Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 31 marzo 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go
martedi 11 febbraio 2020

Dazi USA e strategie: Anteprima Amarone 2016, parlano le aziende

Incognita dazi, export e previsioni USA: cosa pensano i produttori di Amarone?


Dazi USA e strategie: Anteprima Amarone 2016, parlano le aziende
Anteprima Amarone 2016 è stata un’ottima occasione per degustare i vini di 53 aziende della Valpolicella che hanno presentato l’annata 2016, un prodotto ricercato, fresco ed elegante. Un Amarone strutturato ma meno potente, con acidità e tannino in perfetto equilibrio ed un minor residuo zuccherino, come dichiarato da Diego Tomasi, Direttore di CREA (Centro di ricerca per la viticoltura) di Conegliano in occasione della conferenza stampa.

Preso atto degli ottimi risultati conseguiti, non solo per la qualità del prodotto ma anche a livello di vendite, abbiamo voluto intervistare direttamente alcuni produttori per conoscere opinioni, dati e strategie aziendali in relazione alle delicate vicende legate all’export e ai dazi USA.

Qual’è la sua opinione sui dazi USA e sulla web tax?
> Andrea Sartori - Pres. Casa Vinicola Sartori Spa e Pres. Consorzio Tutela Vini Valpolicella.
La web tax è doverosa, le GAFA (Google, Amazon, Facebook e Apple) non possono fatturare miliardi e non pagare le tasse nei paesi in cui si insediano. I dazi sarebbero assolutamente controproducenti sia per noi che per loro. Le reazioni inconsulte del governo americano credo siano determinate da buona parte dell’amministrazione non solo da Trump. L’equilibrio che si era creato in sede WTO è stato sfaldato, ora dobbiamo ritrovarlo.

> Lorenzo Tomelleri - Back Office Commerciale Cantine Riondo
C’è il principio etico e la pratica, bisogna saper distinguere. Muoversi solo in base all’ideale spesso non è possibile, è la realtà che conta. Al momento il coltello dalla parte del manico ce l’hanno gli Stati Uniti e l’Unione Europea deve essere cauta.

> Corrado Eridani - Direttore tecnico di Cantine Giacomo Montresor
Ritengo che questa sia solo l’ultima delle guerre commerciali, se pensiamo ad altri prodotti alimentari è da qualche tempo che c’è questa situazione di giocoforza.
Il vino è sempre rimasto immune ma le cose ultimamente stanno cambiando, per quanto ne so i dazi su alcuni prodotti europei dopo la vicenda Airbus purtroppo sono legittimi.
Nel caso partissero i dazi sul vino italiano sarebbe una condizione deleteria per tutto il comparto, noi parliamo di Amarone che ha un grande valore aggiunto, ma ci sono vini che non possiedono queste caratteristiche e sarebbero i primi a soffrire, gli entry-level verrebbero danneggiati molto di più.
La tutela deve partire dai produttori, la leva più importante è l’unità che al momento non c’è, questo ci rende più deboli e ci espone maggiormente.

Qual’è il valore del vostro export negli USA e come vi state preparando all’eventualità dei dazi?
> Andrea Sartori - Pres. Casa Vinicola Sartori Spa e Pres. Consorzio Tutela Vini Valpolicella.
Il nostro fatturato negli States si aggira intorno al 15%, per noi è un buon mercato dal punto di vista della marginalità ma non abbiamo nessun “piano B” nel caso i dazi ricadessero sul vino italiano. Anche dirigendo le vendite verso l’Asia, servirebbero 11 Giappone per compensare il danno.

> Giulia Ledda - Resp. Marketing Cantine Tinazzi
La situazione è nebulosa, siamo preoccupati perché gli USA rappresentano il 2° paese più importante dopo la Russia per il nostro export. Siamo presenti in 30 paesi ma negli States abbiamo diversi distributori da più di 10 anni su entrambe le coste. Stiamo puntando molto sui paesi dell’Est Europa e stiamo esplorando Vietnam e Singapore ma non abbiamo messo sul tavolo strategie per controbilanciare le eventuali perdite dovute ai dazi statunitensi.

> Marco Accordini - Resp. Marketing Azienda Agricola Accordini Stefano
Non siamo molto preoccupati dall’eventualità dei dazi, il nostro export negli Stati Uniti non supera le 20.000 bottiglie (su un totale di 300.000) per un fatturato che si aggira attorno al 5% del totale. Siamo molto più forti in Svizzera, Danimarca, Olanda, Norvegia ed in Asia, in particolare Cina, Vietnam e Giappone. La nostra strategia in caso di dazi sarebbe quella di cercare di assorbire le perdite puntando sui mercati in cui siamo già presenti.

> Luigi Turco - Pres. Cantina Valpantena Verona SCA
Queste rappresaglie non portano da nessuna parte, noi facciamo 1,5 milioni di fatturato negli USA su 47 milioni totali. Si tratta quindi di un 3% che non ci danneggerebbe molto. Resta il fatto che gli Stati Uniti sono il maggior importatore di Amarone, i dazi sarebbero una rovina per tutta la categoria ed i produttori dovrebbero necessariamente rivolgersi ad altri mercati. Ciò nonostante l’Asia in questo momento non è in grado di assorbire volumi e valori statunitensi.
Sono contrario al protezionismo, sono favorevole ad una sana competitività e ad un libero mercato che non sia sottoposto a queste negatività fiscali.

> Lorenzo Tomelleri - Back Office Commerciale Cantine Riondo
Il 20% abbondante del nostro export, più di 40 milioni di USD, viene assorbito dal mercato USA. In realtà non abbiamo alcuna strategia o “piano B” per affrontare gli eventuali dazi. Siamo in contatto con il nostro importatore americano che sostanzialmente naviga a vista, il suo mantra è: “se c’è una soluzione perché preoccuparsi, se non c’è perché preoccuparsi”. In sostanza attendiamo gli sviluppi della vicenda.

> Valentina Cubi - Titolare Azienda Agricola Valentina Cubi
Siamo in una fase di stallo e non abbiamo reali strategie per rispondere ai possibili dazi USA, anche se non siamo particolarmente preoccupati. In California vendiamo 13.000 bottiglie l’anno (su 45.000 totali), siamo intorno ai 60.000 euro di fatturato. Il nostro mercato principale in valore resta l’Europa, lavoriamo bene in Svizzera e nei Paesi Bassi. In volume i nostri mercati di riferimento sono extra UE, in particolare Australia e Cina.

> Corrado Eridani - Direttore tecnico di Cantine Giacomo Montresor
Montresor esporta il 70% della sua produzione, gli Stati Uniti sono il nostro secondo mercato dopo il Canada.
Negli USA siamo presenti su entrambe le coste, esportiamo da più di 50 anni e la crescente tendenza alla premiumization ci sta agevolando. Il fatto che non sia un mercato saturo è un altro fattore positivo, ci sono ancora diversi Stati in cui si beve pochissimo vino e persistono margini di crescita.
Gli USA sono insostituibili, per noi i dazi sarebbero certamente un danno. Ciò nonostante i prodotti che esportiamo sono soprattutto di alta gamma e non abbiamo necessità di lavorare “sul centesimo”. Credo che il nostro posizionamento sul mercato ci possa permettere di assorbire l’eventuale contraccolpo.

Per quanto riguarda i vostri referenti (importatori, distributori, agenti) negli Stati Uniti, avete avuto modo di sentire le loro impressioni?
> Andrea Sartori - Pres. Casa Vinicola Sartori Spa e Pres. Consorzio Tutela Vini Valpolicella.
Siamo in contatto con i nostri importatori, stanno facendo lobby. Hanno già presentato le proiezioni sulle possibili perdite in termini di produttività e posti di lavoro. Sono allarmati e assolutamente contrari a queste misure protezionistiche.

> Giulia Ledda - Resp. Marketing Cantine Tinazzi
I nostri distributori statunitensi li sentiamo spesso, stanno tenendo monitorata la questione, il protezionismo di Trump non è proficuo per nessuno.

> Valentina Cubi - Titolare Azienda Agricola Valentina Cubi
Il nostro referente californiano non ci ha comunicato nulla, mentre l’importatore e distributore di Chicago ha richiesto che gli inviassimo un quantitativo maggiore di prodotto per avere scorte adeguate in caso di dazi.

> Corrado Eridani - Direttore tecnico di Cantine Giacomo Montresor
C’è un malcontento diffuso tra gli statunitensi, qualora l’amministrazione Trump imponesse i dazi, si tradurrebbero in maggiori tasse e minor occupazione con una consistente riduzione dei posti di lavoro.
Emanuele Fiorio

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave martedi 31 marzo 2020

Tempo inesorabile e tempo opportuno: come viverlo con “senso”

Come decidiamo di reagire alle situazioni che viviamo dà un significato diverso al nostro tempo, decisione e condizione vitale sono due fattori chiave

Lavinia Furlani
L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

È tempo di prepararsi ai mercati del futuro

L’attuale slittamento delle iniziative b2b a livello internazionale deve rappresentare un’opportunità per le aziende del vino italiane per prepararsi al meglio al fine di costruire un nuovo modello di approccio ai mercati mondiali del vino.

Lavinia Furlani
Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

La ricerca delle opportunità di lavoro nel mondo del vino: il Curriculum Vitae

Titoli e curricula non bastano, l’importanza del ruolo delle società specializzate e del network di relazioni

Redazione Wine Meridian
Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata martedi 31 marzo 2020

#OBIEZIONE 4: Perché devo pagare degli acconti alla società di Head Hunting?

Perchè le aziende del vino ricorrono meno alle società di recruiting rispetto alle imprese degli altri settori? - Quarta puntata

Andrea Pozzan
Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione. lunedi 30 marzo 2020

“IO DEGUSTO A CASA” con FISAR Milano

Un’occasione per continuare a parlare di vino e condividere la nostra passione.

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza. lunedi 30 marzo 2020

Cielo e terra vini, dai clienti nel mondo messaggi di sostegno e solidarietà

Come sta affrontando la drammaticità del momento Cielo e terra , che sta impegnando ogni risorsa perché il ciclo di produzione si svolga nella massima sicurezza.

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

La più importante lezione da questa emergenza

Non può essere la paura a guidare ancora le scelte per il nostro futuro. Importanti riflessioni dello scrittore Alessandro Baricco che possono essere molto utili anche per dare un contributo utile alle nostre imprese del vino in una fase così difficile della nostra storia

Fabio Piccoli
Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare lunedi 30 marzo 2020

Partecipa al nostro webinar solidale mercoledi 1 aprile alle 15

Gli scenari dei mercati del vino il Oltre Covid-19: andare oltre la crisi, imparare a conoscere la nostra identità e a saperla comunicare

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore. lunedi 30 marzo 2020

Spumanti Italia? Forti ma deboli

Ottimi export, consumi interni, GDO ma l’eccessiva dipendenza dal Prosecco rappresenta una debolezza per l’intero settore.

Emanuele Fiorio
I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca. lunedi 30 marzo 2020

Come può l’industria del vino affrontare il caos causato dal Covid-19?

I 6 consigli della Sommelier Choice Awards, associazione americana di supporto al mondo dell'Horeca.

Agnese Ceschi
Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi. lunedi 30 marzo 2020

Champagne e Barolo, esempi di gestione virtuosa

Champagne e Barolo hanno annunciato azioni per mantenere i prezzi stabili e garantire la qualità. Roger Morris ci spiega come hanno evitato eccedenze di vino e deflazione dei prezzi.

Emanuele Fiorio
Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no! lunedi 30 marzo 2020

Qualità-prezzo, parametro reale o fittizio?

Passione, storie, unicità, vigneti autoctoni, tradizione: siete felici di pagare per la reputazione, la rarità e le storie?...perché no!

Emanuele Fiorio
Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning  “Vendita e wine marketing” e  “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro lunedi 30 marzo 2020

Formarsi per non fermarsi

Ultimo giorno per aderire ai due corsi e-learning “Vendita e wine marketing” e “Voglio lavorare nel mondo del vino” a 99 euro

Cristian Fanzolato
Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone. domenica 29 marzo 2020

Export Italia 2019: volumi da primato mondiale

Crescono le esportazioni, Stati Uniti e Germania i mercati top in valore e volume. Delude il Regno Unito, exploit Russia e Giappone.

Emanuele Fiorio
Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo sabato 28 marzo 2020

Blocco generale: come fare quando il timore dipinge davanti a noi un disegno più distorto che veritiero.

Uno scopo rivolto al futuro può far aprire davanti a noi una nuova strada lì dove non pensavamo

Cristian Fanzolato
Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino? venerdi 27 marzo 2020

Ma quanto cambierà il mercato del vino?

Tutti gli osservatori ripetono che dopo l’emergenza Coronavirus il mondo non sarà più lo stesso. Ma se questo è vero, come potrebbe cambiare il mercato del vino?

Fabio Piccoli


WineMeridian