Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
sabato 22 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net www.ilvinocomunica.it Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/

Il futuro del vino visto dai “tappi”

Mai come in questi ultimi anni si è acceso il dibattito sulle diverse tipologie di tappi che nel tempo hanno assunto un ruolo sempre più importante non solo nella qualificazione dei vini ma anche nella percezione da parte dei consumatori


Il futuro del vino visto dai “tappi”
Non c’è magazine del vino che non tratti ormai da un paio d’anni, in quasi ogni numero, il tema della chiusura dei vini, insomma dei tappi.
Il terrore nei confronti del TCA (il tricloroanisolo, la sostanza che conferisce il cosiddetto sentore di tappo nel vino) da parte dei produttori che spesso si vedono vanificare gli sforzi produttivi in quei pochi centimetri di sughero che chiudono le loro bottiglie, ha influito moltissimo non solo sulla proliferazione di alternative al tappo “naturale” ma anche ormai nelle percezioni da parte dei consumatori.
Ormai bisogna fare una netta distinzione tra quello che è il dibattito tecnico-scientifico e quello legato, in senso generale, al marketing.
Sul primo fronte le industrie delle “chiusure” sono in guerra costante, a suon di ricerche, per dimostrare la bontà di una tipologia di un tappo rispetto ad un altro.
In qualche misura è stato superato anche il tema del costo perché oggi esistono chiusure alternative al sughero naturale che hanno prezzi superiori a quest’ultimo.
Come pure, in questi ultimi anni la “questione tappo” è stata affrontata anche dal punto di vista ecologico legandola alla problematica dello sfruttamento ritenuto da taluni eccessivo delle sugherete.
Sono sempre di più, pertanto, gli elementi che caratterizzano il dibattito sulle chiusure dei vini a qualsiasi latitudine.
Va però sottolineato come oggi la discussione appare spesso di tipo “ideologico” più che scientifico ma questa ormai è diventata una costante di quest’epoca, su molte tematiche anche più importanti rispetto a quella delle chiusure delle bottiglie di vino.
Indubbiamente il “tappo”, in tutte le sue forme e tipologie ha assunto un ruolo sempre più strategico nell’immagine del vino.
E c’era da immaginarselo considerando due aspetti fondamentali: il primo, il più ovvio, che il sentore di tappo è una vera e propria iattura che incide sui produttori, sui ristoratori, sul trade in generale e quasi sempre anche sui consumatori. Utilizziamo l’avverbio quasi perché almeno la ristorazione più seria (ci piacerebbe dire la maggioranza), sostituisce la bottiglia fallata senza metterla in conto ai clienti.
Ma quando l’acquisto avviene in un supermercato (nella maggioranza dei casi) ma spesso anche nelle enoteche il danno ricade totalmente sui consumatori ma anche sull’immagine dei produttori.
La seconda principale ragione del crescente interesse nei confronti dei tappi ha a che fare con i cosiddetti fattori immateriali legati alla comunicazione e all’immagine del vino.
E si tratta di fattori che si sono evoluti nel tempo con un’accelerazione mostruosa in quest’ultimo decennio.
Per questa ragione se fino ad una quindicina di anni fa, forse anche meno, il tappo di sughero rappresentava un “must” inevitabile per qualsiasi tipologia di vino che voleva essere percepita qualitativamente adeguata, oggi le cose sono molto cambiate.
Ma attenzione, non significa che il tappo di sughero abbia perso completamente la sua tradizionale “nobilità” e ruolo nella qualificazione di un vino, ma sicuramente si è modificata rispetto al passato.
Siamo, infatti, anche riguardo alle chiusure, in una società dei consumi molto più “liquida”, come direbbe il compianto sociologo Zygmunt Baumann, cioè non vi sono più fattori rigidi, dogmatici.
Sostanzialmente ogni produttore deve motivare la sua scelta e legittimarla agli occhi dei suoi clienti del suo target.
Come la stessa industria di produzione di tappi e chiusure deve essere in grado non solo di evolvere il livello qualitativo della propria offerta ma essere anche in grado di comunicare in maniera efficace sia ai produttori (primi loro clienti) ma anche al trade e ai consumatori.
Su quest’ultimo fronte, ad esempio, molto importante la recente comunicazione diffusa da Amorim, il più grande produttore mondiale di tappi in sughero, che entro il 2020 saranno in grado di garantire la totale eradicazione del TCA dai loro miliardi di tappi prodotti.
Ma più in generale oggi la tematica del tappo ha assunto un ruolo chiave nella comunicazione dell’immagine complessiva di un vino ma anche di un’azienda.
Tutte le case produttrici di chiusure, infatti, oggi sono chiamate a offrire “tappi su misura”, capaci non solo di soddisfare i fabbisogni tecnici ma anche quelli legati all’immagine di uno specifico prodotto e dell’azienda nel suo complesso.
Questo sta avvenendo ormai in qualsiasi elemento del packaging, dal vetro all’etichetta, dalla capsula al tappo.
Ma tutta questa accelerazione, non dobbiamo mai dimenticarlo, avviene perché esiste oggi un soggetto che è diventato un driver chiave di tutti i cambiamenti attuali, il consumatore.
Ci piaccia o no è lui il decisore, è lui che ci può dare le indicazioni più utili rispetto alle nostre scelte.
Ed è un consumatore che mai come nel passato non ama le imposizioni, è pieno di dubbi e molto infedele.
Oggi la sfida per le aziende, infatti, è cercare di individuare meglio rispetto al passato il proprio target. “Sparare nel mucchio”, infatti, oggi si traduce in sicuro fallimento.
La domanda di come si possa oggi “influenzare” un consumatore e renderlo più consapevole su un tema come il “tappo” è legittima ma la risposta non è certo facile.
La maggior fonte di informazioni per i consumatori oggi, infatti, è il web. Provate allora a mettere su qualsiasi motore di ricerca, partendo dal più noto google, vi troverete circa 481.000 risposte (se ci limitiamo a quelle italiane). Noi ci siamo fermati alle prime 148, poi eravamo esausti e faremmo fatica a trovare un denominatore comune se non il classico e immancabile “dipende”.
E dal momento che dipende il consumatore decide con la propria testa.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 sabato 22 settembre

Italian wines in the world: "I Coali" Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 di Azienda Agricola Coali

Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 "I Coali" di Azienda Agricola Coali

Il formato di colloqui speed dating ideato da Wine People e Vinitaly International per la quarta volta all’Hong Kong International Wine and Spirits Fair (HKIWSF) il 10 novembre 2018

Sei specializzato in mercati asiatici? #HireMeVinitaly ritorna ad Hong Kong per selezionare professionisti di mercato asiatico

Il formato di colloqui speed dating ideato da Wine People e Vinitaly International per la quarta volta all’Hong Kong International Wine and Spirits Fair (HKIWSF) il 10 novembre 2018

Secondo Wine Spectator il vino italiano è come Goldilocks (Riccioli d’Oro) la bambina della fiaba che tra i tre porridge da scegliere preferisce né quello troppo caldo né quello troppo freddo ma quello alla temperatura “giusta”

Il vino italiano è come Riccioli d’Oro

Secondo Wine Spectator il vino italiano è come Goldilocks (Riccioli d’Oro) la bambina della fiaba che tra i tre porridge da scegliere preferisce né quello troppo caldo né quello troppo freddo ma quello alla temperatura “giusta”

Fabio Piccoli
40 talenti junior internazionali hanno partecipato al Boot Camp organizzato da Allegrini presso la veronese Villa della Torre giovedi 20 settembre

Allegrini investe sui giovani

40 talenti junior internazionali hanno partecipato al Boot Camp organizzato da Allegrini presso la veronese Villa della Torre

Agnese Ceschi
Lo speed date dove domanda e offerta di figure per l’export del vino si incontrano, martedì 27 novembre a Wine2Wine 2018. 
giovedi 20 settembre

Alla ricerca di un Export Manager in azienda? Ritorna #HireMeVinitaly a Wine2Wine 2018

Lo speed date dove domanda e offerta di figure per l’export del vino si incontrano, martedì 27 novembre a Wine2Wine 2018. 

Mercoledì 28 novembre, durante Wine2Wine a Verona non perdere #HireMeVinitaly di Vinitaly International e Wine People, lo speed date per incontrare aziende alla ricerca di risorse umane
giovedi 20 settembre

Cerchi lavoro nel mondo del vino? A Wine2Wine 2018 ritorna #HireMeVinitaly!

Mercoledì 28 novembre, durante Wine2Wine a Verona non perdere #HireMeVinitaly di Vinitaly International e Wine People, lo speed date per incontrare aziende alla ricerca di risorse umane

La confidenza dei consumatori nella categoria del vino sta crescendo, guidata dall’esperienza economica e di consumo e, in generale, dal coinvolgimento crescente nel prodotto enologico, è quanto segnala l’ultimo report di Wine Intelligence. 
giovedi 20 settembre

UK Portrait 2018: La panoramica di Wine Intelligence sui consumatori di oggi nel Regno Unito

La confidenza dei consumatori nella categoria del vino sta crescendo, guidata dall’esperienza economica e di consumo e, in generale, dal coinvolgimento crescente nel prodotto enologico, è quanto segnala l’ultimo report di Wine Intelligence.

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana! giovedi 20 settembre

Partecipa a Vinexpo New York a marzo 2019 con Wine Meridian

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana!

Il video giovedi 20 settembre

Wine Spectator Video Contest 2018: primo premio al "corto" sulle Cantine Marchesi di Barolo

Il video "The Soul of Barolo" del regista Will Miceli trionfa al Wine Spectator Video Contest 2018

Praga, Varsavia e Kiev, le tappe del Consorzio Valpolicella. A Praga anche la prima lezione condotta da un Valpolicella Wine Specialist 
mercoledi 19 settembre

Riparte dall'Est Europa il Valpolicella 50 Anniversary Tour

Praga, Varsavia e Kiev, le tappe del Consorzio Valpolicella. A Praga anche la prima lezione condotta da un Valpolicella Wine Specialist

La relazione diretta con i consumatori finali e la disintermediazione delle vendite appare sempre di più il modello di commercializzazione dei vini nel futuro

Il Direct-To-Customer (DTC) è il futuro?

La relazione diretta con i consumatori finali e la disintermediazione delle vendite appare sempre di più il modello di commercializzazione dei vini nel futuro

Francesco Piccoli
Lo stilista Lorenzo Mossa gli dedica un abito di alta moda martedi 18 settembre

Il Soave Classico Superiore Rocca Sveva cambia nome e look

Lo stilista Lorenzo Mossa gli dedica un abito di alta moda

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
La Cantina maremmana presenta il nuovo logo, il nuovo sito e la nuova grafica delle etichette.

Nuova immagine per il Rigoloccio

La Cantina maremmana presenta il nuovo logo, il nuovo sito e la nuova grafica delle etichette.

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero