Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
lunedi 29 maggio 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC Apollonio www.farinatransparency.com HKIWSC IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura Tommasi winethics Wine2Digital WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/
martedi 16 maggio

Franciacorta, la miglior promozione è il “presidio” prezzi

Intervista al presidente del Consorzio Franciacorta, Vittorio Moretti sulla situazione attuale e sulle prospettive, internazionali e in “casa propria”, della prestigiosa bollicina italiana


Franciacorta, la miglior promozione è il  “presidio” prezzi

Vittorio Moretti


E’ sempre piacevole incontrare Vittorio Moretti perché è uno di quegli imprenditori che amano andare sempre diritto al punto, senza nascondersi troppo dietro giri di parole.
Non a caso quando gli abbiamo chiesto “quale è, allo stato attuale, la cosa che gli preoccupa di più del Franciacorta?”, ci ha rispetto secco guardandoci dritto negli occhi:”nulla a parte il dover far di tutto per sostenere i prezzi, il posizionamento della nostra denominazione nel miglior modo possibile”.
“Il presidio adeguato del posizionamento dei nostri vini sui diversi canali distributivi è fondamentale "ha detto il presidente del Consorzio Franciacorta " perché si tratta del primo step da un lato per garantire la corretta remuneratività alle nostre imprese dall’altro di assicurare sempre la giusta immagine al nostro prestigioso brand”.
“Non possiamo, però, non essere soddisfatti " ha aggiunto Moretti " considerando che anche lo scorso anno siamo cresciuti in valore oltre il 5% e, in particolare, abbiamo registrato aumenti sul fronte export che nel 2016 ha registrato un incremento vicino al 15%”.
Complessivamente nel 2016 le bottiglie vendute di Franciacorta sono state in totale 17,4 milioni, circa un milione in più delle 16,5 milioni del 2015.
Per quanto riguardo l’export il principale mercato si è confermato il Giappone (oltre il 20% del totale), seguito dalla Svizzera (15%). Ma crescite interessanti si sono registrate anche in Germania (+13,2%), gli Usa (+12,4%) mentre il Giappone lo scorso anno ha registrato un ulteriore + 16%.
L’aumento dell’export è uno degli obiettivi che Vittorio Moretti si è posto, da molto tempo, sia come titolare del brand più prestigioso della Franciacorta, Bellavista (è proprietario, sempre in Franciacorta, di Contadi Castaldi ndr) sia oggi come presidente del Consorzio della Franciacorta.
“Crediamo fortemente che Franciacorta sia un brand che abbia ancora molte potenzialità di sviluppo sui mercato internazionali " ha evidenziato Moretti " e già oggi registriamo incrementi interessanti in Paesi come il Giappone, la Svizzera, la Germania, gli Usa, ma anche in Nord Europa dove, ad esempio, lo scorso anno abbiamo registrato aumenti sorprendenti come il quasi 250% della Norvegia o l’oltre 500% della Scandinavia. E’ chiaro che in questi Paesi partivamo da volumi molto bassi ma si tratta di segnali molto incoraggianti e indicativi sull’interesse che il Franciacorta può suscitare anche su molti nuovi mercati internazionali. Ma siamo coscienti che abbiamo ancora molta strada da fare e per questa ragione stiamo investendo notevoli risorse anche sul fronte promozionale”.
Le maggiori difficoltà, anche sul fronte internazionale, sono rappresentate dai prezzi che “ancora in molti mercati sono troppo bassi rispetto a prodotti dal valore elevato come i nostri”.
Per questa ragione, secondo il presidente Moretti, è fondamentale investire anche in azioni formative “per aumentare la cultura, la conoscenza rispetto a cosa significa produrre uno sparkling di alta qualità”.
Ciò non significa che per il presidente del Consorzio Franciacorta non vi siano ancora molte opportunità sul mercato interno, a partire da quello del proprio territorio.
“Stiamo spingendo moltissimo sul turismo del vino " ha sottolineato Moretti " in collaborazione con la nostra Strada del vino con la quale abbiamo una relazione costante come penso pochi altri Consorzi in Italia. Siamo fortemente convinti che il nostro territorio rappresenti oggi una meta ideale per l’enoturismo sia per ragioni di tipo logistico sia, soprattutto, per il livello di accoglienza raggiunto ormai da quasi tutte le nostre aziende”.
La crescita del turismo nel territorio franciacortino rappresenta, inoltre, “una grande opportunità, in particolare, per le piccole imprese, per le quali non sempre è possibile raggiungere e presidiare al meglio i mercati internazionali”.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Continua la rubrica lunedi 29 maggio

Il complicato sistema americano del Three Tier System

Continua la rubrica "legale" applicata al mondo del vino con gli esperti dello Studio Legale Withers

L’ultimo rapporto Istat sul consumo di alcolici ha evidenziato ancora una volta l’aumento dei consumatori saltuari che rappresentano oltre il 53% dei consumatori di vino del nostro Paese. In crescita costante anche il consumo fuori pasto. Cosa implica tutto questo per la nostra filiera vitivinicola?

Il consumo del vino in Italia sempre più saltuario e fuori pasto

L’ultimo rapporto Istat sul consumo di alcolici ha evidenziato ancora una volta l’aumento dei consumatori saltuari che rappresentano oltre il 53% dei consumatori di vino del nostro Paese. In crescita costante anche il consumo fuori pasto. Cosa implica tutto questo per la nostra filiera vitivinicola?

Fabio Piccoli
Il pensiero coraggioso, talvolta rivoluzionario, quasi sempre in controtendenza, di Claudio Farina, titolare di una delle aziende più storiche della Valpolicella

Il mercato del vino visto da Claudio Farina

Il pensiero coraggioso, talvolta rivoluzionario, quasi sempre in controtendenza, di Claudio Farina, titolare di una delle aziende più storiche della Valpolicella

Fabio Piccoli
Focus sulla degustazione di più di 80 vini e la loro importanza nei diversi mercati internazionali giovedi 25 maggio

Aperte le iscrizioni al corso di WSET livello 3

Focus sulla degustazione di più di 80 vini e la loro importanza nei diversi mercati internazionali

Interessante ricerca sulle innovazioni di marketing

Tutto quello che sai sul vino è sbagliato

Interessante ricerca sulle innovazioni di marketing

Fabio Piccoli
Come rendere efficace la vostra promozione grazie agli strumenti di Wine Meridian mercoledi 24 maggio

Quattro buone ragioni per scegliere la promozione su Wine Meridian

Come rendere efficace la vostra promozione grazie agli strumenti di Wine Meridian

L’intervista a Marino Braccu, Sommelier e General Manager del ristorante tristellato 8½ Otto e Mezzo BOMBANA di Hong Kong. martedi 23 maggio

“Tipicità e qualità” fanno rima con “alta cucina”

L’intervista a Marino Braccu, Sommelier e General Manager del ristorante tristellato 8½ Otto e Mezzo BOMBANA di Hong Kong.

Dal 26 al 28 maggio in Maremma 3 giorni per addetti ai lavori, istituzioni e  pubblico generico per un confronto di saperi e sapori lunedi 22 maggio

Maremma Toscana Meets Bordeaux: Forum Invention Talent in Open World

Dal 26 al 28 maggio in Maremma 3 giorni per addetti ai lavori, istituzioni e pubblico generico per un confronto di saperi e sapori

Come le nuove tecnologie posso aiutarci a conoscere il cliente, a vendere di più e meglio? lunedi 22 maggio

Siamo ancora troppo indietro rispetto alle nuove frontiere del digitale

Come le nuove tecnologie posso aiutarci a conoscere il cliente, a vendere di più e meglio?

Alice Alberti
We tasted for you Le Bombarde Cannonau di Sardegna doc 2015 by Cantina Santa Maria La Palma from Alghero, Sardinia

Italian Wines in the World: Le Bombarde Cannonau di Sardegna doc 2015 by Cantina Santa Maria La Palma

We tasted for you Le Bombarde Cannonau di Sardegna doc 2015 by Cantina Santa Maria La Palma from Alghero, Sardinia

Dai primi risultati della nostra indagine sui fabbisogni in risorse umane delle aziende vitivinicole italiane, presentata a Wine2Digital,  emerge come la gran parte di esse (oltre il 70%) dichiara di avere bisogno di aumentare la propria struttura ma questa necessità è spesso rallentata soprattutto da investimenti in altre aree tecniche dell’impresa
venerdi 19 maggio

Quasi tutti sono alla ricerca di risorse umane ma…..

Dai primi risultati della nostra indagine sui fabbisogni in risorse umane delle aziende vitivinicole italiane, presentata a Wine2Digital, emerge come la gran parte di esse (oltre il 70%) dichiara di avere bisogno di aumentare la propria struttura ma questa necessità è spesso rallentata soprattutto da investimenti in altre aree tecniche dell’impresa

Fabio Piccoli


WineMeridian