Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca
martedi 19 giugno 2018

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese


Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia
Nell’ultima settimana di maggio molti territori vitivinicoli francesi, a partire da Bordeaux, Champagne e Cognac, sono stati colpiti da gravi fenomeni grandinigeni che hanno causato danni molto rilevanti.
Nel giro di pochi giorni sono stati diffusi numerosi bollettini, dalle organizzazioni professionali dei rispettivi territori danneggiati, che con estrema accuratezza hanno evidenziato le aree produttive interessate e l’ammontare dei danni.
Il tema della comunicazione dei danni atmosferici è stato più volte affrontato nel nostro magazine perché lo riteniamo strategico se si vuole dare trasparenza e credibilità ad un sistema produttivo.
Per questa ragione ci è sembrato interessante e utile andare ad analizzare come la Francia del vino comunica a consumatori, operatori e media i danni causati da gravi eventi atmosferici come la grandine.
Siamo stati stimolati in questo anche dalla domanda che ci ha posto Emilio Pedron, amministratore delegato di Bertani Domains:”Se gli stessi gravi episodi grandinigeni si fossero realizzati nei nostri più importanti territori produttivi, avremmo avuto la stessa comunicazione sincera realizzata dai francesi? Con una dichiarazione trasparente degli ettari distrutti, addirittura dei precisi mappali delle aree colpite e i relativi danni al raccolto?”.
Pedron, ricordiamo, da tempo sollecita il sistema produttivo italiano (a partire dai Consorzi di tutela) ad avere una comunicazione più trasparente e dettagliata dopo eventi calamitosi di grave portata.
La domanda di Pedron di fatto racchiude già una risposta che purtroppo, come ben sappiamo, è di segno negativo. L’Italia del vino, infatti, con tutti i suoi organismi di rappresentanza, ha deciso da tempo di non fare una comunicazione dettagliata dei danni derivanti da gravi eventi atmosferici come, ad esempio, la purtroppo frequente grandine.
Questo è un atteggiamento che potremmo definire storico e, paradossalmente, si è ancor più accentuato in questi ultimi anni caratterizzati da andamenti climatici molto variabili che stanno condizionando fortemente le nostre produzioni a partire da quelle più importanti sia in termini di volume che di valore.
Ci viene in mente, a questo riguardo, cosa ci ha risposto un importante produttore di Pinot Grigio lo scorso anno alla luce di un’annata produttiva non certo esaltante in termini di volumi per questa varietà così strategica per la nostra vitienologia. Ci disse con estrema “trasparenza”:”E’ vero, abbiamo molto prodotto in meno ma se vogliamo bene alla filiera del Pinot Grigio è meglio non divulgarlo”.
Un’affermazione che può apparire pragmatica, qualcuno potrebbe anche arrivare a dire “giusta”, “opportuna”.
Perché andare a dichiarare ai cosiddetti quattro venti una produzione inferiore quando difficilmente questo problema potrà essere “scaricato” sulla distribuzione e consumatori con prezzi più elevati? Tanto vale risolverci il problema al nostro interno.
Ma è proprio su questo tipo di atteggiamento che a nostro parere si annida parte del nostro cronico problema di presidiare in maniera adeguata il posizionamento e la reputazione delle nostre denominazioni.
Quando, ad esempio, i produttori francesi di Bourg e Blaye dichiarano che dei loro 9.000 ettari il 60% (5.500 ettari sono stati gravemente danneggiati) e 3.000 ettari hanno subito perdite per l’80% non lo fanno “solo” per dichiarare l’impatto catastrofico della grandine che hanno subito ma anche per informare, preparare il mercato delle conseguenze di tali danni.
Senza parlare che la grande Bordeaux ha dichiarato attraverso il suo consiglio interprofessionale di avere subito danni devastanti in circa 7.100 ettari che rappresentano il 6% della loro superficie totale.
A supporto di un mare di informazioni riguardo tutte le aree francesi colpite dalla grandine è stata diffusa nei più importanti media una mappa di tutte le “appellazioni” che hanno subito i danni, con dettagli sulla superficie colpita e la percentuale rispetto al totale per far capire quali saranno le reali conseguenze sul piano produttivo.
Il tutto alla luce del sole, senza la possibilità di poter essere smentiti o, come accade quasi sempre da noi, di fare affermazioni generiche per poi alla fine dire:”i danni non erano poi così gravi come erano apparsi in un primo momento”.
Per noi, vogliamo essere chiari, non è una questione di tipo etico. Ognuno può scegliere la sua via preferita in termini di comunicazione. Riteniamo però un errore pericoloso continuare a non rendere trasparente questo tipo di comunicazione.
Lo ripetiamo spesso, la credibilità del nostro sistema produttivo è alla base per garantire il riconoscimento di un giusto valore alle nostre denominazioni.
Siamo nel pieno di mutazioni climatiche che incideranno sempre di più sulla nostra viticoltura e sul nostro assetto produttivo, sarebbe un buon momento per iniziare a dire la verità.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm