Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
mercoledi 18 ottobre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi MIB valdoca pertinace
sabato 10 giugno

I tre buoni motivi per conoscere meglio l'azienda Monte delle Vigne

Sono emersi durante la nostra intervista ad Andrea Ferrari, proprietario e fondatore dell'azienda di Ozzano Taro, in provincia di Parma


I tre buoni motivi per conoscere meglio l'azienda Monte delle Vigne

Andrea Ferrari in una foto di repertorio


Parma, si sa, è uno dei luoghi più iconici del cibo italiano. Cuore della più genuina tradizione gastronomica emiliana, Parma si trova anche in un territorio meraviglioso dal punto di vista paesaggistico, laddove la Pianura Padana interrompe la sua monotonia e incontra dolcemente l'Appennino. Quello che non in molti sanno è che a Parma, oltre al celeberrimo prosciutto crudo, si produce anche dell'ottimo vino e l'azienda Monte delle Vigne è una delle realtà viticole più importanti della zona. Per conoscere meglio questo territorio e l'azienda, abbiamo rivolto alcune domande ad Andrea Ferrari, l'uomo che nel 1983 ha iniziato la sua avventura imprenditoriale fondando Monte delle Vigne.

Iniziamo dal vostro territorio. Dove si trova Monte delle Vigne?
La nostra azienda si trova ad Ozzano Taro, in provincia di Parma, proprio sulle prima alture che dalla Pianura Padana portano al passo della Cisa. Le nostre colline, che s’innalzano fino a 350 m di altezza, si trovano su un territorio estremamente variegato, inframmezzato da boschi, laghetti e pendii che presentano le esposizioni ideali sia per le uve bianche che per le uve rosse.

Quali sono le caratteristiche del vostro terroir? Per quali varietà è maggiormente vocato?
Per descrivere il nostro terroir bisogna partire dal terreno, che è composto da argille profonde e calcare. Terreno di grande spinta che garantisce alle uve concentrazione e mineralità, struttura ed eleganza. Altro elemento fondamentale sono le esposizioni: i pendii a ovest per le uve rosse, quelli a est per le bianche e sui piani le uve più adattabili come lo Chardonnay e il Merlot.
Il vitigno per cui questo territorio è maggiormente vocato è la Barbera che da noi è una varietà autoctona, la prima DOC dei Colli di Parma è infatti un uvaggio proprio a base di Barbera. Questi sono gli ultimi contrafforti dove la si può trovare.
Per quanto riguarda le uve bianche, caratteristiche sono le uve aromatiche come la Malvasia.

Qual è il vino che secondo voi esprime maggiormente l'identità dell'azienda?
Il vino che più ci caratterizza è Nabucco, perché è stato in assoluto il primo vino fermo fatto a Parma. Il mio primo vino fermo con uno spessore internazionale. È il vino simbolo di questa azienda e ancora oggi resta il vino in cui ci identifichiamo di più.

Ho visto dal vostro sito che avete una particolare attenzione per la sostenibilità ambientale? In che azione concrete si traduce questo concetto?Siamo già certificati per un’abbondante parte dell’azienda, ma non è solo questo. Quello che pensiamo in relazione alla sostenibilità è qualcosa che riguarda la nostra vita. Per noi sostenibilità vuol dire allevare la vite in sintonia con la natura ma soprattutto vivere noi stessi in sintonia con la natura.

Avete anche un bellissimo casale. Che ruolo ha l'accoglienza per voi?
L’accoglienza ha un ruolo fondamentale e noi siamo stati pionieri in questo senso per esempio fondando il Movimento Turismo del Vino. Accoglienza vuol dire innanzitutto far conoscere quello che siamo. Quando una persona sceglie di venire da noi, sceglie di venire a vedere chi siamo ma soprattutto ha scelto di destinare una parte del suo tempo a capire cos’è veramente Monte Delle Vigne e questo per noi è un valore immenso.

E allora, ricapitolando, quali sono i 3 buoni motivi per conoscere meglio Monte delle Vigne?
Il primo sono i nostri prodotti, i vini, perché sono vini unici, proprio perché nati qui e profondamente legati a questa terra. Il secondo è il luogo, perché è un luogo straordinario di grandissimo fascino, dove si percepiscono energie particolari. Il terzo è la riscoperta della cultura di un prodotto che forse prima si era perso in queste zone, e che completa quella proposta che prima era solo gastronomica e oggi è anche enologica, quindi un’esperienza di vita.


I tre buoni motivi per conoscere meglio l'azienda Monte delle Vigne

Vigneti al tramonto


Alice Alberti

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Grande successo per la seconda tappa del Wine Meridian tour a Vancouver: l'interesse per i vini italiani cresce assieme alla conoscenza anhe di denominazioni meno conosciute

Il vino italiano alla conquista della British Columbia

Grande successo per la seconda tappa del Wine Meridian tour a Vancouver: l'interesse per i vini italiani cresce assieme alla conoscenza anhe di denominazioni meno conosciute

È boom di Instagram, ma quali sono le cose a cui fare attenzione per rendere il proprio prodotto appetibile su questo canale social? martedi 17 ottobre

3 modi per trasformare il vostro vino in "instagrammabile"!

È boom di Instagram, ma quali sono le cose a cui fare attenzione per rendere il proprio prodotto appetibile su questo canale social?

Elena Mazzali, esperta di Social Media Marketing
Calgary, capitale dell’Alberta, l’unica provincia canadese dove non è attivo il monopolio, è la prima tappa del nostro Tour in Nord America che vede coinvolte 21 aziende provenienti dalla principali regioni vitivinicole italiane e, per la prima volta, anche due realtà olivicole siciliane

Parte da Calgary il Wine Meridian Canada e Usa Tour

Calgary, capitale dell’Alberta, l’unica provincia canadese dove non è attivo il monopolio, è la prima tappa del nostro Tour in Nord America che vede coinvolte 21 aziende provenienti dalla principali regioni vitivinicole italiane e, per la prima volta, anche due realtà olivicole siciliane

Fabio Piccoli
Secondo un esperimento condotto dall’Università di Oxford la qualità dei vini con un tappo di sughero è percepita migliore del 15% rispetto a quella di vini con tappi a vite

Percezioni migliori quando il tappo è di sughero

Secondo un esperimento condotto dall’Università di Oxford la qualità dei vini con un tappo di sughero è percepita migliore del 15% rispetto a quella di vini con tappi a vite

Francesco Piccoli
We tasted for you Anna Spinato Winery's Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016.
saturday 14 october

Italian Wines in The World: Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016

We tasted for you Anna Spinato Winery's Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016.

Nel primo semestre 2017 il nostro export negli Usa è rimasto al palo in termini di volume ed è cresciuto solo del 3% in valore, mentre la Francia nel medesimo periodo è cresciuta del 17% a volume e del 24% a valore di fatto raggiungendo la nostra stessa quota di mercato. Alcuni commentatori vedono nei ritardi di applicazione del nostro ocm vino tra i principali motivi di questo nostro calo, qui proviamo ad individuarne anche altri

Il vino italiano perde quota negli Usa, tutta colpa dell’ocm?

Nel primo semestre 2017 il nostro export negli Usa è rimasto al palo in termini di volume ed è cresciuto solo del 3% in valore, mentre la Francia nel medesimo periodo è cresciuta del 17% a volume e del 24% a valore di fatto raggiungendo la nostra stessa quota di mercato. Alcuni commentatori vedono nei ritardi di applicazione del nostro ocm vino tra i principali motivi di questo nostro calo, qui proviamo ad individuarne anche altri

Fabio Piccoli
L’opinione di Claudio ed Elena Farina tra i produttori di vino italiani maggiormente innovatori anche sul fronte della comunicazione
venerdi 13 ottobre

La comunicazione del vino che abbiamo in mente

L’opinione di Claudio ed Elena Farina tra i produttori di vino italiani maggiormente innovatori anche sul fronte della comunicazione

Fabio Piccoli
Dal 13 al 15 ottobre il Lessini Durello sarà protagonista a “Hostaria Verona” il festival dedicato al vino nel cuore della città scaligera. venerdi 13 ottobre

Aspettando Durello&Friends: il Durello a Hostaria Verona

Dal 13 al 15 ottobre il Lessini Durello sarà protagonista a “Hostaria Verona” il festival dedicato al vino nel cuore della città scaligera.

Una serie impressionante di incendi sta devastando due delle zone vitivinicole più note al mondo come Napa e Sonoma Valley in California. Distrutte anche una decina di aziende vitivinicole e moltissime gravemente danneggiate

Incendi drammatici devastano Napa e Sonoma Valley

Una serie impressionante di incendi sta devastando due delle zone vitivinicole più note al mondo come Napa e Sonoma Valley in California. Distrutte anche una decina di aziende vitivinicole e moltissime gravemente danneggiate

Fabio Piccoli
Giovedi 16 novembre  il corso focalizzato su export e marketing

Corso Export Manager: diventa un export manager di successo

Giovedi 16 novembre il corso focalizzato su export e marketing

I punti d'incontro tra Italia e Giappone sono più di quanti ci possiamo immaginare. Alcune semplici regole da rispettare in fatto di bon ton nel paese del Sol Levante. mercoledi 11 ottobre

6 regole di bon ton in Giappone

I punti d'incontro tra Italia e Giappone sono più di quanti ci possiamo immaginare. Alcune semplici regole da rispettare in fatto di bon ton nel paese del Sol Levante.

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti martedi 10 ottobre

Alla ricerca della mineralità

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti

Agnese Ceschi
Molti oggi sono impegnati nella semplificazione del linguaggio del vino ma pochi sanno evitare pericolose banalizzazioni

Semplificare la comunicazione del vino senza banalizzare

Molti oggi sono impegnati nella semplificazione del linguaggio del vino ma pochi sanno evitare pericolose banalizzazioni

Francesco Piccoli
Matt Kramer, Il noto editorialista di Wine Spectator affronta il tema, per nulla scontato, di come non sbagliare nella scelta di acquisto di un vino evidenziando una similitudine alquanto originale

Quando comprare il vino è come acquistare in Borsa

Matt Kramer, Il noto editorialista di Wine Spectator affronta il tema, per nulla scontato, di come non sbagliare nella scelta di acquisto di un vino evidenziando una similitudine alquanto originale



WineMeridian