Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it
giovedi 08 novembre 2018

Danimarca: dove il biologico è di casa

Intervista all'esperto di vini italiani Thomas Ilkjaer a un giorno dall'inizio dell'evento Organic Value


Danimarca: dove il biologico è di casa

Thomas Ilkjaer


A un giorno dall'inizio dall'evento Organic Value di cui siamo partner, che porterà a Copenhagen piú di 25 produttori di biologico italiano in un evento unico in terra danese venerdì 9 novembre, abbiamo intervistato Thomas Ilkjaer, giornalista ed esperto di vino, responsabile della scuola per sommelier Vinakademiet di Copenhagen e autore della più importante guida ai vini italiani nei paesi del Nord Europa. Con lui abbiamo chiacchierato di vino italiano in Danimarca, di biologico e di come sia stato preso all'amo dal Barolo e da allora non abbia più abbandonato il suo amore per i vini del Belpaese.

Qual è ad oggi la situazione del consumo del vino italiano in Danimarca? Quali sono i vini piú trendy?
I vini italiani rappresentano i leader del mercato vinicolo in Danimarca. Questa situazione è consolidata ormai dal 2010 e la quota di mercato media è del 21% secondo i dati 2013-2016. Pensare che nel 2000 era al 10,9%. Questo incremento è dovuto probabilmente al consistente volume di vini come il Valpolicella Ripasso e di vini IGT dalla Puglia e dalla Sicilia, che hanno un enorme successo da diverso tempo. All’altro capo del mercato (ristoranti di fascia alta, consumatori particolarmente interessati) i vini piemontesi, e specialmente il Nebbiolo, sembra che stiano ottenendo grandi consensi così come i vini dell’Etna.

Qual è la situazione del consumo e dell’importazione dei vini organici?
Oggi avere dei vini organici da offrire è un must nel mercato danese. La Danimarca è uno dei Paesi al mondo con la più alta quota di mercato di cibi biologici; lo stesso trend ha interessato anche il business del vino. Da 10 anni il vino organico sta vivendo una forte crescita e ad oggi lo si può trovare dovunque.

Cosa pensi di Organic Value? Per la prima volta dei produttori italiani di vini biologici presenteranno i loro prodotti in un evento specifico dedicato unicamente all’organic.
Credo che sia veramente un’ottima idea. Ad ogni modo bisogna tenere presente che oggi in Danimarca il vino organico è molto più comune che di moda, specialmente a Copenhagen. Qui il trend sta subendo uno spostamento verso i vini biodinamici e i vini naturali. Questo è ancora più vero nel momento in cui si parla di vini di fascia alta e molto costosi. Per quanto concerne il volume prodotto ci sono senza dubbio ancora diversi mercati in cui i vini biologici sono considerati discretamente nuovi ed innovativi.

Pensi che la certificazione bio sia un plus per il mercato danese?
Assolutamente sì.

Cosa consiglieresti ad un produttore vinicolo italiano che volesse vendere nel mercato danese?

Innanzitutto consiglio di considerare che tipo di produttore si è, per quanto concerne i volumi, lo stile e i prezzi, e di utilizzare il proprio tempo con partner che si adattino a tale profilo. Inoltre consiglio di controllare con che tipo di importatori lavorano altri produttori italiani della stessa categoria. Un altro spunto è quello di avere almeno un vino con un ottimo rapporto qualità/prezzo nel portfolio al fine di attrarre l’attenzione e creare interesse. Infine consiglio di essere pazienti.

Tu sei considerato uno dei massimi esperti di vini in Danimarca, specialmente per quanto riguarda i vini italiani. Come ti sei approcciato a questo campo e perchè?
È una lunga storia; ma essenzialmente nel 1995 mi è stato dato un libro danese con il focus sul cibo italiano e sul Barolo. Io rimasi stupito dalla passione per questo vino e decisi di cercare di comprendere di più su questo vino italiano. Sei mesi dopo ero già catturato, preso all'amo, e i vini italiani sono stati più o meno il mio unico interesse fino al 2007 quando ho iniziato a lavorare col vino a tempo pieno.
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm