Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
venerdi 22 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ italian wine academy Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it

Ibrido è bello

Il mondo del vino è piuttosto chiuso e spesso il livello medio di professionalità dei manager è più basso rispetto ad altri settori. Non sempre la conoscenza dei prodotti e dei mercati compensano determinate lacune. Aprirsi a influenze professionali provenienti da altri ambiti, potrebbe quindi procurare molti vantaggi.


Ibrido è bello
In natura, tutto ciò che si evolve subisce dei cambiamenti, assumendo talvolta delle caratteristiche tipiche di altre specie. Cosa possiamo imparare da questo? Sicuramente che è possibile guardare con curiosità tutto ciò che si pone come “diverso” dalle nostre consuetudini, personali, ma soprattutto professionali e, perché no, prendere anche spunti da settori notoriamente distanti da quelli in cui operiamo abitualmente.

Anche l’imprenditoria italiana è chiamata a confrontarsi con i rilevanti cambiamenti che la pongono sempre più in dialogo con altri saperi e linguaggi disciplinari, creando cooperazioni tra professionisti con molteplici approcci e background formativi e professionali.
Nel mondo del vino si tenta già da tempo di stimolare l’incontro tra realtà imprenditoriali e territorio, o tra vino e discipline artistiche, ma cosa succederebbe se, a livello aziendale, cominciassero a crearsi delle contaminazioni di competenze diverse fra i manager, favorendo anche “l’innesto” di skills provenienti da altri settori professionali?
Il mondo del vino è piuttosto chiuso e spesso il livello medio di professionalità dei manager è più basso rispetto ad altri settori. Non sempre la conoscenza dei prodotti e dei mercati compensano determinate lacune. Aprirsi a influenze professionali provenienti da altri ambiti, potrebbe quindi procurare non pochi vantaggi.

Costruire nuovi modelli, innovare, promuovere collaborazioni, fare business attivando sinergie nuove: è possibile nel settore vinicolo o resta ancora un miraggio, quindi? Alcune aziende stanno già muovendo i primi passi verso questa “contaminazione”, scegliendo profili manageriali a volte distanti dal mondo vinicolo in senso lato. Non sempre l’inserimento è semplice e di successo, perché manca appunto una consuetudine all’apertura e al confronto con ciò che è “altro”. La risposta che imprenditori e manager hanno sempre pronta è: “nel mondo del vino non funziona così”!

Secondo noi, esistono comunque dei modi efficaci per stimolare questa “ibridazione” e per trasformare la cultura interna delle nostre belle aziende vitivinicole, eccone alcuni:
- Offrire gli strumenti per sviluppare la creatività dei collaboratori, mettendo a disposizione dei membri dell’azienda i mezzi per rendere più proficue le riunioni di confronto e brainstorming, valorizzando le conoscenze e le competenze complessive del personale.
- Favorire una comunicazione aperta, affinché ci sia sempre un libero scambio di idee e sia facile la collaborazione tra le diverse aree dell’azienda. In questo modo si può migliorare il flusso di informazioni per incoraggiare lo sviluppo di competenze trasversali alle varie aree aziendali.
- Promuovere confronti aperti, nei quali i collaboratori possano esprimere le loro idee, sentirsi presi in considerazione e coinvolti nelle scelte aziendali. - - -Riconoscere in maniera adeguata “le idee vincenti”, può essere un incentivo ulteriore.
- Creare un ambiente lavorativo stimolante. Un ambiente di lavoro monotono e piatto non è certo fonte di ispirazione per nessuno! La possibilità di avere un ambiente lavorativo che sia anche una fonte di ispirazione, grazie alle innovazioni tecnologiche ad esempio, ma anche agli spunti offerti dalla libera circolazione delle idee fra collaboratori, è senz’altro un valore aggiunto.

L’obiettivo quindi, è quello di strutturarsi per assorbire conoscenze e tecnologie dall’esterno, per valorizzare al meglio il proprio portafoglio di servizi. Molte routine che funzionavano in un contesto di processi aziendali chiusi, cessano di essere adatte: nella gestione di collaborazioni, nella contabilità e nell’amministrazione, nel marketing e nelle vendite, nello sviluppo di nuovi prodotti.
Tutto questo serve a ricombinare e integrare efficacemente il know-how, favorendo la flessibilità di ingresso in nuovi mercati e incrementando la capacità di inserirsi in nuove traiettorie commerciali. Per le imprese medio piccole può essere una sfida, ma è l’unica via per consentire un adattamento ai nuovi mercati, sempre più aperti e tecnologici.

Noi di WinePeople abbiamo scommesso in tempi non sospetti sulla necessità di queste contaminazioni, pur consapevoli del fatto che talvolta questi processi di integrazione segnano delle vere rotture con i vecchi sistemi aziendali. Un modello di business troppo aperto potrebbe portare inoltre alla dispersione di energie e risorse, ma grazie ad una solida cultura organizzativa interna, permeata da valori condivisi, da forte motivazione e da un linguaggio comune, i manager possono esprimere al meglio le possibili applicazioni commerciali e gestionali, nate da influenze inusuali per il settore vinicolo.

Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019
venerdi 22 marzo

Milano Wine Week punta all'internazionalità

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms. friday 22 march

Italian Wine Podcast: two years of “cin cin” with Italian wine people

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms.

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now! friday 22 march

World's Leading Wine Experts Share Tried and Tested Solutions to Mitigate Climate Change

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now!

Michele Shah
Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Donne e vino: più sensibili alla sostenibilità ma meno disposte a spendere

Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Fabio Piccoli
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli
Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale. giovedi 14 marzo

Ettore Nicoletto, Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC.

Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale.

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative giovedi 14 marzo

Tenute Piccini rilanciano il Geografico

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative

Fabio Piccoli


http://www.winemeridian.com/