Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 31 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com
lunedi 24 giugno 2019

Data has a better idea

Cosa sono i big data? Cosa significa oggi interpretare i dati provenienti dal mondo social? Quali opportunità e quali rischi comportano?


Data has a better idea
In questo panorama dei media in rapida evoluzione, sono emersi nuovi modi, multipli ed emergenti con cui le persone comunicano le proprie opinioni su questioni attuali, ed è proprio lì che si annidano le opportunità per la ricerca sociale.
Stiamo parlando in particolar modo dei social media, che sono diventati una piattaforma importante in cui le persone forniscono, condividono e discutono notizie e opinioni.
Questi nuovi canali aprono numerose opportunità per chi studia e analizza i comportamenti sociali, ma non solo, anche delle sfide da un punto di vista etico. Queste opportunità e sfide riguardano i dati online.
Vediamo assieme alcuni consigli che ci ha fornito il CEO di Maxfone, Paolo Errico, titolare dell’azienda che ha sviluppato per prima in Italia un brevetto nazionale (estensione USA pending) di Big Data Analysis per “apparecchiatura e metodo di acquisizione, analisi e monitoraggio dati”: il modello SocialMeter Analysis. Qualche giorno fa Errico ha presentato la nuova SocialMeter Suite che raccoglie al proprio interno molti servizi volti a dare alle aziende un’utilità concreta in questo senso.

1 Ogni azione genera dati. Sono ovunque intorno a noi, in aumento esponenziale.
“I Big Data sono generati da qualunque dispositivo connesso alla rete: ogni gesto compiuto attraverso smartphone, smartwatch, computer, auto intelligenti, domotica… Esistono sul web sotto forma di masse destrutturate, ma analizzati correttamente possono fornire informazioni strategiche”. Il mercato italiano dei Big Data è cresciuto del 26% nel solo 2018, raggiungendo un valore di quasi 1,4 miliardi di Euro.

2 È fondamentale sapersi orientare: avere l’abilità di interpretare i dati per avere consapevolezza del loro significato.
“Maggiore è la nostra capacità di trarre informazioni utili nel minor tempo possibile, maggiore sarà il valore, per potersi orientare nel prendere le decisioni migliori. Il valore che realmente offriamo sta nell’analisi dei dati raccolti: l’interpretazione volta ad individuarne il significato, per dare risposte alle incognite poste dal mercato”.

3 Oggi non è più sufficiente essere presente sui social.
“Ormai oggi il grado di visibilità di un contenuto rischia di essere visto da pochissime persone se oltre al piano editoriale non metto un piano di advertising. Fare contenuti di valore non è più sufficiente, ma bisogna calibrare gli investimenti. Ciò sta cambiando le regole del gioco”.

Che utilità pratica può avere per le aziende vinicole accedere a questi dati e trarne un’utilità? “Essere un’azienda data driven significa usare i dati per sviluppare delle strategie. Oggi riusciamo a lavorare su grandi volumi di dati e analizzare l’esperienza di milioni di persone: posso ad esempio ascoltare il parlato di milioni di persone sull’Amarone o sul Prosecco. Possiamo capire se il consumatore apre la bottiglia da solo, con amici, dove si trova, che vino e annata sta degustando… Individuo in modo specifico come l’utente finale vive l’esperienza del vino” spiega Errico.

A questo punto ci permettiamo di fare delle considerazioni a margine di questo articolo. Tutto questo è molto bello e potenzialmente molto interessante, purché venga fatto con un’approccio preciso e pratico. Infatti sorgono due ordini di considerazioni, a nostro avviso, che non vanno dimenticate.
In primo luogo, il filtro delle fonti. Non tutte le fonti da cui si traggono i dati sono utili ed autorevoli. Sappiamo bene che oggi è possibile falsare e gonfiare i dati sui social. Dunque a quali fonti dare autorevolezza?
In secondo luogo, avere i dati significa saperli interpretare: come tradurre le informazioni in strategie operative? I dati possono fornirci delle magnifiche evidenze su cui basare un nuovo storytelling aziendale, strategie di marketing personalizzate, purché non si perda di vista quello che a nostro avviso è un importante punto di riferimento: la ricerca di dati veritieri e soprattutto la loro giusta interpretazione ed applicazione pratica. 
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Lugana DOC Mandolara dell' azienda Le Morette

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni. venerdi 29 maggio 2020

Superare la crisi: cercasi soluzioni

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni.

Fabio Piccoli
La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola. giovedi 28 maggio 2020

Signorvino apre il canale e-commerce

La grande enocatena italiana arriva on line e completa la Wine Experience proposta con circa 1500 referenze, selezionate dagli esperti di Signorvino fra le aziende più rappresentative di ogni zona a vocazione vinicola.

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi giovedi 28 maggio 2020

I Consorzi di Tutela del vino protagonisti del nuovo enoturismo

Le prime anticipazioni della ricerca “Enoturismo: I Consorzi del vino e il territorio”, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata all’assegnazione del Premio Gavi "La Buona Italia 2020".

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei. giovedi 28 maggio 2020

SPEEDTASTING B2B DIGITAL: la nuova frontiera per intercettare importatori

Partecipa al formato innovativo di Speedtasting digital il prossimo 7 e 8 luglio per incontrare e fare assaggiare i tuoi vini ad almeno 10 importatori di più di 10 Paesi europei.

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio