Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 21 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio
martedi 05 febbraio

Fermi tutti, l'Amarone ha qualcosa da dirci

Presentati durante Anteprima Amarone 2015, i dati relativi alla produzione e all’export dell’Amarone nel mondo. Cosa ne pensano le aziende?


Fermi tutti, l'Amarone ha qualcosa da dirci
Uno specchio davvero limpido quello che, ogni anno, Anteprima Amarone dà l’occasione di osservare ai membri del comparto vitivinicolo italiano, un’occasione per riflettere (e riflettersi) nei dati di mercato per i produttori, un’opportunità di confronto per chi, come noi, guarda all’export del vino italiano come un figlio da crescere con attenzione.

Annata 2015, “un’annata da ricordare” a detta anche di Andrea Sartori, presidente del Consorzio Tutela Vini della Valpolicella, in un dialogo con il Sen. Gian Marco Centinaio, Ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, durante il convegno sul brand, il valore, l’export e il turismo dell’Amarone della prima giornata di Anteprima. Un’annata che andrà a riparare i “danni” fatti dall’annata 2014 (piuttosto deludente ed è spiacevole ricordarlo) e che porterà ad aumentare il giro d’affari del prodotto di punta della Valpolicella, chiuso al 2018 con 334 milioni di euro, secondo i dati forniti dal Consorzio. Un’annata che ha visto il duro lavoro di 2302 viticoltori, 1736 produttori soci del Consorzio tutela Vini Valpolicella, coltivati 8187 ettari di vigneto e prodotte quasi 14 milioni di bottiglie Amarone 2015.

Ad ogni modo, Amarone mantiene il proprio appeal sui mercati, specie in quelli chiave come Stati Uniti e Cina, i cui consumatori eleggono l’Amarone a prodotto di lusso (ne abbiamo parlato qui). La prima destinazione rimane però complessivamente la Germania, secondo i dati elaborati da Nomisma Wine Monitor, con una quota di mercato del 16%. Gli USA sono al secondo posto con una quota del 15%, seguiti da Svizzera al 12%, Regno Unito all’11% e infine Svezia al 7%.

Non ci siamo accontentati solamente dei dati di mercato (seppur preziosi) a cui abbiamo accesso, bensì
abbiamo approfittato della giornata per ottenere conferme da parte dei produttori della Valpolicella presenti, le cui parole dirette sono sempre la lente più veritiera su ciò che accade davvero sui mercati. Concordi tutti sulle buone aspettative dell’annata 2015, lo conferma con precisione chi già ha iniziato a venderla, un’annata che auspicano tutti sovrasti il ricordo di quella precedente. In linea più generale, secondo i pareri delle aziende (la maggior parte di esse supera il 50% come percentuale di export) Amarone funziona bene "in quei Paesi affini ai rossi corposi, quindi nel Sud-Est asiatico, e anche in alcuni mercati insospettabili, pur sempre però all'interno delle aristocrazie, ad esempio in India o nelle regioni dell'Africa" ci hanno raccontato i rappresentanti di
Bottega S.p.A, un'azienda fra le presenti che ha allargato il proprio business in tutto il mondo. "Abbiamo deciso di puntare anche su un packaging che richiami il lusso e attragga un consumatore abbiente. Con Amarone, nei mercati asiatici e africani puntiamo sulle aristocrazie, molto attratte dall'immagine esclusiva del vino italiano" proseguono

"Ci stiamo rivolgendo al mercato russo, è uno dei mercati più ricettivi, dove Amarone viene apprezzato molto. I consumatori sono fortemente amanti dei vini corposi e del vino italiano in genere, perciò stiamo avendo un buon responso." ci ha detto inoltre Giulia Ledda, marketing e communication manager dell'Azienda Tinazzi.

Per quanto riguarda i consumatori, ci sono ancora alcuni ostacoli da superare. Sebbene i produttori della Valpolicella stiano diventando sempre più giovani (sono
329 le aziende under 40 secondo il Consorzio), i consumatori all’estero non lo sono altrettanto. Amarone rimane comunque un vino per “più abbienti”, vuoi per rango sociale, vuoi per l’indipendenza economica data dalla maggiore età. 
"Il consumatore di Amarone resta ancora un po’ “attempato”, bisogna pertanto “ringiovanirlo” ce lo conferma anche Monte Zovo, il brand della famiglia Cottini, Mattia Cottini afferma infatti: "negli Stati Uniti in particolare, Amarone non ha ancora raggiunto a pieno i consumatori più giovani, viene scelto principalmente da bevitori di età più avanzate". 

Aggiungono poi i rappresentanti dell'Azienda Le Bignele, di Valgatara in Valpolicella: "in Italia la situazione sta cambiando, il consumatore è più giovane e decisamente più consapevole rispetto agli anni precedenti, acquista Amarone per la provenienza e le caratteristiche, prestando più attenzione all’annata e alla produzione; proviene però principalmente dalle regioni classiche del vino, in primis dalla Valpolicella stessa".

Certo, lo abbiamo detto, i dati sono buoni ed Anteprima Amarone è stata soprattutto un’occasione per festeggiare, ma gli sforzi da fare sono ancora molti. Lo richiede Sartori, lo richiede il Ministro Centinaio, lo richiedono i mercati: che non si lasci nulla al caso. Noi, lo predichiamo da tempo,
all’estero le voci soliste, non le ascolta nessuno. L’inno italiano cantiamolo in coro, uniamoci in rete e bussiamo alla porta dei mercati esteri stampandoci in viso la scritta Italia, poi parleremo di Valpolicella, poi di varietà. Saranno loro ad associarci all’Amarone, alla passione italiana per l’enogastronomia, ai paesaggi colorati per cui vale il costo di un volo intercontinentale, e il resto verrà da sé.

Dicono quasi tutti che “sarà poi il vino a parlare da solo quando lo assaggi”, ma se non gli si dà il palcoscenico adatto, per l’Amarone (o meglio tutto il vino italiano) sarà solo un monologo “in cameretta”.




Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla saturday 20 april

Italian wines in the world: Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla

We have tasted for you Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla

Abbiamo degustato per voi Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita sabato 20 aprile

Italian wines in the world: Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita

Abbiamo degustato per voi Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita

The famous Italian winery Dal Forno signs an exclusive distribution agreement: one bottle out of six is going to China friday 19 april

Export: Dal Forno’s Amarone conquers China

The famous Italian winery Dal Forno signs an exclusive distribution agreement: one bottle out of six is going to China

Federica Lago
Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?

Il mercato del vino va bene, ma per chi?

Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?

Fabio Piccoli
Wine Export Manager Overseas (USA, Canada, Far East) venerdi 19 aprile

Offerta di lavoro

Wine Export Manager Overseas (USA, Canada, Far East)

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il più grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunità in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverà Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello



sfondo_wm