Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
lunedi 21 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet

Ibrido è bello

Il mondo del vino è piuttosto chiuso e spesso il livello medio di professionalità dei manager è più basso rispetto ad altri settori. Non sempre la conoscenza dei prodotti e dei mercati compensano determinate lacune. Aprirsi a influenze professionali provenienti da altri ambiti, potrebbe quindi procurare molti vantaggi.


Ibrido è bello
In natura, tutto ciò che si evolve subisce dei cambiamenti, assumendo talvolta delle caratteristiche tipiche di altre specie. Cosa possiamo imparare da questo? Sicuramente che è possibile guardare con curiosità tutto ciò che si pone come “diverso” dalle nostre consuetudini, personali, ma soprattutto professionali e, perché no, prendere anche spunti da settori notoriamente distanti da quelli in cui operiamo abitualmente.

Anche l’imprenditoria italiana è chiamata a confrontarsi con i rilevanti cambiamenti che la pongono sempre più in dialogo con altri saperi e linguaggi disciplinari, creando cooperazioni tra professionisti con molteplici approcci e background formativi e professionali.
Nel mondo del vino si tenta già da tempo di stimolare l’incontro tra realtà imprenditoriali e territorio, o tra vino e discipline artistiche, ma cosa succederebbe se, a livello aziendale, cominciassero a crearsi delle contaminazioni di competenze diverse fra i manager, favorendo anche “l’innesto” di skills provenienti da altri settori professionali?
Il mondo del vino è piuttosto chiuso e spesso il livello medio di professionalità dei manager è più basso rispetto ad altri settori. Non sempre la conoscenza dei prodotti e dei mercati compensano determinate lacune. Aprirsi a influenze professionali provenienti da altri ambiti, potrebbe quindi procurare non pochi vantaggi.

Costruire nuovi modelli, innovare, promuovere collaborazioni, fare business attivando sinergie nuove: è possibile nel settore vinicolo o resta ancora un miraggio, quindi? Alcune aziende stanno già muovendo i primi passi verso questa “contaminazione”, scegliendo profili manageriali a volte distanti dal mondo vinicolo in senso lato. Non sempre l’inserimento è semplice e di successo, perché manca appunto una consuetudine all’apertura e al confronto con ciò che è “altro”. La risposta che imprenditori e manager hanno sempre pronta è: “nel mondo del vino non funziona così”!

Secondo noi, esistono comunque dei modi efficaci per stimolare questa “ibridazione” e per trasformare la cultura interna delle nostre belle aziende vitivinicole, eccone alcuni:
- Offrire gli strumenti per sviluppare la creatività dei collaboratori, mettendo a disposizione dei membri dell’azienda i mezzi per rendere più proficue le riunioni di confronto e brainstorming, valorizzando le conoscenze e le competenze complessive del personale.
- Favorire una comunicazione aperta, affinché ci sia sempre un libero scambio di idee e sia facile la collaborazione tra le diverse aree dell’azienda. In questo modo si può migliorare il flusso di informazioni per incoraggiare lo sviluppo di competenze trasversali alle varie aree aziendali.
- Promuovere confronti aperti, nei quali i collaboratori possano esprimere le loro idee, sentirsi presi in considerazione e coinvolti nelle scelte aziendali. - - -Riconoscere in maniera adeguata “le idee vincenti”, può essere un incentivo ulteriore.
- Creare un ambiente lavorativo stimolante. Un ambiente di lavoro monotono e piatto non è certo fonte di ispirazione per nessuno! La possibilità di avere un ambiente lavorativo che sia anche una fonte di ispirazione, grazie alle innovazioni tecnologiche ad esempio, ma anche agli spunti offerti dalla libera circolazione delle idee fra collaboratori, è senz’altro un valore aggiunto.

L’obiettivo quindi, è quello di strutturarsi per assorbire conoscenze e tecnologie dall’esterno, per valorizzare al meglio il proprio portafoglio di servizi. Molte routine che funzionavano in un contesto di processi aziendali chiusi, cessano di essere adatte: nella gestione di collaborazioni, nella contabilità e nell’amministrazione, nel marketing e nelle vendite, nello sviluppo di nuovi prodotti.
Tutto questo serve a ricombinare e integrare efficacemente il know-how, favorendo la flessibilità di ingresso in nuovi mercati e incrementando la capacità di inserirsi in nuove traiettorie commerciali. Per le imprese medio piccole può essere una sfida, ma è l’unica via per consentire un adattamento ai nuovi mercati, sempre più aperti e tecnologici.

Noi di WinePeople abbiamo scommesso in tempi non sospetti sulla necessità di queste contaminazioni, pur consapevoli del fatto che talvolta questi processi di integrazione segnano delle vere rotture con i vecchi sistemi aziendali. Un modello di business troppo aperto potrebbe portare inoltre alla dispersione di energie e risorse, ma grazie ad una solida cultura organizzativa interna, permeata da valori condivisi, da forte motivazione e da un linguaggio comune, i manager possono esprimere al meglio le possibili applicazioni commerciali e gestionali, nate da influenze inusuali per il settore vinicolo.

Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery monday 21 january

Durello Classic Method or Durello Charmat?

Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
lunedi 21 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
lunedi 21 gennaio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA



http://www.winemeridian.com/