Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
mercoledi 18 ottobre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina
giovedi 05 ottobre

I 3 cambiamenti del mondo del vino

Angelo Gaja, storico produttore, commenta quelli che a suo avviso sono i 3 cambiamenti più rilevanti degli ultimi anni


I 3 cambiamenti del mondo del vino

Photo Credits Wine Spectator


Come sapete, stiamo dando nell’ultimo periodo sempre più spazio alle lettere o commenti che ci pervengono da parte dei produttori, perché pensiamo che le questioni rilevanti commentate dalla viva vice dei protagonisti sono più eloquenti di qualsiasi nostro commento.
Angelo Gaja, in una recente lettera che ci è pervenuta in redazione, racconta i tre cambiamenti significativi avvenuti nel mondo del vino negli ultimi decenni, e noi con piacere la condividiamo.
1. Perdita della funzione alimentare
“Ovunque nei paesi produttori il vino da bene alimentare che era, ha assunto la funzione di bene di lusso, indipendentemente dal prezzo, perché non indispensabile, non di prima necessità. Il paese più preparato ad affrontare la transizione fu la Francia che al vino bevanda di lusso aveva sempre riservato una minuscola nicchia. Mentre per l’Italia, il passaggio è stato culturalmente più faticoso da affrontare per le molte strutture, regolamenti e resistenze che traevano ispirazione dalla funzione alimentare. I beni di lusso richiedono tecniche di vendita diverse: occorre mettere in atto azioni di marketing appropriate, aggressive e continue nel tempo anziché accontentarsi della vecchia strategia rinunciataria e perdente del prezzo basso".

2. Il cambiamento climatico
“È divenuto un tema di grande attualità ed i rimedi per contrastarne gli effetti sono stati ampiamente dibattuti. Non mi appello al “mal comune, mezzo gaudio”, però ad oggi è possibile osservare che altri paesi stiano peggio dell’Italia. Giacomo Tachis, il padre dei consulenti vinicoli italiani, usava dire che “il vino ama il respiro del mare”. Il nostro paese, con 8.000 chilometri di fascia costiera, è molto più favorito della Francia e della Spagna; gode di una orografia che lo rende ricco di acqua (ne vendiamo anche miliardi di litri in bottiglia). La conformazione collinare consente di elevarsi di quota, alla ricerca di climi più freschi (cosa che non può fare Bordeaux). L’Italia annovera un ampio numero di varietà di maturazione tardiva, che il cambiamento climatico penalizza meno di quelle precoci delle quali la Francia è ricca. L’annata 2017 insegna, per chi vuole imparare, le misure di contrasto da adottare".

3. I vini varietali
"Diversi paesi extra-europei, da potenziali importatori di vino che erano, si attrezzarono per diventare produttori. L’avvio lo diedero gli Stati Uniti che si ispirarono alla Francia. L’esempio degli Stati Uniti fu ben presto seguito da Cile, Argentina, Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa, Israele, … (sulla stessa strada si sta avviando la Cina), i quali fecero crescere la produzione con l’obiettivo dapprima di consolidare la domanda sui rispettivi mercati interni e poi diventare anch’essi paesi esportatori.
Tutti a produrre vini dalle poche identiche varietà francesi, quelli che con malcelato disprezzo definiamo di gusto internazionale. Questi vini godono sui mercati extraeuropei di crescenti vantaggi: portano nomi varietali, pochi e facili da memorizzare; a farne crescere la domanda contribuiscono congiuntamente tutti assieme i paesi del nuovo mondo; costruiscono assuefazione al gusto specie tra i nuovi consumatori; sono sostenuti da un marketing aggressivo e differenziato; le cantine che li producono non godono di sostegno pubblico, così la selezione degli imprenditori capaci di stare sul mercato è più efficace.

L’Italia invece si trova nella condizione di essere l’unica nazione a produrre e costruire domanda su vini derivanti da alcune centinaia di varietà storiche, coltivate esclusivamente nel nostro paese, che danno origine ad oltre 520 denominazioni.
Si avvertono così oggi segnali di inquietudine a causa di un mercato estero divenuto più competitivo. I cambiamenti ai quali ho accennato creano difficoltà e problematiche nuove per affrontare le quali occorrono apertura mentale, capacità di osservazione, disponibilità ad assumere il rischio di impresa, applicazione di nuove strategie, investimenti.
Anche i produttori medio - piccoli (gli aggettivi fanno riferimento alla dimensione aziendale) ne hanno consapevolezza e molti tra essi sono in grado di accogliere la sfida. Il sostegno che essi sono in grado di offrire al successo del vino italiano viene spesso sottovalutato: l’idea che i produttori medio piccoli costituiscano una palla al piede per il vino italiano è profondamente sbagliata. Essi sono spesso capaci di pensare diverso, di esplorare strade nuove, e lo fanno con capitali propri ed a proprio rischio senza succhiare denaro pubblico; se avranno successo forniranno utili esempi.

Per favorire la crescita del vino italiano è indispensabile allentare l’abbraccio soffocante della burocrazia e rimuovere le molte ruggini accumulate nel tempo.
Dovremmo infine imparare ad indignarci nel 2018 allorché verremo ad apprendere di cantine che venderanno all’ingrosso, agli imbottigliatori, volumi di vino italiano dell’annata 2017 a meno di un euro al litro, quando il calo di produzione nazionale potrebbe superare il 30% (i loro vigneti stanno sotto un altro cielo?). Che interesse ha l’Italia a gareggiare per il primato della quantità annuale di produzione di vino, confortati come è vero che sia anche di buona qualità, e poi apprendere che all’export viene venduto ad un prezzo medio al litro che è uno dei più bassi al mondo?



Angelo Gaja

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Grande successo per la seconda tappa del Wine Meridian tour a Vancouver: l'interesse per i vini italiani cresce assieme alla conoscenza anhe di denominazioni meno conosciute

Il vino italiano alla conquista della British Columbia

Grande successo per la seconda tappa del Wine Meridian tour a Vancouver: l'interesse per i vini italiani cresce assieme alla conoscenza anhe di denominazioni meno conosciute

È boom di Instagram, ma quali sono le cose a cui fare attenzione per rendere il proprio prodotto appetibile su questo canale social? martedi 17 ottobre

3 modi per trasformare il vostro vino in "instagrammabile"!

È boom di Instagram, ma quali sono le cose a cui fare attenzione per rendere il proprio prodotto appetibile su questo canale social?

Elena Mazzali, esperta di Social Media Marketing
Calgary, capitale dell’Alberta, l’unica provincia canadese dove non è attivo il monopolio, è la prima tappa del nostro Tour in Nord America che vede coinvolte 21 aziende provenienti dalla principali regioni vitivinicole italiane e, per la prima volta, anche due realtà olivicole siciliane

Parte da Calgary il Wine Meridian Canada e Usa Tour

Calgary, capitale dell’Alberta, l’unica provincia canadese dove non è attivo il monopolio, è la prima tappa del nostro Tour in Nord America che vede coinvolte 21 aziende provenienti dalla principali regioni vitivinicole italiane e, per la prima volta, anche due realtà olivicole siciliane

Fabio Piccoli
Secondo un esperimento condotto dall’Università di Oxford la qualità dei vini con un tappo di sughero è percepita migliore del 15% rispetto a quella di vini con tappi a vite

Percezioni migliori quando il tappo è di sughero

Secondo un esperimento condotto dall’Università di Oxford la qualità dei vini con un tappo di sughero è percepita migliore del 15% rispetto a quella di vini con tappi a vite

Francesco Piccoli
We tasted for you Anna Spinato Winery's Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016.
saturday 14 october

Italian Wines in The World: Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016

We tasted for you Anna Spinato Winery's Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016.

Nel primo semestre 2017 il nostro export negli Usa è rimasto al palo in termini di volume ed è cresciuto solo del 3% in valore, mentre la Francia nel medesimo periodo è cresciuta del 17% a volume e del 24% a valore di fatto raggiungendo la nostra stessa quota di mercato. Alcuni commentatori vedono nei ritardi di applicazione del nostro ocm vino tra i principali motivi di questo nostro calo, qui proviamo ad individuarne anche altri

Il vino italiano perde quota negli Usa, tutta colpa dell’ocm?

Nel primo semestre 2017 il nostro export negli Usa è rimasto al palo in termini di volume ed è cresciuto solo del 3% in valore, mentre la Francia nel medesimo periodo è cresciuta del 17% a volume e del 24% a valore di fatto raggiungendo la nostra stessa quota di mercato. Alcuni commentatori vedono nei ritardi di applicazione del nostro ocm vino tra i principali motivi di questo nostro calo, qui proviamo ad individuarne anche altri

Fabio Piccoli
L’opinione di Claudio ed Elena Farina tra i produttori di vino italiani maggiormente innovatori anche sul fronte della comunicazione
venerdi 13 ottobre

La comunicazione del vino che abbiamo in mente

L’opinione di Claudio ed Elena Farina tra i produttori di vino italiani maggiormente innovatori anche sul fronte della comunicazione

Fabio Piccoli
Dal 13 al 15 ottobre il Lessini Durello sarà protagonista a “Hostaria Verona” il festival dedicato al vino nel cuore della città scaligera. venerdi 13 ottobre

Aspettando Durello&Friends: il Durello a Hostaria Verona

Dal 13 al 15 ottobre il Lessini Durello sarà protagonista a “Hostaria Verona” il festival dedicato al vino nel cuore della città scaligera.

Una serie impressionante di incendi sta devastando due delle zone vitivinicole più note al mondo come Napa e Sonoma Valley in California. Distrutte anche una decina di aziende vitivinicole e moltissime gravemente danneggiate

Incendi drammatici devastano Napa e Sonoma Valley

Una serie impressionante di incendi sta devastando due delle zone vitivinicole più note al mondo come Napa e Sonoma Valley in California. Distrutte anche una decina di aziende vitivinicole e moltissime gravemente danneggiate

Fabio Piccoli
Giovedi 16 novembre  il corso focalizzato su export e marketing

Corso Export Manager: diventa un export manager di successo

Giovedi 16 novembre il corso focalizzato su export e marketing

I punti d'incontro tra Italia e Giappone sono più di quanti ci possiamo immaginare. Alcune semplici regole da rispettare in fatto di bon ton nel paese del Sol Levante. mercoledi 11 ottobre

6 regole di bon ton in Giappone

I punti d'incontro tra Italia e Giappone sono più di quanti ci possiamo immaginare. Alcune semplici regole da rispettare in fatto di bon ton nel paese del Sol Levante.

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti martedi 10 ottobre

Alla ricerca della mineralità

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti

Agnese Ceschi
Molti oggi sono impegnati nella semplificazione del linguaggio del vino ma pochi sanno evitare pericolose banalizzazioni

Semplificare la comunicazione del vino senza banalizzare

Molti oggi sono impegnati nella semplificazione del linguaggio del vino ma pochi sanno evitare pericolose banalizzazioni

Francesco Piccoli
Matt Kramer, Il noto editorialista di Wine Spectator affronta il tema, per nulla scontato, di come non sbagliare nella scelta di acquisto di un vino evidenziando una similitudine alquanto originale

Quando comprare il vino è come acquistare in Borsa

Matt Kramer, Il noto editorialista di Wine Spectator affronta il tema, per nulla scontato, di come non sbagliare nella scelta di acquisto di un vino evidenziando una similitudine alquanto originale



WineMeridian