Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 23 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com
martedi 21 marzo

Danimarca: aumenta sempre di più il consumo off-trade e salgono i prezzi

In base al rapporto recentemente pubblicato da Wine Intelligence dal titolo Denmark Landscapes 2017, condividiamo alcune indicazioni sul mercato scandinavo e i suoi consumatori


Danimarca: aumenta sempre di più il consumo off-trade e salgono i prezzi
L'ultima ricerca di Wine Intelligence con focus sulla Danimarca risale al 2013. Dopo quattro anni, l'agenzia inglese che si occupa di ricerche di mercato torna a rivolgere la sua attenzione al piccolo Paese nordeuropeo, per trovare un mercato sempre molto attivo ed interessante, ma con alcune significative differenze rispetto al recente passato.
Partiamo, come nostro solito, da alcuni numeri che ben inquadrano questo mercato. Secondo lo studio Compass 2016-2017, sempre pubblicato da Wine Intelligence, la Danimarca si posiziona al 14° posto tra i mercati del vino più attrattivi al mondo. Per essere una nazione così piccola, ha una popolazione di consumatori regolari (che bevono vino almeno una volta la mese) di 3 milioni di persone, ma soprattutto un consumo medio pro capite di 35 litri, significativamente di più dei vicini tedeschi, svedesi, norvegesi e olandesi. Infatti, secondo i dati dell'IWSR, la Danimarca occupa le nona posizione mondiale per consumo di vino, mentre Svezia e Norvegia, ad esempio, si posizionano rispettivamente solo al 21esimo e 37esimo posto.

Altra condizione favorevole del mercato danese è data dal fatto che, in mancanza di una produzione interna, per ovvie ragioni climatiche, la totalità del mercato del vino sia affidata alle importazioni da altri Paesi. La posizione geografica e la comune appartenenza al mercato unico europeo fanno sì che Italia, Francia e Spagna siano privilegiati e non a caso si posizionano nella top five dei Paesi d'importazione. Tuttavia i danesi si dimostrano molto aperti e desiderosi di sperimentare vini da tutto il mondo. Cile, Sudafrica, Australia, California e Argentina si trovano nella top ten dei consumi, ma soprattutto, dato che dovrebbe far riflettere, appartengono a produzioni del Nuovo Mondo ben quattro dei cinque brand più venduti in Danimarca. Tra i vini più bevuti negli ultimi sei mesi, spiccano le varietà internazionali più classiche: Merlot e Cabernet Sauvignon tra i rossi e Chardonnay e Sauvignon Blanc tra i bianchi.

Le differenze maggiori rispetto al report del 2013 si registrano nei comportamenti di consumo. I supermercati restano il principale canale di vendita, anche se canali off-trade alternativi hanno avuto una crescita sostanziale negli ultimi quattro anni. Oggi anche il consumatore danese tende a bere più spesso, ma in occasioni informali a casa ed è dunque disposto a spendere di più per una bottiglia di vino off-trade. Questa tendenza ha avuto naturali conseguenza sugli acquisti on-trade. A ciò si aggiunge che del 2013 c'è stato un aumento delle tasse sul vino, che ha comportato un relativo aumento dei prezzi, tanto più evidente proprio nell'on-trade. Tuttavia gli analisti ritengono che i consumatori si adatteranno presto al cambiamento, riportandoli ai precedenti comportamenti d'acquisto anche nell'on-trade. Questo anche perché i danesi danno molta importanza all'abbinamento cibo-vino, rilevata come principale motivazione per la scelta di un vino da parte di tutti i segmenti d'età analizzati. 

Per concludere, il 90% del campione analizzato afferma che bere vino è una fonte di piacere. E su questo non potremmo essere più d'accordo con i danesi. 
Alice Alberti

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Ma le Anteprime a cosa dovrebbero servire?

Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Fabio Piccoli
Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani

Noemi Mengo
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo


WineMeridian