Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
mercoledi 25 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)


I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca
Sempre molto interessante leggere il rapporto Mediobanca relativo alle evoluzioni delle prime 155 società di capitali coinvolte nell’industria vitivinicola italiana (49 coop, 94 spa e srl italiane e 12 estere) con un fatturato superiore ai 25 milioni di euro.
Si tratta di un segmento numericamente limitato ma che, con un fatturato di circa 7,7 miliardi di euro, rappresenta quasi l’80% del complessivo del comparto e circa il 70% in termini di addetti.
Ovviamente, mancando i dati delle cosiddette “aziende agricole”, si “perde” nella fotografia quel 20% del nostro settore che però rappresenta numericamente il gruppo più vasto.
Secondo i dati più recenti forniti da Ismea e risalenti al 2015 in Italia vi sono ben 45.730 aziende che presentano la dichiarazione di produzione. Rappresentano numericamente il 75% delle imprese del vino italiane ma dal punto di vista produttivo solo lo l’1% con una produzione media inferiore ai 100 hl, meno quindi di 15.000 bottiglie da 0,75 l.
Le realtà in Italia superiori a circa 15 milioni di bottiglie sono solo lo 0,2% del totale ma rappresentano quasi il 42% della nostra produzione vitivinicola.
La categoria di aziende più rappresentativa in Italia (quasi il 52%) è rappresentata dalle realtà con una produzione tra 1,5 e i 15 milioni di bottiglie (di cui circa il 21% tra l’1,5 e i 6,5 milioni e il 15% tra le 150.000 e l’1,5 milioni di bottiglie). In conclusione di questa premessa è importante sottolineare come in Italia oltre il 90% delle aziende vinificatrici ha una produzione sotto le 150.000 bottiglie.
Per tale ragione l’analisi di Mediobanca va ritenuta molto importante dal punto di vista macroeconomico ma è evidente che non è sufficiente per darci una visione completa di un comparto che continua ad essere estremamente frammentato. Sempre Ismea, a questo proposito, proprio al Vinitaly dello scorso anno, ricordava come dal 2010 al 2015 le aziende che vinificano in Italia sono scese del 27% ma la dimensione media rimane ancora bassa passando da 1,73 a 2,08 ettari.
Torniamo allora al rapporto Mediobanca che complessivamente ci restituisce un’immagine dei big del vino italiano in salute.
Il fatturato nel 2017, infatti, risulta in aumento del 6,5% sul 2016 (+24,7% dal 2012) grazie alle vendite estere (+7,7%) e al buon andamento di quelle domestiche (+5,2%).
Il maggiore sviluppo, come era facile prevedere, è realizzato dagli spumanti (+9,9%), grazie sia all’estero (+12,2%) che al mercato nazionale (+8,3%), mentre i vini non spumanti si fermano a +5,6% (+7% all’estero)
I Paesi UE si confermano il mercato estero principale, con una quota del 53,4% dell’export totale e un incremento dell’8,6% rispetto al 2016.
Top seller e top earner nel 2017 si conferma prima Cantine Riunite-GIV con un fatturato di 594 milioni (+5,1% sul 2016), seguita da Caviro che aumenta del 3,9% a 315 milioni e da Antinori che guadagna lo 0,4% a 221 milioni. Il record di crescita nel 2017 spetta alla coop La Marca che passa da 101 a 131 milioni (+30,7%, dalla 19a alla 13a posizione), seguita da Farnese che sale dalla 33a alla 26a posizione; altre 5 società hanno realizzato aumenti dei ricavi superiori al 10%; la più rilevante presenza sui mercati esteri è della Botter che vi realizza il 96% del proprio fatturato; i top performer di redditività 2017 sono Antinori (utile su fatturato al 25%), Frescobaldi (20,5%), Santa Margherita (17,2%) e Ruffino (15,7%)
Nel 2017 decisamente vivaci anche gli investimenti materiali, aumentati del 26,7% sul 2016; cresce meno, purtroppo, l’occupazione, dell’1,8% sul 2016, a dimostrazione del perdurare di maggiori investimenti sul fronte materiale rispetto a quello delle competenze.
Come di consueto l’ufficio studi di Mediobanca ha analizzato anche le aspettative di queste grandi imprese rispetto al 2018: il 93% prevede di non subire un calo delle vendite, gli ottimisti (crescita delle vendite superiore al 10%) sono il 17,4%; appena il 7% teme una flessione dei ricavi.
Sul fronte export, tra i produttori di spumanti nessuna traccia di pessimismo.
In crescita anche la redditività: il roi ha seguìto un trend crescente dal 2012 per toccare il 6,8% nel 2015 e 2016, valore massimo del quinquennio. Il roe ha raggiunto il 7,9% nel 2016, anche in questo caso sui massimi del periodo.
La classifica dei produttori in base alla forza dei loro bilanci " basata su un indicatore di sintesi delle performance economiche e patrimoniali del 2016 - attribuisce alle venete Villa Sandi, Mionetto, Vinicola Serena e Botter i migliori punteggi, seguite da Masi, dalla toscana Ruffino e da Santa Margherita; Vignaioli Veneto Friulani è la migliore cooperativa (15a); nelle prime 10 posizioni figurano sei società venete, tre toscane e una piemontese.
Il valore di mercato delle 94 spa e srl vinicole italiane ammonta a circa 3,13 miliardi di euro. In base ai multipli di borsa delle società quotate sui mercati internazionali Mediobanca stima indicativamente il valore di mercato in 5,3 miliardi, con un “premio” sul valore contabile pari a circa il 70%.
L’aggregato dei 15 maggiori produttori internazionali quotati chiude il 2016 con ricavi in salita del 5,8% a 13,8 miliardi di euro (9,8 miliardi senza la divisione birra di Constellation), con incidenze dei margini industriali sulle vendite al top nell’ultimo quinquennio.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative commerciali nelle fiere

La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

Offerta di Lavoro: Area Manager lingua tedesca

Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Offerta di Lavoro: Addetto/a Ufficio Logistica

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Effetto positivo della Brexit per export del Regno Unito

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Francesco Piccoli
Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione lunedi 23 aprile

Corea del Sud: gusti e preferenze di un mercato in espansione

Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione

Noemi Mengo
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies