Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 24 novembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor

Gli americani “spendono” di più per il vino italiano

Dai risultati preliminari dell’indagine di Wine Opinions Vinitaly sul rapporto tra i vini italiani e gli americani emerge come i consumatori frequenti di vino italiano spendono per i nostri vini dai 12 dollari in su, utilizzano moltissimo i social media e si fanno influenzare soprattutto dalle degustazioni nei punti vendita e dai consigli in famiglia


Gli americani “spendono” di più per il vino italiano
Molto interessanti i primi dati che emergono dall’indagine di Wine Opinions Vinitaly (“Italian Wines and American Palate) presentati nei giorni scorsi all’Italian Wine Week Vino 2017 a New York.
Da questi dati preliminari - frutto di un’indagine su un campione di 1.463 consumatori residenti nei 12 principali Stati - emerge come i consumatori frequenti di vino italiano statunitensi dichiarano di acquistare nostri vini a prezzi superiori mediamente ai 12 dollari, mentre per prezzi più bassi si rivolgono a vini di altri Paesi.
Più specificatamente l’indagine fa emergere che nella fascia tra i 10-12 dollari per vini da acquistare per un pranzo semplice a casa il 16% degli intervistati ha dichiarato di preferire vino italiano, rispetto al 10% di Spagna, il 9% di Francia, l’8% di Cile e il 5% di Australia. Nella fascia, invece, tra i 20-30 dollari per vini da acquistare per una cena a casa con amici, il vino italiano evidenzia una preferenza al 19%, dietro però alla Francia con il 21% ma molto più avanti di Spagna al 5%, Cile al 4% e Australia al 3%. Il vino italiano ritorna al primo posto, con una preferenza al 21% nella fascia di vini tra i 10-15 dollari al bicchiere acquistato al ristorante, davanti alla Francia (20%), Spagna e Cile (5%) e Australia (3%).
Più in generale, anche da questa indagine si conferma il forte appeal del vino italiano negli Usa. Si colloca, infatti, anche in questa indagine al primo posto come vino dalle maggiori potenzialità di sviluppo, con il 30% di preferenze d’acquisto tra i vini importati negli Usa, seguito dalla Francia, con il 27%, la Spagna il 19%, l’Australia il 12%, il Cile l’11% e il Portogallo al 6%. Se ci si focalizza solo sui consumatori sotto i 40 anni la percentuale di preferenza al vino italiano sale al 34%.
Rispetto gli aspetti che influenzano maggiormente gli acquisti di vino negli Usa, sono tre quelli considerati più rilevanti (multirisposte): le degustazioni nei punti vendita (60%); vini da paesi o regioni preferite (45%); consigli di famigliari ritenuti esperti (42%).
Molto più indietro troviamo le raccomandazioni del personale dei punti vendita (31%), punteggi della critica superiori ai 90 punti (25%) e buone recensioni lette in riviste o nel web (21%).
Già quest’ultimi risultati evidenziati testimoniano come anche la stessa promozione dei vini italiani negli Usa non può non tener conto di alcune sempre più evidenti tendenze di questo mercato, a partire dell’importanza delle iniziative nei punti vendita come pure di un utilizzo più adeguato dei social media.
A quest’ultimo proposito il survey evidenzia il grande utilizzo dei social media per postare, visitare, acquisire, scambiare informazioni o immagini relative al vino.
Andando ad analizzare all’interno del panel coinvolto l’utilizzo dei social, mensilmente o più frequentemente, per le motivazioni sopra esposte è emerso come Facebook sia quello più utilizzato (45%), seguito da Instagram (17%), Vivino (15%), Pinterest (12%), Twitter (11%), YouTube (9%), Delectable (6%) ed Hello Vino (3%). Se ci si concentra, però, sui consumatori sotto i 40 anni, Instagram e Delectable raddoppiano le loro percentuali di utilizzo.
Infine, questi primi risultati dell’indagine riferiscono delle preferenze di tipologie di vino italiano maggiormente acquistate dai consumatori frequenti. Il Pinot Grigio, prevedibilmente, risulta al primo posto con il 68% (la domanda era riferita ad “acquisto occasionalmente” o “favorito”), seguito dal Chianti (67%), Chianti Classico (64%) a pari merito con il Prosecco. Su questo aspetto non si può non rilevare come allo stato attuale la distinzione tra Chianti e Chianti Classico fatica molto ad essere percepita.
Molto interessante, e per certi aspetti preoccupante, evidenziare come la ricerca ha indagato anche sui vini italiani che risultano tuttoggi quasi sconosciuti sul mercato Usa (ovviamente dal panel intervistato). Tra questi vi sono molti nomi importanti come, ad esempio, il Franciacorta di cui il 67% dichiara di non averne mai sentito parlare, con la stessa percentuale anche il Greco di Tufo, con il Fiano si sale al 68%, con la Falanghina siamo al 66%, con il Salice Salentino va leggermente meglio con il 57% e con per l’Aglianico il 50% dichiara di non conoscerlo.
Considerando l’ampiezza e la rappresentatività del panel sono dati, quest’ultimi, che non possono non far riflettere. Ne scriveremo a breve.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A febbraio inizio il nostro nuovo progetto formativo per imprenditori basato totalmente sulle esperienze, i fabbisogni degli imprenditori del vino italiani

Wine People Campus, quando la formazione parla il linguaggio degli imprenditori

A febbraio inizio il nostro nuovo progetto formativo per imprenditori basato totalmente sulle esperienze, i fabbisogni degli imprenditori del vino italiani

Arte e buona tavola protagonisti di UP!ART il 5 dicembre 2017 @ Cucina Madre, Treviso giovedi 23 novembre

L’arte è di casa a Cucina Madre

Arte e buona tavola protagonisti di UP!ART il 5 dicembre 2017 @ Cucina Madre, Treviso

Un importante gruppo vitivinicolo abruzzese ricerca WINE SALES AND MARKETING MANAGER giovedi 23 novembre

Offerta di lavoro

Un importante gruppo vitivinicolo abruzzese ricerca WINE SALES AND MARKETING MANAGER

Intervista a Jacqueline Pirolo, General Manager e Beverage Director del ristorante Macchialina giovedi 23 novembre

Miami: quando il vino diventa generoso e si fa conoscere a tutti…

Intervista a Jacqueline Pirolo, General Manager e Beverage Director del ristorante Macchialina

Prossima edizione 9-13 novembre 2018. The Wine Hunter, Helmuth Köcher, torna a caccia dei migliori vini e prodotti gastronomici
giovedi 23 novembre

Numeri e highlights del 26° Merano WineFestival

Prossima edizione 9-13 novembre 2018. The Wine Hunter, Helmuth Köcher, torna a caccia dei migliori vini e prodotti gastronomici

Un nuovo modo di comunicare, un nuovo modo di vendere...il giro d'Italia più gustoso dell'anno, giovedì 23 Novembre da Signorvino a Bologna mercoledi 22 novembre

"Il giro d'Italia del vino"

Un nuovo modo di comunicare, un nuovo modo di vendere...il giro d'Italia più gustoso dell'anno, giovedì 23 Novembre da Signorvino a Bologna

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino mercoledi 22 novembre

Sei alla ricerca di un Export Manager? HireMeVinitaly torna a Wine2wine 2017

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino

Vinitaly International e Wine People propongono il format di incontro domanda e offerta. Ecco quando, dove e come potrai partecipare il 5 dicembre a Verona mercoledi 22 novembre

Cerchi lavoro per l'export? #HireMeVinitaly ti presenta le migliori aziende in cerca di Export Manager durante Wine2wine a Verona

Vinitaly International e Wine People propongono il format di incontro domanda e offerta. Ecco quando, dove e come potrai partecipare il 5 dicembre a Verona

Parte a febbraio il primo corso, unico in Italia, dedicato alla vendita del vino.

Wine Campus, la scuola dei venditori del vino

Parte a febbraio il primo corso, unico in Italia, dedicato alla vendita del vino.

Una chiacchierata con Massimo Ruggero, ad di Siddùra, su export, Sardegna, nuove tecnologie e gusti del consumatore odierno. 
lunedi 20 novembre

Vini sardi: tra longevità, terroir e il concetto di "autoctono"

Una chiacchierata con Massimo Ruggero, ad di Siddùra, su export, Sardegna, nuove tecnologie e gusti del consumatore odierno.

Agnese Ceschi
Domenica 19 novembre, la presentazione del primo Panettone artigianale con perle di Amarone della Valpolicella DOCG realizzato da Faber Dulcis con l’azienda vinicola Farina venerdi 17 novembre

Il Panettone sposa l’Amarone

Domenica 19 novembre, la presentazione del primo Panettone artigianale con perle di Amarone della Valpolicella DOCG realizzato da Faber Dulcis con l’azienda vinicola Farina

Noemi Mengo
Tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero venerdi 17 novembre

Consorzio Vini Venezia, cinque denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio.

Tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero

Un viaggio alla scoperta di storie di vita, di vino, di produttori locali in giro per l'Italia

venerdi 17 novembre

Born to be wine. Persone oltre il vino

Un viaggio alla scoperta di storie di vita, di vino, di produttori locali in giro per l'Italia

World-renowned International Wine & Spirit Competition reveals the wine and spirit trends for the new year, following 2017 Awards Banquet friday 17 november

The 2018 tipples to watch

World-renowned International Wine & Spirit Competition reveals the wine and spirit trends for the new year, following 2017 Awards Banquet

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Quando la risposta è racchiusa nel limite

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Fabio Piccoli


WineMeridian