Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 28 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli
giovedi 28 novembre 2019

Il Durello conquista la Gran Guardia di Verona

In occasione di Durello and Friends abbiamo incontrato Diletta Tonello, vicepresidente del Consorzio Tutela Vini Lessini Durello.


Il Durello conquista la Gran Guardia di Verona
Durello and Friends per la prima volta “conquista” la Gran Guardia di Verona dove più di trenta case spumantistiche hanno raccontato i loro Metodi Italiani e il Metodo Classico da Durella in purezza. Il 24 e il 25 novembre si è svolta infatti l’annuale manifestazione che celebra lo spumante autoctono di Verona e Vicenza, la cui produzione oggi si attesta intorno ad un milione e duecentomila bottiglie per un territorio vitato di circa 400 ettari. Le cantine consociate sono in aumento: ad oggi 35. È uno spumante che trova il suo bacino di vendita soprattutto in ambito regionale nelle province di Verona e Vicenza, ma importanti successi si stanno ottenendo su tutto il territorio nazionale. L’export è pari al 10% della produzione ed è destinato a paesi come Germania, Stati Uniti e Giappone. Abbiamo intervistato Diletta Tonello, vicepresidente del Consorzio Tutela Vini Lessini Durello.

Vicepresidente, qual è la prima impressione di questa manifestazione?
Direi molto positiva, un successo oltre ogni rosea aspettativa. Ottocento persone in due serate, tutte le masterclass esaurite. La giornata estremamente invernale e piovosa di domenica ci aveva un po' scoraggiati, ma gli amanti del Durello e i wine lovers, tra cui moltissimi giovani che hanno iniziato a conoscere e apprezzare le nostre bollicine autoctone, hanno risposto con grande interesse. La nuova sede della manifestazione, lo splendido Palazzo della Gran Guardia, ha fatto il resto.

Ereditate un ottimo lavoro svolto fino a qualche mese fa dal Presidente Alberto Marchisio, quali gli obiettivi a breve termine?
Ha detto molto bene riferendosi al lavoro svolto dal precedente Presidente Marchisio, ci ritroviamo ad avere oggi una buona visibilità della nostra denominazione grazie alle solide basi poste in questi anni. Il Consorzio e il gruppo di cantine che producono Durello hanno lavorato in modo sinergico e specifico su tutto il territorio italiano. Non ci siamo limitati alla nostra regione ma, con eventi di più o meno successo, ci siamo spostati a Milano, Roma, Firenze. Progetti che all’inizio potevano sembrare insensati e invece, a lungo termine, stanno dando risultati soddisfacenti. Oggi possiamo dire di avere varcato la dimensione nazionale.

Tra i primi obiettivi c’è ancora il disciplinare di produzione. Come cambierà?
Durello, un’anima e due denominazioni: vorremmo fare ancora più chiarezza tra le due produzioni, il metodo italiano il cui nome è Lessini Durello Doc e il metodo classico Monti Lessini Doc. Oltre i 36 mesi di affinamento sarà invece Riserva. Desideriamo un appellativo che si riferisca non solo al vitigno, unico e peculiare, ma al territorio, ai nostri bei Monti Lessini. Facciamo spumante perché qui ha senso farlo, perché abbiamo una varietà in grado di dare in modo costante altissima qualità. Abbiamo tutte le carte in regola per dimostrare e affermare che il Durello è un vino dalla vita infinita e con il tempo, anche le vecchie annate daranno grandi soddisfazioni. Servono davvero poche parole per comunicare qualcosa di unico.

Uno dei temi importanti di questa due giorni sul Durello è il grande patrimonio enoturistico che le due province possiedono. Cosa caratterizza questi luoghi e come si legano al vitigno?
Verona è da sempre una città visitata insieme a Soave e ora anche Vicenza; questo ci permette di attrarre sul territorio turisti desiderosi di scoprire non solo i beni culturali e le ricchezze paesaggistiche ambientali, ma soprattutto quelle enogastronomiche delle nostre zone che peraltro, raccontano in modo specifico le nostre bollicine. Siamo in una striscia pedologica, in uno specifico substrato che ben caratterizza queste colline pre-montane, dove troviamo un incredibile varietà di terreni. Quando si visitano luoghi come i Musei dei Fossili di Camposilvano o di Bolca si capisce come la presenza del mare si sia tradotta in calici dalla polverosità marina, dal gesso, dallo iodio. Difficile sentire altrove una corrispondenza tra vitigno e terroir così sinergica e trascinante. Non solo ambiente però, anche accoglienza, ospitalità e buon cibo che rimane una delle principali motivazioni che spinge il turista nella scelta del viaggio. Quando portiamo il Durello in degustazione nelle varie fiere sottolineiamo, a chi desidera conoscerci davvero, di venirci a trovare. La visita in cantina rimane il modo più semplice per comunicare un vino.


Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio
Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: gli spumanti italiani non perdono un colpo

Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 wednesday 27 may 2020

Italian wines in the world: Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali. mercoledi 27 maggio 2020

Export vini sfusi: la “Belle Èpoque” prima del Covid-19

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali.

Emanuele Fiorio
In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19
mercoledi 27 maggio 2020

Prepararsi al rilancio del vino italiano negli Usa

In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19

Astrid Panizza
Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur. martedi 26 maggio 2020

Nasce CrowdWine: la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al vino italiano

Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur.

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna. martedi 26 maggio 2020

Con “The Buyer” nel Regno Unito in epoca Covid-19

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna.

Federica Mataluna
Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale. martedi 26 maggio 2020

Prepararsi alla ripresa: la gestione del capitale umano

Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale.

Astrid Panizza
Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato. martedi 26 maggio 2020

Puntare sull’Italia con nuovi dirigenti capaci di fare rete

Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato.

Emanuele Fiorio