Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 20 agosto 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it Farina Enartis wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah

Export: chi accetta di andare piano va sano e lontano

La tentazione pericolosa di ricercare importatori e distributori che in breve tempo accreditino il tuo brand sui loro mercati portandoti al successo


Export: chi accetta di andare piano va sano e lontano
Le due domande più frequenti che ci vengono poste dalle aziende con le quali abbiamo rapporti di collaborazione sono le seguenti:”Non siamo ancora presenti su quel mercato, cosa dobbiamo fare per entrarci?”; “Non siamo più soddisfatti di quell’importatore su quel mercato, cosa dobbiamo fare per trovarne degli altri più utili per conseguire i nostri obiettivi?”.
Sono due domande abbastanza “scontate” perché rispecchiano in maniera semplice e diretta la principale problematica delle aziende rispetto al tema export.
Una problematica che diventa ancor più complessa quando ci troviamo di fronte ad aziende di medio-piccole dimensioni, se non addirittura micro, magari spesso alle loro prime esperienze di export e senza risorse umane specificatamente dedicate a questa difficile attività. Praticamente gran parte del tessuto produttivo italiano.

Le risposte a queste due domande noi, da molti anni ormai, le ricerchiamo sul campo o, come si dice in gergo commerciale, “sul marciapiede”.
E non ci sono tante alternative al marciapiede nel business del vino, che continua ad evidenziare l’importanza del ruolo delle “relazioni” rispetto ad altri comparti dove le dimensioni, il prezzo, la forza economico/finanziaria sono spesso un pre-requisito indispensabile.
Abbiamo posto queste due domande ad un importatore e 12 distributori americani suoi clienti, che abbiamo incontrato in un’interessante cena pre Vinitaly grazie ad un’ottima azienda con la quale collaboriamo che ci ha dato l’opportunità di poterli conoscere direttamente.
Per rispetto dell’azienda che ci ha invitato e della privacy degli invitati non daremo nessun nome ma vi garantiamo che si trattava, dal nostro punto di vista, di uno dei migliori importatori di vini italiani di qualità negli Usa (con un’esperienza più che ventennale e una selezione molto curata ed intelligente di alcuni dei brand più interessanti e originali del panorama vitivinicolo italiano) e di 12 distributori molto rappresentativi di Stati meno “noti” nel panorama del mercato del vino negli Usa (Missouri, Minnesota, Colorado, Winsconsin, Nebraska, Iowa, Virginia, Georgia, Washington, Kentucky, Mississippi).

Prima di entrare nei dettagli delle loro risposte ci piace evidenziare come tutti, nessuno escluso, abbiano sottolineato che esistono ancora ampi margini di miglioramento dell’export del vino italiano nei loro rispettivi mercati. Una premessa importante per un mercato troppo spesso considerato, erroneamente, già eccessivamente affollato ed estremamente maturo.
Che sia affollato non vi è dubbio, che sia maturo anche ma è l’aggettivo “troppo” che rischia di limitare a prescindere le azioni delle aziende italiane sul più importante mercato del vino al mondo.
Le due domande sono in qualche misura unite tra di loro perché di fatto si tratta delle ricerca di nuovi importatori in uno specifico mercato.
Per questa ragione abbiamo sintetizzato in una domanda le due richieste da parte delle nostre aziende: “Cosa deve fare oggi un’azienda per trovare uno sbocco commerciale interessante sul vostro mercato?”.
Abbiamo ricevuto molte risposte che di seguito evidenziamo in ordine di importanza (numero di risposte uguali o simili ricevute).

Pazienza - Fondamentale che le aziende accettino un percorso a tappe pluriennale senza illudersi di poter realizzare grandi vendite in tempi brevi. Questo è ancor più vero per quelle realtà che hanno brand sia aziendali che territoriali (denominazioni) poco o per nulla noti. Il concetto “go slow and go far” (vai piano ma vai lontano) è stato evidenziato da tutti gli interlocutori intervistati. Ma la “pazienza”, secondo l’importatore e i distributori intervistati, rappresenta anche una garanzia per i produttori che evitano così di fare investimenti affrettati nella speranza di “sfondare subito sul mercato”. A questo proposito l’importatore ci ha sottolineato come le stesse risorse dell’ocm vino, messe a disposizione per la promozione nei paesi terzi, talvolta hanno causato pericolose illusioni ad alcuni produttori facendo loro pensare che “bastava investire molto” per avere “risultati veloci”.

Identità unica e peculiare (personalità) - Essenziale per gli intervistati che le aziende e i loro prodotti abbiano personalità forti, ben riconoscibili. “Troppo aziende ci propongo vini corretti ma neutri, senza personalità, con storytelling simili a tanti altri”. Un tema molto complesso ed importante quello della “personalità” di un brand, di un prodotto. Molte aziende, a tal riguardo, ci dicono:”Ma se io ho vitigni non aromatici, che non esprimono vini dalle caratteristiche così forti e riconoscibili se non la piacevolezza, la bevibilità, la semplicità, come faccio a rendermi riconoscibile?”. Innanzitutto capire quanto siete riusciti a far esprimere al massimo la vostra personalità. Cercate di capire molto di più come i vostri migliori competitor del territorio si stanno comportando, come riescono a tirare fuori il meglio dai vitigni del vostro territorio, con quali accorgimenti agronomici ed enologici. Insomma non considerate mai il vostro risultato produttivo come un’asticella che non si può più innalzare. Nella personalità, poi, va sempre considerato il fattore comunicazione che rappresenta un’arma fondamentale da utilizzare ma che oggi, paradossalmente, è ancora così poco sfruttata.

Accompagnamento - “I produttori devono mettersi in testa di costruire il loro brand nei nostri mercati insieme a noi. Non possono delegare a noi tutto il lavoro”. Se questa è la premessa, dal punto di vista concreto la risposta più richiesta è quella dell’accompagnamento. “La vostra presenza, o la presenza di un vostro rappresentante autorevole sui nostri mercati fa la differenza”.

Comunicazione/promozione/adv - Abbiamo condensato nel trittico comunicazione, promozione e advertising il tema della costruzione di notorietà del brand aziendale sui mercati. Per l’importatore e i distributori intervistati la visibilità del brand nella critica enologica più autorevole, pur non avendo lo stesso peso di alcuni anni fa, permane un aspetto molto importante soprattutto per aziende e prodotti ancora poco noti sul mercato (“rappresenta un punto di partenza molto importante, senza nessun accreditamento diventa una salita più ardua”). Importante individuare elementi peculiari da comunicare. “Trovate i vostri punti di differenza, non limitatevi alle solite cose scontate che dicono tutti”.

Packaging - L’abbiamo messo all’ultimo posto di questa “classifica” ma è stato incluso praticamente in ogni risposta. Ormai il packaging rappresenta una chiave fondamentale per rendersi riconoscibili, per esprimere una specifica personalità. “Purtroppo continuiamo a vedere troppe aziende italiane che non curano in maniera adeguata il vestito dei propri vini”. Vista poi l’immagine del made in Italy nel mondo nei confronti dei vini italiani c’è molta più aspettativa anche in termini di eleganza, di originalità, di stile.

Per il momento ci fermiamo qui, ma a breve pubblicheremo altri suggerimenti emersi da questo prezioso incontro con buyer americani.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
La seconda edizione del campus vendita: la palestra per i venditori di vino lunedi 20 agosto

Come fare a vendere più vino?

La seconda edizione del campus vendita: la palestra per i venditori di vino

Il Gruppo vitivinicolo ha ottenuto la certificazione SA 8000:2014 lunedi 20 agosto

Mondodelvino, un altro traguardo in tema di sostenibilità

Il Gruppo vitivinicolo ha ottenuto la certificazione SA 8000:2014

The Group obtains the certification standard, SA 8000:2014
monday 20 august

Mondodelvino achieves yet another objective towards sustainability

The Group obtains the certification standard, SA 8000:2014

Intervista allo staff di The Wine and More sulle potenzialità del vino italiano nel mercato croato
venerdi 17 agosto

Croazia: le importazioni crescono e l’Italia ha la strada spianata

Intervista allo staff di The Wine and More sulle potenzialità del vino italiano nel mercato croato

Noemi Mengo
Prossima tappa in Puglia il 13 e il 14 novembre 2018

Le Donne Del Vino e Wine People per la formazione sulla comunicazione, la vendita e la valorizzazione brand territoriali e sui Consorzi di tutela

Prossima tappa in Puglia il 13 e il 14 novembre 2018

Ultimi giorni per chiedere la borsa di studio per i campus Wine People mercoledi 15 agosto

Formarsi ad un prezzo agevolato

Ultimi giorni per chiedere la borsa di studio per i campus Wine People

Cos’è un Hospitality Manager e perché ha guadagnato importanza nel settore del vino? 
lunedi 13 agosto

Wine Talent: vi segnaliamo un Hospitality Manager

Cos’è un Hospitality Manager e perché ha guadagnato importanza nel settore del vino?

Le previsioni vendemmiali in Italia sono storicamente un rito dove difficilmente si esce da solito codice di comunicazione dove alla fine si tenta di salvare sempre tutto

Quello che non ci piace dire della vendemmia 2018

Le previsioni vendemmiali in Italia sono storicamente un rito dove difficilmente si esce da solito codice di comunicazione dove alla fine si tenta di salvare sempre tutto

La “bibbia del vino internazionale” ha selezionato il prodotto italiano realizzato in Sardegna tra tanti vini, scegliendolo per l’ottimo rapporto qualità prezzo
giovedi 09 agosto

Il Vermentino Aragosta è il vino della settimana per la rivista americana Wine Spectator

La “bibbia del vino internazionale” ha selezionato il prodotto italiano realizzato in Sardegna tra tanti vini, scegliendolo per l’ottimo rapporto qualità prezzo

giovedi 09 agosto

Casale del Giglio, produzione sostenibile nell'Agro Pontino

"La gente conosce il prezzo di tutte le cose, ma non conosce il valore di nessuna": la filosofia dell'azienda di proprietà di Antonio Santarelli

L’e-commerce va gestito in maniera molto diversa rispetto ai canali di distribuzione tradizionale e la figura classica dell’agente può trasformarsi in un grande limite nello sviluppo di questo modello di vendita che cresce a doppia cifra anno dopo anno giovedi 09 agosto

E-commerce? trattatelo da cliente direzionale

L’e-commerce va gestito in maniera molto diversa rispetto ai canali di distribuzione tradizionale e la figura classica dell’agente può trasformarsi in un grande limite nello sviluppo di questo modello di vendita che cresce a doppia cifra anno dopo anno

B.P.
I Vignaioli del Morellino di Scansano sono la prima cantina italiana a certificare un proprio vino con la nuova norma europea Product Environmental Footprint - PEF.
mercoledi 08 agosto

Dai Vignaioli del Morellino di Scansano, il primo vino con la certificazione europea PEF per la sostenibilità ambientale di prodotto

I Vignaioli del Morellino di Scansano sono la prima cantina italiana a certificare un proprio vino con la nuova norma europea Product Environmental Footprint - PEF.

Al via il Campus per diventare export manager del vino

Aspiranti Export Manager, il Wine People Campus vi aspetta!

Al via il Campus per diventare export manager del vino

Intervista a Silvia Baratta di Gheusis, agenzia di comunicazione specializzata nel settore enogastronomico
martedi 07 agosto

Comunicare con la stampa: questione di rispetto, ricerca e sensibilità

Intervista a Silvia Baratta di Gheusis, agenzia di comunicazione specializzata nel settore enogastronomico

Noemi Mengo
5StarWines featuring Wine Without Walls, the annual wine selection held in the lead-up to Vinitaly, has just released the online edition of its wine guide monday 06 august

Digital version of 5StarWines - the Book 2019 now online

5StarWines featuring Wine Without Walls, the annual wine selection held in the lead-up to Vinitaly, has just released the online edition of its wine guide

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. Date il vostro contributo e riceverete un omaggio molto utile! lunedi 06 agosto

Ritorna Wine Export Manager Day con un'indagine sull'export del vino

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. Date il vostro contributo e riceverete un omaggio molto utile!

We tasted for you Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009 saturday 04 august

Italian wines in the world: Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009

We tasted for you Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009

Abbiamo degustato per voi il Ricossa Barolo Riserva DOCG 2009 sabato 04 agosto

Italian wines in the world: Barolo Riserva DOCG 2009 di Ricossa

Abbiamo degustato per voi il Ricossa Barolo Riserva DOCG 2009

In preparazione della nostra seconda edizione di Wine Campus Impresa alcune riflessioni sui limiti attuali dell’imprenditoria vitivinicola italiana che a nostro parere sono da ascrivere più a limiti “culturali” che “dimensionali”

Essere imprenditori del vino oggi

In preparazione della nostra seconda edizione di Wine Campus Impresa alcune riflessioni sui limiti attuali dell’imprenditoria vitivinicola italiana che a nostro parere sono da ascrivere più a limiti “culturali” che “dimensionali”

Fabio Piccoli
Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!
venerdi 03 agosto

Partecipa al Tour Vietnam 2018: Ho Chi Minh ed Hanoi

Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!

Varietà e qualità del territorio gli elementi distintivi su cui puntare per affermare la Denominazione sempre più apprezzata a livello nazionale e internazionale venerdi 03 agosto

Francesco Mazzei alla guida del Consorzio Tutela Vini della Maremma Toscana

Varietà e qualità del territorio gli elementi distintivi su cui puntare per affermare la Denominazione sempre più apprezzata a livello nazionale e internazionale