Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina
mercoledi 17 febbraio

Etichette chiare per spiegare le denominazioni agli americani

L’intervista a Christy Canterbury, Master of Wine e wine writer di Manhattan


Etichette chiare per spiegare le denominazioni agli americani

Christy Canterbury


Vino italiano negli Usa tra denominazioni e vino biologico. Il successo del vino italiano negli Usa è ormai confermato dai numeri e dall’amore per tutto ciò che ricorda il Belpaese al popolo americano, ma rimangono tuttavia delle perplessità. Le nostre denominazioni spesso non sono ben chiare ai consumatori d'oltreoceano, i quali sembrano rimanere fedeli ai vini che conoscono o a quelli più venduti, che fanno grandi numeri. Nel mare di DOC, DOCG e IGT il consumatore americano si perde. Per aiutare a far conoscere queste varietà e anche i vini meno noti, bisognerebbe scrivere etichette che contengono tutte le informazioni necessarie per "capire" un vino o comprendere i gusti degli americani come il recente trend per il biologico. Questi sono solo alcuni dei consigli che ci ha dato la Master of Wine, wine writer e speaker statunitense, Christy Canterbury, nome noto nel modo dei media del vino e delle competizioni internazionali.

Quale suggerimento darebbe ai produttori italiani per riuscire a trasmettere e vendere nel modo giusto il proprio prodotto negli Usa?
Il problema principale di molti vini italiani di denominazione IGT, DOC e persino DOCG è che sono sconosciuti ai consumatori americani. Penso che per aiutare l'aumento delle vendite siano necessarie delle etichette sul retro della bottiglia che spieghino le varietà dell'uva e che presentino una descrizione stilistica del vino e i possibili abbinamenti con il cibo. Così il consumatore acquisisce maggiore familiarità con il prodotto.
Qual è l'immagine de vino italiano nel vostro Paese?
Gli Americani amano il vino italiano e l'Italia! Si pensa ai vini italiani come ad un piacere da godersi a tavola. Sono tre i vini che evocano questo piacere: il Moscato, il Prosecco, meno costoso, e il Pinot Grigio dallo stile più leggero.
Quali attività pensa dovrebbero fare i produttori italiani per vendere meglio i propri prodotti negli Stati Uniti?
È molto importante essere sul posto e incontrare coloro che prendono le decisioni, ovvero i buyer, i ristoratori e i venditori al dettaglio. Inoltre, per i produttori sarebbe un'ottima strategia invitare i buyer a visitare i vigneti e la cantina in Italia, così che riescano a capire meglio la loro storia e le caratteristiche distintive del loro vino.
La maggior parte dei vini italiani sono sconosciuti a causa delle difficili denominazioni. Quale potrebbe essere un chiaro messaggio per aumentare la conoscenza dei vini italiani?
Come ho già detto, in parte dipende dalle etichette. Ma la maggior parte dei wine drinker, sia di giovane età sia oltre la quarantina, è molto impegnato sui social media. Fare parte di una conversazione su Twitter, Facebook, Delectable, Vivino, Instagram e altri è una buona opportunità per scoprire nuove informazioni. Inoltre, bisogna assicurarsi che il proprio sito lavori bene e che abbia una versione inglese, anche se ridotta rispetto a quella italiana. Questo è un passaggio fondamentale per farsi conoscere.
Quali sono i punti a svantaggio e a vantaggio dei vini italiani negli Usa?
Senza dubbio, bere un bicchiere di vino italiano è come essere teletrasportati! Il vino italiano è una vacanza in bottiglia. Purtroppo però ci sono anche degli svantaggi riguardanti principalmente il volume: molti Americani considerano di più i vini che generano grandi volumi. Non c'è nulla di male nei grandi volumi, ma sarebbe meglio per i produttori più piccoli interessarsi a mercati secondari e soprattutto terziari, anche se bisogna lavorare su territori più piccoli. 
Cosa pensa del trend del vino biologico?
I consumatori americani prestano sempre più attenzione ai vini provenienti da uve biologiche, specialmente quelli che vivono in aree dove sono disponibili selezioni vaste di vini. Detto questo, se una cantina è certificata, e ciò implica anche che sia espressamente riportato sull'etichetta, sono pochi i buyer al di fuori dei grandi mercati che ne capiranno il valore. In ogni caso sono ancora troppo pochi i vini veramente biologici provenienti dall’Italia che riescono ad arrivare sulle tavole degli americani. Li stiamo aspettando…

Christy Canterbury è una wine writer, speaker e giudice a Manhattan. Prima di diventare una Master of Wine, ha ricevuto il Villa Maria Award per una notevole performance nell'esaminazione di vitivultura. Ha scritto per molte testate importanti, tra le quali Decanter, Wine Enthusiast, Wine-Searcher, TimAtkin.com, Snooth.com, Wine Business Monthly, Beverage Media and Civiltà del Bere. È intervenuta anche nelle più significative fiere del settore vinicolo come Prowein, Vinexpo, the Hong Kong International Wine & Spirits Fair. Inoltre fa parte della commissione di giudici per alcune tra le più rinomate competizioni internazionali in ambito enologico, come International Wine Challenge, Decanter World Wine Awards e Best Italian Wine Awards.





Alessia Venturi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino