Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/
venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?


E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?
Il 12 luglio scorso è stato il “compleanno” della prima legge italiana sulle denominazioni di origine dei vini che ha compiuto 56 anni (la stessa età di chi scrive per la cronaca).
L’ormai storico dpr 930/63, che si è poi evoluto nella legge 164/92 e nel più recente regolamento comunitario 479/2008, di fatto gettò le basi più importanti ed in gran parte tuttoggi applicate della tutela delle denominazioni di origine e del relativo ruolo dei Consorzi.
Ma il legislatore si rese conto della necessità di tutelare e regolamentare le produzioni di vino ben prima del 1963, attraverso leggi che risalgono anche agli anni trenta del secolo scorso.
Sarebbe quindi sbagliato negare l’importanza delle regolamentazione in un settore così complesso e articolato come quello vitivinicolo.
Detto ciò, però, non deve apparire un’eresia domandarsi se l’attuale regolamentazione sia adeguata ai tempi odierni.
In particolare, anche alla luce delle recenti decisioni di bloccare i nuovi impianti e di modulare l’immissione sul mercato dei vini della denominazione, da parte del Consorzio di tutela del Lugana e del Consorzio Valpolicella, appare interessante un’analisi del ruolo consortile nella gestione dei flussi produttivi.
Innanzitutto, come abbiamo avuto modo già di sottolineare, consideriamo molto positivo che i Consorzi esercitino anche il ruolo di “gestione del mercato”. Agire “solo” sul fronte della tutela e della promozione senza fare nulla per evitare pericolose eccedenze produttive rappresenta a nostro parere un limite notevole.
La domanda da porsi, però, è se i Consorzi allo stato attuale sono dotati degli strumenti adeguati per applicare queste norme restrittive sul fronte produttivo e se queste vanno estese a tutti produttori a prescindere.
Ci rendiamo conto che non sia una questione semplice da affrontare e non vogliamo cadere in facile demagogia, ma riteniamo quanto meno utile e interessante affrontare questo tema con un atteggiamento aperto, laico, senza pregiudiziali ideologiche.
Innanzitutto è chiaro che affinché i Consorzi possano comprendere quando è il momento di agire e con quali azioni è fondamentale che siano dotati di osservatori del mercato autorevoli e soprattutto credibili.
Allo stato attuale è indubbio che sul fronte dei flussi produttivi le informazioni che abbiamo a disposizione sono decisamente credibili, ufficiali e trasparenti grazie agli organismi di controllo che fanno un lavoro prezioso su questo fronte.
Sicuramente le cose si fanno più complesse quando si scende sul mercato, dove le informazioni diventano molto più rarefatte, non facilmente controllabili e spesso anche pericolosamente manovrabili.
Non solo, i protagonisti (i produttori) di una denominazione registrano quasi sempre dinamiche sui mercati molto diverse tra di loro. Siamo cioè praticamente sempre alle prese con la classica situazione a “macchia di leopardo”.
Prendiamo come esempio proprio la Valpolicella, per la quale il Consorzio di tutela ha deciso nei giorni scorsi di applicare il blocco totale degli impianti per i vigneti della denominazione per i prossimi tre anni. Una scelta nata con l’obiettivo di riequilibrare il mercato attraverso una gestione controllata della superficie vitata e della relativa capacità produttiva. “Il successo dei vini della Valpolicella ", ha dichiarato a tal proposito il presidente del Consorzio tutela vini Valpolicella, Andrea Sartori " è piuttosto recente e anche per questo ha bisogno di essere gestito al meglio. Negli ultimi 10 anni ", ha proseguito, " il territorio ha visto crescere la propria superficie vitata di circa il 30%, con un incremento produttivo che sfiora il 40% e con un +50% di uve messe a riposo per Amarone e Recioto”. Per Sartori “servivano scelte coraggiose e coscienziose per garantire la corretta remuneratività della filiera e la tenuta del prezzo medio: per questo in sede di assemblea dei soci abbiamo di recente approvato misure straordinarie di riduzione sia delle rese che della cernita delle uve destinate all’appassimento e richiesto il blocco degli impianti. Una politica contenitiva, questa, in via di adozione anche da parte di altre grandi Doc italiane”.
Letta così la scelta del Consorzi della Valpolicella sembra ineccepibile. Ma dal nostro punto di vista può essere questa l’occasione per riflettere se una scelta di questa natura potrebbe non essere applicata a tutti i produttori?
È chiaro che per arrivare ad un intervento mirato e non erga omnes sarebbero necessarie informazioni molto più trasparenti e credibili sul fronte del mercato. E qui la volontà delle aziende di mettere a disposizione i loro dati sui mercati, soprattutto sul fronte prezzi, appare fondamentale, una sorta di conditio sine qua non per poter ipotizzare un’applicazione di una norma non a tutti.
Certo si aprirebbe anche la questione di chi andrebbe a verificare questi dati, una sorta di Consob delle aziende del vino, ma non provare a riflettere sulla questione ci sembrerebbe un errore.
È indubbio, infatti, che esistono leggi a cui tutti devono sottostare ma è comprensibile che per le aziende virtuose, quelle che stanno attente alle loro rese, che presidiano al meglio il loro posizionamento, insomma che gestiscono i maniera egregia il mercato, alcune scelte consortili possano apparire molto limitative per il loro sviluppo.
Ma con onestà siamo convinti che una “rivoluzione” anche della gestione delle nostre denominazioni, che da tempo auspichiamo dalle pagine di Wine Meridian, è possibile solo se tutto il sistema produttivo accetta la regola chiave della trasparenza.
Senza trasparenza, anche i “bravi” e i più “onesti” dovranno accettare il triste destino del noto “cornuto e mazziato”.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm