Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 20 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Michele Shah Siddura Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach
venerdi 29 gennaio

I nuovi consumatori negli Usa, tra contraddizioni e opportunità

Dalle indagini di Wine Intelligence emerge un nuovo consumatore di vino negli Usa più aperto e curioso, che richiede trasparenza e autenticità, ma al tempo stesso vuole essere rassicurato e aiutato con un messaggio chiaro e semplice


I nuovi consumatori negli Usa, tra contraddizioni e opportunità

foto WineRover


E’ stata una bella occasione quella che ci ha regalato la Withers - uno degli studi legali più accreditati al mondo, e impegnato anche sul fronte del supporto delle imprese italiane del food and beverage nei processi di internazionalizzazione (in particolare nella costituzione di corporate joint venture negli Usa e in Inghilterra) â€" che lo scorso 21 gennaio nella sua sede di Milano ha organizzato un interessante seminario sulle prospettive di due mercati strategici per il vino come gli Usa e la Cina.
Di particolare interesse l’intervento di Lulie Halstead, ceo di Wine Intelligence, che ha presentato i risultati delle ultime indagini sui nuovi profili dei consumatori di vino negli Usa e su quali devono essere oggi le strategie e gli accorgimenti per costruire un brand enologico di successo in Cina. Di quest’ultima tematica ne scriveremo a breve sul nostro magazine, oggi vorremmo concentrarci sugli Usa.
Quello che la Halstead ci ha raccontato da un lato ci incoraggia e dall’altro ci preoccupa. Partiamo dagli aspetti che consideriamo positivi per il vino italiano.
Innanzitutto continuano a crescere i consumatori di vino negli Usa e, soprattutto gli abituali (cioè quelli che consumano vino almeno una volta al mese. Per noi può sembrare un tempo lunghissimo ma per quel mercato è un dato decisamente rilevante), che oggi (secondo l’US Census Bureau) sono circa 93 milioni su un universo di quasi 158 milioni di wine drinkers. Significa in sostanza che oggi quasi il 60% degli americani ha rapporti con il consumo di vino. Non male per un Paese che fino a pochi anni fa sembrava molto lontano da un consumo di vino così diffuso. E secondo la Halstead “nonostante alcune indagini che vedrebbero segnali di declino per il mercato del vino negli Usa, tutti i nostri indici ci portano a pensare che anche per il futuro vedremo ulteriori crescite”.
Considerando, poi, che il tasso di penetrazione dei consumatori abituali negli Usa oggi è di circa il 40% vi è ulteriore spazio di crescita potenziale (basti pensare che in Australia siamo al 65%). Secondo pertanto le proiezioni di Wine Intelligence si dovrebbe passare a 101 milioni di consumatori abituali di vino entro il 2020 e arrivare a 110 milioni nel 2025.
Se già questo ci fa ben sperare, ulteriore incoraggiamento ci viene dal fatto che gran parte di questi nuovi consumatori saranno curiosi e “avventurosi” cioè interessati anche a vini diversi dai soliti del mainstream enologico mondiale.
Saranno consumatori più interessati anche alle piccole e meno conosciute realtà produttive e molto più attenti a concetti come la trasparenza e l’autenticità.
Riguardo al tema “trasparenza” e “autenticità”, la Halstead ha riportato un interessante esempio del mondo dei piccoli artigiani della birra negli Usa, alcuni dei quali ultimamente sono stati oggetto di acquisto da parte di colossi dell’industria birraia. “Il risultato â€" ha spiegato la Halstead â€" è stata l’immediata perdita di fiducia da parte dei loro consumatori perché non ravvedevano più elementi di garanzia in termini di trasparenza ed autenticità”.
A guidare questo nuovo esercito di consumatori sono i tanto ormai citati (a volte forse a sproposito) Millennials (che oggi hanno tra i 24 e i 34 anni) che tendenzialmente hanno buone capacità di spesa e sono in gran parte regular drinkers (1 su 3 consumatori regolari di vino negli Usa sono di questa categoria). Mettendo insieme sia i giovani (21-29 anni) che “vecchi” millennials (30-34 anni), rappresentano circa il 32% dei consumatori regolari di vino statunitensi. Se a questi poi aggiungiamo la next gens (cioè la nuova generazione, quella che nel 2025 avrà tra i 21 e i 29 anni), vi sono molti elementi per capire come potrà essere il futuro del vino in questo mercato.
E sempre secondo Wine Intelligence questa nuova generazione di consumatori sarà ancor più consapevole che il vino rappresenta una bevanda alcolica diversa dalle altre, decisamente più sofisticata, capace di creare modelli positivi di socializzazione. Una bevanda fortemente legata all’abbinamento con il cibo. Una bevanda che ti differenzia, decisamente più elegante.
Ma se fino a qui potremmo dire tutto bene, vi sono poi elementi che, soprattutto per il vino italiano, devono far riflettere.
Per esempio già oggi i Millennials (soprattutto i più giovani) sono in qualche modo intimiditi da un’offerta enologica non spesso chiara, con una proposta così eterogenea e difficile da comprendere. Non sono ancora completamente “ingaggiati” nel mondo del vino e necessitano di maggiori rassicurazioni. Nonostante siano curiosi per paura quando non capiscono bene l’offerta si rifugiano in brand a loro noti (esempio Yellow Tails).
I Millennials più anziani sono sicuramente più consapevoli ma questo non li impedisce di privilegiare spesso le proposte più tradizionali tradendo quindi una certa attitudine conservatrice.
In estrema sintesi la Halstead ha dipinto un giovane consumatore americano che oggi ma anche nel futuro, almeno quello più vicino, nel brand di vino cerca autenticità, distinzione, rassicurazione, coerenza (qualitativa) e chiarezza.
Se dovessimo sovrapporre queste caratteristiche all’attuale offerta enologica italiana cosa ci viene da pensare?
Vogliamo limitarci adesso solo ad alcuni suggerimenti: possiamo immaginare che il nostro esercito di denominazioni sia oggi adeguato per rispondere a fabbisogni di chiarezza? Possiamo pensare che la nostra polverizzazione del tessuto produttivo possa rispondere ad aspettative di coerenza qualitativa?
Sono solo due domande che poniamo e ci poniamo, le cui risposte saranno molto importanti per il futuro del nostro vino nel più importante mercato al mondo.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo
Intervista a Daniele Balestriero di Metline, l'azienda produttrice di ENO Software lunedi 12 febbraio

Dinamicità e innovazione: quando il mercato richiede un salto di qualità

Intervista a Daniele Balestriero di Metline, l'azienda produttrice di ENO Software

Continua il lavoro di ricerca sul territorio di Cantina Valpolicella Negrar che, nel festeggiare gli 85 anni di attività, presenta tre nuovi cru Domìni Veneti prodotti nella vallata di Marano: l'Amarone, il Ripasso e il Valpolicella Superiore Pruviniano venerdi 09 febbraio

Domìni Veneti presenta Pruviniano, una collezione dal taglio femminile

Continua il lavoro di ricerca sul territorio di Cantina Valpolicella Negrar che, nel festeggiare gli 85 anni di attività, presenta tre nuovi cru Domìni Veneti prodotti nella vallata di Marano: l'Amarone, il Ripasso e il Valpolicella Superiore Pruviniano



WineMeridian