Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
sabato 25 maggio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/

Il mercato del vino va bene, ma per chi?

Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?


Il mercato del vino va bene, ma per chi?
Quando oggi ci viene posta la fatidica domanda su come sta andando il mercato del vino noi abbiamo una risposta immediata: benissimo. E non riteniamo di sbagliare se il nostro osservatorio si “limita” ai cosiddetti dati macro economici.
Basti pensare che nel 2007, poco più di dieci anni fa, il valore del mercato del vino era di circa 147 miliardi di dollari, lo scorso anno abbiamo sfiorato i 200 miliardi e per il 2022 Iwsr prevede che raggiungeremo i 207 miliardi di dollari.
Una crescita dettata soprattutto dalla capacità delle imprese (non tutte ovviamente) di aumentare il valore aggiunto (sia nella qualificazione dei prodotti che nei prezzi) dei propri vini ma anche da quel processo di premiumisation che fortunatamente sta contaminando tutto il mondo.
Un processo di allargamento della fascia premium di fatto è legato alla disponibilità oggi di un numero maggiore di consumatori disponibili a spendere qualcosa di più per un vino che ritengono più interessante.
In estrema sintesi, pertanto, potremmo affermare che la crescita del mercato del vino è intimamente legata all’aumento del valore percepito, dal punto di vista dei volumi, infatti, sia passati dagli oltre 23.000 milioni di litri venduti nel 2007 ai circa 24.000 milioni previsti per il 2022 sempre da Iwsr. Potremmo, quindi, affermare che a fronte di un mercato pressoché stabile in termini di volumi quello che cresce è appunto il valore.
Ma quanti protagonisti del mondo del vino stanno intercettando questa tendenza di aumento del valore su praticamente quasi tutti i mercati?
Non è semplice dare una risposta, soprattutto breve, ad una domanda così complessa.
Quello che è certo, e semplice da dire, qualcuno potrebbe dire ovvio, è che le imprese che riescono ad intercettare meglio questa evoluzione del mercato sono quelle meglio organizzate, meglio gestite.
Per noi, dal nostro osservatorio, la differenza sempre di più la sta facendo la capacità imprenditoriale. Oggi, infatti, è sempre più chiaro che il “prodotto”, pur nelle sue versioni di eccellenza, da solo difficilmente riesce a conquistarsi spazi adeguati sul mercato e, soprattutto una corretta remuneratività.
Su questo fronte, pertanto, la domanda da porsi è quante sono oggi le aziende italiane strutturate in maniera adeguata per affrontare i mercati sia quello interno che quelli esteri?
Qui ci sbilanciamo un po’ di più e ci azzardiamo anche a fare qualche numero: difficilmente siamo sopra le 2.000 aziende; ne abbiamo poi circa altrettante che sono in una fase di miglioramento della loro organizzazione al fine di riuscire ad essere più competitive. Potremmo quasi affermare che le sopra citate 4.000 aziende sono più o meno le stesse che hanno partecipato, e partecipano da numerosi anni, al Vinitaly.
Una manifestazione come Vinitaly è anche molto utile per osservare le imprese più strutturate ed organizzate, capire come sono in grado di presentarsi ad una fiera, a gestire al meglio i propri appuntamenti, ad intercettare adeguatamente le nuove opportunità.
Per questa ragione non pensiamo di sbagliarci di molto affermando che circa la metà di esse si presenta con il giusto approccio e organizzazione ma sono ancora molte quelle che devono fare sforzi notevoli per migliorarsi.
Ma ad essere anche ottimisti parlando di 4.000 imprese del vino italiane in grado di sostenere le evoluzioni attuali dei mercati, ne rimangono fuori ancora tante, troppe. Ormai quasi tutti gli osservatori concordano con l’evidenziare che sono circa 12.000 le imprese del vino italiane che possiamo considerare tali a tutti gli effetti (le 46.000 circa imprese vinificatrici “monitorate” da Agea sono spesso solo dei “codici” attivi non aziende realmente sul mercato).
Da ciò si deduce che nel nostro Paese abbiamo comunque circa 8.000 imprese “orfane” su vari fronti, sia da quello produttivo che da quello strutturale ed organizzativo.
Per tali realtà al momento è molto difficile intercettare le attuali tendenze di crescita dei valore sui mercati del vino.
Altro elemento chiave nell’analisi di quali sono gli attuali “best seller” sui mercati del vino, vi è la concentrazione purtroppo in poche tipologie.
Inutile negare, ad esempio, sempre rimanendo in Italia, il fenomeno del Prosecco sul quale “pesa” gran parte del successo dell’export del nostro Paese.
Però attenzione, anche sul fronte delle denominazioni di successo non tutti riescono ad intercettare in maniera adeguata le crescite di valore.
Ad esempio, indagando in denominazioni come l’Amarone della Valpolicella, ma lo stesso Barolo o Brunello di Montalcino ci accorgiamo come non tutte le aziende sono in grado di garantirsi e presidiare adeguati posizionamenti.
Ciò significa che non è sufficiente, anche se molto utile ovviamente, detenere tipologie di vino trendy, affermate se poi non si è altrettanto capaci di sfruttarne al meglio tutte le reali potenzialità.
Poche considerazioni, quindi, tante altre potrebbero essere fatte, che ci rendono però sempre più forti nella nostra scelta di dedicare gran parte del nostro sforzo professionale sul fronte della formazione degli imprenditori e dei manager del vino.
Noi ne siamo sempre più convinti, se non vi sarà un forte salto nell’imprenditorialità e managerialità del settore vitivinicolo italiano temiamo che molte delle nostre aziende rimarranno spettatrici del successo del vino nel mondo.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi il 137 Brut Oltrepo' Pavese Metodo Classico Pinot Nero DOCG dell'Azienda Agricola Manuelina sabato 25 maggio

Italian wines in the world: 137 Brut Oltrepo' Pavese Metodo Classico Pinot Nero DOCG dell'Azienda Agricola Manuelina

Abbiamo degustato per voi il 137 Brut Oltrepo' Pavese Metodo Classico Pinot Nero DOCG dell'Azienda Agricola Manuelina

Il grande metodo classico protagonista al Festival di Cannes 2019 venerdi 24 maggio

Festival di Cannes 2019: Equipe5 vino ufficiale dell’American Pavilion

Il grande metodo classico protagonista al Festival di Cannes 2019

Perché, dal nostro punto di vista, è sempre più importante che un manager del vino, sia esso impegnato sull’area commerciale o su quella tecnica, sia competente su più tematiche connesse allo sviluppo dell’impresa vitivinicola

Il manager del vino ideale? Multidisciplinare

Perché, dal nostro punto di vista, è sempre più importante che un manager del vino, sia esso impegnato sull’area commerciale o su quella tecnica, sia competente su più tematiche connesse allo sviluppo dell’impresa vitivinicola

Fabio Piccoli
Tante novità per l’unica app che offre il servizio DTC (direct to consumer) mettendo in contatto diretto produttori e consumatori e che continua a crescere per rispondere alle richieste del mercato 
giovedi 23 maggio

Enosocial® apre il servizio al canale retail con un nuovo e-commerce

Tante novità per l’unica app che offre il servizio DTC (direct to consumer) mettendo in contatto diretto produttori e consumatori e che continua a crescere per rispondere alle richieste del mercato

Intervista a Sandro Gini, Presidente del Consorzio Tutela Il Soave giovedi 23 maggio

Soave Stories: a cena con Sandro Gini, chiacchierando di Soave.

Intervista a Sandro Gini, Presidente del Consorzio Tutela Il Soave

Giovanna Romeo
La categoria “color primavera” cresce sui mercati mondiali, e lo fa anche fuori stagione
giovedi 23 maggio

Se son rosé, fioriranno

La categoria “color primavera” cresce sui mercati mondiali, e lo fa anche fuori stagione

Noemi Mengo
Ecco le nostre tappe internazionali previste prima della pausa estiva: Stoccolma, Helsinki, Kazakistan, Singapore, Russia, Giappone

Ultimi giorni per aderire a importanti b2b internazionali con Wine Meridian

Ecco le nostre tappe internazionali previste prima della pausa estiva: Stoccolma, Helsinki, Kazakistan, Singapore, Russia, Giappone

Presentata l’anteprima della ricerca IRi sul mondo della GDO che mostra una panoramica sul canale nei primi 4 mesi del 2019 
e una survey sulla carta dei vini al ristorante mercoledi 22 maggio

The Wine Net presenta una giornata dedicata al mondo della ristorazione e della GDO

Presentata l’anteprima della ricerca IRi sul mondo della GDO che mostra una panoramica sul canale nei primi 4 mesi del 2019 e una survey sulla carta dei vini al ristorante

Brazilian Landscapes 2019, il report di Wine Intelligence, parla positivamente del mercato brasiliano, che nel giro di pochi anni è cresciuto a dismisura
mercoledi 22 maggio

I mille colori della resilienza brasiliana

Brazilian Landscapes 2019, il report di Wine Intelligence, parla positivamente del mercato brasiliano, che nel giro di pochi anni è cresciuto a dismisura

Noemi Mengo
Il marchio Enartis rinnova la sua identità e mantiene la sua leadership nel settore delle forniture enologiche con un nuovo logo, un nuovo sito web e una nuova immagine per celebrare oltre 15 anni di successi.
mercoledi 22 maggio

Enartis: nuovo posizionamento ed un'identità rinnovata

Il marchio Enartis rinnova la sua identità e mantiene la sua leadership nel settore delle forniture enologiche con un nuovo logo, un nuovo sito web e una nuova immagine per celebrare oltre 15 anni di successi.

Direttore Commerciale Triveneto, Lombardia, Piemonte, Liguria ed Emilia Romagna martedi 21 maggio

Offerta di lavoro

Direttore Commerciale Triveneto, Lombardia, Piemonte, Liguria ed Emilia Romagna

L'81^ edizione della Mostra dei Vini del Trentino, rinnovata e di successo, supera le aspettative
martedi 21 maggio

Trentino&Wine: un’edizione fresca, giovane e ben riuscita

L'81^ edizione della Mostra dei Vini del Trentino, rinnovata e di successo, supera le aspettative

Noemi Mengo
Intervista al direttore commerciale di Vinventions Filippo Peroni martedi 21 maggio

Vinventions: il mercato del vino visto...dal tappo!

Intervista al direttore commerciale di Vinventions Filippo Peroni

L’importanza di scegliere le risorse umane giuste in un network altamente profilato. 
martedi 21 maggio

Wine talent: le persone al centro del gioco

L’importanza di scegliere le risorse umane giuste in un network altamente profilato.

Intervista a Artem Lebedev, presidente della Kazakhstan Sommelier Association lunedi 20 maggio

Kazakhstan: un mercato da esplorare

Intervista a Artem Lebedev, presidente della Kazakhstan Sommelier Association

Agnese Ceschi
We have tasted for you DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio saturday 18 may

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio

We have tasted for you DOMENIS1898's Grappa Storica Nera Bio

Giovanna Romeo
Abbiamo degustato per voi la Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898 sabato 18 maggio

Italian wines in the world: Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Storica Nera Bio di DOMENIS1898

Giovanna Romeo


sfondo_wm