Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
martedi 17 settembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ STUDIO GIURI http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca
mercoledi 19 giugno 2019

Giappone: here we go again!

È il quinto mercato al mondo per import di prodotti agroalimentari ed una meta di estremo interesse per l’export tricolore. Come potremmo non parlarne?


Giappone: here we go again!
Ultimamente gli stiamo dedicando molte attenzioni, poiché non vogliamo lasciarci sfuggire la possibilità di osservare la frenetica evoluzione di questo mercato e dei suoi consumatori. Stiamo parlando, naturalmente, del Giappone, meta indiscussa per gli affari nel mondo del vino dell’ultimo decennio. 
Di recente Agrifood Monitor, in partnership con Nomisma e CRIF, a seguito del IV Forum tenutosi presso il Palazzo di Varignana lo scorso 10 giugno, ha rilasciato dei dati molto interessanti inerenti al mercato giapponese, che ci sembra doveroso riportare ai nostri lettori. 

Innanzitutto è bene sottolineare che, ad oggi, con un valore superiore ai 57 miliardi di euro, il Giappone rappresenta il quinto mercato al mondo per import di prodotti alimentari, fra i cui fornitori rientra l’Italia. Al momento il Made in Italy alimentare pesa poco, l’1,5% sul totale, ma la crescita è indiscutibile: nell’ultimo anno l’import di vino italiano è cresciuto ad un tasso medio annuo del 4%. I principali concorrenti restano gli Stati Uniti, l’Australia e i Paesi Asiatici, ma grazie all’accordo di libero scambio entrato in vigore dal 1 febbraio 2019 tra UE e Giappone, i prodotti italiani sono diventati più competitivi, grazie all’abbattimento di dazi e barriere non tariffarie. Nel corso dell’ultimo decennio il valore degli acquisti dal nostro Paese sono passati da 537 a 865 milioni di euro, denotando una crescita superiore al 50%. Crescita che ritroviamo anche nei primi dati relativi al 2019. Nel primo quadrimestre di quest’anno infatti, le importazioni di prodotti agroalimentari italiani (nell'immagine in fondo all'articolo trovate le principali regione italiane di provenienza) in Giappone sono cresciute di quasi il 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, rispetto ad una media di mercato che ha visto aumentare l’import totale di food&beverage di circa il 9%.

Nell’ottica di voler aumentare la penetrazione all’interno del mercato, già forte grazie all’accordo di libero scambio, è stata indetta un’analisi che osservasse la percezione da parte del consumatore locale e la reputazione dei prodotti italiani, al fine inoltre di capire come mantenere o conquistare maggiore fiducia e assicurarsi rapporti consolidati di fornitura.
Dalla survey realizzata e presentata durante il Forum, emerge che nella percezione dei 1.000 consumatori giapponesi interrogati, l’Italia si qualifica come paese più rappresentativo del food di qualità, surclassando Francia e Stati Uniti, ovvero gli attuali maggiori fornitori nel mercato. 

Non tutti i consumatori, però, si dicono pronti ad acquistare ad occhi chiusi un nostro prodotto: la stragrande maggioranza dei giapponesi, infatti, è sensibile al prezzo e razionale nelle scelte di acquisto. Questa categoria di consumatori, rientra fra la prima delle 4 categorie individuate dall’analisi, ovvero quella dei “tradizionalisti cauti”, che dalla survey occupa il 48% del totale. A seguire, il gruppo, al 36%, dei “millennials sperimentatori”, ossia giovani dai 18 ai 38 anni, curiosi, aperti alle novità ed attratti dalla cultura occidentale. Terzo segmento: i “giramondo spensierati” (il 10%), consumatori della Generation X dai 29 ai 54 anni, la cui capacità di spesa è decisamente più alta rispetto alla classe più giovane. Sono attratti dal conoscere nuove culture, amano viaggiare e sono conquistabili tramite internet, degustazioni, cooking show, abbinamenti cibo e vino, secondo il report. Il quarto segmento al momento è il più debole (al 6%) ed è quello dei "salutisti consapevoli", ovvero i baby boomers dai 55 ai 65 anni, tendenzialmente con reddito alto e grande attenzione per provenienza ed aspetti salutistici.

Sappiamo bene che in questo settore lo sviluppo dell’export è un processo complesso e certosino, specie per le aziende di piccole e medie dimensioni, per le quali entrare in un nuovo mercato significa sostenere investimenti non da poco, in termini di denaro, ma anche di tempo. Per questo motivo cerchiamo di sostenere le PMI del vino italiane, guidandole, attraverso i nostri tour internazionali, nel conoscere il mercato e accompagnandole, favorendo gli incontri con importatori e figure chiave per il business del vino.
Il Giappone rientra fra le destinazioni di approdo dei nostri tour, poiché riteniamo che sia un mercato vivo e disposto ad evolversi a nuove tendenze. Secondo noi è il momento ideale, per tutte le PMI, per rimboccarsi le maniche e mettere in valigia il passaporto e le migliori skills (perché ne abbiamo parecchie!). 

Il nostro calendario è in continuo aggiornamento, lo potete trovare qui, nella sezione dedicata. 

Giappone: here we go again!

Regioni di provenienza dei prodotti. Fonte: Agrifood Monitor - Nomisma


Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino. 
martedi 17 settembre 2019

Wine Manager Day 2019: in gioco le emozioni

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino.

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC tuesday 17 september 2019

Italian wines in the world: Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale
lunedi 16 settembre 2019

Diminuiscono i consumi ma aumenta il valore del prodotto

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori sabato 14 settembre 2019

Italian wines in the world: Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino venerdi 13 settembre 2019

La Bottega del Vino eletta "Miglior Carta Vini del Mondo per i Vini da Dessert 2019"

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni venerdi 13 settembre 2019

Dal 6 al 13 ottobre torna "Milano Wine Week", palcoscenico del vino nella città meneghina

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione
venerdi 13 settembre 2019

Quando la paura fa più danni dei problemi reali

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione

Fabio Piccoli
Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?
giovedi 12 settembre 2019

96/100? Ma dove ho sbagliato?

Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?

Noemi Mengo
Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!
mercoledi 11 settembre 2019

5 motivi per non perdere il WEMDAY 2019 se non ti sei ancora iscritto

Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.
mercoledi 11 settembre 2019

Vino biologico in crescita in 5 mercati del mondo

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.

Noemi Mengo
We have tasted for you Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017 wednesday 11 september 2019

Italian wines in the world: Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017

We have tasted for you Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017

Abbiamo degustato per voi il Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri mercoledi 11 settembre 2019

Italian wines in the world: Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri

Abbiamo degustato per voi il Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri

Giovanna Romeo
Nel mese delle previsioni, a vendemmia in corso, i tecnici viticoltori del territorio raccontano una stagione produttiva ricca di aspettative. martedi 10 settembre 2019

Pinot grigio delle Venezie DOC sulla Vendemmia 2019: quando la viticoltura crea valore

Nel mese delle previsioni, a vendemmia in corso, i tecnici viticoltori del territorio raccontano una stagione produttiva ricca di aspettative.

L'azienda trevigiana rinuncia definitivamente al termine prosecco prediligendo invece “Valdobbiadene DOCG” in tutti i canali comunicativi e sulle etichette martedi 10 settembre 2019

La coraggiosa scelta di Col Vetoraz: produrre solo "Valdobbiadene Docg"

L'azienda trevigiana rinuncia definitivamente al termine prosecco prediligendo invece “Valdobbiadene DOCG” in tutti i canali comunicativi e sulle etichette

A WEMDAY 2019 uno degli interventi sarà presidiato da Vincenzo Russo, docente di psicologia e neuromarketing all’Università IULM
martedi 10 settembre 2019

Vino e Neuromarketing: ce ne parla Vincenzo Russo

A WEMDAY 2019 uno degli interventi sarà presidiato da Vincenzo Russo, docente di psicologia e neuromarketing all’Università IULM

Noemi Mengo
A WEMDay 2019, lunedì 16 settembre, 5 interventi per diventare manager consapevoli
martedi 10 settembre 2019

Wine Export Manager Day: gli speaker vi aspettano

A WEMDay 2019, lunedì 16 settembre, 5 interventi per diventare manager consapevoli

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?
lunedi 09 settembre 2019

Terregiunte, le polemiche nascondono la “rivoluzione”

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?

Fabio Piccoli
Un’azienda legata alla nobile storia italiana, in varie sfaccettature, che oggi vuole crescere e rinnovarsi, senza dimenticare le proprie origini
lunedi 09 settembre 2019

Fattoria Varramista: una sfida per il futuro, che cresce su radici antiche

Un’azienda legata alla nobile storia italiana, in varie sfaccettature, che oggi vuole crescere e rinnovarsi, senza dimenticare le proprie origini

Noemi Mengo
La Mosella, il mercato americano e non solo: ecco cosa ci raccontano i produttori. 
domenica 08 settembre 2019

Il Riesling renano ama gli Stati Uniti

La Mosella, il mercato americano e non solo: ecco cosa ci raccontano i produttori.

Giovanna Romeo


sfondo_wm