Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 22 agosto 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com Tebaldi MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet
sabato 10 giugno

I tre buoni motivi per conoscere meglio l'azienda Monte delle Vigne

Sono emersi durante la nostra intervista ad Andrea Ferrari, proprietario e fondatore dell'azienda di Ozzano Taro, in provincia di Parma


I tre buoni motivi per conoscere meglio l'azienda Monte delle Vigne

Andrea Ferrari in una foto di repertorio


Parma, si sa, è uno dei luoghi più iconici del cibo italiano. Cuore della più genuina tradizione gastronomica emiliana, Parma si trova anche in un territorio meraviglioso dal punto di vista paesaggistico, laddove la Pianura Padana interrompe la sua monotonia e incontra dolcemente l'Appennino. Quello che non in molti sanno è che a Parma, oltre al celeberrimo prosciutto crudo, si produce anche dell'ottimo vino e l'azienda Monte delle Vigne è una delle realtà viticole più importanti della zona. Per conoscere meglio questo territorio e l'azienda, abbiamo rivolto alcune domande ad Andrea Ferrari, l'uomo che nel 1983 ha iniziato la sua avventura imprenditoriale fondando Monte delle Vigne.

Iniziamo dal vostro territorio. Dove si trova Monte delle Vigne?
La nostra azienda si trova ad Ozzano Taro, in provincia di Parma, proprio sulle prima alture che dalla Pianura Padana portano al passo della Cisa. Le nostre colline, che s’innalzano fino a 350 m di altezza, si trovano su un territorio estremamente variegato, inframmezzato da boschi, laghetti e pendii che presentano le esposizioni ideali sia per le uve bianche che per le uve rosse.

Quali sono le caratteristiche del vostro terroir? Per quali varietà è maggiormente vocato?
Per descrivere il nostro terroir bisogna partire dal terreno, che è composto da argille profonde e calcare. Terreno di grande spinta che garantisce alle uve concentrazione e mineralità, struttura ed eleganza. Altro elemento fondamentale sono le esposizioni: i pendii a ovest per le uve rosse, quelli a est per le bianche e sui piani le uve più adattabili come lo Chardonnay e il Merlot.
Il vitigno per cui questo territorio è maggiormente vocato è la Barbera che da noi è una varietà autoctona, la prima DOC dei Colli di Parma è infatti un uvaggio proprio a base di Barbera. Questi sono gli ultimi contrafforti dove la si può trovare.
Per quanto riguarda le uve bianche, caratteristiche sono le uve aromatiche come la Malvasia.

Qual è il vino che secondo voi esprime maggiormente l'identità dell'azienda?
Il vino che più ci caratterizza è Nabucco, perché è stato in assoluto il primo vino fermo fatto a Parma. Il mio primo vino fermo con uno spessore internazionale. È il vino simbolo di questa azienda e ancora oggi resta il vino in cui ci identifichiamo di più.

Ho visto dal vostro sito che avete una particolare attenzione per la sostenibilità ambientale? In che azione concrete si traduce questo concetto?Siamo già certificati per un’abbondante parte dell’azienda, ma non è solo questo. Quello che pensiamo in relazione alla sostenibilità è qualcosa che riguarda la nostra vita. Per noi sostenibilità vuol dire allevare la vite in sintonia con la natura ma soprattutto vivere noi stessi in sintonia con la natura.

Avete anche un bellissimo casale. Che ruolo ha l'accoglienza per voi?
L’accoglienza ha un ruolo fondamentale e noi siamo stati pionieri in questo senso per esempio fondando il Movimento Turismo del Vino. Accoglienza vuol dire innanzitutto far conoscere quello che siamo. Quando una persona sceglie di venire da noi, sceglie di venire a vedere chi siamo ma soprattutto ha scelto di destinare una parte del suo tempo a capire cos’è veramente Monte Delle Vigne e questo per noi è un valore immenso.

E allora, ricapitolando, quali sono i 3 buoni motivi per conoscere meglio Monte delle Vigne?
Il primo sono i nostri prodotti, i vini, perché sono vini unici, proprio perché nati qui e profondamente legati a questa terra. Il secondo è il luogo, perché è un luogo straordinario di grandissimo fascino, dove si percepiscono energie particolari. Il terzo è la riscoperta della cultura di un prodotto che forse prima si era perso in queste zone, e che completa quella proposta che prima era solo gastronomica e oggi è anche enologica, quindi un’esperienza di vita.


I tre buoni motivi per conoscere meglio l'azienda Monte delle Vigne

Vigneti al tramonto


Alice Alberti

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Lunedì 18 settembre a Verona si terrà il Wine Export Manager Day, il primo appuntamento dedicato esclusivamente agli export manager del vino italiano. Un evento dove confrontarsi sul tema dell’export e soprattutto sul ruolo strategico di questa figura professionale fondamentale per il settore vitivinicolo italiano

Wine Export Manager Day: partecipa il 18 settembre alla prima giornata dell’Export Manager del vino

Lunedì 18 settembre a Verona si terrà il Wine Export Manager Day, il primo appuntamento dedicato esclusivamente agli export manager del vino italiano. Un evento dove confrontarsi sul tema dell’export e soprattutto sul ruolo strategico di questa figura professionale fondamentale per il settore vitivinicolo italiano

Una ricerca sull'enoturismo condotta da MIB Trieste School of Management e Wine Intelligence mercoledi 16 agosto

I vini friulani tra export ed ospitalità

Una ricerca sull'enoturismo condotta da MIB Trieste School of Management e Wine Intelligence

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder

Sulle Comete di Alois Lageder per guardare più lontano

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder

Fabio Piccoli
Per tutti gli interessati ad accrescere il proprio know-how sul business del vino, la MIB Trieste School of Management apre le iscrizioni al programma Wine Business Management (WBM) che inizierà il prossimo 30 novembre 2017. giovedi 10 agosto

Un Master per il Business del Vino

Per tutti gli interessati ad accrescere il proprio know-how sul business del vino, la MIB Trieste School of Management apre le iscrizioni al programma Wine Business Management (WBM) che inizierà il prossimo 30 novembre 2017.

Lo dice il rapporto sul primo semestre 2017 dell'Italian Wine and Food Institute mercoledi 09 agosto

L'Italia mantiene le posizioni nel mercato USA

Lo dice il rapporto sul primo semestre 2017 dell'Italian Wine and Food Institute

Lo dice il giovane talento Oliver Zhou, tra i fondatori della piattaforma cinese Vinehoo.com martedi 08 agosto

Il vino italiano? Ha bisogno di una voce unificata che si rivolga ai giovani consumatori cinesi

Lo dice il giovane talento Oliver Zhou, tra i fondatori della piattaforma cinese Vinehoo.com

Agnese Ceschi
We tasted for you Paternoster winery’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016 sabato 05 agosto

Italian Wines in the World: Paternoster’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016

We tasted for you Paternoster winery’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016

Lorena Lancia (best sommelier FISAR 2016)
Intervista a tutto campo a Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e tra i principali protagonisti della vitienologia moderna

Umile e competente sul mercato: l’identikit dell’enologo del futuro

Intervista a tutto campo a Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e tra i principali protagonisti della vitienologia moderna

Fabio Piccoli
Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini giovedi 03 agosto

Mario Primo, quando il Chianti diventa trasgressivo

Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici mercoledi 02 agosto

Veloce o lento?

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici

Agnese Ceschi
Tra le straordinarie peculiarità del cibo, delle produzioni tipiche della terra vi è quella della naturale tolleranza ed integrazione culturale. Lo straordinario esempio della prima esperienza dello Scirocco Wine Fest, dove culture enogastronomiche del Mediterraneo si incontrano

Nel cibo le “diversità” uniscono

Tra le straordinarie peculiarità del cibo, delle produzioni tipiche della terra vi è quella della naturale tolleranza ed integrazione culturale. Lo straordinario esempio della prima esperienza dello Scirocco Wine Fest, dove culture enogastronomiche del Mediterraneo si incontrano

Lavinia Furlani
Intervista al General Manager, Roberto Sanso, del ristorante italiano Quattro Gastronomia Italiana a South Beach lunedi 31 luglio

Ristorazione a Miami: il rapporto vino-piatto è fondamentale nella scelta del consumatore

Intervista al General Manager, Roberto Sanso, del ristorante italiano Quattro Gastronomia Italiana a South Beach

Agnese Ceschi
Si è aperta a Gibellina la prima edizione dello Scirocco Wine Fest, un evento innovativo che vuole fare della Sicilia il punto di riferimento della vitienologia del Mediterraneo

Scirocco Wine Fest, quando il vino unisce il Mediterraneo

Si è aperta a Gibellina la prima edizione dello Scirocco Wine Fest, un evento innovativo che vuole fare della Sicilia il punto di riferimento della vitienologia del Mediterraneo

Fabio Piccoli
We tasted for you Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013 sabato 29 luglio

Italian Wines in the World: Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013

We tasted for you Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013

Lorena Lancia (miglior sommelier FISAR 2016)


WineMeridian