Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah

Gli americani “spendono” di più per il vino italiano

Dai risultati preliminari dell’indagine di Wine Opinions Vinitaly sul rapporto tra i vini italiani e gli americani emerge come i consumatori frequenti di vino italiano spendono per i nostri vini dai 12 dollari in su, utilizzano moltissimo i social media e si fanno influenzare soprattutto dalle degustazioni nei punti vendita e dai consigli in famiglia


Gli americani “spendono” di più per il vino italiano
Molto interessanti i primi dati che emergono dall’indagine di Wine Opinions Vinitaly (“Italian Wines and American Palate) presentati nei giorni scorsi all’Italian Wine Week Vino 2017 a New York.
Da questi dati preliminari - frutto di un’indagine su un campione di 1.463 consumatori residenti nei 12 principali Stati - emerge come i consumatori frequenti di vino italiano statunitensi dichiarano di acquistare nostri vini a prezzi superiori mediamente ai 12 dollari, mentre per prezzi più bassi si rivolgono a vini di altri Paesi.
Più specificatamente l’indagine fa emergere che nella fascia tra i 10-12 dollari per vini da acquistare per un pranzo semplice a casa il 16% degli intervistati ha dichiarato di preferire vino italiano, rispetto al 10% di Spagna, il 9% di Francia, l’8% di Cile e il 5% di Australia. Nella fascia, invece, tra i 20-30 dollari per vini da acquistare per una cena a casa con amici, il vino italiano evidenzia una preferenza al 19%, dietro però alla Francia con il 21% ma molto più avanti di Spagna al 5%, Cile al 4% e Australia al 3%. Il vino italiano ritorna al primo posto, con una preferenza al 21% nella fascia di vini tra i 10-15 dollari al bicchiere acquistato al ristorante, davanti alla Francia (20%), Spagna e Cile (5%) e Australia (3%).
Più in generale, anche da questa indagine si conferma il forte appeal del vino italiano negli Usa. Si colloca, infatti, anche in questa indagine al primo posto come vino dalle maggiori potenzialità di sviluppo, con il 30% di preferenze d’acquisto tra i vini importati negli Usa, seguito dalla Francia, con il 27%, la Spagna il 19%, l’Australia il 12%, il Cile l’11% e il Portogallo al 6%. Se ci si focalizza solo sui consumatori sotto i 40 anni la percentuale di preferenza al vino italiano sale al 34%.
Rispetto gli aspetti che influenzano maggiormente gli acquisti di vino negli Usa, sono tre quelli considerati più rilevanti (multirisposte): le degustazioni nei punti vendita (60%); vini da paesi o regioni preferite (45%); consigli di famigliari ritenuti esperti (42%).
Molto più indietro troviamo le raccomandazioni del personale dei punti vendita (31%), punteggi della critica superiori ai 90 punti (25%) e buone recensioni lette in riviste o nel web (21%).
Già quest’ultimi risultati evidenziati testimoniano come anche la stessa promozione dei vini italiani negli Usa non può non tener conto di alcune sempre più evidenti tendenze di questo mercato, a partire dell’importanza delle iniziative nei punti vendita come pure di un utilizzo più adeguato dei social media.
A quest’ultimo proposito il survey evidenzia il grande utilizzo dei social media per postare, visitare, acquisire, scambiare informazioni o immagini relative al vino.
Andando ad analizzare all’interno del panel coinvolto l’utilizzo dei social, mensilmente o più frequentemente, per le motivazioni sopra esposte è emerso come Facebook sia quello più utilizzato (45%), seguito da Instagram (17%), Vivino (15%), Pinterest (12%), Twitter (11%), YouTube (9%), Delectable (6%) ed Hello Vino (3%). Se ci si concentra, però, sui consumatori sotto i 40 anni, Instagram e Delectable raddoppiano le loro percentuali di utilizzo.
Infine, questi primi risultati dell’indagine riferiscono delle preferenze di tipologie di vino italiano maggiormente acquistate dai consumatori frequenti. Il Pinot Grigio, prevedibilmente, risulta al primo posto con il 68% (la domanda era riferita ad “acquisto occasionalmente” o “favorito”), seguito dal Chianti (67%), Chianti Classico (64%) a pari merito con il Prosecco. Su questo aspetto non si può non rilevare come allo stato attuale la distinzione tra Chianti e Chianti Classico fatica molto ad essere percepita.
Molto interessante, e per certi aspetti preoccupante, evidenziare come la ricerca ha indagato anche sui vini italiani che risultano tuttoggi quasi sconosciuti sul mercato Usa (ovviamente dal panel intervistato). Tra questi vi sono molti nomi importanti come, ad esempio, il Franciacorta di cui il 67% dichiara di non averne mai sentito parlare, con la stessa percentuale anche il Greco di Tufo, con il Fiano si sale al 68%, con la Falanghina siamo al 66%, con il Salice Salentino va leggermente meglio con il 57% e con per l’Aglianico il 50% dichiara di non conoscerlo.
Considerando l’ampiezza e la rappresentatività del panel sono dati, quest’ultimi, che non possono non far riflettere. Ne scriveremo a breve.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo