Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
sabato 16 dicembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Enartis http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura Tommasi Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina

Il Giappone invecchia, rischi anche per il mercato del vino

Il report 2017 di Wine Intelligence sul mercato del vino in Giappone evidenzia un leggero declino di volumi venduti dopo un periodo di grande crescita, dovuto anche all’invecchiamento dei tradizionali consumatori di vino giapponesi (la metà sopra i 55 anni)


Il Giappone invecchia, rischi anche per il mercato del vino
Sempre molto interessanti i report di Wine Intelligence che analizzano in maniera approfondita i principali mercati del vino a livello mondiale.
In questi giorni è stato diffuso quello relativo al mercato giapponese che evidenzia alcune importanti evoluzioni, alcune positivi altre meno.
Innanzitutto secondo i dati di Wine Intelligence si registra, dopo un lungo periodo di crescita, un primo segnale di riduzione dei volumi venduti in Giappone. I 30 milioni di consumatori regolari di vino giapponesi avrebbero registrato un declino nei consumi pro capite lo scorso anno.
Questa diminuzione si inserisce in una generale riduzione del consumo di alcol e il vino, su questo fronte, sembra subire maggiormente questo calo rispetto ad altre bevande alcoliche.
Secondo Wine Intelligence questa riduzione si inserisce nel progressivo invecchiamento della popolazione giapponese che influenzerà non poco, secondo gli analisti inglesi, anche il futuro del mercato del vino in questo Paese.
I dati demografici attuali evidenziano come oltre la metà dei consumatori regolari di vino in Giappone oggi ha un’età superiore ai 55 anni.
E dall’analisi di Wine Intelligence emerge come i consumatori più giovani e anche i nuovi consumatori sarebbero orientati maggiormente ai vini del Nuovo mondo che starebbe costruendo una comunicazione più efficace sfruttando in particolare quella digitale e orientandola fortemente alle generazioni più giovani.
Per quanto concerne i canali di distribuzione in vetta alle vendite di vino sono i ‘convenience store’ che in quest’ultimo periodo hanno visto accrescere anche le etichette di vino nei loro scaffali a dimostrazione di una crescente attenzione al prezzo da parte dei consumatori giapponesi.
Non a caso Wine Intelligence rileva anche un conseguente maggior ingresso di vino a basso prezzo sul mercato giapponese.
E su questo fronte i vini del Vecchio mondo sono percepiti tendenzialmente meno “convenienti” e di conseguenza hanno visto diminuire il proprio appeal rispetto al recente passato.
Ciò non toglie che l’on trade (horeca) rimane un canale molto importante in Giappone, soprattutto per le produzioni di maggior qualità. Secondo gli analisti di Wine Intelligence, infatti, si tratta del canale che riesce maggiormente influenzare i consumatori che vedono nel brand aziendale e nell’origine del vino gli elementi maggiormente importanti nelle loro scelte.
Per quanto riguarda i Paesi produttori maggiormente performanti in Giappone in quest’ultimo periodo il Cile sembra veder registrare la crescita maggiore con circa 6 brand nella top ten della brand awareness.
Alpaca risulta il brand più riconosciuto tra i 15 top, ma ottima “awareness” registrano anche Yellow Tail, Sunrise e Madonna.
In crescita anche la percezione di qualità nei confronti del vino giapponese anche se permangono alcune perplessità sul fronte della sostenibilità.
Molta confusione, invece, sul tema dei vini naturali e biologici. Vi è un grande interesse ma permane una notevole difficoltà da parte dei consumatori giapponesi ma anche del trade di capirne i reali significati.
Infine, per quanto concerne, le caratteristiche dei vini maggiormente ricercate dai consumatori giapponesi, nei rossi un perfetto equilibrio, forti sentori di frutta matura (in particolare lampone e mora), facili da bere; nei bianchi viene preferito l’equilibrio e la freschezza (non a caso i sentori agrumati sono quelli preferiti dai consumatori giapponesi). Vi è su questo fronte una netta contrapposizione tra i consumatori regolari più esperti che prediligono le versioni più secche (dry), mentre i meno esperti si polarizzano su quelli più dolci.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015 saturday 16 december

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra sabato 16 dicembre

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer. venerdi 15 dicembre

Igers Veneto, la comunità veneta di instagram, brinda al Natale al caffè Dante di Verona

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer.

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

venerdi 15 dicembre

In Giappone, dove le potenzialità di sviluppo sono ancora tante

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

Fabio Piccoli
Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator giovedi 14 dicembre

A Miami il vino italiano risveglia i ricordi dei turisti

Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo
mercoledi 13 dicembre

The Wine Net sbarca in Giappone

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

Il Venditore di vino tradizionale è in via di estinzione

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero. mercoledi 13 dicembre

Consorzio Vini Venezia - una storia con radici profonde, 5 denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio!

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero.

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Monte Zovo, dove qualità fa rima con modernità

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta martedi 12 dicembre

Cina, dove l’Italia del vino sbaglia tutto

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta

Fabio Piccoli
Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano lunedi 11 dicembre

Nasce a Castiglione del Lago 'Il Coordinamento Nazionale delle Strade del Vino, dell'Olio e dei Sapori italiani'

Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra lunedi 11 dicembre

L’International Bulk Wine and Spirits Show sbarca a Londra

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi lunedi 11 dicembre

Impasse italiano negli Usa, Francia allunga

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi

Il community management, in italiano la gestione della community, è il passo successivo per coloro che hanno deciso di essere presenti online. lunedi 11 dicembre

Una community attiva è una community che converte!

Il community management, in italiano la gestione della community, è il passo successivo per coloro che hanno deciso di essere presenti online.

Elena Mazzali, esperta di Social Media Marketing


WineMeridian