Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 19 maggio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/ http://www.palazzoroccabruna.it/it/Eventi/Pages/2019Roccabruna/2019MostraVini.aspx Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/

Grazie a Carlo Petrini per averci ricordato il primato della cultura

Lo storico presidente di Slow Food ha ricordato il dovere delle imprese vitivinicole ad investire in cultura sia per “restituire” alla collettività i benefici di cui può godere sia per esaltare ulteriormente il suo legame con le risorse culturali del nostro Paese


Grazie a Carlo Petrini per averci ricordato il primato della cultura
L’intervento di Carlo Petrini, lo storico presidente di Slow Food, al recente Congresso nazionale di Assoenologi a Trieste,è stato ancora una volta illuminante. Non tanto perché Petrini abbia detto una “novità”, ma perché ha ribadito un qualcosa che ripete almeno dal 1986, quando fondò Arcigola, la progenitrice di Slow Food, il movimento internazionale fondato tre anni dopo.
Carlo Petrini, purtroppo, è stato molto più in “silenzio” in questi ultimi anni. O forse sarebbe meglio dire che la sua voce è stata offuscata nel nostro straordinario mondo del vino dal “rumore” del business.
Attenzione, fondamentale ricordarsi sempre che il vino è un settore economico e le imprese per stare in piedi devono vendere e fare profitti. Ma sarebbe un errore madornale dimenticare su quali valori il mondo del vino fonda il suo successo, e per certi aspetti anche il suo “senso”, che lo distingue da tanti altri prodotti anche agroalimentari.
Per questa ragione ci sentiamo di fare un plauso ad Assoenologi e in particolare al suo presidente Riccardo Cotarella, di avere invitato al loro 73° Congresso, Carlo Petrini.
E’ stata una scelta coraggiosa perché Petrini dice spesso cose scomode.
E parliamoci chiaro sentirsi dire che le aziende vitivinicole, che “sono state agevolate anche sul piano fiscale” debbano sentirsi il dovere “anche di restituire qualcosa alla collettività”, non è proprio una cosa che può lasciare indifferenti.
Se poi lo stesso Corriere Vinicolo, il settimanale della più grande organizzazione di imprese del vino italiane, sente il dovere di aprire il giornale sull’intervento di Petrini, enfatizzando il valore delle sue parole, questo è un buon segno.
Un segno che a nostro parere fa capire che l’aria sta cambiando o è quello che noi ci auguriamo.
Perché Petrini, oltre all’esortazione di “restituire” ha anche suggerito come “ripagare” la collettività italiana: attraverso gli investimenti in cultura.
Dopo tanti anni, decenni, di teorie sul rapporto tra “vino e cultura”, tra “vino e il suo territorio”, Petrini la butta, giustamente, sul concreto, esortando le aziende “ad intervenire anche direttamente sulla miriade di risorse culturali presenti nel nostro Paese, molte le quali in via di distruzione se non vengono prontamente recuperate”.
Non chiacchere, quindi, ma fatti, azioni concrete.
E il bello, ce lo ricorda bene Petrini, che si tratta di investimenti altamente profittevoli per le nostre imprese. Perché senza il legame con la cultura, senza quella intima simbiosi, il vino viene a perdere gran parte del suo valore.
Questo lo sanno benissimo tutti gli addetti ai lavori ma molto spesso preferiamo dimenticarlo.
Ci fa più comodo, infatti, pensare che il valore del nostro vino è tutto nel nostro vigneto, nella nostra cantina, nel nostro bravo enologo, nel nostro straordinario export manager.
Tutto molto importante, ovviamente, ma sarebbe tutto vano se nel valore, ad esempio, di un Brunello di Montalcino non vi fosse legata anche la straordinaria Abbazia di Sant’Antimo, se nell’Amarone della Valpolicella non vi fosse in qualche misura una relazione anche con l’Arena di Verona, se nel valore del Barolo non vi fosse il valore aggiunto del paesaggio unico delle Langhe.
Ma tutto questo lo sapevamo già, ma l’avevamo in gran parte dimenticato e Petrini ce l’ha giustamente ricordato.
Ma non si è “limitato” a questo. Il grande presidente ed inventore di Slow Food, forse il maggiore visionario del cibo, in tutti i suoi valori (da quelli agricoli e culturali) a livello mondiale, ha buttato a tutti noi un’altra “bomba”: “non si può investire in cultura se non la si conosce”.
Per essere ancora più brutali, Petrini è una persona gentile con la tipica educazione della campagna piemontese, e quindi non l’avrebbe mai detto con questo tono, quindi “traduciamo” noi: non si può investire nel rapporto vino e cultura se non si ha cultura.
Il valore del nostro vino, pertanto, certo anche quello economico, sarà direttamente proporzionale alla crescita culturale del nostro settore, ma non solo dal punto di vista di gestione delle imprese (quella appare scontata), ma sulla reale conoscenza della propria storia, del proprio territorio, delle proprie radici.
Non si può investire in ciò che non si conosce, non possiamo nemmeno illuderci di difendere il posizionamento dei nostri vini privandoli dei loro valori culturali più profondi.
Se non lo faremo, e anche in fretta a questo punto, il rischio che il tanto abusato brand “made in Italy” si trasformi in qualcosa di vuoto, è dietro l’angolo.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio saturday 18 may

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio

We have tasted for you DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio

Giovanna Romeo
Abbiamo degustato per voi la Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898 sabato 18 maggio

Italian wines in the world: Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898

Giovanna Romeo
Wine Meridian sarà presente a Vinexpo Shanghai, che si svolgerà il prossimo ottobre, con una nuova area collettiva di aziende italiane sabato 18 maggio

Vinexpo apre le porte ad una nuova fiera a Shanghai

Wine Meridian sarà presente a Vinexpo Shanghai, che si svolgerà il prossimo ottobre, con una nuova area collettiva di aziende italiane

La collaborazione con venerdi 17 maggio

Signorvino e le nuove etichette personalizzate

La collaborazione con "Cibo" contro i simboli nazifascisti

Lunedì 20 maggio a Stoccolma e mercoledì 22 maggio ad Helsinki per valorizzare le aziende biologiche italiane e connetterle a due dei mercati più attratti dai prodotti organic venerdi 17 maggio

Stoccolma ed Helsinki per le aziende bio, con Organic Value

Lunedì 20 maggio a Stoccolma e mercoledì 22 maggio ad Helsinki per valorizzare le aziende biologiche italiane e connetterle a due dei mercati più attratti dai prodotti organic

Due mondi che faticano ancora a confrontarsi eppure sia i produttori che i distributori hanno sempre più bisogno l’uno dell’altro

Alleanza produttori e distributori cercasi

Due mondi che faticano ancora a confrontarsi eppure sia i produttori che i distributori hanno sempre più bisogno l’uno dell’altro

Fabio Piccoli
Si riconferma con voto unanime la presidenza di Francesco Cavazza Isolani per il Consorzio Pignoletto Emilia Romagna venerdi 17 maggio

Francesco Cavazza Isolani presidente in terzo mandato del Consorzio Pignoletto Emilia Romagna

Si riconferma con voto unanime la presidenza di Francesco Cavazza Isolani per il Consorzio Pignoletto Emilia Romagna

Conosciamo una realtà storica, che ha avuto il coraggio di ri-lanciarsi nel mercato vitivinicolo di oggi, contando solo sulle proprie forze. 
giovedi 16 maggio

Vigna Belvedere: una storia di famiglia, radici e ambizione

Conosciamo una realtà storica, che ha avuto il coraggio di ri-lanciarsi nel mercato vitivinicolo di oggi, contando solo sulle proprie forze.

Horeca, Prosecco, Pinot Grigio: dopo la crisi del 2015 in Russia, questi i tre moschettieri chiamati a difendere i segnali di crescita economica nel settore del vino
giovedi 16 maggio

Russia: tra crisi e rinascita

Horeca, Prosecco, Pinot Grigio: dopo la crisi del 2015 in Russia, questi i tre moschettieri chiamati a difendere i segnali di crescita economica nel settore del vino

Giulia Tartaglione
Il 16 settembre 2019, presso FICO EATALYWORLD di Bologna, la 3° edizione della giornata dedicata agli export manager del vino con delle grandi novità
giovedi 16 maggio

Save the date: torna il Wine Export Manager Day!

Il 16 settembre 2019, presso FICO EATALYWORLD di Bologna, la 3° edizione della giornata dedicata agli export manager del vino con delle grandi novità

WinePeople presenta il suo nuovo percorso di 25 lezioni e-learning sulle modalità di vendita del vino 
giovedi 16 maggio

Vendita, marketing e comunicazione del vino: formazione a distanza

WinePeople presenta il suo nuovo percorso di 25 lezioni e-learning sulle modalità di vendita del vino

Maria Bandolin
Lunedì 20 maggio la seconda giornata di incontri e degustazioni dedicata alla prima rete di cooperative dell'eccellenza italiana presso l'azienda Val d'Oca mercoledi 15 maggio

Alla scoperta di The Wine Net

Lunedì 20 maggio la seconda giornata di incontri e degustazioni dedicata alla prima rete di cooperative dell'eccellenza italiana presso l'azienda Val d'Oca

Abbiamo degustato per voi il Friuli Colli orientali Sauvignon dell'Azienda Specogna mercoledi 15 maggio

Italian wines in the world: Friuli Colli orientali Sauvignon dell'Azienda Specogna

Abbiamo degustato per voi il Friuli Colli orientali Sauvignon dell'Azienda Specogna

Parte la nostra analisi sul mercato del vino italiano attraverso gli “occhi” e le “esperienze” degli agenti e delle agenzie commerciali italiane. Obiettivo è capire da un lato le evoluzioni del mercato, i fabbisogni del trade, dei canali di distribuzione e dall’altro le competenze necessarie oggi per essere una risorsa umana adeguata allo sviluppo del wine business sul mercato nazionale

Indagine sul mercato del vino in Italia visto dall’Osservatorio Agenti

Parte la nostra analisi sul mercato del vino italiano attraverso gli “occhi” e le “esperienze” degli agenti e delle agenzie commerciali italiane. Obiettivo è capire da un lato le evoluzioni del mercato, i fabbisogni del trade, dei canali di distribuzione e dall’altro le competenze necessarie oggi per essere una risorsa umana adeguata allo sviluppo del wine business sul mercato nazionale

Intervista a Graziano Molon, Direttore del Consorzio Vini del Trentino mercoledi 15 maggio

Consorzio Vini del Trentino: una realtà che parla di unione e valorizzazione del territorio

Intervista a Graziano Molon, Direttore del Consorzio Vini del Trentino

Essere Junior (area manager) in un mondo che vuole solo Senior

Vengo anch'io? No, tu no!

Essere Junior (area manager) in un mondo che vuole solo Senior

Andrea Pozzan
Partito il progetto di formazione frutto della collaborazione tra WinePeople e Assoenologi con lo scopo di migliorare le competenze comunicative di una delle figure più strategiche anche nello sviluppo dell’immagine del vino italiano nel mondo

WinePeople e Assoenologi uniti nella comunicazione del vino

Partito il progetto di formazione frutto della collaborazione tra WinePeople e Assoenologi con lo scopo di migliorare le competenze comunicative di una delle figure più strategiche anche nello sviluppo dell’immagine del vino italiano nel mondo

Dai premi internazionali uno slancio per l’isola, puntando su nuovi flussi in arrivo grazie all’enoturismo lunedi 13 maggio

Siddùra ambasciatrice della Sardegna nel mondo: quattro ori e cinque argenti al World Wine Contest

Dai premi internazionali uno slancio per l’isola, puntando su nuovi flussi in arrivo grazie all’enoturismo



sfondo_wm