Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
venerdi 22 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ italian wine academy Farina Cantina Valpolicella Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach http://www.consorziomorellino.it/
martedi 29 maggio

Il cambio di rotta di Dal Maso

L'azienda sui Colli Berici, guidata da Nicola, Silvia e Anna Dal Maso guarda al futuro con sempre più export e valorizzazione degli autoctoni


Il cambio di rotta di Dal Maso

Nicola Dal Maso


Un'azienda che parte da lontano, per arrivare lontano. Si potrebbe sintetizzare così, in uno slogan che attinge alla sua storia, l'essenza della cantina Dal Maso, che ha iniziato a produrre vini sulle colline del Gambellara nel 1887. Storia secolare dunque e legame al territorio, visibile nell'architettura della nuova cantina, iniziata nel 2002, rotonda come omaggio alle architetture del Palladio e avveniristica, con questa sua scala a chiocciola centrale in marmo che entra nelle viscere della terra sino a dieci metri, a creare una cassaforte buia e a temperatura naturalmente controllata, per conservare negli anni i gioielli prodotti in vigna, dal Tai Rosso, al blend nato sui Colli Berici e sino al nuovo progetto di metodo classico con uve Durella 36, 60 e 120 mesi sui lieviti
Questa è l'azienda Dal Maso, nata con il bisnonno Serafino, cresciuta con papà Luigino e evoluta all'insegna della qualità e della tipicità legata agli autoctoni con Nicola, enologo, e le sorelle Silvia e Anna.
La maturità dell'azienda Dal Maso ha un obiettivo concreto, consolidare i mercati esteri, ne parliamo con Nicola Dal Maso e con l'export manager, Patrizia Vigolo.
 


"La quota di mercato estero - spiega Nicola - si attesta sul 40, 45% del nostro fatturato. I mercati importanti di riferimento sono l'Europa e i compratori storici il Nord Europa, la Germania, e in particolare il Benelux e la Danimarca e penisola scandinava ci stanno dando soddisfazione. Anche in Francia a Parigi movimentiamo qualcosa, il Tai Rosso ai francesi è piaciuto molto. Tra le realtà emergenti inserirei i Paesi dell'Est, la Repubblica Ceca e la Polonia. Piacciono tanto i prodotti di fascia alta, ma il grosso del fatturato lo facciamo ancora con i vini dal buon rapporto qualità-prezzo, i rossi la fanno da padrone. Ma anche il Gambellara si difende bene, forse abbiamo meno brand rispetto ai cugini di Verona, ma sempre di più anche Vicenza conquista appeal all'estero.

E qual'è la chiave per vincere la sfida?


Per noi sicuramente il fatto di aver puntato sui vini autoctoni. Stiamo diventando ambasciatori di queste tipologie, li abbiamo messi in produzione tutti e questa è stata una intuizione felice di identità e legame al territorio che nessun produttore estero può battere. Cabernet e Merlot hanno i loro clienti affezionati, ma il Tai Rosso, la Garganega e il Durello sono i nostri cavalli di battaglia. Il Tai Rosso ci sta dando grandi soddisfazioni, ma anche la Garganega che si differenzia da quella veronese, e poi il Durello che ci ha sorpreso per le sue potenzialità, il progetto è iniziato 5 anni fa con il brut metodo charmat, ma già dal secondo anno abbiamo iniziato a produrre il metodo classico, che sarà una delle novità del prossimo anno, quando usciremo con il nostro primo 36 mesi sui lieviti.


Un messaggio in controtendenza rispetto ad un territorio vicentino, terra di conquista per la Glera
...Tutti spiantano autoctoni per piantare Prosecco, è un dramma che non credo porterà nulla di buono. Noi teniamo duro, crediamo alla tipizzazione e al territorio e abbiamo soddisfazione, tra l'altro il Prosecco viene molto meglio nel trevigiano dov'è nato, non qui e il consumatore se ne accorge.
Tornando all'estero: il Nord America come si colloca?
Il nostro partner storico sono gli Stati Uniti e la costa nordest dove abbiamo un importatore storico che ha iniziato con noi 20 anni fa, una collaborazione proficua che cresce tutt'ora. Abbiamo da qualche anno un secondo importatore dello stato del New Jersey e anche nel Canada dove lavoriamo con il Monopolio con lo stato del Quebec da dieci anni e abbiamo ripreso con lo stato dell'Ontario.


E l'Estremo Oriente?

Lo possiamo chiamare un mercato storico, abbiamo un importatore, mentre adesso con Patrizia ci stiamo facendo largo in nuove realtà molto interessanti: ci sono buone potenzialità, ma con tempistiche lunghe, sono abituati alla Francia e ai suoi vini e si deve cercare di educarli un po' alla volta e trovare piccoli e medi importatori che sposino la nostra filosofia, con cui creare un rapporto più umano che arrivi a fidelizzare l'importatore e il cliente finale. Stiamo cercando partner che ci aiutino a tarare il nostro metodo comunicativo e di vendita. La lingua e la cultura non ci aiutano, ma il nostro appeal è notevole.



E il mercato cinese invece?

È immenso, per esportatori da numeri, ma che si può coltivare anche con nicchie di mercato come la nostra. Siamo partiti con i rossi base, ma da un po' sta prendendo piede anche il rosso di qualità e di prezzo superiore. Siamo partiti con vini più facili e ora anche vini più impegnativi, dalle palette di Cabernet ora vendiamo anche il Tai Rosso, qualche selezione e qualche riserva, con qualche brand ambassador che ci dà una mano a penetrare il mercato e far conoscere la nostra realtà.

Cresce dunque all'estero il vino di fascia superiore...
Sì stiamo facendo un po' di pulizia da questo punto di vista rispetto a chi faceva i numeri, ma puntano solo sul prezzo basso, ora stiamo salendo di fascia, e ci stiamo posizionando su target di prezzo più interessante, questa è la nostra mission per i prossimi anni e già ora sta dando i primi frutti.

Gli Stati Uniti sono un mercato difficile, ma irrinunciabile?
Diciamo che è un mercato maturo, complesso, con una grande concorrenza, migliaia di vini sugli scaffali, dove è molto difficile farsi notare, bisognerebbe essere sempre là. Forse ci potrebbero essere mercati che danno più soddisfazione al momento, ma negli Stati Uniti bisogna esserci, per una questione di immagine.
I vostri trend di crescita
Noi non crediamo nel boom improvviso, ma in una crescita lenta, costante, che ci permetta di far conoscere il vino al pubblico finale, ma soprattutto il territorio, le sue bellezze naturali e architettoniche. Vicenza è una città stupenda, quando apprezzeranno il nostro territorio, la nostra cultura, le nostre bellezze, allora anche il vino si venderà meglio.

Novità per l'anno prossimo?
Festeggiamo i 100 anni, mettiamo in commercio il 36 mesi e ci saranno tante sorprese e novità. Abbiamo definitivamente cambiato rotta. E le potenzialità dei Colli Berici sono notevolissime.

E in cantina che tipo di promozione attuate?

Da qualche anno abbiamo deciso di aprire le porte dell'azienda ai turisti soprattutto esteri, abbiamo qualche contatto con agenzie di viaggio, qualche tour operator e qualche nostro importatore, che ci agganci con realtà straniere che vogliono visitare l'Italia. Noi siamo a disposizione e abbiamo notato che il gradimento di chi viene in cantina è notevole. Chissà, magari per il futuro possiamo pensare anche di avviare una attività di alloggio, la nostra è una zona strategica, molto bella, vicina a Verona e a Venezia.





















Alberto Tonello

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019
venerdi 22 marzo

Milano Wine Week punta all'internazionalità

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms. friday 22 march

Italian Wine Podcast: two years of “cin cin” with Italian wine people

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms.

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now! friday 22 march

World's Leading Wine Experts Share Tried and Tested Solutions to Mitigate Climate Change

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now!

Michele Shah
Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Donne e vino: più sensibili alla sostenibilità ma meno disposte a spendere

Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Fabio Piccoli
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli
Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale. giovedi 14 marzo

Ettore Nicoletto, Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC.

Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale.

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative giovedi 14 marzo

Tenute Piccini rilanciano il Geografico

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative

Fabio Piccoli


http://www.winemeridian.com/