Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 23 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Bixio Ceccheto Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet
mercoledi 07 febbraio

Il futuro dei distributori è sempre più digitale

Secondo la ricerca Nomisma - Image Line il 71% usa più di una volta al giorno Internet per svolgere il proprio lavoro, confermando un trend in aumento in tutte le categorie della filiera agricola


Il futuro dei distributori è sempre più digitale
Image Line, azienda Hi-Tech italiana specializzata nei servizi informatici per le aziende agricole, e Nomisma, società di studi economici, hanno presentato durante Fieragricola a Verona, in occasione del primo Distributore Day, i risultati preliminari della ricerca su digitale e agricoltura, indagando il punto di vista dei distributori di mezzi tecnici e tecnologie per l’agricoltura.

Il Distributore ha un ruolo fondamentale nel settore: è il punto di riferimento dell’agricoltore per l’acquisto dei prodotti necessari alla coltivazione ed è colui che deve fornirne la relativa documentazione obbligatoria dopo ogni acquisto " ad esempio le schede di sicurezza di agrofarmaci e fertilizzanti " fondamentali per la tutela di operatori e consumatori.
La ricerca ha permesso di portare alla luce alcuni dati specifici sul rapporto del distributore con il digitale, quali sono gli strumenti 4.0 che utilizza a supporto della propria attività, come li utilizza, gli ambiti di interesse e quali sono le esigenze di innovazione.

Quella fotografata da Nomisma è una realtà distributiva sempre più digitale:
Il 71% degli intervistati utilizza quotidianamente Internet e più di una volta al giorno per le proprie attività, percentuale che arriva anche all’85% se si considerano i distributori che dichiarano un fatturato superiore a 3 milioni di euro.
Il 95% utilizza pagine web e banche dati online a supporto della gestione dell’azienda e il 35% app per smartphone o tablet.

Sorprendente il collegamento tra l’utilizzo del digitale e l’aumento del fatturato: il 65% dei distributori intervistati ritiene infatti che le tecnologie digitali applicate all’agricoltura possano fare da volano per l’aumento delle entrate aziendali ed infatti oggi il 72% dichiara di avere un sito internet e il 41% di volerlo utilizzare nei prossimi 5 anni per la vendita dei prodotti.
Cresce anche l’utilizzo dei social network: oggi il 49% dei rivenditori ha una pagina Facebook che utilizza per pubblicare immagini, filmati e informazioni sui prodotti.

“La ricerca con Nomisma - ha dichiarato Ivano Valmori, fondatore di Image Line - ci permette di fotografare i vantaggi derivanti dall’utilizzo degli strumenti digitali, anche per la rete distributiva, sempre più connessa e attiva sul web. Sono convinto che riconoscere un possibile aumento del fatturato grazie alla rete rappresenti un passo fondamentale nel comprendere il valore della rete per l’agricoltura italiana e i suoi grandi vantaggi in termini di competitività. Il mondo agricolo, infatti, è il protagonista di una digitalizzazione in costante evoluzione”, sottolinea Valmori. “L’utilizzo di software, strumenti di precisione e banche dati supportano il lavoro dalla rivendita al campo, contribuendo alla crescita del settore e ad una sempre maggiore sostenibilità.”

La ricerca, che ad oggi ha coinvolto un campione di 210 aziende, ha portato alla luce i vantaggi derivanti dall’utilizzo degli strumenti digitali, ma anche una criticità con cui gli operatori del settore sono portati a scontrarsi: se il 29% dei distributori intervistati dichiara di cercare su internet le schede di sicurezza e i documenti obbligatori, il 24% dichiara di avere difficoltà nel trovare le normative di interesse.

"La survey di Nomisma ha messo in evidenza il ruolo centrale che le ICT hanno oggi per i distributori di mezzi tecnici e macchine per l'agricoltura. Internet è il primo canale informativo utilizzato per conoscere le ultime innovazioni su prodotti e servizi per l'agricoltura e il fatto che oltre il 70% lo consulti più di una volta al giorno rivela un'elevata fiducia nelle ICT: quasi 7 distributori su 10 sostengono che le nuove tecnologie digitali applicate all'agricoltura potranno determinare un incremento del proprio giro d'affari nei prossimi anni" - conclude Evita Gandini Project Manager di Nomisma.



Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Ma le Anteprime a cosa dovrebbero servire?

Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Fabio Piccoli
Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani

Noemi Mengo
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo


WineMeridian