Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 19 gennaio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Farina
lunedi 08 gennaio

Diario di una Brexit contrastata

Il racconto dello stato attuale in Gran Bretagna della MW Sarah Abbot


Diario di una Brexit contrastata
Il voto pro Brexit del 2016 ha indubbiamente provocato dei cambiamenti: i mercati hanno subito uno shock temporaneo e tutte le alleanze sul commercio globale stanno cambiando come mai in precedenza. “Ci sono state reazioni favorevoli e contrarie, ma non si può negare il grosso disagio che si è creato, specialmente per il mondo del vino”. Così la pensa la Master of Wine britannica Sarah Abbott, che ha fatto un interessante intervento durante lo scorso Wine2wine per cercare di fare il punto della situazione a distanza di un anno e mezzo da quel fatidico 23 giugno 2016.

Per il mercato vitivinicolo italiano, al primo posto come importatore in Uk, insieme alla concorrente Australia, la questione Brexit è diventata un nuovo problema da gestire, o quantomeno monitorare.
A distanza di un anno e mezzo, è dunque lecito ora domandarsi cosa stia accadendo in Inghilterra.
A cercare di rispondere ai nostri dubbi, ci ha pensato la Master of Wine britannica, la quale non ha mancato di far notare quanto non sia cambiato di certo l’amore degli inglesi per il vino italiano, specialmente il Prosecco.

La passione inglese per il vino ha permesso alla Gran Bretagna infatti di reggere bene le conseguenze immediate dell’esito Brexit, nonostante si trovi nel contesto di un mercato che “va avanti ma non cresce”, mentre i consumi fanno solo che accrescere l’inflazione in un settore economico che muove circa 3 miliardi di sterline l’anno.
Questo è solo uno dei motivi che ha portato importanti figure del vino ad aggregarsi in una serie di network, come la WSTA (Wine and Spirit Trade Association), un’organizzazione di categoria che sta cercando di far valere le proprie ragioni e trovare un punto di incontro tra la nuova politica ed il commercio estero.
Tra le nuove regole, i “potenti del vino” si stanno battendo particolarmente per l’accesso continuativo allo Excise and Movement Control System (o Emcs), un sistema compiuterizzato che permette di monitorare la circolazione dei prodotti sottoposti ad accisa in sospensione d’imposta dell’UE.
Grazie a questo sistema si faciliterebbe l’identificazione di casi di contraffazione.
Una prima vittoria è stata già ottenuta, con il blocco del prezzo sulle accise degli alcolici.

“Sono piccole vittorie, ma importanti per il mercato del vino inglese”, dice la Abbot.
Infine, un consiglio che la Master of Wine si sente di dare, è quello di “
tenere duro e non abbandonare l’export verso il mercato inglese. Il governo inglese è sempre in tempo a tornare indietro e chi lo sa, di questi tempi, magari saremo spettatori di un altro colpo di scena come quello di giugno 2016”.
Redazione Wine Meridian

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Prosecco pedina di scambio nell’accordo tra UE e Australia?

Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Francesco Piccoli
Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Pochi giorni al meeting per gli export manager di Wineout

Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters giovedi 18 gennaio

Importare vini italiani in America: non ci si improvvisa

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters

Noemi Mengo
Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons giovedi 18 gennaio

Wine influencer: quanto valore portano alla wine community e quanto accrescono la conoscenza comune del vino?

Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons

Noemi Mengo
Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Cosa significa essere oggi un imprenditore del vino?

Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo? martedi 16 gennaio

Danimarca: dove la felicità è di casa

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo?

Agnese Ceschi
Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta? lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?

La più importante hub del commercio asiatico venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico

Noemi Mengo
Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme… giovedi 11 gennaio

Come essere influenti in Cina

Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme…

Redazione Wine Meridian
Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Il primo corso per imparare a vendere vino nel mondo e in Italia

Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Diventare imprenditori del vino consapevoli

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Fabio Piccoli
Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

Vincenzo Ercolino


WineMeridian