Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 17 dicembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.accordinistefano.it/ https://www.rigoloccio.it/ http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/  http://acquesi.it/ https://www.borgolacaccia.it/ https://www.carusoeminini.it/ http://www.cantinadicustoza.it/ https://tenutadelpriore.it/linea-col-del-mondo/ http://www.tenutastellacollio.it/en/ https://www.tenutedigiulio.it/site/ http://www.tenutamontemagno.it/ http://giannitessari.wine/ Farina Enartis Cantina Valpolicella

Human Resource e mondo del vino: segnali che lasciano ben sperare

L’identikit del professionista ideale del settore vinicolo


Human Resource e mondo del vino: segnali che lasciano ben sperare
Dopo lo scorso articolo, in cui abbiamo descritto gli aspetti più “spinosi”, riscontrati dal nostro “osservatorio Vinitaly”, faremo una piccola riflessione su ciò che, invece, ci ha lasciato piacevolmente stupiti.

Cosa ci ha entusiasmato di più? Innanzitutto, le persone. Facendo alcune interviste, e partecipando a degustazioni e presentazioni presso gli stand di alcune aziende, è stato impossibile non notare come le realtà più dinamiche e attive, avevano come fulcro produttori, export manager, sales manager, receptionist, collaboratori in generale, che hanno seguito con entusiasmo le attività della fiera, sentendosene i protagonisti, e non vivendola come fossero solo degli ospiti-spettatori.
Quindi, dovendo fare un piccolo elenco delle caratteristiche positive emerse dalla nostra analisi, di cui far tesoro, potremmo citare:

• La dedizione di alcuni produttori giovani, a conduzione familiare, per nulla spaventati dalla competizione con “i grandi” del settore, ma convinti di poter offrire un prodotto unico, di qualità, legato anche a contenuti espressi in maniera efficace dal loro storytelling. Puntare sulla valorizzazione del territorio di provenienza, sulla costruzione di un’identità che possa distinguere la storia della propria azienda, e valorizzare l’unicità del proprio brand, sono vere e proprie sfide per un’azienda medio-piccola, ma abbiamo incontrato alcuni produttori, due giovanissimi in particolare, poco più che ventenni, che pur nella consapevolezza della loro inesperienza, e delle difficoltà connesse alla loro neonata azienda, hanno mostrato, nel parlare con noi, tutto l’interesse, l’apertura, e la grinta necessari per risultare assolutamente all’altezza di poter sostenere queste sfide!

• La presa di coscienza, da parte di alcuni export manager, di essere loro stessi i primi “biglietti da visita” per l’azienda. Si, abbiamo trovato ancora qualcuno che sostiene, nonostante l’approccio alla vendita del vino sia cambiato negli ultimi anni, quel fatidico, quanto ormai ingenuo: “il nostro vino si vende da solo”, ma le “nuove leve”, dimostrano fin da subito come sia indispensabile, oggi, in qualsiasi settore, e quindi anche nel mondo del vino, curare il personal brandig, ed essere dei buoni venditori, prima di tutto di se stessi, della propria credibilità e professionalità. Solo dopo, probabilmente, “il prodotto si venderà da solo”. Probabilmente, però, questo concetto è più chiaro e naturale per le nuove generazioni di venditori, piuttosto che per quelle consolidate nel tempo a ragionare con sistemi di vendita tradizionale.

• La voglia di rinnovare e creare un brand che sappia, anche attraverso il packaging, raccontare qualcosa di particolare sulla propria azienda. È il caso di alcune realtà che hanno stupito con la presentazione di alcune bottiglie particolari, caratterizzate da dettagli inusuali, ma esclusivi: etichette in ceramica; vini vulcanici con la bottiglia rivestita di schegge di pietra lavica; colori fluo per il confezionamento; forme di bottiglie, in particolare per alcuni vini da meditazione, prese in prestito da altri settori del beverage, come quello degli spirits. In questi spunti creativi, che rivelano una particolare cura per l’immagine aziendale, abbiamo trovato la voglia di riscoprire, in maniera inedita e innovativa, il famoso “made in Italy”, che passa non solo dall’ineccepibilità del prodotto, ma anche dalla creatività e dall’originalità con cui viene presentato.

• L’attenzione da parte dei collaboratori delle aziende presenti al Vinitaly come sostegno presso gli stand per le proposte formative specifiche in questo settore. Comincia ad essere sempre più palese, l’esigenza di adeguare gli standard aziendali, dalla produzione alla distribuzione, ai più moderni criteri di commercializzazione. Che i mercati siano caratterizzati da una fluidità notevole, ormai non è più un mistero, ma per alcune aziende, tendenzialmente più statiche nel loro imporsi, sia a livello nazionale che internazionale, ciò si è rivelato un ostacolo, se non un motivo di stasi. L’esigenza di rinnovarsi, partendo da una formazione adeguata, sia per gli imprenditori, che per gli addetti alla vendita, ci è risultata lampante nella percezione di alcuni professionisti vicini alle aziende, ma non coinvolti direttamente nella distribuzione. Questo a dimostrazione del fatto che, come sempre, chi è direttamente coinvolto da un dato fenomeno, raramente ha la capacità di coglierne tutte le sfumature.

• La consapevolezza, da parte di alcuni imprenditori, che l’investimento principale per un’azienda, sia quello sulle persone. Scegliere con cura le strategie per l’assunzione delle risorse umane, affidandosi magari a canali di selezione e ricerca specializzati, e impostare un piano di gestione in linea con le reali esigenze della propria azienda; saper lavorare sulle dinamiche positive tra i componenti della propria realtà, valorizzando le abilità e le caratteristiche di ognuno: sono tutti elementi non semplici da tenere in considerazione, ma già incontrare qualcuno che li valuti, è essenzialmente un buon punto di partenza.

Per concludere, “l’identikit” del professionista ideale del settore vinicolo, quello che abbiamo incontrato anche con piacere, ammettiamolo, delinea una figura giovane, multitasking per necessità, ma spigliata e con la voglia di specializzarsi “step by step”, inesperta di processi aziendali magari, ma curiosa e attenta all’innovazione, poco propensa a lasciarsi abbattere dalla paura delle crisi economiche, e disposta a investire molto su formazione, originalità e definizione dell’identità del proprio marchio, capace di avere una visione d’insieme sull’intera filiera, e di guardare con orgoglio alla tradizione, senza frenare per questo il naturale slancio verso un futuro che ne valorizzi il senso.



Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Intervista a Massimiliano Naso, ingegnere ambientale e Responsabile Vendite Italia Grandi Clienti di Liquigas lunedi 17 dicembre

GPL e GNL soluzioni energetiche sostenibili per le aziende del vino

Intervista a Massimiliano Naso, ingegnere ambientale e Responsabile Vendite Italia Grandi Clienti di Liquigas

In questi ultimi mesi, in particolare, vi è una proliferazione di pagine pubblicitarie di aziende del vino sui media generalisti. Quali i significati di questo grande “ritorno”?

Il gran ritorno della pubblicità sul vino

In questi ultimi mesi, in particolare, vi è una proliferazione di pagine pubblicitarie di aziende del vino sui media generalisti. Quali i significati di questo grande “ritorno”?

Fabio Piccoli
Un modo di narrare complesso ma efficace, ancora sconosciuto nel mondo del vino
lunedi 17 dicembre

Mai sentito parlare del Transmedia Storytelling?

Un modo di narrare complesso ma efficace, ancora sconosciuto nel mondo del vino

Noemi Mengo
We tasted for you Siddùra's Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 saturday 15 december

Italian wines in the world: Siddùra's Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016

We tasted for you Siddùra's Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016

In pre-anteprima a Bardolino l’annata 2018 della DOC gardesana venerdi 14 dicembre

Il Chiaretto cavalca l’onda della pink revolution

In pre-anteprima a Bardolino l’annata 2018 della DOC gardesana

Celebrati i risultati ottenuti da Cantina di Soave e presentato il resoconto del Bilancio d’esercizio, attraverso la tradizionale Conferenza Stampa di fine anno
venerdi 14 dicembre

Cantina di Soave: traguardi, novità ed un bilancio che eleva il lavoro dei soci

Celebrati i risultati ottenuti da Cantina di Soave e presentato il resoconto del Bilancio d’esercizio, attraverso la tradizionale Conferenza Stampa di fine anno

Intervista ad Andrea Bianchi, CEO e co-fondatore dell’app Enosocial® 
giovedi 13 dicembre

Credere nel valore delle proprie idee: il successo del caso Enosocial®

Intervista ad Andrea Bianchi, CEO e co-fondatore dell’app Enosocial®

Abbiamo degustato per voi l'Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 di Siddùra giovedi 13 dicembre

Italian Wines in the World: Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 di Siddùra

Abbiamo degustato per voi l'Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 di Siddùra

Troppo spesso l’operatività supera la progettualità con il rischio di sprecare risorse e non centrare il vero obiettivo. mercoledi 12 dicembre

Marketing e comunicazione: trova la tua strategia!

Troppo spesso l’operatività supera la progettualità con il rischio di sprecare risorse e non centrare il vero obiettivo.

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Dall'acino al bicchiere per la tracciabilità e trasparenza del processo produttivo mercoledi 12 dicembre

Wine Blockchain: quali i vantaggi per l’industria vitivinicola?

Dall'acino al bicchiere per la tracciabilità e trasparenza del processo produttivo

Agnese Ceschi
A spiegarcelo ci pensa “4 colori per vendere il vino”, il nuovo libro di Lavinia Furlani e Andrea Pozzan di WinePeople mercoledi 12 dicembre

Vendere il vino. Sì, ma a chi?

A spiegarcelo ci pensa “4 colori per vendere il vino”, il nuovo libro di Lavinia Furlani e Andrea Pozzan di WinePeople

Progetto Ponza, la novità della storica azienda vinicola dell'Agro Pontino, Casale del Giglio. mercoledi 12 dicembre

Casale del Giglio: storia di un'isola, di una famiglia ed un progetto inimitabile

Progetto Ponza, la novità della storica azienda vinicola dell'Agro Pontino, Casale del Giglio.

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro martedi 11 dicembre

L'azienda agricola Accordini Stefano premiata al Mondial des Vins extrêmes 2018

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild
martedi 11 dicembre

Vino italiano nel mondo: educare partendo dal principio

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild

Noemi Mengo
  Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona martedi 11 dicembre

Informazione pubblicitaria
AVVISO DI SOLLECITAZIONE OFFERTE

Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona

Non è poi così difficile emergere tra i manager del vino [warning: politically incorrect contents]

Giganti in un popolo di nani

Non è poi così difficile emergere tra i manager del vino [warning: politically incorrect contents]

Andrea Pozzan
We have tasted for you Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014 saturday 08 december

Italian wines in the world: Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014

We have tasted for you Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014

Abbiamo degustato per voi Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro sabato 08 dicembre

Italian wines in the world: Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro

Abbiamo degustato per voi Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro

L’intervista a Lorenzo Palla, titolare dell’azienda Ronco Blanchis
venerdi 07 dicembre

Il coraggio di puntare sull’identità del Collio

L’intervista a Lorenzo Palla, titolare dell’azienda Ronco Blanchis

Agnese Ceschi
L’etichetta interattiva fa il suo ingresso in scena al più importante forum sul business del vino. venerdi 07 dicembre

Winebel debutta a wine2wine 2018

L’etichetta interattiva fa il suo ingresso in scena al più importante forum sul business del vino.

Per secoli sono stati i “segreti” ad alimentare il mito dello Champagne, negli ultimi anni, invece, è raccontare la “verità” la chiave comunicativa per dare ancora prestigio alla grande bollicina francese

Si chiama trasparenza la svolta comunicativa dello Champagne

Per secoli sono stati i “segreti” ad alimentare il mito dello Champagne, negli ultimi anni, invece, è raccontare la “verità” la chiave comunicativa per dare ancora prestigio alla grande bollicina francese

Fabio Piccoli
Un esempio vincente di marketing targetizzato, spazio ai giovani! giovedi 06 dicembre

Anna Spinato: focus sui Millenials

Un esempio vincente di marketing targetizzato, spazio ai giovani!

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice 
giovedi 06 dicembre

Brasile: il mercato di chi ama le sfide

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice

Noemi Mengo
Ultimi posti disponibili per partecipare dal 4 al 5 marzo. Noi ci saremo, e voi? mercoledi 05 dicembre

Vinexpo New York: i 10 motivi per cui non mancare!

Ultimi posti disponibili per partecipare dal 4 al 5 marzo. Noi ci saremo, e voi?

Durante un evento milanese sono stati messi in degustazione alcuni vini dell’azienda maremmana che ha cambiato proprietà dal 2017 mercoledi 05 dicembre

Il restyling di Rigoloccio

Durante un evento milanese sono stati messi in degustazione alcuni vini dell’azienda maremmana che ha cambiato proprietà dal 2017