Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 16 giugno 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://events.editricetemi.com/events/WorkshopFood&Beverage/registrazione.html?idpg=497 Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma
venerdi 11 gennaio 2019

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni


Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

Luigi Caporicci - Presidente di Gotto D'Oro


Per troppo tempo e troppo spesso il vino della regione Lazio è stato associato ad un vino di scarsa qualità, vino da tavola e non da grandi occasioni.
“L’obiettivo è invertire questa tendenza e far scoprire ai wine lovers di tutto il mondo che le denominazioni laziali sono denominazioni di qualità, e possiamo farlo solo investendo in una migliore comunicazione”. Ce lo ha spiegato
Luigi Caporicci, presidente di Gotto D’Oro, che in questa intervista ci ha raccontato l’azienda, la sua storia e l’obiettivo di elevare e rendere merito alla sua attività, una produzione di qualità, quella romana, che necessita di essere conosciuta, sfatando i falsi miti che la circondano.

Come è nata l’azienda?
Nasce dall’unione sapiente degli agricoltori di Marino, in provincia di Roma, sul finire della Seconda Guerra Mondiale, un momento storico in cui collocare il vino nella vicina Capitale era difficile a causa della forte crisi. Questi produttori decisero di unire le forze per cercare di allargare i propri orizzonti e provare a portare il vino dei Castelli Romani al di fuori dei confini, in tutta Italia e nel mondo. Così nacque l’azienda, nel 1945, composta da circa 40 agricoltori unitisi in cooperativa prendendo in gestione l’ex monopolio di Ciampino, andato distrutto durante la guerra, e rimesso in piedi per stabilire la sede della cantina.
Tra gli obiettivi dell’unione, quello di svincolarsi dai commercianti di zona che spesso dettavano regole scomode e andare oltre, portare i vini soprattutto nelle regioni del nord, quelle che ancora oggi per l’azienda sono strategiche: Veneto, Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna.

Che vini producete?
Sono tutti quelli dei castelli romani: Doc Frascati, Doc Marino, Doc Castelli Romani, Doc Roma e IGT Lazio. I nostri vigneti si estendono da Frascati fino a Coli e raccogliamo uve da circa 1400 ettari di vigneti: un grande polmone verde intorno alla Capitale, dove i nostri produttori coltivano le uve che verranno conferite.

Qual è il vino che maggiormente rappresenta la vostra realtà?
Sicuramente il vino per cui siamo conosciuti maggiormente è il Marino, tanto è vero che fino agli anni ’80 eravamo conosciuti più come “La Marino”, piuttosto che “Gotto D’Oro”. Però quell’identificativo, Marino, lo dobbiamo ringraziare, è per via della sua fama che siamo riusciti in pochi anni ad esportare negli USA fino a 2 milioni di galloni da 2 litri di Marino. Possiamo sicuramente considerarlo il nostro cavallo di battaglia, un vino a cui siamo legati e che ci ha resi orgogliosi di diversi riconoscimenti, fra cui quello di Luca Maroni per l’ottimo rapporto qualità/prezzo.

Come descriverebbe l’azienda e la vostra filosofia?
Noi siamo una filiera corta, che consente al produttore di vedere le sue uve raccolte, trasformate, vinificate e consegnate in tutta Italia, dalle Alpi alla Sicilia.
Questa modalità ci ha permesso di far conoscere il nostro territorio e dare ai nostri agricoltori la certezza di poter conferire le uve senza sottostare alle leggi di mercato. Ci piace definirci “la certezza del contadino”.

In che mercati siete più presenti, e qual è la percentuale di export?
La percentuale di export attualmente è bassa, perché noi negli anni passati abbiamo puntato sull’Italia e non abbiamo curato molto l’export. La percentuale si aggira attorno al 7-8%. Però siamo presenti da sempre con continuità in Canada, in Germania, Inghilterra e negli USA, dove stiamo cercando di allargare il mercato, e in Cina, mercato interessante ma che ci dà alcune difficoltà.

Qual è attualmente la sfida più grande per voi, soprattutto all’estero?

La sfida maggiore è sfatare una leggenda che si è creata in questi anni, ovvero che il Lazio non sia una regione di grandi vini, che i Castelli Romani non ne producano di alta qualità e che le cantine sociali siano invece legate a vini di bassa qualità. Il nostro obiettivo è quello di andare oltre a questi preconcetti, dimostrando che i vini laziali hanno ottime carte da giocare, e che i nostri vini partono dal produttore e arrivano al consumatore, sono prodotti tracciabili, la cui qualità deve essere resa chiara. Certo, si tratta di uno sforzo grande, ma vogliamo vincere questo modo di pensare, in Italia e all'estero. 


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi il Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018 di Vigna Dogarina sabato 15 giugno 2019

Italian wines in the world: Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018 di Vigna Dogarina

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018 di Vigna Dogarina

Il rosato in Italia, una moda o puro marketing? Ne discutono i produttori venerdi 14 giugno 2019

Torna Roséxpo il Salone Internazionale dei Vini Rosati

Il rosato in Italia, una moda o puro marketing? Ne discutono i produttori

Tenuta di Angoris, la degustazione di spumanti metodo classico: 8 etichette, tra italiane, francesi e spagnole. venerdi 14 giugno 2019

Un percorso attraverso il tempo e lo spazio degli spumanti metodo classico

Tenuta di Angoris, la degustazione di spumanti metodo classico: 8 etichette, tra italiane, francesi e spagnole.

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano venerdi 14 giugno 2019

Più che cambio è rivoluzione generazionale

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano

Fabio Piccoli
Una collezione di risultati che non può non essere raccontata 
venerdi 14 giugno 2019

Cantina di Soave, un 2019 da record

Una collezione di risultati che non può non essere raccontata

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi venerdi 14 giugno 2019

Le potenzialità del "vulcano"

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi

Agnese Ceschi
Dal 7 al 9 novembre 2019, torna l'HKIWSF, presso l’HK Convention and Exhibition Centre. Non perdere l’occasione di fare business con noi! 
giovedi 13 giugno 2019

Hong Kong International Wine and Spirits Fair, unisciti a noi!

Dal 7 al 9 novembre 2019, torna l'HKIWSF, presso l’HK Convention and Exhibition Centre. Non perdere l’occasione di fare business con noi! 

L'ondata di consumo di vini SOLA (sostenibile, biologico, a bassa gradazione alcolica e altri prodotti alternativi) è in aumento secondo l’ultimo rapporto Wine Intelligence giovedi 13 giugno 2019

SOLA: cosa ci dice il nuovo report di Wine Intelligence?

L'ondata di consumo di vini SOLA (sostenibile, biologico, a bassa gradazione alcolica e altri prodotti alternativi) è in aumento secondo l’ultimo rapporto Wine Intelligence

Agnese Ceschi
Analizziamo una recente tendenza di consumo che arriva da Oltreoceano mercoledi 12 giugno 2019

Il vino in lattina? È arrivato il suo momento...

Analizziamo una recente tendenza di consumo che arriva da Oltreoceano

Agnese Ceschi
Migliaia di persone, tra ospiti, appassionati e operatori del settore, hanno partecipato alle numerose iniziative in programma per il Conegliano Valdobbiadene Festival martedi 11 giugno 2019

Grande successo del Conegliano Valdobbiadene Festival per i 50 anni della Denominazione

Migliaia di persone, tra ospiti, appassionati e operatori del settore, hanno partecipato alle numerose iniziative in programma per il Conegliano Valdobbiadene Festival

Unico vino sardo premiato, primo vermentino di Gallura nella storia martedi 11 giugno 2019

Bèru di Siddùra conquista il Platino al Decanter World Wine Awards

Unico vino sardo premiato, primo vermentino di Gallura nella storia

Come è cambiato il ruolo dell'agente nel corso degli ultimi 20 anni? Perché nonostante questi cambiamenti è ancora fondamentale? martedi 11 giugno 2019

L'importanza degli agenti ieri e oggi

Come è cambiato il ruolo dell'agente nel corso degli ultimi 20 anni? Perché nonostante questi cambiamenti è ancora fondamentale?

Lorenzo Righi
I consumatori tedeschi si evolvono ed i loro acquisti si orientano su scelte diverse rispetto al passato. lunedi 10 giugno 2019

In Germania c’è poco spazio per la “brand awareness”, vincono qualità e regione d'origine

I consumatori tedeschi si evolvono ed i loro acquisti si orientano su scelte diverse rispetto al passato.

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Gironia Biferno Rosso Riserva DOC 2010 di Cantine Borgo di Colloredo sabato 08 giugno 2019

Italian wines in the world: Gironia Biferno Rosso Riserva DOC 2010 di Cantine Borgo di Colloredo

Abbiamo degustato per voi Gironia Biferno Rosso Riserva DOC 2010 di Cantine Borgo di Colloredo

Vantaggi del digitale in campo, nuove strategie di difesa della vite e analisi del quadro normativo che regola l’utilizzo di rame: Image Line e Donne della Vite fanno il punto a Enovitis in Campo 2019 venerdi 07 giugno 2019

Viticoltura sostenibile: la gestione dei vigneti è sempre più smart

Vantaggi del digitale in campo, nuove strategie di difesa della vite e analisi del quadro normativo che regola l’utilizzo di rame: Image Line e Donne della Vite fanno il punto a Enovitis in Campo 2019

Oggi si discute molto sul ruolo dei cosiddetti influencer del vino ma nella realtà spesso sono molti meno di quelli che immaginiamo, ma è solo questione di tempo e di qualcos'altro…

venerdi 07 giugno 2019

Si fa presto a dire influencer

Oggi si discute molto sul ruolo dei cosiddetti influencer del vino ma nella realtà spesso sono molti meno di quelli che immaginiamo, ma è solo questione di tempo e di qualcos'altro…

Fabio Piccoli


sfondo_wm