Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
sabato 20 gennaio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it
giovedi 22 dicembre

I 4 principali ostacoli del mercato cinese e come affrontarli

Alcune osservazioni dagli interventi di Zuming Wang e Tao Weng alla sessione di wine2wine 2016 “Il mercato del vino in Cina: quali sviluppi?”


I 4 principali ostacoli del mercato cinese e come affrontarli
Come evidenziato in un articolo sui trend principali dell'ultima edizione di wine2wine, la Cina la fa da padrone nel dibattito attuale nel mondo del vino. Durante l’evento sul business del vino a Verona sono intervenuti Zuming Wang, vicesegretario generale del Chinese Alcohol Bureau, e Tao Weng, capo della Shanghai Dawen Information Development ltd. È stata una preziosa occasione per avere informazioni di prima mano su questo mercato, che fa gola a tanti ma che spesso appare inaccessibile.
Con la presenza di Silvana Ballotta di Business Strategies, che ha sponsorizzato la sessione, e Sebastiano Barisoni (giornalista de Il Sole 24 Ore e Radio24), che non ha mancato di stuzzicarli su temi anche spinosi come quello della contraffazione, i due hanno affrontato le principali problematiche che deve affrontare oggi un produttore che vuole entrare nel mercato cinese, che si potrebbero sintetizzare in:

- vastità del territorio;
- vastità dei canali distributivi;
- mercato con caratteristiche peculiari uniche, molto diverso dagli altri;
- complessità del vino italiano, sia a livello di prodotto che a livello d'immagine.

Da dove partire? - La Cina, si sa, ha una superficie che la rende uno dei Paesi più grandi al mondo per estensione territoriale (secondo dopo la Russia, ndr) e questo determina fasce climatiche molto diverse tra loro: si va dal gelido nord al sud con clima decisamente tropicale. Questa diversità climatica influisce inevitabilmente sugli stili alimentari, e chi si occupa di enogastronomia non può non tenerlo in considerazione. Posto che operare capillarmente su un territorio così è molto difficile, il consiglio è quello di selezionare accuratamente da quale zona partire. Sicuramente i grandi centri non devono essere l'unico obiettivo, tuttavia in una fase iniziale possono essere la scelta migliore. In questo senso è stato ribadito come Shanghai sia il punto di riferimento per il mercato del vino: metropoli internazionale da 25 milioni di abitanti (molti gli stranieri) in cui il vino è un prodotto ormai familiare.

Quale canale? - Molti anche i possibili canali distributivi tra cui scegliere. In un prossimo articolo affronteremo come il canale e-commerce sia fondamentale in Cina. Tuttavia se le dimensioni e i margini non lo permettono, per approcciarsi a questo mercato è necessario scegliere un canale distributivo su cui concentrarsi. A tal proposito il canale horeca è il più indicato.

Guanxi - Si è detto come la diversità e la complessità del sistema Cina sia quasi impenetrabile per chi provenga dall'esterno. Per questo motivo chiunque voglia fare business in Cina non può prescindere dell'importanza delle guanxi, un network di relazioni sociali ed economiche profonde. Avere un rapporto diretto e consolidato con la controparte cinese, o meglio ancora avere una persona in loco che curi le guanxi quotidianamente, può fare la differenza e determinare o meno il successo nel Paese di mezzo.

La complessità è nemica del successo in Cina - Ora, se è vero che la Cina è complessa agli occhi degli imprenditori italiani, è anche vero che il vino italiano lo è altrettanto per i consumatori cinesi. Complessità che molte volte parte dal nome stesso del prodotto. È stato interessante come a più riprese entrambi i relatori abbiano sottolineato la necessità di nomi semplici, facili da ricordare, possibilmente evocativi. Inoltre la mancanza di un'immagine chiara del nostro vino, con il suo labirinto di denominazioni, crea grande confusione. Serve avere un posizionamento ben definito che dica al consumatore di che vino si tratta e a chi si rivolge. Partendo dal presupposto che il vino è relativamente nuovo per il consumatore cinese, è opportuno iniziare proponendo prodotti semplici, versatili, che riescano ad adattarsi bene alle cucine e ai gusti locali, dove si prediligono cibi molto saporiti. A questo si ricollega l'utilità dell'horeca, anche come strumento di informazione ed educazione e in tal senso la formazione degli operatori del settore, sommelier innanzitutto, è imprescindibile. 
Alice Alberti

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Prosecco pedina di scambio nell’accordo tra UE e Australia?

Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Francesco Piccoli
Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Pochi giorni al meeting per gli export manager di Wineout

Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters giovedi 18 gennaio

Importare vini italiani in America: non ci si improvvisa

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters

Noemi Mengo
Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons giovedi 18 gennaio

Wine influencer: quanto valore portano alla wine community e quanto accrescono la conoscenza comune del vino?

Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons

Noemi Mengo
Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Cosa significa essere oggi un imprenditore del vino?

Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo? martedi 16 gennaio

Danimarca: dove la felicità è di casa

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo?

Agnese Ceschi
Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta? lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?

La più importante hub del commercio asiatico venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico

Noemi Mengo
Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme… giovedi 11 gennaio

Come essere influenti in Cina

Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme…

Redazione Wine Meridian
Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Il primo corso per imparare a vendere vino nel mondo e in Italia

Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Diventare imprenditori del vino consapevoli

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Fabio Piccoli
Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

Vincenzo Ercolino


WineMeridian