Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 18 ottobre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


WINE2WINE La Torraccia Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense


Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?
Nei precedenti due “episodi” sul tema abbiamo analizzato due diversi punti di vista nella considerazione del del Direct to Consumer all’interno del sistema statunitense, ed oggi siamo pronti ad affrontarne un terzo. Grazie ad un approfondimento di Market Watch sul sondaggio “2018 Direct to Consumer Wine Shipping Report", prodotto da Sovos e da Wines&Vines, abbiamo infatti appurato che il DTC negli USA non sia più una nuova frontiera (qui), e ci siamo chiesti se fosse possibile una convivenza fra direct shipping e Three tier system (qui). Sulla base dell’approfondimento analizzato, è giunto il momento di fare una terza considerazione: cosa significa questa diffusione del DTC per il comparto retail?

Mentre le aziende vinicole stanno traendo vantaggio dal sistema a spedizione diretta, i rivenditori si trovano ad affrontare un po’ di resistenza. Dal 2005, il livello di vendita al dettaglio ha subito un calo del numero di stati nel continente in cui la spedizione diretta è concessa legalmente (si è passato da 18 a 14 stati), e la maggior parte di questi sta via via rafforzando le proprie leggi in tema, reprimendo duramente il concetto di DTC.

Guardiamo al caso dell’Illinois, i legislatori hanno reso reato per i rivenditori al di fuori dello stato le spedizioni di vino all’interno di esso. Il principale rivenditore dell'Illinois, la catena di 38 negozi Binny's Beverage Depot, ha chiuso l'anno scorso tutte le spedizioni al di fuori dello stato. "Credo nei mercati liberi e nel libero flusso di beni e servizi attraverso i confini statali", ha dichiarato Michael Binstein, il proprietario. "Tutti perdono, compresi noi di Binny e i nostri clienti, quando ci allontaniamo dal vangelo della libera impresa."

Non sorprende che i grossisti abbiano invece una visione diversa. Craig Wolf, recentemente diventato CEO di Wine and Spirits Wholesalers of America (WSWA), riconosce che "l'economia on demand è qui per restare". Wolf sostiene vivamente che la via migliore per raggiungere i consumatori sia attraverso il three tier system con vendite tramite i rivenditori locali ed opzioni per la consegna a domicilio. "I distributori non stanno combattendo la stessa battaglia che hanno combattuto 20 anni fa", aggiunge. "Non stanno cercando di abrogare alcuna legge sulla spedizione diretta che permette alle cantine di spedire attraverso i confini statali, però stanno sicuramente sottolineando il rischio di tale operazione, senza però effettivamente ripercorrere vecchie discussioni”. 

Il WSWA sta intanto promuovendo un modello a sé, che include fornitori, grossisti e rivenditori, con consegna a domicilio tramite fornitori come Drizly, che garantiscono la consegna in meno di un'ora in mercati selezionati. Tale approccio, afferma sempre Wolf “garantisce la qualità e garantisce il pagamento delle tasse locali, il mantenimento dei posti di lavoro locali e il mantenimento dell'integrità del prodotto. Quando una bottiglia arriva attraverso il sistema a tre livelli, sappiamo che è passata da un fornitore rispettabile a un grossista rispettabile e poi a un rivenditore locale che infine lo consegna, con controlli ID e corretta riscossione delle imposte in tutto il sistema. Così si ottengono tutte le garanzie del sistema a tre livelli, ma offrendo al consumatore esattamente ciò che desidera quando lo desidera. Il livello all'ingrosso ha ampliato la gamma di vini disponibili per i consumatori, ma c'è spazio limitato al dettaglio per il numero sempre crescente di vini del mercato. Oggi infatti c'è più scelta sugli scaffali di quanti ce ne siano mai stati, ora ci sono circa 8.000 cantine, mentre 30 anni fa c'erano 700. "

Anche Mel Dick, presidente della divisione vino e vicepresidente senior di Wine & Spirits di Southern Glazer, sottolinea l'importanza della struttura tradizionale per le vendite di vino. "Il sistema a tre livelli è ancora la strada più redditizia e sicura per i fornitori di alcolici", sostiene Dick. “Previene l'accesso ai minori e garantisce la riscossione delle imposte. Pensiamo che i modelli diretti al consumatore abbiano più successo ed efficacia se le aziende instaurano una partnership con il sistema a tre livelli, come nel caso di Drizly. "

Rob McMillan, fondatore e vice presidente esecutivo della Divisione Wine della Silicon Valley Bank, vede invece le cose in modo leggermente diverso. Egli osserva che i distributori hanno un monopolio costituzionalmente protetto dato che gli Stati hanno la capacità di legiferare sul movimento dell'alcool all'interno dei loro confini. "I grossisti di liquori hanno fatto un buon lavoro nel proteggere questo monopolio nel corso degli anni, ma se le cantine non hanno la possibilità di spedire direttamente, presto vedremo il fallimento di moltissime cantine a conduzione familiare”

In sostanza, pare che i rivenditori stiano cercando di cambiare le leggi per rivolgerle a loro favore e che abbiano pensato di farlo passando attraverso le proprie legislature statali. Negli ultimi due anni, la legislazione sulla spedizione diretta è stata introdotta a New York, nel Connecticut, in Alabama, nel Maine e in Texas, e le azioni legali hanno contestato le restrizioni in Michigan, Illinois e Missouri. Tutto ciò avviene alla luce della consapevolezza che si tratti (per il three tier system) di un sistema che è ancora comodo da sfruttare, ma che se dovesse avere la meglio sul DTC, significherebbe ridurre di gran lunga le possibilità di crescita per quelle cantine ancora di piccole dimensioni, per i quali la spedizione diretta rappresenta un risparmio ed un dialogo più intimo con il proprio target.

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona
venerdi 18 ottobre 2019

L’epoca delle contaminazioni

L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona

Noemi Mengo
La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese venerdi 18 ottobre 2019

Ora il Pinot Grigio deve parlare anche italiano

La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese

Fabio Piccoli
Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto. 
giovedi 17 ottobre 2019

Lo Champagne e i suoi trend: facciamo il punto

Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto.

Giovanna Romeo
Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week giovedi 17 ottobre 2019

Milano Wine Week: nuove generazioni del vino italiano protagoniste al Wine Generation Forum

Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5. 
giovedi 17 ottobre 2019

5 punti per osservare il mondo del vino che cambia

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5.

Noemi Mengo
Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono mercoledi 16 ottobre 2019

La meraviglia del vino, nasce la "Guida alle Cantine" Made in Piedmont

Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale mercoledi 16 ottobre 2019

Cresce la domanda di Prosecco biologico

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi
mercoledi 16 ottobre 2019

Italian wines in the world: Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.  
mercoledi 16 ottobre 2019

10 anni dalla crisi: come è cambiata l’Europa del vino?

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.

Noemi Mengo
Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager? martedi 15 ottobre 2019

Chi più spende più guadagna

Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager?

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry tuesday 15 october 2019

Italian wines in the world: Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

Giovanna Romeo
Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietà caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale. lunedi 14 ottobre 2019

Sognando di fare vino. Noroc!

Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietà caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale.

Giovanna Romeo
All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo? lunedi 14 ottobre 2019

Il vino italiano sarà il meno colpito dai dazi USA

All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo?

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere sabato 12 ottobre 2019

Italian wines in the world: Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Giovanna Romeo
Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo. sabato 12 ottobre 2019

Neuromarketing: anche l'occhio vuole la sua parte

Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo.

Noemi Mengo
La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti
venerdi 11 ottobre 2019

Le sfide difficili dei mercati emergenti

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti

Fabio Piccoli


sfondo_wm