Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 24 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ italian wine academy Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it

Dimensioni aziendali ed export, una relazione difficile

Ma quanto incide la dimensione aziendale nella capacità di essere performanti sui mercati internazionali? Noi proviamo a dare alcune risposte a questo non semplice quesito


Dimensioni aziendali ed export, una relazione difficile
Nell’intervista che ci ha rilasciato, durante Vinexpo New York, Thomas Matthews, executive editor di Wine Spectator (link), è emerso il tema del rapporto tra dimensione aziendale e capacità di essere performanti in un mercato così competitivo come quello statunitense.
Secondo Matthews si legittima un investimento sul mercato americano se l’azienda ha un business da sviluppare di almeno 1.000 casse all’anno, ma l’ideale sarebbe partire da circa 5.000 casse, insomma parliamo di più di 60.000 bottiglie.
Il ragionamento dell’executive editor di Wine Spectator parte dalla consapevolezza degli investimenti che un’azienda deve realizzare per sviluppare il proprio brand in un mercato affollato, e costoso aggiungiamo noi, come quello americano.
Il tema della relazione tra dimensione aziendale ed export è discusso da tanto tempo. Se dovessimo basarci sui dati potremmo affermare che di fatto non esiste una pregiudiziale alle esportazioni determinato dalla grandezza o meno di un’impresa.
Anche se oltre l’80% del fatturato dell’export è realizzato dalle aziende di maggiori dimensioni (dal milione di bottiglie in su) è altrettanto vero che ci sono moltissime piccole realtà (anche sotto le 100.000 bottiglie) che hanno performance internazionali di tutto rispetto.
E non sempre si tratta dei brand di maggior prestigio ma talvolta anche realtà meno note che sono però riuscite ad organizzarsi bene anche sul fronte dell’export.
Non si può negare, però, che il problema esiste e talvolta è particolarmente complesso. In particolare quando si devono affrontare mercati maturi, anche se in costante evoluzione, come quello nord americano.
Lo sviluppo di un mercato internazionale, infatti, richiede oggi una serie di investimenti che purtroppo non sono facilmente evitabili e che si possono così riassumere:

- partecipazione ad eventi b2b (per selezione importatori, distributori);
- partecipazione a fiere, eventi (per incontro potenziali buyer, in particolare canale horeca);
- accompagnamento degli importatori per incontri con clienti (ristoratori, wine manager, responsabili wine shop, ecc.);
- tasting in punti vendita o in eventi;
- comunicazione internazionale (social, newsletter a database ben profilati, ecc.);
- advertising (soprattutto se vi è necessità di spingere sul fronte del rating).

E’ chiaro che tra le attività sopra descritte ve ne sono alcune indispensabili, come ad esempio, gli eventi b2b perché, nonostante tutto, il vino si continua a vendere solo attraverso le relazioni dirette, ancor più necessarie se il proprio brand non è ancora affermato.
Ma indispensabile è sicuramente anche l’accompagnamento degli importatori. E’ stato il leit motiv degli incontri anche di quest’ultimo Vinexpo di New York. Molti produttori ci hanno evidenziato come negli incontri fatti molti importatori hanno chiesto la loro disponibilità ad investire in presenza sul mercato. In sostanza con la fatidica domanda: “Ma quanto tempo siete disponibili a stare con noi? Ad accompagnarci a incontrare i possibili clienti?”.
Ormai è arcinoto che questa attività è ormai da considerare la base per lo sviluppo del proprio business sui mercati internazionali. E non avere ossigeno per realizzarla significa partire già con un grave handicap.
Parecchie volte le aziende ci rispondono, rispetto a questa tipologia di investimenti: “Potrei essere disponibile ma dipende da quale business mi sviluppa l’importatore”. E’ una obiezione legittima ma purtroppo non sostenibile, in particolare se stiamo parlando di sviluppo di un’azione export nella fasi iniziali.
Certo è legittimo pianificare un investimento dandosi anche degli obiettivi ma, siamo onesti, nella fasi iniziali di sviluppo è difficile muoversi su basi certe.
Sicuramente necessaria anche la comunicazione internazionale. E qui, ci permettiamo, l’assenza di una adeguata comunicazione internazionale non è dettata necessariamente dalle risorse economiche ma da una certa trascuratezza di troppe aziende nei confronti di quest’attività.
Tutt’oggi ci capita di navigare, ad esempio, su siti di aziende che si propongono sui mercati internazionali che sono assolutamente inadeguati, talvolta addirittura senza traduzione nemmeno in inglese o, se fatta, solo parzialmente o con google translate.
E ci limitiamo al tema sito aziendale che dovrebbe essere solo il primo tassello.
Non parliamo poi di brochure, schede tecniche, newsletter aziendali, eccetera, eccetera. La stessa opportunità offerta dagli strumenti social viene spesso sfruttata male o per nulla ma parecchie aziende che vorrebbero affacciarsi meglio sui mercati mondiali.
Riteniamo più opzionale l’investimento sull’advertising, spesso troppo costoso per gran parte delle aziende italiane, ma questo non toglie che è indispensabile trovare delle modalità per instaurare dei rapporti con i media e la critica enologica. Il tema del rating, infatti, continua a rappresentare un fattore strategico importante nello sviluppo di un export profittevole.
Ma allora che fare se si è una piccola azienda?
Riflettere bene se è così fondamentale cercare sbocchi internazionali. Siete sicuri di avere fatto di tutto per migliorare le vostre performance a casa? Questo non vuole essere un disincentivo all’internazionalizzazione ma è fondamentale affrontare un’opportunità di questa natura con i requisiti adatti.
Altra opzione, sappiamo di essere ripetitivi, è la rete di impresa. Condividere costi di sviluppo dell’export su tutti i fronti a noi appare una opportunità straordinaria per tantissime aziende italiane. L’individualismo costa in Italia ma ancor di più all’estero.
Infine studiare bene in quali mercati si vuole e, soprattutto, si può sviluppare in maniera adeguata il proprio export. Non tutti i mercati vanno bene per tutti. Questo è un’ovvietà ce ne rendiamo conto, ma spesso troviamo in giro per il mondo aziende che scelgono di testare alcuni mercati in maniera troppo superficiale.
In realtà se si vogliono aumentare le proprie potenzialità di sviluppo di un mercato non solo è essenziale conoscerne bene le dinamiche ma anche capire quali sono le risorse (sia economiche che umane) che siamo in grado di mettere in campo per quel determinato mercato.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia Vermentino di Sardegna DOC saturday 23 march

Italian wines in the world: Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia

We have tasted for you Cantina Santa Maria La Palma's Ràfia Vermentino di Sardegna DOC

Abbiamo degustato per voi Ràfia Vermentino di Sardegna DOC di Cantina Santa Maria La Palma sabato 23 marzo

Italian wines in the world: Ràfia di Cantina Santa Maria La Palma

Abbiamo degustato per voi Ràfia Vermentino di Sardegna DOC di Cantina Santa Maria La Palma

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019
venerdi 22 marzo

Milano Wine Week punta all'internazionalità

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms. friday 22 march

Italian Wine Podcast: two years of “cin cin” with Italian wine people

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms.

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now! friday 22 march

World's Leading Wine Experts Share Tried and Tested Solutions to Mitigate Climate Change

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now!

Michele Shah
Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Donne e vino: più sensibili alla sostenibilità ma meno disposte a spendere

Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Fabio Piccoli
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli


http://www.winemeridian.com/