Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
mercoledi 03 giugno 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it
giovedi 06 giugno 2019

Giappone: proviamo ad andare oltre ai vini francesi con la formazione

L'intervista a Shigeru Hayashi, esperto di vino nel mercato giapponese


Giappone: proviamo ad andare oltre ai vini francesi con la formazione
Dopo aver assistito a un suo convegno durante Vinitaly 2019 ed esserne rimasti affascinati (ne abbiamo parlato qui), abbiamo intervistato Shigeru Hayashi, uno dei maggiori conoscitori del settore vitivinicolo in Giappone. Hayashi è un sommelier, che si occupa principalmente di servizi di consulenza per aziende giapponesi e italiane: ricerca di importatori partner, organizzazione di incontri B2B, promozione dei consorzi di tutela del vino, attività di formazione e pubblicazione di libri incentrati principalmente sui vini italiani, come la “bibbia” dei vini italiani per i giapponesi scritta già nel lontano 1996. 
Con lui siamo andati alla ricerca di quelle che sono le potenzialità di questo mercato, dove oggi dominano (purtroppo) ancora molto i vini francesi, ma che offre per il vino italiano una grande possibilità di crescita, purché lo si spieghi meglio ai giapponesi.

Qual è il principale suggerimento che può dare ai produttori di vino italiani per comunicare e vendere i loro prodotti in Giappone?
Per prima cosa è necessario avere consapevolezza di quel che si è: che produttore sono? Che posizione voglio ricoprire nel settore del vino? Che vini produco? Queste sono le domande che i produttori si devono porre.
Lo step successivo è avere una conoscenza del mercato giapponese, così da capire anche quale importatore potrebbe essere il più adatto. È fondamentale avere le informazioni giuste in modo costante, per poter procedere in maniera mirata: i giapponesi vogliono conoscere i prodotti e sono molto esigenti sul rispetto delle tempistiche.

Quale immagine hanno i vini italiani nel suo Paese di origine?
La maggior parte dei giapponesi ha iniziato ad entrate in contatto con il mondo del vino approcciando i vini francesi, e oggi esiste la convinzione che i vini italiani siano più difficili da comprendere. D'altra parte in Giappone ci sono più di 10.000 ristoranti italiani, e tante persone hanno imparato a familiarizzare anche con questi vini. Nel menù vengono inseriti i più riconosciuti e famosi, dunque è importante approfondire l'informazione.

In Giappone si registra il più alto numero di sommelier al mondo. Oggi si cerca di proporre una nuova idea di sommelier, non più solo come professionista della cantina, ma anche come promotore del territorio…
La maggior parte dei giapponesi che hanno preso il diploma da sommelier hanno cominciato a studiare dai vini francesi. Mancando la conoscenza dei vini italiani è difficile diventarne promotori, e questo vale anche per il territorio. A titolo esemplificativo: il 70% delle domande all’esame per diventare sommelier in Giappone riguarda i vini francesi. È un lento e graduale processo che va affrontato partendo dai luoghi dove il vino italiano viene proposto.

La sua carriera Le ha permesso di maturare una vasta esperienza anche nel settore della ristorazione. Quali tipologie di vino italiano potrebbero accostarsi al cibo giapponese?
Protagonista della cucina giapponese è il dashi, un brodo semplice e alla base di molte ricette. Il suo gusto è delicato, per questo anche i vini da abbinare devono essere semplici: spumanti secchi (brut), bianchi saporiti, i rossi non troppo fruttati. Non sono adeguati i vini con forti sentori legnosi.

Una critica e un vantaggio dei vini italiani in Giappone...
Tra i punti critici, come già detto, c'è una difficoltà di comprensione per i vini italiani. Mi spiego con un esempio: volendo acquistare un Chianti, troviamo prezzi che vanno da 800 a più di 10.000 yen, una differenza di prezzo che andrebbe giustificata ai clienti. Mancano poi ancora alcune tipologie di vino italiano nei liquor shop. D'altra parte sono convinto che il vino italiano offra una varietà indiscutibile, da scoprire in continuazione, dove anche le fasce di vino più economico possono riservare belle sorprese. Può essere interessante abbinare il vino italiano alle cucine regionali, conoscendo così anche i vari territori.
C’è ancora molta strada da fare, ma i presupposti sono i migliori. 

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Calano frequenza, consumi e spesa media. Crisi enoteche ma crescono online, supermercati e negozi locali. mercoledi 03 giugno 2020

Lockdown in Portogallo: frequenza e consumi di vino in calo

Calano frequenza, consumi e spesa media. Crisi enoteche ma crescono online, supermercati e negozi locali.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Cantina Tollo’s Biologico Terre di Chieti IGP Passerina
wednesday 03 june 2020

Italian wines in the world: Cantina Tollo’s Biologico Terre di Chieti IGP Passerina

We have tasted for you Cantina Tollo’s Biologico Terre di Chieti IGP Passerina

We have tasted for you Baglio del Cristo di Campobello’s Adènzia Bianco Sicilia Doc wednesday 03 june 2020

Italian wines in the world: Baglio del Cristo di Campobello’s Adènzia Bianco Sicilia Doc

We have tasted for you Baglio del Cristo di Campobello’s Adènzia Bianco Sicilia Doc

A dispetto di ogni aspettativa negativa, in Cina i consumatori hanno dimostrato di adattare il consumo del vino alla vita domestica e di utilizzare sempre di più canali online per acquistarlo. mercoledi 03 giugno 2020

La Cina verso un cambiamento di stili di consumo?

A dispetto di ogni aspettativa negativa, in Cina i consumatori hanno dimostrato di adattare il consumo del vino alla vita domestica e di utilizzare sempre di più canali online per acquistarlo.

Agnese Ceschi
We have tasted for you Le Morette's Lugana DOC Mandolara 
wednesday 03 june 2020

Italian wines in the world: Le Morette's Lugana DOC Mandolara

We have tasted for you Le Morette's Lugana DOC Mandolara

Direttore Tecnico di cantina - Plant Manager martedi 02 giugno 2020

Candidati TOP di WinePeople Talent per le aziende del vino

Direttore Tecnico di cantina - Plant Manager

Redazione WinePeople
È venuto il momento di applicare i principi che i migliori leader al mondo ci hanno insegnato: donare ascolto, promuovere fiducia e apertura e creare un ambiente psicologicamente sicuro. martedi 02 giugno 2020

La "servant leadership" al servizio degli imprenditori

È venuto il momento di applicare i principi che i migliori leader al mondo ci hanno insegnato: donare ascolto, promuovere fiducia e apertura e creare un ambiente psicologicamente sicuro.

Agnese Ceschi
Il futuro è tecnologia, e-commerce e pagamenti contactless. Cambiamenti nella supply chain e nelle modalità di acquisto, grandi affari per i retailer di beni alimentari e di prima necessità. lunedi 01 giugno 2020

Impatto Covid-19 sul settore retail

Il futuro è tecnologia, e-commerce e pagamenti contactless. Cambiamenti nella supply chain e nelle modalità di acquisto, grandi affari per i retailer di beni alimentari e di prima necessità.

Emanuele Fiorio
La decisione giusta forse si può anche improvvisare, con un po’ di fortuna. Pensare di farlo sempre è molto rischioso e, da un punto di vista imprenditoriale, impensabile. L’importanza dell’autocheck-up:  noi vi possiamo aiutare. lunedi 01 giugno 2020

Prendere decisioni efficaci in condizioni di incertezza

La decisione giusta forse si può anche improvvisare, con un po’ di fortuna. Pensare di farlo sempre è molto rischioso e, da un punto di vista imprenditoriale, impensabile. L’importanza dell’autocheck-up: noi vi possiamo aiutare.

Claudia Meo
Il Circolo degli scrittori di vino (Circle of Wine Writers), moderati  da Michele Shah  si sono confrontati sui possibili scenari dell'enoturismo nella fase di ripresa post emergenziale lunedi 01 giugno 2020

Il futuro dell'enoturismo nella fase post Covid-19

Il Circolo degli scrittori di vino (Circle of Wine Writers), moderati da Michele Shah si sono confrontati sui possibili scenari dell'enoturismo nella fase di ripresa post emergenziale

Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi Biologico Terre di Chieti IGP Passerina di Cantina Tollo

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi l’Adènzia Bianco Sicilia Doc di Baglio del Cristo di Campobello

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette sabato 30 maggio 2020

Italian wines in the world: Lugana DOC Mandolara dell' azienda Le Morette

Abbiamo degustato per voi il Lugana DOC Mandolara dell'azienda Le Morette

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni. venerdi 29 maggio 2020

Superare la crisi: cercasi soluzioni

Non possiamo più sprecare energie nel lamentarci ma trovare tutte le soluzioni possibili per andare oltre questa crisi e lo dobbiamo fare in fretta. Due soluzioni ci sembrano tra le più utili e attuali: le reti di impresa e un migliore sfruttamento delle nostre denominazioni.

Fabio Piccoli