Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 22 settembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività


Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Filippo Magnani


“Creare esperienze di viaggio personalizzate uniche ed irripetibili, nonché fungere da trait d’union tra appassionati e professionisti stranieri con i produttori, i vini ed i territori italiani.” È questa la filosofia di Filippo Magnani e di Fufluns, la prima agenzia in Italia ad aver sviluppato itinerari legati all’enoturismo del Bel Paese.
Vista l’importanza che il tema sta ricevendo in questi ultimi anni, abbiamo intervistato Filippo Magnani, che non è solo il fondatore di Fufluns, la sua presenza nel mondo del vino è infatti consolidata ormai da molti anni, vantando la collaborazione con testate specializzate, nonché l’organizzazione dei corsi della Wine & Spirit Education Trust in Italia, frutto del suo diploma WSET, di educational tour per stampa e buyer di settore e di eventi b2b, fino alle docenze universitarie presso istituti di formazione privati sul tema dell’accoglienza e l’ospitalità nelle aziende vinicole.

In quali condizioni versa oggi il settore dell’enoturismo e della promozione del territorio vitivinicolo italiano?
È ormai appurato che l’enoturismo è diventato un fattore importante del turismo nel comparto Italia, ciò implica che le politiche nazionali debbano fortemente considerare, e in parte lo stanno già facendo, l’enoturismo come nicchia di mercato collegato alle altre categorie, fra cui ad esempio il turismo montano, balneare, culturale, sportivo, però inteso come potente strumento di mercato, importante per la nostra economia nazionale. Detto questo le dinamiche stanno cambiando rispetto a un po’ di anni fa, fino agli anni 2000-20005, si parlava di enoturismo riguardante solo le regioni vitivinicole più importanti, come Toscana, Piemonte, Veneto, quindi territori e brand conosciuti, dove la gente si è sempre avvicinata tenendo come prima motivazione la visita enoturistica. Oggi invece, possiamo dire che l’Italia possa serenamente proporre mete enoturistiche dalle Alpi alla Sicilia, in qualsiasi zona vocata alla viticoltura, e dotata di una buonissima accoglienza enoturistica. Ancora c’è tanto lavoro da fare ma siamo sulla strada giusta. Territori come Abruzzo, Campania, Puglia, Umbria, Friuli e Trentino, territori meno conosciuti un tempo, oggi si sono organizzati molto bene, avendo compreso che l’enoturismo è sia un elemento benefico di promozione territoriale, sia un aspetto portatore di importanti ricavi aziendali.

Possiamo dire che le cantine italiane stiano reagendo positivamente al tema hospitality?

Assolutamente sì, però purtroppo ci sono ancora dei limiti, che derivano però dall’alto delle istituzioni. Non siamo ancora riusciti a creare delle politiche comuni, a livello di singole regioni e poi a livello nazionale, che prevedano l’unirsi in strategie condivise. Bisogna dire che il Ministero sta sicuramente andando verso questa direzione, e sarebbe auspicabile raggiungere un livello in cui si dialoghi per strategie di promozione studiate e promosse dallo stesso. Credo fortemente che ci sia necessità di creare una commissione ad hoc di cui fanno parte, oltre agli enti pubblici, anche enti privati, come tour operator del vino, produttori, enoteche, includendo tutti i rappresentanti che vivono all’interno di questo settore.

Parliamo della tua agenzia, Fufluns: quale target di consumatori ritieni più coinvolto nelle attività che promuovi?
Fufluns svolge un’attività molto specifica, e sul territorio italiano siamo circa 7 o 8 tour operator ad occuparsi di questa nicchia. Noi siamo stati i primi, nel ’99 a credere in questo progetto, e a vent’anni di distanza ci troviamo ancora a dialogare con una precisa fascia di consumatori. Ci rivogliamo principalmente a gruppi di appassionati, collezionisti di vino, una fascia di consumatori con alto potenziale di spesa.
Il 60% della ricettività ci arriva dal Nord America, quindi Stati Uniti e Canada, in accordo con i trend globali di consumo di vino, che vedono questi stati con posizioni alte sulla classifica mondiale. Stanno però aumentando le richieste dal Sud America, in particolare Brasile e Messico, e dall’Asia, quindi Giappone, Hong Kong, Cina e poca Russia, che occupano un totale di 20% sulle provenienze. Il restante 20% è invece occupato dal già consolidato mercato europeo del centro nord, in particolare la Germania, e i paesi Scandinavi.

Qual è la tua filosofia in merito al promuovere il rapporto fra cibo, vino e viaggio?

Oltre a gestire questa attività, da anni scrivo per diverse testate e ho intervistato spesso Masters of Wine e opinion leader da tutto il mondo, che mi hanno confermato in diverse occasioni che, nonostante la promozione ancora rappresenti per noi una debolezza, il vino italiano riscuote successo all’estero, grazie ad il suo principale punto di forza: il rapporto che ha con il cibo, ma soprattutto con lo stile di vita italiano. Anche i Paesi che si sono approcciati più tardi al vino rispetto alla media mondiale, come ad esempio la Corea del Sud, portano con sé consumatori innamorati dell’idea di lifestyle italiano e il cui passo successivo all’acquisto del vino, magari all’interno di ristoranti italiani o addirittura regionali all’estero, è la visita nel luogo di provenienza di quel vino. Fufluns si rivolge principalmente a clientela di altissimo livello, ed è per loro che abbiamo creato dei pacchetti che coinvolgano un mix fra elementi di lusso italiano, come soggiorni in hotel a 5 stelle sul lago di Garda ad esempio, design, moda e motori, ed elementi che riportino l’essenza della vita italiana, come la piazza, il circolo del paese, il pasto cucinato dalla mamma o dalla nonna con le ricette della tradizione, la partecipazione a feste patronali, la conoscenza delle storie e dei racconti degli anziani, ovvero tutto quello che rappresenta per me il vero lusso.

Hai raggiunto un grande traguardo: quali sono gli obiettivi futuri?

È un settore che ha tantissima potenzialità, è talmente ampio il campo del turismo del vino, cibo, lifestyle che ci sono grandi possibilità di crescita per tutti. Sono soddisfatto dei risultati raggiunti, personalmente voglio rimanere dove sono, perché siamo arrivati al top, e continuare a mantenere la posizione fra i pionieri del turismo del vino e nel comparto dell’educational. Mi piacerebbe però sviluppare un progetto che coinvolga maggiormente il writing e la comunicazione all’estero, sviluppando il messaggio di dialogo che entità come Wine Meridian stanno portando avanti molto bene.

Per maggiori informazioni sulle attività enoturistiche, consultate le due nuove pagine web lanciate in occasione del ventesimo compleanno della realtà: www.filippomagnani.it e www.fufluns.com 
Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Filippo Magnani ed un gruppo di turisti durante una degustazione


Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Wine Spectator, Robert Parker Wine Advocate e Falstaff premiano la storica realtà della Valpolicella con punteggi eccellenti sabato 21 settembre 2019

Importanti riscontri a livello internazionale per Tedeschi

Wine Spectator, Robert Parker Wine Advocate e Falstaff premiano la storica realtà della Valpolicella con punteggi eccellenti

Abbiamo degustato per voi il Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.
sabato 21 settembre 2019

Italian wines in the world: Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.

Abbiamo degustato per voi il Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.

The dynamic international wine industry forum organized by Veronafiere, now in its 6th edition, this year will be held on November 25th and 26th in Verona, Italy. friday 20 september 2019

Mobilising New Technologies for Wine Producers at wine2wine 2019

The dynamic international wine industry forum organized by Veronafiere, now in its 6th edition, this year will be held on November 25th and 26th in Verona, Italy.

Lunedì 28 ottobre a Officine Farneto di Roma la competizione degli chef emergenti con show cooking e la parallela di Migliore Emergente Pizza venerdi 20 settembre 2019

Torna il Festival della Gastronomia a Roma ed è tutto per i professionisti dell’Ho.re.ca quest’anno

Lunedì 28 ottobre a Officine Farneto di Roma la competizione degli chef emergenti con show cooking e la parallela di Migliore Emergente Pizza

Presentato a Milano il nuovo Merlot in purezza, etichetta rinnovata nel solco dell’identità e dell’evoluzione. venerdi 20 settembre 2019

Il nuovo Montiano della Famiglia Cotarella

Presentato a Milano il nuovo Merlot in purezza, etichetta rinnovata nel solco dell’identità e dell’evoluzione.

Giovanna Romeo
Il nostro Wine Manager Day ha testimoniato ancora una volta che nelle relazioni tra i manager si possono individuare gran parte delle soluzioni alle problematiche del nostro settore vitivinicolo
venerdi 20 settembre 2019

Manager del vino: nel network le risposte e le opportunità

Il nostro Wine Manager Day ha testimoniato ancora una volta che nelle relazioni tra i manager si possono individuare gran parte delle soluzioni alle problematiche del nostro settore vitivinicolo

Fabio Piccoli
Ernesto Abbona di Unione Italiana Vini: “Serve azione diplomatica per scongiurare sanzioni”. venerdi 20 settembre 2019

Dazi USA: UIV si appella al premier Conte per risparmiare le aziende italiane

Ernesto Abbona di Unione Italiana Vini: “Serve azione diplomatica per scongiurare sanzioni”.

Nomisma Wine Monitor ci aggiorna su questi ultimi 30 anni di export italiano nel mondo 
giovedi 19 settembre 2019

I 30 anni che hanno cambiato l’export italiano

Nomisma Wine Monitor ci aggiorna su questi ultimi 30 anni di export italiano nel mondo

Noemi Mengo
Intervista a Jay Whiteley, esperto del mercato di Toronto, in particolare del monopolio LCBO, che ci espone la sua visione sulle potenzialità del vino italiano in Canada.  
mercoledi 18 settembre 2019

Toronto: là dove scegliere il canale giusto fa la differenza

Intervista a Jay Whiteley, esperto del mercato di Toronto, in particolare del monopolio LCBO, che ci espone la sua visione sulle potenzialità del vino italiano in Canada.

Noemi Mengo
We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC wednesday 18 september 2019

Italian wines in the world: Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino. 
martedi 17 settembre 2019

Wine Manager Day 2019: in gioco le emozioni

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino.

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale
lunedi 16 settembre 2019

Diminuiscono i consumi ma aumenta il valore del prodotto

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori sabato 14 settembre 2019

Italian wines in the world: Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino venerdi 13 settembre 2019

La Bottega del Vino eletta "Miglior Carta Vini del Mondo per i Vini da Dessert 2019"

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni venerdi 13 settembre 2019

Dal 6 al 13 ottobre torna "Milano Wine Week", palcoscenico del vino nella città meneghina

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione
venerdi 13 settembre 2019

Quando la paura fa più danni dei problemi reali

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione

Fabio Piccoli
Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?
giovedi 12 settembre 2019

96/100? Ma dove ho sbagliato?

Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?

Noemi Mengo
Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!
mercoledi 11 settembre 2019

5 motivi per non perdere il WEMDAY 2019 se non ti sei ancora iscritto

Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.
mercoledi 11 settembre 2019

Vino biologico in crescita in 5 mercati del mondo

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.

Noemi Mengo


sfondo_wm