Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
martedi 17 settembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ STUDIO GIURI http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere

Il manager del vino ideale? Multidisciplinare

Perché, dal nostro punto di vista, è sempre più importante che un manager del vino, sia esso impegnato sull’area commerciale o su quella tecnica, sia competente su più tematiche connesse allo sviluppo dell’impresa vitivinicola


Il manager del vino ideale? Multidisciplinare
Abbiamo ricevuto nei giorni scorsi alcune mail e commenti nei nostri canali social riguardo al nostro articolo sull’avvio del nostro progetto di formazione in collaborazione con Assoenologi nato al fine di migliorare anche le competenze comunicative dell’enologo.
Alcuni hanno applaudito a questa iniziativa ma altri, invece, hanno considerato questo progetto l’ennesimo tentativo di spostare, in questo caso gli enologi, su campi diversi dalla loro specializzazione, con l’ennesimo rischio della tuttologia o del cosiddetto multitasking.
Non solo, c’è anche chi ci ha, in qualche misura rimproverato, che in questo modo non diamo valore alle reali competenze, le concrete e dimostrabili specializzazioni.
In sostanza, alcuni esperti di comunicazione ci hanno contestato di voler dare spazio agli enologi in una mansione che non è la loro.
Innanzitutto ringraziamo sempre i nostri lettori per i commenti che ci inviano che per noi sono preziosi e non lo scriviamo certo per ingraziarci gli eventuali “contestatori”.
Riteniamo però siano opportune alcune precisazioni e anche alcune nostre, del tutto personali, opinioni.
Riguardo al nostro progetto formativo con Assoenologi è basato su un principio che a noi sembra oggettivamente condivisibile e cioè la necessità che gli enologi, visto il loro frequente compito di comunicare i vini e l’azienda, siano in grado almeno di conoscere le basi per una comunicazione efficace.
Nessuno ha ovviamente la pretesa di rendere gli enologi comunicatori professionisti ma è assolutamente, a nostro parere, non solo legittimo ma opportuno che figure così strategiche nell’azienda vitivinicola siano in grado di migliorare anche le loro performance comunicative.
Ma questo tema ci consente di allargare la riflessione a quelle che dovrebbero essere oggi le competenze di un manager del vino, sia sul versante tecnico che su quello commerciale.
Noi su questo fronte abbiamo, anche alla luce di una lunga esperienza, un’opinione molto chiara: il manager del vino ideale deve essere necessariamente multidisciplinare.
Ma attenzione questo non significa che deve essere un tuttologo che fa superficialmente un po’ di tutto. Significa semplicemente che sia in grado di conoscere il comparto in cui opera, il prodotto che deve commercializzare o comunicare, gli elementi basilari della comunicazione.
Ormai deve essere dichiarata completamente conclusa l’epoca in cui il “commerciale” poteva non conoscere nulla del prodotto o dell’enologo che si permetteva il lusso di non conoscere nulla del mercato e che era a digiuno delle regole anche più elementari della comunicazione.
Quest’ultima epoca rivoluzionaria che ha coinvolto anche la filiera vitivinicola ha inevitabilmente portato alla necessità di un innalzamento complessivo delle competenze. Ma questo non deve far pensare ai cosiddetti “sconfinamenti” di campo.
Certo, ci può stare che qualche enologo si possa dimostrare anche un eccellente comunicatore (e dove starebbe il male?) o che un commerciale sia anche uno straordinario esperto di produzione (quando succede è una ulteriore garanzia di successo), ma questo rappresenta esclusivamente un beneficio per tutta la filiera.
La difesa corporativistica delle diverse professioni o specializzazioni non ci ha mai convinto nel passato e tanto meno oggi.
Riteniamo, invece, che la miglior difesa della competitività del nostro sistema vitivinicolo sia proprio l’aumento delle competenze di tutte le figure professionali coinvolte nella filiera.
Un enologo che migliora la sua competenza in comunicazione, ad esempio, saprà essere anche più in grado, se ha responsabilità di gestione dell’impresa, di scegliere l’agenzia giusta, il professionista adeguato.
Crescere nelle nostre competenze, quindi, anche quelle che solo apparentemente ci sembrano più lontane dalla nostra “specializzazione” non solo è un bene per il singolo professionista ma per tutto il nostro settore.
E questo, lo vogliamo ribadire con forza, rappresenta uno dei cardini sui quali costruire o consolidare la competitività del vino italiano.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino. 
martedi 17 settembre 2019

Wine Manager Day 2019: in gioco le emozioni

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino.

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC tuesday 17 september 2019

Italian wines in the world: Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale
lunedi 16 settembre 2019

Diminuiscono i consumi ma aumenta il valore del prodotto

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori sabato 14 settembre 2019

Italian wines in the world: Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino venerdi 13 settembre 2019

La Bottega del Vino eletta "Miglior Carta Vini del Mondo per i Vini da Dessert 2019"

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni venerdi 13 settembre 2019

Dal 6 al 13 ottobre torna "Milano Wine Week", palcoscenico del vino nella città meneghina

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione
venerdi 13 settembre 2019

Quando la paura fa più danni dei problemi reali

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione

Fabio Piccoli
Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?
giovedi 12 settembre 2019

96/100? Ma dove ho sbagliato?

Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?

Noemi Mengo
Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!
mercoledi 11 settembre 2019

5 motivi per non perdere il WEMDAY 2019 se non ti sei ancora iscritto

Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.
mercoledi 11 settembre 2019

Vino biologico in crescita in 5 mercati del mondo

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.

Noemi Mengo
We have tasted for you Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017 wednesday 11 september 2019

Italian wines in the world: Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017

We have tasted for you Marchesi di Barolo's Barbera d'Alba DOC Peiragal 2017

Abbiamo degustato per voi il Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri mercoledi 11 settembre 2019

Italian wines in the world: Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri

Abbiamo degustato per voi il Rosé Brut Le Torri 2018 dell'azienda Le Torri

Giovanna Romeo
Nel mese delle previsioni, a vendemmia in corso, i tecnici viticoltori del territorio raccontano una stagione produttiva ricca di aspettative. martedi 10 settembre 2019

Pinot grigio delle Venezie DOC sulla Vendemmia 2019: quando la viticoltura crea valore

Nel mese delle previsioni, a vendemmia in corso, i tecnici viticoltori del territorio raccontano una stagione produttiva ricca di aspettative.

L'azienda trevigiana rinuncia definitivamente al termine prosecco prediligendo invece “Valdobbiadene DOCG” in tutti i canali comunicativi e sulle etichette martedi 10 settembre 2019

La coraggiosa scelta di Col Vetoraz: produrre solo "Valdobbiadene Docg"

L'azienda trevigiana rinuncia definitivamente al termine prosecco prediligendo invece “Valdobbiadene DOCG” in tutti i canali comunicativi e sulle etichette

A WEMDAY 2019 uno degli interventi sarà presidiato da Vincenzo Russo, docente di psicologia e neuromarketing all’Università IULM
martedi 10 settembre 2019

Vino e Neuromarketing: ce ne parla Vincenzo Russo

A WEMDAY 2019 uno degli interventi sarà presidiato da Vincenzo Russo, docente di psicologia e neuromarketing all’Università IULM

Noemi Mengo
A WEMDay 2019, lunedì 16 settembre, 5 interventi per diventare manager consapevoli
martedi 10 settembre 2019

Wine Export Manager Day: gli speaker vi aspettano

A WEMDay 2019, lunedì 16 settembre, 5 interventi per diventare manager consapevoli

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?
lunedi 09 settembre 2019

Terregiunte, le polemiche nascondono la “rivoluzione”

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?

Fabio Piccoli
Un’azienda legata alla nobile storia italiana, in varie sfaccettature, che oggi vuole crescere e rinnovarsi, senza dimenticare le proprie origini
lunedi 09 settembre 2019

Fattoria Varramista: una sfida per il futuro, che cresce su radici antiche

Un’azienda legata alla nobile storia italiana, in varie sfaccettature, che oggi vuole crescere e rinnovarsi, senza dimenticare le proprie origini

Noemi Mengo
La Mosella, il mercato americano e non solo: ecco cosa ci raccontano i produttori. 
domenica 08 settembre 2019

Il Riesling renano ama gli Stati Uniti

La Mosella, il mercato americano e non solo: ecco cosa ci raccontano i produttori.

Giovanna Romeo


sfondo_wm