Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi
martedi 08 maggio

Il futuro del vino italiano guarda ad Est?

Il Giappone tra i mercati più attraenti grazie alla caduta della barriera doganale


Il futuro del vino italiano guarda ad Est?

Un convenience store giapponese - Konbini


Oggi guardiamo ad Est (come del resto pare stia guardando il futuro del vino italiano secondo i recenti dati - Vinitaly/Wine Monitor) e ci concentriamo su un mercato che per molti versi si sta rivelando tra i più attraenti per il mondo del vino. Ad oggi il mercato giapponese è a tutti gli effetti identificato, assieme a quello cinese, suo vicino geografico, tra i più grandi nell'area asiatica. Per grandezza e volume di importazione, infatti, si classifica al secondo posto, contando circa 30-36 milioni di consumatori che poco a poco si stanno allontanando dai più tradizionali saké e birra. A dimostrazione di quanto il vino si stia facendo largo nel paese del Sol Levante basta pensare che nel 2008 il consumo annuale di vino era pari a 2,9 litri pro-capIte mentre nel 2016 abbiamo un incremento ponderale che arriva ai 3,5 litri. Ma come si sta comportando l’Italia?

Dando uno sguardo ai risultati italiani, le importazioni per volume sono in crescita, trainate sicuramente dalle bollicine, al quinto posto per importazione, ma anche dai vini biologici e i rossi.
Oltre alla bollicina, dominata dal Prosecco che fa impazzire i giapponesi, infatti, altri vini molto apprezzati sono: Sangiovese con un indice di gradimento pari al 41%, Merlot al 35% seguito poi dai Pinot Noir che si aggirano attorno al 28%.
Recentemente, l’indagine congiunta Vinitaly-Wine Monitor, ha confermato che anche in Giappone, secondo gli stakeholder intervistati, saranno soprattutto i prodotti biologici e quelli "premium" - cioè la fascia che costa oltre i 20 dollari a bottiglia -  a determinare il successo futuro: la tendenza-green predominante nei mercati storici (Germania, Usa, Regno Unito e Giappone), e la fascia premium che contagerà ulteriormente gli Usa e gli emergenti Russia e Cina. Buoni auspici anche sugli autoctoni, indicati trend del futuro specialmente in Giappone ma anche in Russia e Stati Uniti, mentre è previsto un ritorno di fiamma per i rossi fermi, seconda tipologia più promettente dietro alle ormai immancabili bollicine.

Per chi volesse avvicinarsi al mercato giapponese deve tenere a mente che l'operatore giapponese, ma anche lo stesso consumatore, si interessa alla provenienza del vino che sta acquistando, a conferma dell’interesse per tutto ciò che è territoriale e autoctono, e che attualmente i vini italiani vengono distribuiti attraverso due canali principali: il comparto Ho.Re.Ca, che occupa circa il 65%, e i negozi, siano essi supermarket o Konbini (piccoli negozietti di quartiere aperti 24H al giorno).

Un consiglio? Tenete sott'occhio i Konbini, benché siano una realtà non familiare alla cultura italiana, questi negozi hanno un grande impatto in fatto di vendita di vini, soprattutto quelli italiani.
Dando uno sguardo al futuro, con più precisione verso il 2019, l'annunciato ribasso delle tariffe doganali potrebbe portare i vini italiani ad un significativo incremento delle vendite. Per quel che concerne i vini, infatti il recente accordo di parternariato economico Italia-Giappone, porterà ad una liberalizzazione totale del mercato (dazi zero) che ci consentirà di competere ad armi pari con alcuni competitor fra cui quelli cileni che, da quando Giappone e Cile hanno firmato l’Accordo di libero scambio, hanno registrato incrementi da capogiro nelle vendite verso il Sol Levante.
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino