Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 28 gennaio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

enosocial.com Siddura


pradellaluna.com Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/  www.cantinatollo.it
giovedi 31 ottobre 2019

Direct to consumer negli Stati Uniti? La soluzione di Direct from Italy

Il progetto di Denis Andolfo mira a posizionare il vino italiano attraverso l’e-commerce nel Paese a stelle e strisce, anche per chi non è ancora importato, superando la paura della vendita on-line.


Direct to consumer negli Stati Uniti? La soluzione di Direct from Italy

Denis Andolfo


DTC negli Stati Uniti e non solo. Il sistema di vendita diretta al consumatore ha raggiunto negli Stati Uniti ormai il 15%, per questo costituisce un canale da non sottovalutare per i produttori di vino italiano che vogliano affrontare l’immenso territorio americano. Da questa, e altre, considerazioni è nato il progetto Direct from Italy, ideato da Denis Andolfo e il socio Francesco Prizzon.
Denis Andolfo si occupa di sviluppo dei mercati esteri per conto delle cantine. Una decina di anni fa, cercando di aggregare cantine medio-piccole, che quindi da sole non avessero la forza e le risorse per affrontare i mercati esteri, ha creato Italian Wine Artisans. Oggi, assieme al socio Francesco Prizzon, ha creato un nuovo ed innovativo sistema per la vendita diretta al consumatore, Direct from Italy. Scopriamo assieme a lui di cosa si tratta.

Come è nato il progetto Direct to Italy?
Un paio di anni fa ho cominciato a coltivare un’idea nata da questa considerazione: il mercato americano ha bisogno di essere più “direct (to consumer)”; gli USA sono molto vasti e il mercato delle vendite online è fiorito e ha raggiunto delle situazioni di stabilità, è accettato in qualsiasi sua forma, infine non è visto come una competizione rispetto agli store o ai ristoratori. Purtroppo in Italia l’e-commerce è ancora una paura, anche se poco fondata: molte cantine si rifiutano di andare su un e-commerce per paura che i loro stessi importatori o distributori nazionali o europei si infastidiscono perché fanno concorrenza.

Da che esigenze è nato il progetto?
Negli USA bisogna trovare un importatore, verificare che sia affidabile, ma per farlo bisogna visitarlo, investire molto denaro, che molte cantine non hanno singolarmente.
Una cantina medio-piccola da sola non riesce, ha dei costi proibitivi. Da questo nasce la mia idea, che ho avuto in parte guardando i distributori self service di benzina. Mi sono detto: è possibile che non ci sia un modo automatizzato affinché il nostro prodotto sia a disposizione di tutti e che ci faccia guadagnare senza “impegnarci”, così da dedicare il nostro impegno solo a fare del buon vino? Qual è la soluzione? Vendita diretta al cliente. Il mercato DTC è il più potente e più remunerativo sia per quantità che come mark up. Così è nato Direct from Italy.

Come funziona Direct from Italy?
Dopo due anni di lavoro assieme al mio socio Francesco Prizzon della Way to go, lo scorso luglio si è concretizzato un progetto con due soluzioni: la prima è un software, che va all’interno dell’e-commerce di qualsiasi cantina, dove il cliente ha un’esperienza velocissima di acquisto. Il cliente acquista il vino come se fosse su Amazon.
Il balzo successivo è stato mettere in vendita i propri prodotti negli Stati Uniti direttamente ai clienti finali. Non ci sono inghippi burocratici, ma regole ben precise. Abbiamo siglato i contratti con un importatore e una logistica (trasporta in 46 Stati door to door e ha la licenza DTC) negli USA che si occupa di sdoganare, avere il magazzino, ricevere la merce subito dopo la dogana e trasportarla a casa del consumatore.

Come si fa a vendere su un mercato di 300 milioni di persone dove non sei conosciuto?
Da poco abbiamo siglato, e chiuso il cerchio, un contratto con uno dei primi dieci e-commerce americani specializzato in vini e alcolici, con esposizione massima di prodotti, che crea una pagina ad hoc per i vini trasportati direttamente dalla cantina. Ne abbiamo scelto uno americano perché è più affidabile agli occhi dei consumatori, gli americani comprano dagli americani. Il cliente americano ha la possibilità di scegliere i vini tra tutte queste cantine, vini che arrivano dall’Italia a casa sua. L’intermediario c’è, ma la catena è tutta automatizzata, proprio come al pensiero della pompa di benzina.

Il vostro sistema fornisce anche un servizio di consulenza in partenza?
Abbiamo stabilito una barriera all’ingresso che sfrutta le mie conoscenze pregresse nel mercato americano, dove ho molti contatti. Prima di iniziare facciamo un’indagine preventiva per capire quali dei loro vini hanno più potenzialità di vendita.

Quali sono le difficoltà e quali le potenzialità più grandi?
Il punto di debolezza può essere rovesciato e diventare punto di forza. Anche se siamo dentro un e-commerce tra i primi 10, il cliente non ha idea di andare a trovare proprio quel vino. Tutto ciò è un punto di debolezza, però si può usare un’arma. Abbiamo sviluppato grazie ai nostri database una profilazione precisa delle zone e distretti di maggiore concentrazione degli acquisti, il profilo di ogni singolo cliente, abitudini di consumo, frequenza… Abbiamo una mole di dati veramente potente, e noi possiamo metterla a disposizione di una possibile campagna pubblicitaria o social della cantina. Quindi offriamo la profilazione, una focalizzazione delle campagne estremamente precisa. Grazie a questo la cantina fa pubblicità a sé stessa in tutti i mercati, e al sito dove mette in vendita il proprio vino (quindi o il proprio e-commerce per chi ne ha capito l’importanza o all’e-commerce USA).

Come superare le eventuali obiezioni che l’importatore, se ne ha uno, può sollevare al produttore?
Paura comune numero uno: cosa succede se il produttore ha affidato ad un unico partner l’esclusiva? È chiaro che un contratto di questo genere porta delle ripercussioni per l’azienda in tutto. La prima soluzione è quella di andare a fare un secondo marchio, la maggior parte delle cantine lo fa.
Paura numero due: che concorrenza fa il produttore ad un importatore negli USA con l’e-commerce? La stessa che fa un turista che viene a prendersi il vino in cantina.
Molti produttori cercano la scusa per nascondersi dietro un dito. Se noi iniziamo a vendere al cliente finale, creiamo la domanda dal basso, potenziando così tutti i canali di vendita.
Paura numero tre: bisogna superare l’ostacolo del digitale, che ancora fa paura e frena. Oggi per raggiungere anche posti sperduti in territori molto ampi, l’online è il canale più efficace.

www.directfromitaly.it
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non vi è oggi un numero sufficiente di professionisti capaci di far crescere le imprese vitivinicole nei sempre più complessi mercati internazionali 
Dall'11 febbraio in partenza il nuovo campus export.

Lavorare come Export Manager del Vino? “Si deve”.

Non vi è oggi un numero sufficiente di professionisti capaci di far crescere le imprese vitivinicole nei sempre più complessi mercati internazionali Dall'11 febbraio in partenza il nuovo campus export.

Solo il 10% del Prosecco venduto nel Regno Unito è DOCG, è necessario diversificarlo dalla DOC ed aumentare l’export in volume e valore martedi 28 gennaio 2020

Il mercato britannico vuole il Prosecco DOCG? E noi ce lo teniamo in casa.

Solo il 10% del Prosecco venduto nel Regno Unito è DOCG, è necessario diversificarlo dalla DOC ed aumentare l’export in volume e valore

Emanuele Fiorio
La filosofia lunedi 27 gennaio 2020

The art of being slow

La filosofia "lento e sostenibile" sta contagiando molte aziende vinicole italiane e quest'anno in occasione del suo 10 anniversario la guida Slow Wine ne celebra i traguardi. Ma la strada è ancora lunga...

Agnese Ceschi
Quando vendere vino più che un business è un’arte: parliamo della Cina, mercato da non sottovalutare mai, specialmente quando si parla di importatori. 
lunedi 27 gennaio 2020

Cina, là dove la cautela non è mai troppa

Quando vendere vino più che un business è un’arte: parliamo della Cina, mercato da non sottovalutare mai, specialmente quando si parla di importatori.

Noemi Mengo
Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione
venerdi 24 gennaio 2020

Nella querelle Amarone abbiamo perso tutti

Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione

Fabio Piccoli
Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization. venerdi 24 gennaio 2020

Thailandia: il prossimo mercato emergente in cui vale davvero la pena esserci

Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization.

Parole molto forti: proposta economica - definita giovedi 23 gennaio 2020

Il Consorzio Tutela Vini Valpolicella risponde alla proposta de Le Famiglie Storiche

Parole molto forti: proposta economica - definita "semplice lascito di una somma di denaro" a fronte di una condanna grave - bocciata dal consiglio di amministrazione del Consorzio, e augurio di una riconciliazione gestita da professionisti e non a mezzo stampa.

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Le Famiglie Storiche offrono al Consorzio Vini Valpolicella una soluzione per chiudere il contenzioso pendente

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”.

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”.

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Vyno Dienos a Vilnius in Lituania: uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte giovedi 23 gennaio 2020

Cocktail trends in the U.S.? benessere, qualità, sostenibilità ed un tocco di stravaganza

Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte

Emanuele Fiorio
2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston wednesday 22 january 2020

2020 Slow Wine Us Tour celebrates the 10th anniversary of its annual English language guide and a decade of success

2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical. mercoledi 22 gennaio 2020

Quando l’abito fa (davvero) il monaco…

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical.

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata mercoledi 22 gennaio 2020

DOCG, la vera sfida del Prosecco negli USA

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata

Emanuele Fiorio
Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato. mercoledi 22 gennaio 2020

I concetti chiave per affrontare il mercato canadese

Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato.

Emanuele Fiorio
Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale martedi 21 gennaio 2020

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative nelle fiere internazionali

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani


WineMeridian