Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
sabato 18 novembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis
giovedi 22 dicembre

I 4 principali ostacoli del mercato cinese e come affrontarli

Alcune osservazioni dagli interventi di Zuming Wang e Tao Weng alla sessione di wine2wine 2016 “Il mercato del vino in Cina: quali sviluppi?”


I 4 principali ostacoli del mercato cinese e come affrontarli
Come evidenziato in un articolo sui trend principali dell'ultima edizione di wine2wine, la Cina la fa da padrone nel dibattito attuale nel mondo del vino. Durante l’evento sul business del vino a Verona sono intervenuti Zuming Wang, vicesegretario generale del Chinese Alcohol Bureau, e Tao Weng, capo della Shanghai Dawen Information Development ltd. È stata una preziosa occasione per avere informazioni di prima mano su questo mercato, che fa gola a tanti ma che spesso appare inaccessibile.
Con la presenza di Silvana Ballotta di Business Strategies, che ha sponsorizzato la sessione, e Sebastiano Barisoni (giornalista de Il Sole 24 Ore e Radio24), che non ha mancato di stuzzicarli su temi anche spinosi come quello della contraffazione, i due hanno affrontato le principali problematiche che deve affrontare oggi un produttore che vuole entrare nel mercato cinese, che si potrebbero sintetizzare in:

- vastità del territorio;
- vastità dei canali distributivi;
- mercato con caratteristiche peculiari uniche, molto diverso dagli altri;
- complessità del vino italiano, sia a livello di prodotto che a livello d'immagine.

Da dove partire? - La Cina, si sa, ha una superficie che la rende uno dei Paesi più grandi al mondo per estensione territoriale (secondo dopo la Russia, ndr) e questo determina fasce climatiche molto diverse tra loro: si va dal gelido nord al sud con clima decisamente tropicale. Questa diversità climatica influisce inevitabilmente sugli stili alimentari, e chi si occupa di enogastronomia non può non tenerlo in considerazione. Posto che operare capillarmente su un territorio così è molto difficile, il consiglio è quello di selezionare accuratamente da quale zona partire. Sicuramente i grandi centri non devono essere l'unico obiettivo, tuttavia in una fase iniziale possono essere la scelta migliore. In questo senso è stato ribadito come Shanghai sia il punto di riferimento per il mercato del vino: metropoli internazionale da 25 milioni di abitanti (molti gli stranieri) in cui il vino è un prodotto ormai familiare.

Quale canale? - Molti anche i possibili canali distributivi tra cui scegliere. In un prossimo articolo affronteremo come il canale e-commerce sia fondamentale in Cina. Tuttavia se le dimensioni e i margini non lo permettono, per approcciarsi a questo mercato è necessario scegliere un canale distributivo su cui concentrarsi. A tal proposito il canale horeca è il più indicato.

Guanxi - Si è detto come la diversità e la complessità del sistema Cina sia quasi impenetrabile per chi provenga dall'esterno. Per questo motivo chiunque voglia fare business in Cina non può prescindere dell'importanza delle guanxi, un network di relazioni sociali ed economiche profonde. Avere un rapporto diretto e consolidato con la controparte cinese, o meglio ancora avere una persona in loco che curi le guanxi quotidianamente, può fare la differenza e determinare o meno il successo nel Paese di mezzo.

La complessità è nemica del successo in Cina - Ora, se è vero che la Cina è complessa agli occhi degli imprenditori italiani, è anche vero che il vino italiano lo è altrettanto per i consumatori cinesi. Complessità che molte volte parte dal nome stesso del prodotto. È stato interessante come a più riprese entrambi i relatori abbiano sottolineato la necessità di nomi semplici, facili da ricordare, possibilmente evocativi. Inoltre la mancanza di un'immagine chiara del nostro vino, con il suo labirinto di denominazioni, crea grande confusione. Serve avere un posizionamento ben definito che dica al consumatore di che vino si tratta e a chi si rivolge. Partendo dal presupposto che il vino è relativamente nuovo per il consumatore cinese, è opportuno iniziare proponendo prodotti semplici, versatili, che riescano ad adattarsi bene alle cucine e ai gusti locali, dove si prediligono cibi molto saporiti. A questo si ricollega l'utilità dell'horeca, anche come strumento di informazione ed educazione e in tal senso la formazione degli operatori del settore, sommelier innanzitutto, è imprescindibile. 
Alice Alberti

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Quando la risposta è racchiusa nel limite

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Fabio Piccoli
Per il secondo anno consecutivo Winemeridian e WinePeople hanno “esportato” il format #HiremeVinitaly alla International Wine & Spirits Fair di Hong Kong che si è tenuta dal 10 al 12 novembre 2017.

Lo speed-dating made in Hong Kong

Per il secondo anno consecutivo Winemeridian e WinePeople hanno “esportato” il format #HiremeVinitaly alla International Wine & Spirits Fair di Hong Kong che si è tenuta dal 10 al 12 novembre 2017.

I gusti giapponesi si evolvono e ci sorprendono: cosa proporre ai palati asiatici? giovedi 16 novembre

Vini italiani in Giappone

I gusti giapponesi si evolvono e ci sorprendono: cosa proporre ai palati asiatici?

Redazione Wine Meridian
Dal 17 al 19 novembre si tiene la quindicesima edizione dell’evento dedicato al meglio delle bollicine berico-scaligere, tra degustazioni e piatti d’autore. mercoledi 15 novembre

Durello&Friends: a Verona si brinda ai trent’anni della denominazione

Dal 17 al 19 novembre si tiene la quindicesima edizione dell’evento dedicato al meglio delle bollicine berico-scaligere, tra degustazioni e piatti d’autore.

Il produttore toscano nominato sponsor ufficiale del Trofeo Frescobaldi per il migliore rivenditore indipendente ed inaugura il premio Sommelier 2018 mercoledi 15 novembre

The International Wine and Spirit Competition sigla una partnership con Frescobaldi

Il produttore toscano nominato sponsor ufficiale del Trofeo Frescobaldi per il migliore rivenditore indipendente ed inaugura il premio Sommelier 2018

Tavola rotonda sul turismo del vino il 2 dicembre a Suvereto, città del vino tra Costa degli Etruschi e Maremma
mercoledi 15 novembre

La costruzione di una Wine Destination

Tavola rotonda sul turismo del vino il 2 dicembre a Suvereto, città del vino tra Costa degli Etruschi e Maremma

Secondo le analisi di IWSR nei prossimi quattro anni si prevede un aumento di 24 milioni di casse per il vino e una perdita di ben 63,2 milioni di casse di birra

Le previsioni nel mercato Usa: cresce il vino, cala la birra

Secondo le analisi di IWSR nei prossimi quattro anni si prevede un aumento di 24 milioni di casse per il vino e una perdita di ben 63,2 milioni di casse di birra

Selezionato tra i 25 Platinum premiati dal The Wine Hunter Helmuth Köcher martedi 14 novembre

E’ il Palazzi IGT del 2015 della Tenuta di Trinoro il miglior vino del Merano WineFestival

Selezionato tra i 25 Platinum premiati dal The Wine Hunter Helmuth Köcher

Torna il 5 dicembre a Verona l’evento che mette in relazione aziende vitivinicole con potenziali figure professionali rivolte ai mercati internazionali

Vuoi lavorare nel mondo del vino? Torna #HireMeVinitaly2017 durante Wine2Wine

Torna il 5 dicembre a Verona l’evento che mette in relazione aziende vitivinicole con potenziali figure professionali rivolte ai mercati internazionali

Attualmente ci sono 369 MW, che lavorano in 29 paesi diversi lunedi 13 novembre

Institute of Masters of Wine: premiati i nuovi 18 MWs

Attualmente ci sono 369 MW, che lavorano in 29 paesi diversi

Riflessioni dall’Hong Kong International Wine & Spirits Fair su come costruire un giudizio obiettivo su una fiera del vino

Piccoli consigli per giudicare una fiera

Riflessioni dall’Hong Kong International Wine & Spirits Fair su come costruire un giudizio obiettivo su una fiera del vino

Fabio Piccoli
Il più autorevole “spazio” dedicato alle risorse umane nel settore vitienologico

Wine People: Le risorse umane per il primato del vino italiano

Il più autorevole “spazio” dedicato alle risorse umane nel settore vitienologico

Historic Tuscan wine producer will sponsor The Frescobaldi Trophy and the inaugural Frescobaldi Sommelier Prize sunday 12 november

IWSC announces Frescobaldi partnership ahead of the prestigious Annual Awards Banquet 2017

Historic Tuscan wine producer will sponsor The Frescobaldi Trophy and the inaugural Frescobaldi Sommelier Prize

Grande interesse da parte del trade di Hong Kong nei confronti delle sei cooperative del vino italiane che hanno costruito la prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana

Successo delle cooperative The Wine Net ad Hong Kong

Grande interesse da parte del trade di Hong Kong nei confronti delle sei cooperative del vino italiane che hanno costruito la prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino sabato 11 novembre

Sei alla ricerca di un Export Manager? HireMeVinitaly torna a Wine2wine 2017

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino



WineMeridian