Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 04 giugno 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace
martedi 19 giugno 2018

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese


Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia
Nell’ultima settimana di maggio molti territori vitivinicoli francesi, a partire da Bordeaux, Champagne e Cognac, sono stati colpiti da gravi fenomeni grandinigeni che hanno causato danni molto rilevanti.
Nel giro di pochi giorni sono stati diffusi numerosi bollettini, dalle organizzazioni professionali dei rispettivi territori danneggiati, che con estrema accuratezza hanno evidenziato le aree produttive interessate e l’ammontare dei danni.
Il tema della comunicazione dei danni atmosferici è stato più volte affrontato nel nostro magazine perché lo riteniamo strategico se si vuole dare trasparenza e credibilità ad un sistema produttivo.
Per questa ragione ci è sembrato interessante e utile andare ad analizzare come la Francia del vino comunica a consumatori, operatori e media i danni causati da gravi eventi atmosferici come la grandine.
Siamo stati stimolati in questo anche dalla domanda che ci ha posto Emilio Pedron, amministratore delegato di Bertani Domains:”Se gli stessi gravi episodi grandinigeni si fossero realizzati nei nostri più importanti territori produttivi, avremmo avuto la stessa comunicazione sincera realizzata dai francesi? Con una dichiarazione trasparente degli ettari distrutti, addirittura dei precisi mappali delle aree colpite e i relativi danni al raccolto?”.
Pedron, ricordiamo, da tempo sollecita il sistema produttivo italiano (a partire dai Consorzi di tutela) ad avere una comunicazione più trasparente e dettagliata dopo eventi calamitosi di grave portata.
La domanda di Pedron di fatto racchiude già una risposta che purtroppo, come ben sappiamo, è di segno negativo. L’Italia del vino, infatti, con tutti i suoi organismi di rappresentanza, ha deciso da tempo di non fare una comunicazione dettagliata dei danni derivanti da gravi eventi atmosferici come, ad esempio, la purtroppo frequente grandine.
Questo è un atteggiamento che potremmo definire storico e, paradossalmente, si è ancor più accentuato in questi ultimi anni caratterizzati da andamenti climatici molto variabili che stanno condizionando fortemente le nostre produzioni a partire da quelle più importanti sia in termini di volume che di valore.
Ci viene in mente, a questo riguardo, cosa ci ha risposto un importante produttore di Pinot Grigio lo scorso anno alla luce di un’annata produttiva non certo esaltante in termini di volumi per questa varietà così strategica per la nostra vitienologia. Ci disse con estrema “trasparenza”:”E’ vero, abbiamo molto prodotto in meno ma se vogliamo bene alla filiera del Pinot Grigio è meglio non divulgarlo”.
Un’affermazione che può apparire pragmatica, qualcuno potrebbe anche arrivare a dire “giusta”, “opportuna”.
Perché andare a dichiarare ai cosiddetti quattro venti una produzione inferiore quando difficilmente questo problema potrà essere “scaricato” sulla distribuzione e consumatori con prezzi più elevati? Tanto vale risolverci il problema al nostro interno.
Ma è proprio su questo tipo di atteggiamento che a nostro parere si annida parte del nostro cronico problema di presidiare in maniera adeguata il posizionamento e la reputazione delle nostre denominazioni.
Quando, ad esempio, i produttori francesi di Bourg e Blaye dichiarano che dei loro 9.000 ettari il 60% (5.500 ettari sono stati gravemente danneggiati) e 3.000 ettari hanno subito perdite per l’80% non lo fanno “solo” per dichiarare l’impatto catastrofico della grandine che hanno subito ma anche per informare, preparare il mercato delle conseguenze di tali danni.
Senza parlare che la grande Bordeaux ha dichiarato attraverso il suo consiglio interprofessionale di avere subito danni devastanti in circa 7.100 ettari che rappresentano il 6% della loro superficie totale.
A supporto di un mare di informazioni riguardo tutte le aree francesi colpite dalla grandine è stata diffusa nei più importanti media una mappa di tutte le “appellazioni” che hanno subito i danni, con dettagli sulla superficie colpita e la percentuale rispetto al totale per far capire quali saranno le reali conseguenze sul piano produttivo.
Il tutto alla luce del sole, senza la possibilità di poter essere smentiti o, come accade quasi sempre da noi, di fare affermazioni generiche per poi alla fine dire:”i danni non erano poi così gravi come erano apparsi in un primo momento”.
Per noi, vogliamo essere chiari, non è una questione di tipo etico. Ognuno può scegliere la sua via preferita in termini di comunicazione. Riteniamo però un errore pericoloso continuare a non rendere trasparente questo tipo di comunicazione.
Lo ripetiamo spesso, la credibilità del nostro sistema produttivo è alla base per garantire il riconoscimento di un giusto valore alle nostre denominazioni.
Siamo nel pieno di mutazioni climatiche che incideranno sempre di più sulla nostra viticoltura e sul nostro assetto produttivo, sarebbe un buon momento per iniziare a dire la verità.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da aprile 2020 Mandrarossa propone sul mercato due vini a denominazione Etna DOC, pura espressione di autenticità, sostenibilità ed eccellenza. giovedi 04 giugno 2020

Etna Mandrarossa: territorio in purezza

Da aprile 2020 Mandrarossa propone sul mercato due vini a denominazione Etna DOC, pura espressione di autenticità, sostenibilità ed eccellenza.

Emanuele Fiorio
In alcuni Stati ripartono locali, bar e ristoranti. Aspettative, piani e desideri dei consumatori Usa. giovedi 04 giugno 2020

Horeca Usa: tendenze post-lockdown

In alcuni Stati ripartono locali, bar e ristoranti. Aspettative, piani e desideri dei consumatori Usa.

Emanuele Fiorio
Come Vendere nel B2B con Alibaba, interessanti informazioni e spunti per valutare questa opportunità online, presente in 190 mercati nel mondo. giovedi 04 giugno 2020

Alibaba: opportunità B2B per il vino italiano

Come Vendere nel B2B con Alibaba, interessanti informazioni e spunti per valutare questa opportunità online, presente in 190 mercati nel mondo.

Emanuele Fiorio
Il Circolo Wine Meridian ti aiuta a trovare quello adatto a te! Ti stiamo aspettando.
mercoledi 03 giugno 2020

Qual è il giusto metodo per affrontare la ripresa post Covid?

Il Circolo Wine Meridian ti aiuta a trovare quello adatto a te! Ti stiamo aspettando.

Non perdere l’11 giugno alle ore 17 il webinar con Mario di Paolo - fondatore e direttore creativo di Spazio di Paolo e attualmente il wine designer più apprezzato a livello internazionale.  Mario rivelerà i segreti per come creare delle vere e proprie tendenze nel settore wine e spirits, ottenendo il consenso più importante: quello del consumatore. mercoledi 03 giugno 2020

“UNICI PER DISTINGUERSI”, primo webinar di Mario Di Paolo, il wine designer più premiato al mondo

Non perdere l’11 giugno alle ore 17 il webinar con Mario di Paolo - fondatore e direttore creativo di Spazio di Paolo e attualmente il wine designer più apprezzato a livello internazionale. Mario rivelerà i segreti per come creare delle vere e proprie tendenze nel settore wine e spirits, ottenendo il consenso più importante: quello del consumatore.

Calano frequenza, consumi e spesa media. Crisi enoteche ma crescono online, supermercati e negozi locali. mercoledi 03 giugno 2020

Lockdown in Portogallo: frequenza e consumi di vino in calo

Calano frequenza, consumi e spesa media. Crisi enoteche ma crescono online, supermercati e negozi locali.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Cantina Tollo’s Biologico Terre di Chieti IGP Passerina
wednesday 03 june 2020

Italian wines in the world: Cantina Tollo’s Biologico Terre di Chieti IGP Passerina

We have tasted for you Cantina Tollo’s Biologico Terre di Chieti IGP Passerina

We have tasted for you Baglio del Cristo di Campobello’s Adènzia Bianco Sicilia Doc wednesday 03 june 2020

Italian wines in the world: Baglio del Cristo di Campobello’s Adènzia Bianco Sicilia Doc

We have tasted for you Baglio del Cristo di Campobello’s Adènzia Bianco Sicilia Doc

A dispetto di ogni aspettativa negativa, in Cina i consumatori hanno dimostrato di adattare il consumo del vino alla vita domestica e di utilizzare sempre di più canali online per acquistarlo. mercoledi 03 giugno 2020

La Cina verso un cambiamento di stili di consumo?

A dispetto di ogni aspettativa negativa, in Cina i consumatori hanno dimostrato di adattare il consumo del vino alla vita domestica e di utilizzare sempre di più canali online per acquistarlo.

Agnese Ceschi
We have tasted for you Le Morette's Lugana DOC Mandolara 
wednesday 03 june 2020

Italian wines in the world: Le Morette's Lugana DOC Mandolara

We have tasted for you Le Morette's Lugana DOC Mandolara

Direttore Tecnico di cantina - Plant Manager martedi 02 giugno 2020

Candidati TOP di WinePeople Talent per le aziende del vino

Direttore Tecnico di cantina - Plant Manager

Redazione WinePeople
È venuto il momento di applicare i principi che i migliori leader al mondo ci hanno insegnato: donare ascolto, promuovere fiducia e apertura e creare un ambiente psicologicamente sicuro. martedi 02 giugno 2020

La "servant leadership" al servizio degli imprenditori

È venuto il momento di applicare i principi che i migliori leader al mondo ci hanno insegnato: donare ascolto, promuovere fiducia e apertura e creare un ambiente psicologicamente sicuro.

Agnese Ceschi
Il futuro è tecnologia, e-commerce e pagamenti contactless. Cambiamenti nella supply chain e nelle modalità di acquisto, grandi affari per i retailer di beni alimentari e di prima necessità. lunedi 01 giugno 2020

Impatto Covid-19 sul settore retail

Il futuro è tecnologia, e-commerce e pagamenti contactless. Cambiamenti nella supply chain e nelle modalità di acquisto, grandi affari per i retailer di beni alimentari e di prima necessità.

Emanuele Fiorio
La decisione giusta forse si può anche improvvisare, con un po’ di fortuna. Pensare di farlo sempre è molto rischioso e, da un punto di vista imprenditoriale, impensabile. L’importanza dell’autocheck-up:  noi vi possiamo aiutare. lunedi 01 giugno 2020

Prendere decisioni efficaci in condizioni di incertezza

La decisione giusta forse si può anche improvvisare, con un po’ di fortuna. Pensare di farlo sempre è molto rischioso e, da un punto di vista imprenditoriale, impensabile. L’importanza dell’autocheck-up: noi vi possiamo aiutare.

Claudia Meo