Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 20 agosto 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it Farina Enartis wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet

Essere imprenditori del vino oggi

In preparazione della nostra seconda edizione di Wine Campus Impresa alcune riflessioni sui limiti attuali dell’imprenditoria vitivinicola italiana che a nostro parere sono da ascrivere più a limiti “culturali” che “dimensionali”


Essere imprenditori del vino oggi
Siamo a circa metà strada della nostra prima edizione di Wine Campus Impresa, un percorso formativo di 8 tappe dedicato agli imprenditori del vino italiani. Un’esperienza molto utile anche per approfondire ulteriormente i limiti e i fabbisogni attuali degli imprenditori vitivinicoli del nostro Paese.
Pertanto, mentre stiamo proseguendo con le lezioni (una giornata al mese) ci stiamo preparando già alla seconda edizione del nostro progetto formativo totalmente dedicato agli imprenditori che vogliono migliorare la loro capacità di gestione dell’azienda, la loro competenza sui mercati italiano ed esteri, la loro facoltà a scegliere e guidare in maniera adeguata le risorse umane, la loro efficienza comunicativa.
Il nostro costante contatto con molte imprese del vino italiane, inoltre, ci porta a condividere con i nostri lettori alcune riflessioni sullo stato attuale dell’imprenditoria del vino italiana.
Quasi sempre si ascrivono i principali limiti del nostro sistema vitivinicolo alla cronica frammentazione del tessuto produttivo.
A tal proposito ricordiamo, secondo gli ultimi dati messi a disposizione di Agea ed elaborati da Ismea che in Italia oggi vi sono circa 45.000 aziende vinificatrici che presentano la dichiarazione di produzione. Le aziende della classe tra 0 e 100 ettolitri, però, rappresentano il 75% delle aziende totali. Per questa ragione sono poco più i 10.000 le aziende vinificatrici italiane “economicamente” interessanti.
Dal nostro osservatorio, però, sarebbe sbagliato (nel passato è un errore che fu commesso da molti analisti e grandi imprenditori del nostro settore) vedere nella perdurante frammentazione del nostro settore produttivo il limite principale allo sviluppo imprenditoriale di questo comparto.
Sicuramente, infatti, la piccola dimensione rappresenta un “vincolo” non indifferente nel progresso imprenditoriale della propria azienda (in particolare in relazione alle risorse umane competenti e capaci di affrontare con professionalità le diverse aree dell’azienda), ma vi sono moltissime dimostrazioni concrete che testimoniano come questo “limite” venga quotidianamente superato da moltissime pmi ma anche micro imprese del vino italiane.
Come pure, d’altro canto, anche nella nostra attività di consulenti aziendali e di formatori ci imbattiamo quotidianamente anche in imprese di dimensioni ragguardevoli (sia private che cooperative) che evidenziano gravi problematiche sul fronte delle capacità imprenditoriali.
Per questa ragione noi continuiamo a ritenere che il principale problema allo sviluppo dell’imprenditorialità vitivinicola italiana sia da ascrivere a limiti “culturali” più che “dimensionali”.
Per questa ragione il tema della formazione di una “nuova” classe dirigente per il vino italiano è prioritario e troppo spesso, purtroppo, tuttoggi sottovalutato.
Perdura, infatti, l’idea che l’intuito, quello che una volta veniva definito il “fiuto per gli affari” possa ancora essere un requisito sufficiente per un imprenditore del vino.
Spesso il trovarsi in un mercato dove le relazioni talvolta sono più importanti di altri fattori, genera l’illusione che basta avere buone capacità relazionali per essere competitivi.
Senza dimenticare che essendo un comparto che si muove a “fari spenti”, cioè non esiste un osservatorio economico (a parte Mediobanca che però si limita alle prime 155 aziende italiane con un fatturato superiore ai 25 milioni di euro) capace di illustrare con trasparenza il reale andamento economico delle imprese del vino italiano, risulta spesso facile dare un’immagine splendente del settore occultando molto aree problematiche.
A questo proposito prendiamo a prestito le parole di uno dei manager del vino di maggior esperienza in Italia, Emilio Pedron, amministratore delegato di Bertani Domains, che nel numero dell’11 giugno 2018 del Corriere Vinicolo dichiarava:”…a mio parere attualmente metà della parte produttiva del vino italiana lavora in perdita”.
Una dichiarazione forte ma anche a nostro parere non lontana dalla verità. Perché è indubbio che sono solo una minoranza le imprese del vino italiane che hanno un sistema di gestione professionale e capace di monitorare le proprie performance, analizzare i propri costi, e quindi valutare i propri margini con reale competenza.
Dal nostro osservatorio, infatti, seppur parziale, rappresentato comunque da oltre un migliaio di aziende del vino di diverse dimensioni, emerge uno spaccato dell’Italia del vino molto eterogeneo, dove, ad esempio, solo una minoranza, inferiore al 30% dichiara di avere un sistema di gestione aziendale e, anche tra coloro che dichiarano di esserne dotati, alcuni con onestà dicono di utilizzarlo solo parzialmente.
Il controllo di gestione può essere considerato una cartina al tornasole, ma non la sola, dell’attuale profilo imprenditoriale del vino italiano.
“Difficile redarre un bilancio oggettivo in un’azienda famigliare”, ci raccontava recentemente un produttore veneto di un’azienda con una produzione di poco inferiore al milione di bottiglie.
Mentre un altro imprenditore toscano ci raccontava che solo negli ultimi due anni, “dopo finalmente avere avviato un controllo di gestione vero ci siamo resi conto che stavamo lavorando in perdita”.
Sono solo due esempi che testimoniano che spesso la bassa competenza imprenditoriale è una sorta di killer silenzioso, come la pressione alta.

Per info sul corso impresa clicca qui


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
La seconda edizione del campus vendita: la palestra per i venditori di vino lunedi 20 agosto

Come fare a vendere più vino?

La seconda edizione del campus vendita: la palestra per i venditori di vino

Il Gruppo vitivinicolo ha ottenuto la certificazione SA 8000:2014 lunedi 20 agosto

Mondodelvino, un altro traguardo in tema di sostenibilità

Il Gruppo vitivinicolo ha ottenuto la certificazione SA 8000:2014

The Group obtains the certification standard, SA 8000:2014
monday 20 august

Mondodelvino achieves yet another objective towards sustainability

The Group obtains the certification standard, SA 8000:2014

Intervista allo staff di The Wine and More sulle potenzialità del vino italiano nel mercato croato
venerdi 17 agosto

Croazia: le importazioni crescono e l’Italia ha la strada spianata

Intervista allo staff di The Wine and More sulle potenzialità del vino italiano nel mercato croato

Noemi Mengo
Prossima tappa in Puglia il 13 e il 14 novembre 2018

Le Donne Del Vino e Wine People per la formazione sulla comunicazione, la vendita e la valorizzazione brand territoriali e sui Consorzi di tutela

Prossima tappa in Puglia il 13 e il 14 novembre 2018

Ultimi giorni per chiedere la borsa di studio per i campus Wine People mercoledi 15 agosto

Formarsi ad un prezzo agevolato

Ultimi giorni per chiedere la borsa di studio per i campus Wine People

Cos’è un Hospitality Manager e perché ha guadagnato importanza nel settore del vino? 
lunedi 13 agosto

Wine Talent: vi segnaliamo un Hospitality Manager

Cos’è un Hospitality Manager e perché ha guadagnato importanza nel settore del vino?

Le previsioni vendemmiali in Italia sono storicamente un rito dove difficilmente si esce da solito codice di comunicazione dove alla fine si tenta di salvare sempre tutto

Quello che non ci piace dire della vendemmia 2018

Le previsioni vendemmiali in Italia sono storicamente un rito dove difficilmente si esce da solito codice di comunicazione dove alla fine si tenta di salvare sempre tutto

La “bibbia del vino internazionale” ha selezionato il prodotto italiano realizzato in Sardegna tra tanti vini, scegliendolo per l’ottimo rapporto qualità prezzo
giovedi 09 agosto

Il Vermentino Aragosta è il vino della settimana per la rivista americana Wine Spectator

La “bibbia del vino internazionale” ha selezionato il prodotto italiano realizzato in Sardegna tra tanti vini, scegliendolo per l’ottimo rapporto qualità prezzo

giovedi 09 agosto

Casale del Giglio, produzione sostenibile nell'Agro Pontino

"La gente conosce il prezzo di tutte le cose, ma non conosce il valore di nessuna": la filosofia dell'azienda di proprietà di Antonio Santarelli

L’e-commerce va gestito in maniera molto diversa rispetto ai canali di distribuzione tradizionale e la figura classica dell’agente può trasformarsi in un grande limite nello sviluppo di questo modello di vendita che cresce a doppia cifra anno dopo anno giovedi 09 agosto

E-commerce? trattatelo da cliente direzionale

L’e-commerce va gestito in maniera molto diversa rispetto ai canali di distribuzione tradizionale e la figura classica dell’agente può trasformarsi in un grande limite nello sviluppo di questo modello di vendita che cresce a doppia cifra anno dopo anno

B.P.
I Vignaioli del Morellino di Scansano sono la prima cantina italiana a certificare un proprio vino con la nuova norma europea Product Environmental Footprint - PEF.
mercoledi 08 agosto

Dai Vignaioli del Morellino di Scansano, il primo vino con la certificazione europea PEF per la sostenibilità ambientale di prodotto

I Vignaioli del Morellino di Scansano sono la prima cantina italiana a certificare un proprio vino con la nuova norma europea Product Environmental Footprint - PEF.

Al via il Campus per diventare export manager del vino

Aspiranti Export Manager, il Wine People Campus vi aspetta!

Al via il Campus per diventare export manager del vino

Intervista a Silvia Baratta di Gheusis, agenzia di comunicazione specializzata nel settore enogastronomico
martedi 07 agosto

Comunicare con la stampa: questione di rispetto, ricerca e sensibilità

Intervista a Silvia Baratta di Gheusis, agenzia di comunicazione specializzata nel settore enogastronomico

Noemi Mengo
5StarWines featuring Wine Without Walls, the annual wine selection held in the lead-up to Vinitaly, has just released the online edition of its wine guide monday 06 august

Digital version of 5StarWines - the Book 2019 now online

5StarWines featuring Wine Without Walls, the annual wine selection held in the lead-up to Vinitaly, has just released the online edition of its wine guide

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. Date il vostro contributo e riceverete un omaggio molto utile! lunedi 06 agosto

Ritorna Wine Export Manager Day con un'indagine sull'export del vino

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. Date il vostro contributo e riceverete un omaggio molto utile!

We tasted for you Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009 saturday 04 august

Italian wines in the world: Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009

We tasted for you Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009

Abbiamo degustato per voi il Ricossa Barolo Riserva DOCG 2009 sabato 04 agosto

Italian wines in the world: Barolo Riserva DOCG 2009 di Ricossa

Abbiamo degustato per voi il Ricossa Barolo Riserva DOCG 2009

In preparazione della nostra seconda edizione di Wine Campus Impresa alcune riflessioni sui limiti attuali dell’imprenditoria vitivinicola italiana che a nostro parere sono da ascrivere più a limiti “culturali” che “dimensionali”

Essere imprenditori del vino oggi

In preparazione della nostra seconda edizione di Wine Campus Impresa alcune riflessioni sui limiti attuali dell’imprenditoria vitivinicola italiana che a nostro parere sono da ascrivere più a limiti “culturali” che “dimensionali”

Fabio Piccoli
Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!
venerdi 03 agosto

Partecipa al Tour Vietnam 2018: Ho Chi Minh ed Hanoi

Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!

Varietà e qualità del territorio gli elementi distintivi su cui puntare per affermare la Denominazione sempre più apprezzata a livello nazionale e internazionale venerdi 03 agosto

Francesco Mazzei alla guida del Consorzio Tutela Vini della Maremma Toscana

Varietà e qualità del territorio gli elementi distintivi su cui puntare per affermare la Denominazione sempre più apprezzata a livello nazionale e internazionale