Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 20 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace

Il futuro del vino nella GDO?

Passa dalla collaborazione con le cantine e dalla formazione degli addetti


Il futuro del vino nella GDO?
Abbiamo recentemente commentato i dati IRI sulla GDO.
La panoramica tracciata dall’IRI mostra un innalzamento dei consumi in termini di valore, la diminuzione di bottiglioni, dame e del brick e la crescita dei vini territoriali (DOC, DOCG e IGT) in bottiglia da 0,75 lt.
Con il progressivo ricambio generazionale la GDO deve rispondere alle esigenze dei nuovi consumatori, sempre più desiderosi di novità (l’86% afferma di essere propenso a sperimentare nuovi prodotti) e sempre più coinvolti rispetto ai prodotti enoici (il 33% si informa, spesso su siti specializzati online, prima di acquistare il vino).

Il vino, anche nel canale moderno, sarebbe dunque un prodotto ormai maturo, e la GDO si sta attrezzando per soddisfare questa nuova domanda di qualità.
“Siamo sulla strada giusta, auspicata da tempo,” ha detto Cesare Cecchi, Consigliere di Federvini (Chianti Cecchi), in un recente intervento pubblico “Non dobbiamo assolutamente tradire questa qualità che viene cercata dal consumatore, sarebbe un errore imperdonabile”.

Diversi sono i punti su cui la grande distribuzione sta lavorando per rispondere alle mutate esigenze della clientela.

In questi anni tutte le catene distributive hanno ampliato l’assortimento verso l’alto e hanno poi progressivamente approfondito l’offerta di vini nelle varie fasce di prezzo, al punto che, secondo il consigliere di Federvini Emilio Pedron, i tempi sarebbero maturi per una presenza in GDO delle referenze più prestigiose, quelle che normalmente si trovano nel canale HORECA.
Non tutti la pensano così, però, nel mondo della produzione. La difficoltà di creare relazioni di fiducia con grandi produttori vinicoli di marca è un fatto denunciato da tutti i rappresentanti del canale moderno.
Secondo Eugenio Gamboni, Direttore Acquisti Gruppo Vegè, “quello tra GDO e produttori italiani resta un asse da consolidare, fatto prevalentemente da piccole e medie imprese, legate a conduzioni famigliari […] con le quali si discute e ci si confronta liberamente, distanti dal mondo molto più complesso della grande industria e delle multinazionali.”

Uno dei punti più critici per lo sviluppo di un rapporto di fiducia con le realtà più importanti è la politica di prezzo, in particolare l’uso della leva promozionale che ancora si attesta mediamente attorno al 50%. “Quando un tuo vino importante, proveniente da un’area che produce un numero esiguo di bottiglie, viene arbitrariamente messo in promozione al 50%, l’immagine di quel vino è compromessa, perché il consumatore resta confuso riguardo al reale valore del prodotto,” racconta un produttore che desidera rimanere anonimo.

Poi c’è il tema della comunicazione, sempre più importante di fronte a un cliente che cerca attivamente informazioni sul prodotto. È fondamentale presidiare tutti i touchpoint offline e online, inclusi quelli sul punto vendita, con una comunicazione che valorizzi il territorio e spieghi i prodotti, generando al contempo fiducia nell’insegna.

La distribuzione si sta indubbiamente muovendo nella giusta direzione, tuttavia le ragioni dei produttori diffidenti non sono dettate puramente dal timore di innovare o dalla paura di scombinare gli equilibri costituiti.
Più un vino è di qualità, gode di buona reputazione ed è costoso più è importante che la sua gestione sia impeccabile in termini di inserimento in assortimento, di conservazione, di annate commerciate, di informazioni al consumatore e di prezzi.
Affinché la grande distribuzione possa dare ai produttori le garanzie che cercano le parole chiave sono competenza degli addetti e comunicazione all’interno delle aziende distributive. È necessario che tutti coloro che si occupano della categoria abbiano un livello di competenza adeguato e che i criteri di gestione per le diverse referenze e fasce di prezzo siano comunicate chiaramente lungo la catena gerarchica.

Allo stesso modo, è ancora presto perché la GDO si possa proporre come canale di riferimento per i prodotti di fascia più alta. Deve ancora guadagnarsi la piena fiducia del cliente più esigente, che è meno elastico al prezzo ma pretende servizio e vini trattati con la cura necessaria a garantire che arrivino sulla propria tavola nelle migliori condizioni di conservazione.
Marta Geri

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo
Intervista a Daniele Balestriero di Metline, l'azienda produttrice di ENO Software lunedi 12 febbraio

Dinamicità e innovazione: quando il mercato richiede un salto di qualità

Intervista a Daniele Balestriero di Metline, l'azienda produttrice di ENO Software

Continua il lavoro di ricerca sul territorio di Cantina Valpolicella Negrar che, nel festeggiare gli 85 anni di attività, presenta tre nuovi cru Domìni Veneti prodotti nella vallata di Marano: l'Amarone, il Ripasso e il Valpolicella Superiore Pruviniano venerdi 09 febbraio

Domìni Veneti presenta Pruviniano, una collezione dal taglio femminile

Continua il lavoro di ricerca sul territorio di Cantina Valpolicella Negrar che, nel festeggiare gli 85 anni di attività, presenta tre nuovi cru Domìni Veneti prodotti nella vallata di Marano: l'Amarone, il Ripasso e il Valpolicella Superiore Pruviniano



WineMeridian