Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
domenica 20 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

 http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/

Il futuro del vino visto dai “tappi”

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori


Il futuro del vino visto dai “tappi”
Non c’è magazine del vino che non tratti ormai da un paio d’anni, in quasi ogni numero, il tema della chiusura dei vini, insomma dei tappi.
Il terrore nei confronti del TCA (il tricloroanisolo, la sostanza che conferisce il cosiddetto sentore di tappo nel vino) da parte dei produttori che spesso si vedono vanificare gli sforzi produttivi in quei pochi centimetri di sughero che chiudono le loro bottiglie, ha influito moltissimo non solo sulla proliferazione di alternative al tappo “naturale” ma anche ormai nelle percezioni da parte dei consumatori.
Ormai bisogna fare una netta distinzione tra quello che è il dibattito tecnico-scientifico e quello legato, in senso generale, al marketing.
Sul primo fronte le industrie delle “chiusure” sono in guerra costante, a suon di ricerche, per dimostrare la bontà di una tipologia di un tappo rispetto ad un altro.
In qualche misura è stato superato anche il tema del costo perché oggi esistono chiusure alternative al sughero naturale che hanno prezzi superiori a quest’ultimo.
Come pure, in questi ultimi anni la “questione tappo” è stata affrontata anche dal punto di vista ecologico legandola alla problematica dello sfruttamento ritenuto da taluni eccessivo delle sugherete.
Sono sempre di più, pertanto, gli elementi che caratterizzano il dibattito sulle chiusure dei vini a qualsiasi latitudine.
Va però sottolineato come oggi la discussione appare spesso di tipo “ideologico” più che scientifico ma questa ormai è diventata una costante di quest’epoca, su molte tematiche anche più importanti rispetto a quella delle chiusure delle bottiglie di vino.
Indubbiamente il “tappo”, in tutte le sue forme e tipologie ha assunto un ruolo sempre più strategico nell’immagine del vino.
E c’era da immaginarselo considerando due aspetti fondamentali: il primo, il più ovvio, che il sentore di tappo è una vera e propria iattura che incide sui produttori, sui ristoratori, sul trade in generale e quasi sempre anche sui consumatori. Utilizziamo l’avverbio quasi perché almeno la ristorazione più seria (ci piacerebbe dire la maggioranza), sostituisce la bottiglia fallata senza metterla in conto ai clienti.
Ma quando l’acquisto avviene in un supermercato (nella maggioranza dei casi) ma spesso anche nelle enoteche il danno ricade totalmente sui consumatori ma anche sull’immagine dei produttori.
La seconda principale ragione del crescente interesse nei confronti dei tappi ha a che fare con i cosiddetti fattori immateriali legati alla comunicazione e all’immagine del vino.
E si tratta di fattori che si sono evoluti nel tempo con un’accelerazione mostruosa in quest’ultimo decennio.
Per questa ragione se fino ad una quindicina di anni fa, forse anche meno, il tappo di sughero rappresentava un “must” inevitabile per qualsiasi tipologia di vino che voleva essere percepita qualitativamente adeguata, oggi le cose sono molto cambiate.
Ma attenzione, non significa che il tappo di sughero abbia perso completamente la sua tradizionale “nobilità” e ruolo nella qualificazione di un vino, ma sicuramente si è modificata rispetto al passato.
Siamo, infatti, anche riguardo alle chiusure, in una società dei consumi molto più “liquida”, come direbbe il compianto sociologo Zygmunt Baumann, cioè non vi sono più fattori rigidi, dogmatici.
Sostanzialmente ogni produttore deve motivare la sua scelta e legittimarla agli occhi dei suoi clienti del suo target.
Come la stessa industria di produzione di tappi e chiusure deve essere in grado non solo di evolvere il livello qualitativo della propria offerta ma essere anche in grado di comunicare in maniera efficace sia ai produttori (primi loro clienti) ma anche al trade e ai consumatori.
Su quest’ultimo fronte, ad esempio, molto importante la recente comunicazione diffusa da Amorim, il più grande produttore mondiale di tappi in sughero, che entro il 2020 saranno in grado di garantire la totale eradicazione del TCA dai loro miliardi di tappi prodotti.
Ma più in generale oggi la tematica del tappo ha assunto un ruolo chiave nella comunicazione dell’immagine complessiva di un vino ma anche di un’azienda.
Tutte le case produttrici di chiusure, infatti, oggi sono chiamate a offrire “tappi su misura”, capaci non solo di soddisfare i fabbisogni tecnici ma anche quelli legati all’immagine di uno specifico prodotto e dell’azienda nel suo complesso.
Questo sta avvenendo ormai in qualsiasi elemento del packaging, dal vetro all’etichetta, dalla capsula al tappo.
Ma tutta questa accelerazione, non dobbiamo mai dimenticarlo, avviene perché esiste oggi un soggetto che è diventato un driver chiave di tutti i cambiamenti attuali, il consumatore.
Ci piaccia o no è lui il decisore, è lui che ci può dare le indicazioni più utili rispetto alle nostre scelte.
Ed è un consumatore che mai come nel passato non ama le imposizioni, è pieno di dubbi e molto infedele.
Oggi la sfida per le aziende, infatti, è cercare di individuare meglio rispetto al passato il proprio target. “Sparare nel mucchio”, infatti, oggi si traduce in sicuro fallimento.
La domanda di come si possa oggi “influenzare” un consumatore e renderlo più consapevole su un tema come il “tappo” è legittima ma la risposta non è certo facile.
La maggior fonte di informazioni per i consumatori oggi, infatti, è il web. Provate allora a mettere su qualsiasi motore di ricerca, partendo dal più noto google, vi troverete circa 481.000 risposte (se ci limitiamo a quelle italiane). Noi ci siamo fermati alle prime 148, poi eravamo esausti e faremmo fatica a trovare un denominatore comune se non il classico e immancabile “dipende”.
E dal momento che dipende il consumatore decide con la propria testa.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
venerdi 18 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano 
mercoledi 09 gennaio

Come recuperare l'appeal del vino italiano in Svizzera

Punti di forza e di debolezza di un Paese storicamente interessante per i produttori italiani, che però mostra oggi qualche resistenza. Tre consigli chiave per ridare smalto al vino italiano

Federica Lago
Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi martedi 08 gennaio

Vietnam Wine Tour 2019: due tappe per presidiare uno dei più promettenti mercati asiatici

Per il secondo anno Wine Meridian, in partnership con Unexpected Italian, ritorna in Vietnam: il 30 settembre ad Ho Chi Minh e il 3 ottobre ad Hanoi



http://www.winemeridian.com/