Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah

Il futuro del vino nella GDO?

Passa dalla collaborazione con le cantine e dalla formazione degli addetti


Il futuro del vino nella GDO?
Abbiamo recentemente commentato i dati IRI sulla GDO.
La panoramica tracciata dall’IRI mostra un innalzamento dei consumi in termini di valore, la diminuzione di bottiglioni, dame e del brick e la crescita dei vini territoriali (DOC, DOCG e IGT) in bottiglia da 0,75 lt.
Con il progressivo ricambio generazionale la GDO deve rispondere alle esigenze dei nuovi consumatori, sempre più desiderosi di novità (l’86% afferma di essere propenso a sperimentare nuovi prodotti) e sempre più coinvolti rispetto ai prodotti enoici (il 33% si informa, spesso su siti specializzati online, prima di acquistare il vino).

Il vino, anche nel canale moderno, sarebbe dunque un prodotto ormai maturo, e la GDO si sta attrezzando per soddisfare questa nuova domanda di qualità.
“Siamo sulla strada giusta, auspicata da tempo,” ha detto Cesare Cecchi, Consigliere di Federvini (Chianti Cecchi), in un recente intervento pubblico “Non dobbiamo assolutamente tradire questa qualità che viene cercata dal consumatore, sarebbe un errore imperdonabile”.

Diversi sono i punti su cui la grande distribuzione sta lavorando per rispondere alle mutate esigenze della clientela.

In questi anni tutte le catene distributive hanno ampliato l’assortimento verso l’alto e hanno poi progressivamente approfondito l’offerta di vini nelle varie fasce di prezzo, al punto che, secondo il consigliere di Federvini Emilio Pedron, i tempi sarebbero maturi per una presenza in GDO delle referenze più prestigiose, quelle che normalmente si trovano nel canale HORECA.
Non tutti la pensano così, però, nel mondo della produzione. La difficoltà di creare relazioni di fiducia con grandi produttori vinicoli di marca è un fatto denunciato da tutti i rappresentanti del canale moderno.
Secondo Eugenio Gamboni, Direttore Acquisti Gruppo Vegè, “quello tra GDO e produttori italiani resta un asse da consolidare, fatto prevalentemente da piccole e medie imprese, legate a conduzioni famigliari […] con le quali si discute e ci si confronta liberamente, distanti dal mondo molto più complesso della grande industria e delle multinazionali.”

Uno dei punti più critici per lo sviluppo di un rapporto di fiducia con le realtà più importanti è la politica di prezzo, in particolare l’uso della leva promozionale che ancora si attesta mediamente attorno al 50%. “Quando un tuo vino importante, proveniente da un’area che produce un numero esiguo di bottiglie, viene arbitrariamente messo in promozione al 50%, l’immagine di quel vino è compromessa, perché il consumatore resta confuso riguardo al reale valore del prodotto,” racconta un produttore che desidera rimanere anonimo.

Poi c’è il tema della comunicazione, sempre più importante di fronte a un cliente che cerca attivamente informazioni sul prodotto. È fondamentale presidiare tutti i touchpoint offline e online, inclusi quelli sul punto vendita, con una comunicazione che valorizzi il territorio e spieghi i prodotti, generando al contempo fiducia nell’insegna.

La distribuzione si sta indubbiamente muovendo nella giusta direzione, tuttavia le ragioni dei produttori diffidenti non sono dettate puramente dal timore di innovare o dalla paura di scombinare gli equilibri costituiti.
Più un vino è di qualità, gode di buona reputazione ed è costoso più è importante che la sua gestione sia impeccabile in termini di inserimento in assortimento, di conservazione, di annate commerciate, di informazioni al consumatore e di prezzi.
Affinché la grande distribuzione possa dare ai produttori le garanzie che cercano le parole chiave sono competenza degli addetti e comunicazione all’interno delle aziende distributive. È necessario che tutti coloro che si occupano della categoria abbiano un livello di competenza adeguato e che i criteri di gestione per le diverse referenze e fasce di prezzo siano comunicate chiaramente lungo la catena gerarchica.

Allo stesso modo, è ancora presto perché la GDO si possa proporre come canale di riferimento per i prodotti di fascia più alta. Deve ancora guadagnarsi la piena fiducia del cliente più esigente, che è meno elastico al prezzo ma pretende servizio e vini trattati con la cura necessaria a garantire che arrivino sulla propria tavola nelle migliori condizioni di conservazione.
Marta Geri

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo
Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!
mercoledi 13 giugno

Ultime possibilità per unirsi al Tour Vietnam 2018 con Unexpected Italian

Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!

Sembra strano, ma parlando di valore quello che è ovvio per i prodotti e i servizi viene completamente disatteso quando si parla del lavoro delle persone.

Chi decide la retribuzione corretta per un manager?

Sembra strano, ma parlando di valore quello che è ovvio per i prodotti e i servizi viene completamente disatteso quando si parla del lavoro delle persone.