Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 19 maggio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

italian wine academy http://www.varramista.it/it/ http://www.palazzoroccabruna.it/it/Eventi/Pages/2019Roccabruna/2019MostraVini.aspx Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere

Dimensioni aziendali ed export, una relazione difficile

Ma quanto incide la dimensione aziendale nella capacità di essere performanti sui mercati internazionali? Noi proviamo a dare alcune risposte a questo non semplice quesito


Dimensioni aziendali ed export, una relazione difficile
Nell’intervista che ci ha rilasciato, durante Vinexpo New York, Thomas Matthews, executive editor di Wine Spectator (link), è emerso il tema del rapporto tra dimensione aziendale e capacità di essere performanti in un mercato così competitivo come quello statunitense.
Secondo Matthews si legittima un investimento sul mercato americano se l’azienda ha un business da sviluppare di almeno 1.000 casse all’anno, ma l’ideale sarebbe partire da circa 5.000 casse, insomma parliamo di più di 60.000 bottiglie.
Il ragionamento dell’executive editor di Wine Spectator parte dalla consapevolezza degli investimenti che un’azienda deve realizzare per sviluppare il proprio brand in un mercato affollato, e costoso aggiungiamo noi, come quello americano.
Il tema della relazione tra dimensione aziendale ed export è discusso da tanto tempo. Se dovessimo basarci sui dati potremmo affermare che di fatto non esiste una pregiudiziale alle esportazioni determinato dalla grandezza o meno di un’impresa.
Anche se oltre l’80% del fatturato dell’export è realizzato dalle aziende di maggiori dimensioni (dal milione di bottiglie in su) è altrettanto vero che ci sono moltissime piccole realtà (anche sotto le 100.000 bottiglie) che hanno performance internazionali di tutto rispetto.
E non sempre si tratta dei brand di maggior prestigio ma talvolta anche realtà meno note che sono però riuscite ad organizzarsi bene anche sul fronte dell’export.
Non si può negare, però, che il problema esiste e talvolta è particolarmente complesso. In particolare quando si devono affrontare mercati maturi, anche se in costante evoluzione, come quello nord americano.
Lo sviluppo di un mercato internazionale, infatti, richiede oggi una serie di investimenti che purtroppo non sono facilmente evitabili e che si possono così riassumere:

- partecipazione ad eventi b2b (per selezione importatori, distributori);
- partecipazione a fiere, eventi (per incontro potenziali buyer, in particolare canale horeca);
- accompagnamento degli importatori per incontri con clienti (ristoratori, wine manager, responsabili wine shop, ecc.);
- tasting in punti vendita o in eventi;
- comunicazione internazionale (social, newsletter a database ben profilati, ecc.);
- advertising (soprattutto se vi è necessità di spingere sul fronte del rating).

E’ chiaro che tra le attività sopra descritte ve ne sono alcune indispensabili, come ad esempio, gli eventi b2b perché, nonostante tutto, il vino si continua a vendere solo attraverso le relazioni dirette, ancor più necessarie se il proprio brand non è ancora affermato.
Ma indispensabile è sicuramente anche l’accompagnamento degli importatori. E’ stato il leit motiv degli incontri anche di quest’ultimo Vinexpo di New York. Molti produttori ci hanno evidenziato come negli incontri fatti molti importatori hanno chiesto la loro disponibilità ad investire in presenza sul mercato. In sostanza con la fatidica domanda: “Ma quanto tempo siete disponibili a stare con noi? Ad accompagnarci a incontrare i possibili clienti?”.
Ormai è arcinoto che questa attività è ormai da considerare la base per lo sviluppo del proprio business sui mercati internazionali. E non avere ossigeno per realizzarla significa partire già con un grave handicap.
Parecchie volte le aziende ci rispondono, rispetto a questa tipologia di investimenti: “Potrei essere disponibile ma dipende da quale business mi sviluppa l’importatore”. E’ una obiezione legittima ma purtroppo non sostenibile, in particolare se stiamo parlando di sviluppo di un’azione export nella fasi iniziali.
Certo è legittimo pianificare un investimento dandosi anche degli obiettivi ma, siamo onesti, nella fasi iniziali di sviluppo è difficile muoversi su basi certe.
Sicuramente necessaria anche la comunicazione internazionale. E qui, ci permettiamo, l’assenza di una adeguata comunicazione internazionale non è dettata necessariamente dalle risorse economiche ma da una certa trascuratezza di troppe aziende nei confronti di quest’attività.
Tutt’oggi ci capita di navigare, ad esempio, su siti di aziende che si propongono sui mercati internazionali che sono assolutamente inadeguati, talvolta addirittura senza traduzione nemmeno in inglese o, se fatta, solo parzialmente o con google translate.
E ci limitiamo al tema sito aziendale che dovrebbe essere solo il primo tassello.
Non parliamo poi di brochure, schede tecniche, newsletter aziendali, eccetera, eccetera. La stessa opportunità offerta dagli strumenti social viene spesso sfruttata male o per nulla ma parecchie aziende che vorrebbero affacciarsi meglio sui mercati mondiali.
Riteniamo più opzionale l’investimento sull’advertising, spesso troppo costoso per gran parte delle aziende italiane, ma questo non toglie che è indispensabile trovare delle modalità per instaurare dei rapporti con i media e la critica enologica. Il tema del rating, infatti, continua a rappresentare un fattore strategico importante nello sviluppo di un export profittevole.
Ma allora che fare se si è una piccola azienda?
Riflettere bene se è così fondamentale cercare sbocchi internazionali. Siete sicuri di avere fatto di tutto per migliorare le vostre performance a casa? Questo non vuole essere un disincentivo all’internazionalizzazione ma è fondamentale affrontare un’opportunità di questa natura con i requisiti adatti.
Altra opzione, sappiamo di essere ripetitivi, è la rete di impresa. Condividere costi di sviluppo dell’export su tutti i fronti a noi appare una opportunità straordinaria per tantissime aziende italiane. L’individualismo costa in Italia ma ancor di più all’estero.
Infine studiare bene in quali mercati si vuole e, soprattutto, si può sviluppare in maniera adeguata il proprio export. Non tutti i mercati vanno bene per tutti. Questo è un’ovvietà ce ne rendiamo conto, ma spesso troviamo in giro per il mondo aziende che scelgono di testare alcuni mercati in maniera troppo superficiale.
In realtà se si vogliono aumentare le proprie potenzialità di sviluppo di un mercato non solo è essenziale conoscerne bene le dinamiche ma anche capire quali sono le risorse (sia economiche che umane) che siamo in grado di mettere in campo per quel determinato mercato.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio saturday 18 may

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio

We have tasted for you DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio

Giovanna Romeo
Abbiamo degustato per voi la Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898 sabato 18 maggio

Italian wines in the world: Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898

Giovanna Romeo
Wine Meridian sarà presente a Vinexpo Shanghai, che si svolgerà il prossimo ottobre, con una nuova area collettiva di aziende italiane sabato 18 maggio

Vinexpo apre le porte ad una nuova fiera a Shanghai

Wine Meridian sarà presente a Vinexpo Shanghai, che si svolgerà il prossimo ottobre, con una nuova area collettiva di aziende italiane

La collaborazione con venerdi 17 maggio

Signorvino e le nuove etichette personalizzate

La collaborazione con "Cibo" contro i simboli nazifascisti

Lunedì 20 maggio a Stoccolma e mercoledì 22 maggio ad Helsinki per valorizzare le aziende biologiche italiane e connetterle a due dei mercati più attratti dai prodotti organic venerdi 17 maggio

Stoccolma ed Helsinki per le aziende bio, con Organic Value

Lunedì 20 maggio a Stoccolma e mercoledì 22 maggio ad Helsinki per valorizzare le aziende biologiche italiane e connetterle a due dei mercati più attratti dai prodotti organic

Due mondi che faticano ancora a confrontarsi eppure sia i produttori che i distributori hanno sempre più bisogno l’uno dell’altro

Alleanza produttori e distributori cercasi

Due mondi che faticano ancora a confrontarsi eppure sia i produttori che i distributori hanno sempre più bisogno l’uno dell’altro

Fabio Piccoli
Si riconferma con voto unanime la presidenza di Francesco Cavazza Isolani per il Consorzio Pignoletto Emilia Romagna venerdi 17 maggio

Francesco Cavazza Isolani presidente in terzo mandato del Consorzio Pignoletto Emilia Romagna

Si riconferma con voto unanime la presidenza di Francesco Cavazza Isolani per il Consorzio Pignoletto Emilia Romagna

Conosciamo una realtà storica, che ha avuto il coraggio di ri-lanciarsi nel mercato vitivinicolo di oggi, contando solo sulle proprie forze. 
giovedi 16 maggio

Vigna Belvedere: una storia di famiglia, radici e ambizione

Conosciamo una realtà storica, che ha avuto il coraggio di ri-lanciarsi nel mercato vitivinicolo di oggi, contando solo sulle proprie forze.

Horeca, Prosecco, Pinot Grigio: dopo la crisi del 2015 in Russia, questi i tre moschettieri chiamati a difendere i segnali di crescita economica nel settore del vino
giovedi 16 maggio

Russia: tra crisi e rinascita

Horeca, Prosecco, Pinot Grigio: dopo la crisi del 2015 in Russia, questi i tre moschettieri chiamati a difendere i segnali di crescita economica nel settore del vino

Giulia Tartaglione
Il 16 settembre 2019, presso FICO EATALYWORLD di Bologna, la 3° edizione della giornata dedicata agli export manager del vino con delle grandi novità
giovedi 16 maggio

Save the date: torna il Wine Export Manager Day!

Il 16 settembre 2019, presso FICO EATALYWORLD di Bologna, la 3° edizione della giornata dedicata agli export manager del vino con delle grandi novità

WinePeople presenta il suo nuovo percorso di 25 lezioni e-learning sulle modalità di vendita del vino 
giovedi 16 maggio

Vendita, marketing e comunicazione del vino: formazione a distanza

WinePeople presenta il suo nuovo percorso di 25 lezioni e-learning sulle modalità di vendita del vino

Maria Bandolin
Lunedì 20 maggio la seconda giornata di incontri e degustazioni dedicata alla prima rete di cooperative dell'eccellenza italiana presso l'azienda Val d'Oca mercoledi 15 maggio

Alla scoperta di The Wine Net

Lunedì 20 maggio la seconda giornata di incontri e degustazioni dedicata alla prima rete di cooperative dell'eccellenza italiana presso l'azienda Val d'Oca

Abbiamo degustato per voi il Friuli Colli orientali Sauvignon dell'Azienda Specogna mercoledi 15 maggio

Italian wines in the world: Friuli Colli orientali Sauvignon dell'Azienda Specogna

Abbiamo degustato per voi il Friuli Colli orientali Sauvignon dell'Azienda Specogna

Parte la nostra analisi sul mercato del vino italiano attraverso gli “occhi” e le “esperienze” degli agenti e delle agenzie commerciali italiane. Obiettivo è capire da un lato le evoluzioni del mercato, i fabbisogni del trade, dei canali di distribuzione e dall’altro le competenze necessarie oggi per essere una risorsa umana adeguata allo sviluppo del wine business sul mercato nazionale

Indagine sul mercato del vino in Italia visto dall’Osservatorio Agenti

Parte la nostra analisi sul mercato del vino italiano attraverso gli “occhi” e le “esperienze” degli agenti e delle agenzie commerciali italiane. Obiettivo è capire da un lato le evoluzioni del mercato, i fabbisogni del trade, dei canali di distribuzione e dall’altro le competenze necessarie oggi per essere una risorsa umana adeguata allo sviluppo del wine business sul mercato nazionale

Intervista a Graziano Molon, Direttore del Consorzio Vini del Trentino mercoledi 15 maggio

Consorzio Vini del Trentino: una realtà che parla di unione e valorizzazione del territorio

Intervista a Graziano Molon, Direttore del Consorzio Vini del Trentino

Essere Junior (area manager) in un mondo che vuole solo Senior

Vengo anch'io? No, tu no!

Essere Junior (area manager) in un mondo che vuole solo Senior

Andrea Pozzan
Partito il progetto di formazione frutto della collaborazione tra WinePeople e Assoenologi con lo scopo di migliorare le competenze comunicative di una delle figure più strategiche anche nello sviluppo dell’immagine del vino italiano nel mondo

WinePeople e Assoenologi uniti nella comunicazione del vino

Partito il progetto di formazione frutto della collaborazione tra WinePeople e Assoenologi con lo scopo di migliorare le competenze comunicative di una delle figure più strategiche anche nello sviluppo dell’immagine del vino italiano nel mondo

Dai premi internazionali uno slancio per l’isola, puntando su nuovi flussi in arrivo grazie all’enoturismo lunedi 13 maggio

Siddùra ambasciatrice della Sardegna nel mondo: quattro ori e cinque argenti al World Wine Contest

Dai premi internazionali uno slancio per l’isola, puntando su nuovi flussi in arrivo grazie all’enoturismo



sfondo_wm