Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
domenica 15 dicembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/ La Torraccia  www.cantinatollo.it Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/
lunedi 11 novembre 2019

Hong Kong: il punto di vista degli operatori

Pareri e considerazioni degli opinion leader e degli operatori presenti ad HKTDC Hong Kong International Wine & Spirits Fair: il vino italiano sta conquistando i palati asiatici e la crescita si prospetta positiva.


Hong Kong: il punto di vista degli operatori
Il vino italiano visto con gli occhi di chi, con il tempo, se ne è innamorato follemente. Questa è una fra le prospettive che abbiamo voluto ricercare nel nostro viaggio ad Hong Kong, porta d’ingresso dei mercati asiatici, in particolare della Cina, e grande centro di consumo per il vino italiano. Siamo andati in cerca del parere e dei consigli di chi ha scelto di rivolgersi al vino italiano e di intraprendere una conoscenza approfondita delle nostre tipicità gastronomiche ed enologiche, delle nostre regioni, dei nostri terroir.

Facile nascere in Italia ed essere abituati a trovarsi circondati da paesaggi meravigliosi e sapere di poter trovare, a due passi da casa, specialità del territorio a dir poco uniche. Ma l’emozione che prova chi viene da fuori e scopre per la prima volta l’incanto che solo il Bel Paese e le sue tipicità sanno dare, è sicuramente incomprensibile per noi “autoctoni”.

Durante Hong Kong International Wine & Spirits Fair, dal 7 al 9 novembre 2019, abbiamo raccolto il parere di alcuni esperti del vino italiano, tra cui nuovi membri di Vinitaly International Academy, e abbiamo chiesto loro di raccontarci il proprio percorso di conoscenza del vino italiano, ed alcuni loro suggerimenti. A volte, si sa, guardando dall’esterno, si scorgono dettagli invisibili all’interno.

“HKIWSF è stata una bella occasione per intraprendere un vero e proprio viaggio fra lo stile di vino italiano, dove ho avuto modo di scoprire vitigni e uve inaspettate, o regioni che difficilmente riesco a conoscere in altre fiere internazionali, anche europee” ha affermato ai nostri microfoni Artem Lebedev, Italian Wine Ambassador per il Kazakhstan.

“Le condizioni di partenza non erano delle migliori, vista la situazione che la città di Hong Kong sta vivendo attualmente” ha sottolineato Stevie Kim, direttrice del team Vinitaly International “nonostante le aspettative piuttosto basse però, i produttori presenti sono stati molto felici di trovare dei buoni contatti, soprattutto di persone già in possesso di una buona conoscenza del vino e della cultura italiana. Quest’anno inoltre Vinitaly International Academy ha nominato 14 nuovi Italian Wine Ambassador, e noi confidiamo di poter continuare a supportare le aziende italiane nei loro contatti con l’estero, diffondendo la conoscenza dello stile italiano”.

A detta di tutti, è stata rilevata una crescita notevole nella preparazione sia degli operatori che, in generale, dei consumatori asiatici, soprattutto cinesi, in merito alle regioni vitivinicole e, sorprendentemente, anche a diversi vitigni autoctoni. Ce lo ha confermato anche Sarah Heller MW, esperta del mercato di Hong Kong, che ha dichiarato: “ho lavorato per dieci anni nel mercato di Hong Kong e quando inizialmente proponevo il vino italiano mi rispondevano quasi sempre “no, no, troppo complicato”, ma, a parer mio, è proprio la complessità che lo rende tanto straordinario; ora invece, vedo molte più persone scegliere di rivolgersi al vino italiano, anche collezionisti, che si interessano soprattutto dei Supertuscans, o al Barolo e al Barbaresco, o al classico Amarone. Ho avuto modo di constatare anche la presenza di una generazione giovane molto interessata ai vitigni autoctoni.”

È quindi evidente che la notorietà del vino italiano sia cresciuta e non si fermerà proprio ora, viene pertanto da chiedersi, quali sono le strategie migliori per promuovere la propria azienda ad Hong Kong? Due parole chiave: onestà e prestigio.

Thibaut Mathieu, Managing Director di Corney & Barrow ci ha dato il suo consiglio: “Hong Kong è un mercato molto dinamico, con conoscitori curiosi dove c’è molto entusiasmo per tutte le tipologie di vino. Per avere successo qui però bisogna essere del tutto onesti, dichiarando espressamente le proprie vittorie ed i propri limiti, da dove si viene, dove si esporta principalmente. Solo così è possibile trovare il giusto importatore e la giusta clientela”.

“In Asia vige un concetto che per noi, in Occidente, spesso è poco comprensibile. In questo periodo storico, specialmente per il popolo cinese, ciò che conta più di tutto è, all’apparenza, il capitale sociale. Presentarsi ad una persona con un vino importante e di prestigio, è già una dichiarazione del tipo di relazione che si vuole stabilire con questa persona, un rapporto solido e duraturo. Al contrario, presentarsi con un vino di poco valore equivale a dichiarare il proprio interesse nello stabilire una relazione superficiale di cui poco ci importa. Questo è un concetto da tenere bene a mente, perché in Cina, ad Hong Kong, sui mercati asiatici in genere, occorre avere prestigio, non solo nel mercato d’interesse, ma anche, e soprattutto, nel proprio Paese d’origine” ha affermato anche J.C. Viens, esperto conoscitore dei prodotti italiani, innamorato della nostra terra ed ideatore del progetto Grande Passione, che promuove le eccellenze italiane nei mercati esteri.

Torniamo a casa con qualche consapevolezza in più, ma anche con l’entusiasmo di affrontare una sfida ancora più importante: mantenere alto il valore dell’Italia del vino, senza arrendersi di fronte a chi ancora teme la nostra conoscenza, bensì invogliando i curiosi ad approfondire, poiché non se ne pentiranno. 

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Artigianalità, identità, ruralità ma anche monitoraggio di costi e margini, pianificazione strategica e sostenibilità economica. Il bilanciamento rappresenta la chiave di volta. sabato 14 dicembre 2019

Il successo? Un equilibrio tra pragmatismo e idealismo

Artigianalità, identità, ruralità ma anche monitoraggio di costi e margini, pianificazione strategica e sostenibilità economica. Il bilanciamento rappresenta la chiave di volta.

Emanuele Fiorio
Abbiamo degustato per voi il Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo sabato 14 dicembre 2019

Italian wines in the world: Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo

Abbiamo degustato per voi il Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo

I programmi formativi di successo sono quelli in grado di creare un network di contatti tra mercato, media, influencer e consumatori. venerdi 13 dicembre 2019

Il segreto di un percorso formativo qualificante sono i legami personali. Community significa maggior apprendimento e visibilità

I programmi formativi di successo sono quelli in grado di creare un network di contatti tra mercato, media, influencer e consumatori.

Emanuele Fiorio
I consumatori nel mondo sono sempre meno fossilizzati su un’unica bevanda alcolica. Dobbiamo considerare un fatto positivo la fine delle “ideologie” nel mercato del vino? venerdi 13 dicembre 2019

Sempre più “laico” il mercato del vino

I consumatori nel mondo sono sempre meno fossilizzati su un’unica bevanda alcolica. Dobbiamo considerare un fatto positivo la fine delle “ideologie” nel mercato del vino?

Fabio Piccoli
La viticoltura eroica, negli ultimi anni al centro di forte interesse, è ben rappresentata in Italia dalla Valle d’Aosta, territorio che nonostante le grandi fragilità, si è reso protagonista di questo fenomeno mondiale. giovedi 12 dicembre 2019

Valle d’Aosta: avanguardia di una viticoltura tra terra e cielo

La viticoltura eroica, negli ultimi anni al centro di forte interesse, è ben rappresentata in Italia dalla Valle d’Aosta, territorio che nonostante le grandi fragilità, si è reso protagonista di questo fenomeno mondiale.

Giovanna Romeo
Concretezza, praticità, aggiornamento, confronto costante con la realtà del  settore vinicolo: questa è la sintesi della proposta WinePeople Campus.  giovedi 12 dicembre 2019

WinePeople Campus, formazione a contatto con le esigenze aziendali: “insegniamo quello che facciamo e facciamo quello che insegniamo”

Concretezza, praticità, aggiornamento, confronto costante con la realtà del settore vinicolo: questa è la sintesi della proposta WinePeople Campus.

Emanuele Fiorio
Dal Gruppo Veronafiere nasce la nuova fiera Wine to Asia, programmata dal 9 all'11 novembre 2020, con l'obiettivo di diventare un riferimento permanente per il Far East, mercato che vale, solo per il comparto vino, 6,4 miliardi di euro di import. giovedi 12 dicembre 2019

Nasce la società Shenzen Baina International Exhibitions per operare sul mercato cinese e asiatico

Dal Gruppo Veronafiere nasce la nuova fiera Wine to Asia, programmata dal 9 all'11 novembre 2020, con l'obiettivo di diventare un riferimento permanente per il Far East, mercato che vale, solo per il comparto vino, 6,4 miliardi di euro di import.

La Master of Wine Annette Scarfe esplora questo competitivo mercato, hub commerciale nel sud est asiatico giovedi 12 dicembre 2019

Singapore: tra accise e premium wines

La Master of Wine Annette Scarfe esplora questo competitivo mercato, hub commerciale nel sud est asiatico

Agnese Ceschi
Roberto Salis, Direttore Commerciale di Cantina Santa Maria La Palma, ci racconta origini e aneddoti del vino da “record” Aragosta 
giovedi 12 dicembre 2019

Linea Aragosta, un’etichetta storica dal futuro scintillante

Roberto Salis, Direttore Commerciale di Cantina Santa Maria La Palma, ci racconta origini e aneddoti del vino da “record” Aragosta

Abbiamo degustato per voi mercoledi 11 dicembre 2019

Italian wines in the world: "Reius" Amarone della Valpolicella Classico di Casa Vinicola Sartori

Abbiamo degustato per voi "Reius" Amarone della Valpolicella Classico di Casa Vinicola Sartori

Con il progetto “lieviti e terroir”, realizzato in collaborazione con Startogen e con StarFinn, Tinazzi investe sui lieviti autoctoni per la produzione di Corvina e Primitivo 2019 e sposa la causa della ricerca innovativa e della salvaguardia del proprio patrimonio microbiologico. mercoledi 11 dicembre 2019

"Innovazione tradizionale": Tinazzi punta sui lieviti autoctoni nella vendemmia 2019

Con il progetto “lieviti e terroir”, realizzato in collaborazione con Startogen e con StarFinn, Tinazzi investe sui lieviti autoctoni per la produzione di Corvina e Primitivo 2019 e sposa la causa della ricerca innovativa e della salvaguardia del proprio patrimonio microbiologico.

Ha risposto a questa domanda Jonas H Röjerman, Master of Wine e Responsabile Qualità Prodotto per il monopolio svedese, durante un'interessante simulazione di un tender. mercoledi 11 dicembre 2019

Come faccio a vincere un tender in Svezia?

Ha risposto a questa domanda Jonas H Röjerman, Master of Wine e Responsabile Qualità Prodotto per il monopolio svedese, durante un'interessante simulazione di un tender.

Agnese Ceschi
Tramutare le sciagure in opportunità: andata e ritorno dall’Inferno martedi 10 dicembre 2019

Yannick Benjamin, l’Araba Fenice dell’Hospitality

Tramutare le sciagure in opportunità: andata e ritorno dall’Inferno

Emanuele Fiorio
Considerazioni e consigli preziosi sul mercato cinese martedi 10 dicembre 2019

Ombre cinesi

Considerazioni e consigli preziosi sul mercato cinese

Graziano Molon
Viaggio negli eventi internazionali, quali sono le reali probabilità di successo? martedi 10 dicembre 2019

Evento B2B: un contenitore perfetto

Viaggio negli eventi internazionali, quali sono le reali probabilità di successo?

Lavinia Furlani
We have tasted for you Tenuta Montemagno's Invictus tuesday 10 december 2019

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Invictus

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Invictus

Un focus sulle strategie di costruzione del brand per misurare la propria forza sul mercato
martedi 10 dicembre 2019

Come si costruisce un brand?

Un focus sulle strategie di costruzione del brand per misurare la propria forza sul mercato

Noemi Mengo


WineMeridian