Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 19 agosto 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it Farina Enartis wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi
martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese


Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia
Nell’ultima settimana di maggio molti territori vitivinicoli francesi, a partire da Bordeaux, Champagne e Cognac, sono stati colpiti da gravi fenomeni grandinigeni che hanno causato danni molto rilevanti.
Nel giro di pochi giorni sono stati diffusi numerosi bollettini, dalle organizzazioni professionali dei rispettivi territori danneggiati, che con estrema accuratezza hanno evidenziato le aree produttive interessate e l’ammontare dei danni.
Il tema della comunicazione dei danni atmosferici è stato più volte affrontato nel nostro magazine perché lo riteniamo strategico se si vuole dare trasparenza e credibilità ad un sistema produttivo.
Per questa ragione ci è sembrato interessante e utile andare ad analizzare come la Francia del vino comunica a consumatori, operatori e media i danni causati da gravi eventi atmosferici come la grandine.
Siamo stati stimolati in questo anche dalla domanda che ci ha posto Emilio Pedron, amministratore delegato di Bertani Domains:”Se gli stessi gravi episodi grandinigeni si fossero realizzati nei nostri più importanti territori produttivi, avremmo avuto la stessa comunicazione sincera realizzata dai francesi? Con una dichiarazione trasparente degli ettari distrutti, addirittura dei precisi mappali delle aree colpite e i relativi danni al raccolto?”.
Pedron, ricordiamo, da tempo sollecita il sistema produttivo italiano (a partire dai Consorzi di tutela) ad avere una comunicazione più trasparente e dettagliata dopo eventi calamitosi di grave portata.
La domanda di Pedron di fatto racchiude già una risposta che purtroppo, come ben sappiamo, è di segno negativo. L’Italia del vino, infatti, con tutti i suoi organismi di rappresentanza, ha deciso da tempo di non fare una comunicazione dettagliata dei danni derivanti da gravi eventi atmosferici come, ad esempio, la purtroppo frequente grandine.
Questo è un atteggiamento che potremmo definire storico e, paradossalmente, si è ancor più accentuato in questi ultimi anni caratterizzati da andamenti climatici molto variabili che stanno condizionando fortemente le nostre produzioni a partire da quelle più importanti sia in termini di volume che di valore.
Ci viene in mente, a questo riguardo, cosa ci ha risposto un importante produttore di Pinot Grigio lo scorso anno alla luce di un’annata produttiva non certo esaltante in termini di volumi per questa varietà così strategica per la nostra vitienologia. Ci disse con estrema “trasparenza”:”E’ vero, abbiamo molto prodotto in meno ma se vogliamo bene alla filiera del Pinot Grigio è meglio non divulgarlo”.
Un’affermazione che può apparire pragmatica, qualcuno potrebbe anche arrivare a dire “giusta”, “opportuna”.
Perché andare a dichiarare ai cosiddetti quattro venti una produzione inferiore quando difficilmente questo problema potrà essere “scaricato” sulla distribuzione e consumatori con prezzi più elevati? Tanto vale risolverci il problema al nostro interno.
Ma è proprio su questo tipo di atteggiamento che a nostro parere si annida parte del nostro cronico problema di presidiare in maniera adeguata il posizionamento e la reputazione delle nostre denominazioni.
Quando, ad esempio, i produttori francesi di Bourg e Blaye dichiarano che dei loro 9.000 ettari il 60% (5.500 ettari sono stati gravemente danneggiati) e 3.000 ettari hanno subito perdite per l’80% non lo fanno “solo” per dichiarare l’impatto catastrofico della grandine che hanno subito ma anche per informare, preparare il mercato delle conseguenze di tali danni.
Senza parlare che la grande Bordeaux ha dichiarato attraverso il suo consiglio interprofessionale di avere subito danni devastanti in circa 7.100 ettari che rappresentano il 6% della loro superficie totale.
A supporto di un mare di informazioni riguardo tutte le aree francesi colpite dalla grandine è stata diffusa nei più importanti media una mappa di tutte le “appellazioni” che hanno subito i danni, con dettagli sulla superficie colpita e la percentuale rispetto al totale per far capire quali saranno le reali conseguenze sul piano produttivo.
Il tutto alla luce del sole, senza la possibilità di poter essere smentiti o, come accade quasi sempre da noi, di fare affermazioni generiche per poi alla fine dire:”i danni non erano poi così gravi come erano apparsi in un primo momento”.
Per noi, vogliamo essere chiari, non è una questione di tipo etico. Ognuno può scegliere la sua via preferita in termini di comunicazione. Riteniamo però un errore pericoloso continuare a non rendere trasparente questo tipo di comunicazione.
Lo ripetiamo spesso, la credibilità del nostro sistema produttivo è alla base per garantire il riconoscimento di un giusto valore alle nostre denominazioni.
Siamo nel pieno di mutazioni climatiche che incideranno sempre di più sulla nostra viticoltura e sul nostro assetto produttivo, sarebbe un buon momento per iniziare a dire la verità.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Intervista allo staff di The Wine and More sulle potenzialità del vino italiano nel mercato croato
venerdi 17 agosto

Croazia: le importazioni crescono e l’Italia ha la strada spianata

Intervista allo staff di The Wine and More sulle potenzialità del vino italiano nel mercato croato

Noemi Mengo
Prossima tappa in Puglia il 13 e il 14 novembre 2018

Le Donne Del Vino e Wine People per la formazione sulla comunicazione, la vendita e la valorizzazione brand territoriali e sui Consorzi di tutela

Prossima tappa in Puglia il 13 e il 14 novembre 2018

Ultimi giorni per chiedere la borsa di studio per i campus Wine People mercoledi 15 agosto

Formarsi ad un prezzo agevolato

Ultimi giorni per chiedere la borsa di studio per i campus Wine People

Cos’è un Hospitality Manager e perché ha guadagnato importanza nel settore del vino? 
lunedi 13 agosto

Wine Talent: vi segnaliamo un Hospitality Manager

Cos’è un Hospitality Manager e perché ha guadagnato importanza nel settore del vino?

Le previsioni vendemmiali in Italia sono storicamente un rito dove difficilmente si esce da solito codice di comunicazione dove alla fine si tenta di salvare sempre tutto

Quello che non ci piace dire della vendemmia 2018

Le previsioni vendemmiali in Italia sono storicamente un rito dove difficilmente si esce da solito codice di comunicazione dove alla fine si tenta di salvare sempre tutto

La “bibbia del vino internazionale” ha selezionato il prodotto italiano realizzato in Sardegna tra tanti vini, scegliendolo per l’ottimo rapporto qualità prezzo
giovedi 09 agosto

Il Vermentino Aragosta è il vino della settimana per la rivista americana Wine Spectator

La “bibbia del vino internazionale” ha selezionato il prodotto italiano realizzato in Sardegna tra tanti vini, scegliendolo per l’ottimo rapporto qualità prezzo

giovedi 09 agosto

Casale del Giglio, produzione sostenibile nell'Agro Pontino

"La gente conosce il prezzo di tutte le cose, ma non conosce il valore di nessuna": la filosofia dell'azienda di proprietà di Antonio Santarelli

L’e-commerce va gestito in maniera molto diversa rispetto ai canali di distribuzione tradizionale e la figura classica dell’agente può trasformarsi in un grande limite nello sviluppo di questo modello di vendita che cresce a doppia cifra anno dopo anno giovedi 09 agosto

E-commerce? trattatelo da cliente direzionale

L’e-commerce va gestito in maniera molto diversa rispetto ai canali di distribuzione tradizionale e la figura classica dell’agente può trasformarsi in un grande limite nello sviluppo di questo modello di vendita che cresce a doppia cifra anno dopo anno

B.P.
I Vignaioli del Morellino di Scansano sono la prima cantina italiana a certificare un proprio vino con la nuova norma europea Product Environmental Footprint - PEF.
mercoledi 08 agosto

Dai Vignaioli del Morellino di Scansano, il primo vino con la certificazione europea PEF per la sostenibilità ambientale di prodotto

I Vignaioli del Morellino di Scansano sono la prima cantina italiana a certificare un proprio vino con la nuova norma europea Product Environmental Footprint - PEF.

Al via il Campus per diventare export manager del vino

Aspiranti Export Manager, il Wine People Campus vi aspetta!

Al via il Campus per diventare export manager del vino

Intervista a Silvia Baratta di Gheusis, agenzia di comunicazione specializzata nel settore enogastronomico
martedi 07 agosto

Comunicare con la stampa: questione di rispetto, ricerca e sensibilità

Intervista a Silvia Baratta di Gheusis, agenzia di comunicazione specializzata nel settore enogastronomico

Noemi Mengo
5StarWines featuring Wine Without Walls, the annual wine selection held in the lead-up to Vinitaly, has just released the online edition of its wine guide monday 06 august

Digital version of 5StarWines - the Book 2019 now online

5StarWines featuring Wine Without Walls, the annual wine selection held in the lead-up to Vinitaly, has just released the online edition of its wine guide

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. Date il vostro contributo e riceverete un omaggio molto utile! lunedi 06 agosto

Ritorna Wine Export Manager Day con un'indagine sull'export del vino

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. Date il vostro contributo e riceverete un omaggio molto utile!

We tasted for you Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009 saturday 04 august

Italian wines in the world: Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009

We tasted for you Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009

Abbiamo degustato per voi il Ricossa Barolo Riserva DOCG 2009 sabato 04 agosto

Italian wines in the world: Barolo Riserva DOCG 2009 di Ricossa

Abbiamo degustato per voi il Ricossa Barolo Riserva DOCG 2009

In preparazione della nostra seconda edizione di Wine Campus Impresa alcune riflessioni sui limiti attuali dell’imprenditoria vitivinicola italiana che a nostro parere sono da ascrivere più a limiti “culturali” che “dimensionali”

Essere imprenditori del vino oggi

In preparazione della nostra seconda edizione di Wine Campus Impresa alcune riflessioni sui limiti attuali dell’imprenditoria vitivinicola italiana che a nostro parere sono da ascrivere più a limiti “culturali” che “dimensionali”

Fabio Piccoli
Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!
venerdi 03 agosto

Partecipa al Tour Vietnam 2018: Ho Chi Minh ed Hanoi

Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!

Varietà e qualità del territorio gli elementi distintivi su cui puntare per affermare la Denominazione sempre più apprezzata a livello nazionale e internazionale venerdi 03 agosto

Francesco Mazzei alla guida del Consorzio Tutela Vini della Maremma Toscana

Varietà e qualità del territorio gli elementi distintivi su cui puntare per affermare la Denominazione sempre più apprezzata a livello nazionale e internazionale

Intervista a Jo Ann Ross, Italian Wine Educator a Boston, che ha fatto della passione per il vino italiano il proprio lavoro, aiutando i consumatori a conoscere i prodotti Made in Italy.
giovedi 02 agosto

Vino italiano a Boston: alla ricerca di una migliore educazione

Intervista a Jo Ann Ross, Italian Wine Educator a Boston, che ha fatto della passione per il vino italiano il proprio lavoro, aiutando i consumatori a conoscere i prodotti Made in Italy.

Noemi Mengo
La lotta ai falsi made in Italy continua: dopo il protocollo di cooperazione tra Consorzio tutela vini Valpolicella e la Repressione Frodi del Ministero Politiche agricole, inviate già 115 diffide giovedi 02 agosto

Consorzio tutela vini Valpolicella segnala 115 siti nel mirino della task force anticontraffazione

La lotta ai falsi made in Italy continua: dopo il protocollo di cooperazione tra Consorzio tutela vini Valpolicella e la Repressione Frodi del Ministero Politiche agricole, inviate già 115 diffide

Responsabile di Produzione mercoledi 01 agosto

Offerta di Lavoro

Responsabile di Produzione