con i danesi. 
Alice Alberti

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Continua la rubrica lunedi 29 maggio

Il complicato sistema americano del Three Tier System

Continua la rubrica "legale" applicata al mondo del vino con gli esperti dello Studio Legale Withers

L’ultimo rapporto Istat sul consumo di alcolici ha evidenziato ancora una volta l’aumento dei consumatori saltuari che rappresentano oltre il 53% dei consumatori di vino del nostro Paese. In crescita costante anche il consumo fuori pasto. Cosa implica tutto questo per la nostra filiera vitivinicola?

Il consumo del vino in Italia sempre più saltuario e fuori pasto

L’ultimo rapporto Istat sul consumo di alcolici ha evidenziato ancora una volta l’aumento dei consumatori saltuari che rappresentano oltre il 53% dei consumatori di vino del nostro Paese. In crescita costante anche il consumo fuori pasto. Cosa implica tutto questo per la nostra filiera vitivinicola?

Fabio Piccoli
Il pensiero coraggioso, talvolta rivoluzionario, quasi sempre in controtendenza, di Claudio Farina, titolare di una delle aziende più storiche della Valpolicella

Il mercato del vino visto da Claudio Farina

Il pensiero coraggioso, talvolta rivoluzionario, quasi sempre in controtendenza, di Claudio Farina, titolare di una delle aziende più storiche della Valpolicella

Fabio Piccoli
Focus sulla degustazione di più di 80 vini e la loro importanza nei diversi mercati internazionali giovedi 25 maggio

Aperte le iscrizioni al corso di WSET livello 3

Focus sulla degustazione di più di 80 vini e la loro importanza nei diversi mercati internazionali

Interessante ricerca sulle innovazioni di marketing

Tutto quello che sai sul vino è sbagliato

Interessante ricerca sulle innovazioni di marketing

Fabio Piccoli
Come rendere efficace la vostra promozione grazie agli strumenti di Wine Meridian mercoledi 24 maggio

Quattro buone ragioni per scegliere la promozione su Wine Meridian

Come rendere efficace la vostra promozione grazie agli strumenti di Wine Meridian

L’intervista a Marino Braccu, Sommelier e General Manager del ristorante tristellato 8½ Otto e Mezzo BOMBANA di Hong Kong. martedi 23 maggio

“Tipicità e qualità” fanno rima con “alta cucina”

L’intervista a Marino Braccu, Sommelier e General Manager del ristorante tristellato 8½ Otto e Mezzo BOMBANA di Hong Kong.

Dal 26 al 28 maggio in Maremma 3 giorni per addetti ai lavori, istituzioni e  pubblico generico per un confronto di saperi e sapori lunedi 22 maggio

Maremma Toscana Meets Bordeaux: Forum Invention Talent in Open World

Dal 26 al 28 maggio in Maremma 3 giorni per addetti ai lavori, istituzioni e pubblico generico per un confronto di saperi e sapori

Come le nuove tecnologie posso aiutarci a conoscere il cliente, a vendere di più e meglio? lunedi 22 maggio

Siamo ancora troppo indietro rispetto alle nuove frontiere del digitale

Come le nuove tecnologie posso aiutarci a conoscere il cliente, a vendere di più e meglio?

Alice Alberti
We tasted for you Le Bombarde Cannonau di Sardegna doc 2015 by Cantina Santa Maria La Palma from Alghero, Sardinia

Italian Wines in the World: Le Bombarde Cannonau di Sardegna doc 2015 by Cantina Santa Maria La Palma

We tasted for you Le Bombarde Cannonau di Sardegna doc 2015 by Cantina Santa Maria La Palma from Alghero, Sardinia

Dai primi risultati della nostra indagine sui fabbisogni in risorse umane delle aziende vitivinicole italiane, presentata a Wine2Digital,  emerge come la gran parte di esse (oltre il 70%) dichiara di avere bisogno di aumentare la propria struttura ma questa necessità è spesso rallentata soprattutto da investimenti in altre aree tecniche dell’impresa
venerdi 19 maggio

Quasi tutti sono alla ricerca di risorse umane ma…..

Dai primi risultati della nostra indagine sui fabbisogni in risorse umane delle aziende vitivinicole italiane, presentata a Wine2Digital, emerge come la gran parte di esse (oltre il 70%) dichiara di avere bisogno di aumentare la propria struttura ma questa necessità è spesso rallentata soprattutto da investimenti in altre aree tecniche dell’impresa

Fabio Piccoli


WineMeridian